Quali sono le conseguenze psicologiche dell'infedeltà?

Aggiornato il da Paola Ferraro

Esiste un tradimento peggiore rispetto a quello del proprio partner? Nel mio caso, avendolo vissuto, direi proprio di no. È un vero e proprio tsunami che ti sommerge e sconvolge il tuo mondo. Perché fa così male? Cosa fare per non soffrire dopo aver scoperto l’infedeltà della persona che ami? Le conseguenze psicologiche dell’infedeltà possono essere disastrose e possono volerci anni per riprendersi o addirittura esiste il rischio di portarsi dietro questa ferita per tutta la vita... Parliamone insieme!

Quali sono le conseguenze psicologiche dell'infedeltà?
Sommario : 

Perché l'infedeltà fa così male?

Prima di tutto, c’è da dire che il significato del termine infedeltà può variare da persona a persona e, di conseguenza, viene affrontato anche in modo diverso da ognuno di noi. Come spiega la psicologa Véronique Kohn, per alcuni l’infedeltà si manifesta quando il partner condivide una relazione emotiva con un’altra persona. Per altri, il tradimento corrisponde a baciare o andare a letto con un altro/a 👄.

👉 Di solito, è sempre la relazione sessuale ad essere più condannata, a causa dei classici valori condivisi dalle coppie eterosessuali.

In generale, l’infedeltà consiste nell’avere paura di dire al proprio partner qualcosa che abbiamo fatto o che sentiamo, perché sappiamo di aver tradito la sua fiducia. Immagina un vero terremoto che smuove le fondamenta della coppia e che può avere conseguenze psicologiche disastrose 💔.

Non credere più in se stessi

La prima conseguenza è proprio questa: il crollo dell’autostima. Quando siamo vittime di un tradimento, ci convinciamo della falsa credenza del “non sono abbastanza e ha trovato un’altra”. Ci si sente persi, si rimette in discussione sé stessi e non il comportamento dell’altro. Potrebbe sembrare sciocco da dire, ma non è colpa tua se sei stata tradita ☹️!

Tutto ciò ci porta anche a sminuirci in termini di bellezza, personalità, desiderabilità ecc. Se ci fai caso, se il tradimento avviene in una coppia eterosessuale cisgender, la donna penserà immediatamente di non essere abbastanza desiderabile. Gli uomini invece, avranno una tendenza a dubitare delle loro capacità sessuali.

Nota bene: 
Un sondaggio lanciato nel 2019 dall’IFOP (l’Institut français d’opinion publique) insieme alla piattaforma Gleeden, mostra che l’infedeltà maschile è superiore a quella femminile (nelle coppie etero): una donna su tre è stata infedele vs un uomo su due...

Non fidarsi più di nessuno

Non è solo l’autostima a pagare le conseguenze dell’infedeltà. Superare un tradimento è molto complesso, poiché si ha tendenza ad avere difficoltà a fidarsi. Effettivamente, non è facile dormire sonni tranquilli quando il partner ci ha già tradito una volta... Personalmente, ho tutt’ora difficoltà a fidarmi degli uomini 😫. Anche se non sto più con il mio partner di allora e che sono passati tanti anni, spesso i dubbi riafforano e ho continuamente bisogno di essere rassicurata da chi mi sta vicino. Sì, dopo essere stati traditi una volta, ci si sente talmente presi in giro che non si ha più voglia di rivivere una cosa simile. E la cosa potrebbe riflettersi anche sulle relazioni familiari o le amicizie...

Risvegliare una ferita emotiva

Una delle cose più difficili da gestire è che il tradimento potrebbe risvegliare vecchie ferite come la paura dell’abbandono. Per esempio, quest’ultima avviene durante l’infanzia quando un genitore è assente e/o non manifesta il suo amore. L’infedeltà del partner potrebbe far risorgere una di queste ferite emotive e ti assicuro che la cosa non è carina da vivere.

Inoltre, per certe persone l’infedeltà è vissuta come un trauma che le cambierà per sempre: adotteranno comportamenti compensatori e svilupperanno più facilmente gelosia e diffidenza 😒.

I comportamenti post tradimento

Le conseguenze psicologiche danno vita a nuovi comportamenti che sono totalmente legati al tradimento amoroso. Lo shock può scatenare cose che prima non avremmo mai fatto ⚠️: pensieri o immagini ossessivi, disturbi del sonno, sentimenti di impulsività ecc. Tutto ciò corrisponde in realtà a uno stress post traumatico  che ci cambia profondamente. Senza parlare del turbamento emotivo che ci crea sbalzi dalla collera alla tristezza in un batter d’occhio...

