Cos’è una relazione libera? Quali sono i pro e i contro?

Aggiornato il da Paola Ferraro

Solitamente quando si pensa a una coppia si pensa unicamente a due persone. Questa visione può essere rassicurante e seducente per alcuni ma una vera e propria trappola per altri. E se la fedeltà non fosse più un passaggio obbligato? E se la coppia esclusiva fosse un modello superato a favore della relazione libera?

Cos’è una relazione libera? Quali sono i pro e i contro?
 
 Sommario


La relazione libera come soluzione all'infedeltà galoppante

Le cifre parlano chiaro. Mentre la maggior parte delle coppie continua a giurarsi fedeltà più o meno ufficialmente, sembra che l’infedeltà sia comunque sempre più presente nei rapporti. Uno studio del 2022 afferma che l’Italia porta a casa il trofeo europeo in materia di tradimenti con un tasso di traditori al 45%. E non solo, sembra anche che in Italia i tradimenti siano in costante aumento!

È ridicolo no? Pensa a tutta la sofferenza causata, al senso di colpa, alla gelosia, alle bugie. Solo perché ci è stato insegnato che la coppia deve funzionare in questo modo. Solo perché il concetto di monogamia non ammetta infedeltà 🤯. Ci imprigioniamo quindi volontariamente in un modello che non ci sta bene, visto che siamo sempre più numerosi a tradire i partner o a essere traditi.

La redazione ti consiglia: È necessario confessare anche una (piccola) infedeltà?

Qual è la differenza tra relazione libera e poliamore?

Per farla breve, il poliamore implica dei sentimenti molto forti tra diverse persone con le quali viviamo. Si tratta quindi di una coppia, ma di una coppia aperta a diverse persone. La relazione libera è un po’ diversa. Prima di tutto abbiamo la forza della coppia, il duo quindi persiste. La differenza però sta nel fatto che una relazione libera è fatta da due persone che si amano ma per i quali la fedeltà non è una priorità.

👉 Ciò significa che questa relazione resta aperta al flirt, agli incontri e quindi anche alle relazioni sessuali senza che ci sia alcun impatto sulla coppia 👩‍❤️‍💋‍👨.

Perché scegliere una relazione libera?

Ci sono persone che sono felici vivendo fedeli in una coppia monogama. Per altri è più difficile, addirittura a volte soffocante o doloroso. L’amore è un aspetto così importante della nostra vita che è fondamentale che ognuno trovi la propria dimensione. È inconcepibile pensare che la monogamia non sia naturale o che l’idea della coppia tradizionale richieda troppo lavoro e sacrifici. Per di più, un sacrificio e un lavoro che non tutti sono disposti a fare. La relazione libera permette di non mentire a se stessi, né agli altri 😬.

Quali sono le regole di una relazione libera?

Una relazione libera presenta quindi diversi vantaggi, ma perché tutti possano approfittare pienamente di questa libertà, alcune regole sono comunque necessarie. Vediamole insieme!

1) Il consenso

Una relazione libera è una relazione in cui ognuno può avere altri partner. È quindi evidente che ognuno dei due partner debba essere d’accordo e acconsentire a vivere questo tipo di relazione. Una delle principali forze dei non monogami è proprio la capacità di comunicare meglio se si desidera una relazione libera, parlandone onestamente al proprio partner. Attenzione però, la relazione libera non deve essere una scelta di default. Se una delle due persone della coppia accetta questo tipo di relazione per amore e per fare un piacere all’altro (o peggio, per tenerlo a sé), si è ben lontani dallo spirito della relazione libera o di una relazione tout court. 😏  “Libero” non vuol dire forzare la mano al partner, altrimenti diventa una relazione forzata e nefasta!

2) La questione dei limiti

Visto che l’amore è al primo posto, in una relazione libera si evita di ferire l’altro. Ancora una volta, si comunica sulle proprie aspettative e i propri limiti. Mi va di sapere tutto sugli amanti del mio partner o preferisco non sapere nulla? I sentimenti sono banditi o ammessi?  🤔 E tante altre questioni simili alle quali bisognerà rispondere entrambi per sapere in che direzione andare e per non perdervi lungo la strada!