E come se non bastasse, potrebbe essere anche una sorta di isolamento. Di punto in bianco non solo non vogliamo più saperne nulla del partner, ma anche di tutto il resto del mondo! Qualsiasi relazione sociale diventa un peso da portare, in particolar modo a causa del pensiero e del giudizio altrui. Questo isolamento potrebbe anche essere l’anticamera della depressione ed è un comportamento altamente distruttivo 😔. In ogni caso, ancora una volta, se ti comporti così non è colpa tua, ma è la sofferenza che parla per te. Come uscirne? 

Come smettere di soffrire dopo un tradimento?

Ci sono due cose che bisogna evitare a tutti i costi dopo un tradimento: rassegnarsi e crogiolarsi nel dolore. Nel primo caso, si dà la colpa al destino e si perde il desiderio di migliorare la propria vita e si vive in un’indifferenza ostile e distruttrice per sé e per gli altri. Nel secondo, si sviluppano malattie psichiche. Come trovare una soluzione?

Sfortunatamente non esiste una soluzione magica. O si lascia il partner, o si continua e si tenta di ricostruire insieme. Nel mio caso, la rottura era la migliore soluzione, lui era un narcisista perverso pieno di comportamenti tossici 😭. Ma poco importa cosa sceglierai, la cosa fondamentale è darti qualche dritta per sentirti subito meglio.

Comunicare

La comunicazione è un pilastro essenziale. Di base, è importante che sia al centro della coppia. Se tutte le coppie comunicassero penso che ci sarebbero molti meno tradimenti. Prima di tutto perché certi/e si autoinfliggono il principio della relazione monogama quando in realtà vorrebbero vivere una relazione libera. Sicuramente, non a tutti starebbe bene questo tipo di relazione, ma si deve comunicare per dare la propria visione delle cose.💭

Tra l’altro comunicare ci permette anche di chiedere le ragioni del tradimento al partner. È annoiato dalla routine? Ha bisogno di sedurre? È poliamoroso? O è semplicemente tossico come un “maschio alfa”? Ci possono essere migliaia di domande sull’argomento, alle quali troverai risposta solo parlando con il diretto interessato.

Prendersi del tempo per sé

Ricostruirsi dopo un tradimento può essere molto difficile, ma c’è una cosa fondamentale da non dimenticare: bisogna prendersi del tempo per sé per valutare se si ha voglia di proseguire la relazione o meno. Solo così si può valutare la soluzione da mettere in atto e che allevierà la nostra testa e il nostro cuore. Non dimenticare che c’è anche un altro ingrediente fondamentale per stare meglio: il tempo ⏳. Il tempo cura tutta le ferite, anche quelle più negative, e ci permette di essere più lucidi nell’esame di una situazione.

Il consiglio della redazione: imparare a fidarsi di nuovo

Il tradimento è una piaga che può logorarci, sia che si decida di separarsi dal partner o di starci insieme. Si ha l’impressione di non potersi più fidare di nessuno e che qualcosa si sia ormai rotto. È necessario quindi un lavoro di terapia per uscire da questo trauma.

🤗 Capirsi, accettarsi ed essere felice... Qui ed ora!
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Ti potrebbero interessare:

Sources : https://www.ipsico.it/news/il-tradimento-nella-coppia/,  https://www.cosmopolitan.com/it/sesso-amore/relazioni/a38034126/come-superare-un-tradimento/ 

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Come annunciare una brutta notizia al proprio capo?

Ci stai pensando da giorni, da settimane, ma non riesci a venirne a capo, non riesci a trovare un modo carino per dire che il progetto su cui stai lavorando avrà bisogno di più di due mesi di ritardo per essere completato. Ora non resta altro da fare che comunicarlo al tuo capo...

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

Perché l’horror ci affascina così tanto?

Serial killer, crimini sanguinosi e trame complicate di cui davvero non riusciamo a stancarci. L’horror e più in generale il terrore e la paura sembrano eccitare il nostro cervello tanto da darci la pelle d’oca. Anche se può metterci a disagio o farci stare male, molti di noi ne sono letteralmente ossessionati. Questo oscuro universo piace a tutti, anche ai più dolci e i più innocenti. Ma perché ha così tanta presa su di noi? Perché ciò che ci fa paura allo stesso tempo ci affascina? Scopriamolo insieme.

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!