3) La definizione della fedeltà

La relazione libera ridefinisce la fedeltà ma sarebbe sbagliato pensare che la nega completamente. L’idea è che il corpo dell’altro e la sua sessualità non ci appartengono e che, in senso più ampio, il partner in generale non ci appartiene. Per questo la relazione è aperta, perché la sessualità di una coppia non si limita alle sole persone che la costituiscono. La fedeltà va ben oltre il fatto di avere un rapporto sessuale con un’altra persona.

Nonostante tutto, la nozione di fedeltà esiste anche nella relazione libera, ma cambia da coppia a coppia. Una coppia può decidere di andare a letto con altre persone ma senza innamorarsi, un’altra potrebbe decidere che la fedeltà consiste nel restare fedeli ai valori comuni 😊. Ognuno è libero di trovare la formula che preferisce.

4) La fiducia e la gelosia

Ecco due nozioni importanti e che creano dubbi se associate alla relazione libera. In questo caso, la fiducia è una necessità così come l’onestà e la tolleranza. Sono anzi gli ingredienti fondamentali per una relazione amorosa solida, ma che caratterizza spesso le coppie in una relazione aperta. Se parlassimo di gelosia, saremmo tantissimi a dire di non riuscire a vivere una relazione libera. Io sarei morta di gelosia, ma la gelosia non è un sentimento indispensabile alla vita amorosa.

È un po’ strano immaginare che l’idea di coppia ci dà l’autorizzazione di possedere o addirittura controllare l’altro. Una coppia, aperta o meno, deve anche essere un luogo di libertà individuale. Le coppie aperte fanno un passo in più dimenticando tutta questa gelosia e preferendo agire piuttosto che subire. Si ascoltano le proprie pulsioni e desideri e quelli del partner piuttosto che subire l’infedeltà, il tradimento e la gelosia, visto che per di più la relazione monogama non è una garanzia di protezione.

La relazione libera: il modello da seguire?

Mi viene da dire sì e no. La relazione libera non è fatta per tutti ma è interessante perché invita tutti a farsi delle domande sul proprio rapporto di coppia, sulla fedeltà, la gelosia e l’amore. La cultura (in particolare quella pop) ci hanno insegnato che la coppia (spesso etero e sempre monogama) era il Sacro Graal.

Era l’obiettivo da raggiungere e quando sfortunatamente non lo si raggiungeva, ci si ritrovata con un terribile senso di fallimento, quando in realtà sarebbe bastato cambiare prospettiva. Bisognerebbe ritrovare un po’ di serenità nella vita amorosa. Il celibato non è un difetto, l’amore non è un obiettivo da raggiungere, la coppia monogama non è il fine ultimo della vita.

📌 Non esiste un unico formato relazionale. Tra coloro che hanno paura di impegnarsi, i monogami convinti e felici, i libertini, i poliamorosi, le coppie aperte e i single soddisfatti... La sola cosa che conta davvero è creare qualcosa che vi faccia sentire bene e in sicurezza e che valga lo stesso per il vostro partner.


Il consiglio della redazione: il contratto deve essere chiaro e non equivoco!

Vivere una relazione libera non è per tutti. La coppia deve essere forte, potente e sopratutto deve essere capace di parlare di tutto con complicità. Il dialogo è la chiave, come al solito. Una buona comunicazione permette di stabilire chiaramente i limiti del contratto. Se questo contratto è mal definito o conserva zone d’ombra potrebbe causare grandi sofferenze. Non bisogna vedere la relazione libera semplicemente come un modo di mettere un po’ di pepe nella coppia. Non esitare a contattare uno psicologo per parlare della tua relazione e delle relative aspettative.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Fonte: www.briicks.com - emotionsophia.it

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!