Il movimento Body positive o come accettare meglio il nostro corpo

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Pelle a buccia d’arancia, rotolini, smagliature… Non ho paura di dire che sono grassa perché per me non c’è niente di male. È un aggettivo che mi qualifica e sto imparando ad amarlo. Tutta opera del movimento del body positive: la perfezione non esiste, abbiamo tutti corpi diversi e dobbiamo semplicemente accettarlo. Oggi parliamo del body positive, quel movimento che fa bene al corpo e alla mente.

 
 Sommario

Come imparare ad amarsi?

“Amare se stessi è l’inizio di una storia d’amore lunga tutta una vita”. Oscar Wilde

Questa citazione dovrebbe diventare il centro della relazione con noi stessi, il nostro motto per il resto della vita. La società considera certi aspetti del corpo come la cellulite o i rotolini imperfetti. Si dimentica però in fretta che la perfezione non esiste… ed è proprio questo che rende i corpi “perfetti”. Accettare il proprio corpo significa accettare se stessi.

Imparare ad amare il proprio corpo, ad avere fiducia in se stessi è un primo passo importante. Ma il body positive va ancora più lontano e permette di superare le nostre paure e combattere i tabù.

Le origini del body positive

Al contrario del body shaming (che denigra il corpo), il body positive punta tutto sull’accettazione. Nasce nel 1996 da Connie Sobczak ed Elizabeth Scott al fine di lottare contro i dettami estetici e gli standard di bellezza. Grazie ai social network, il movimento è cresciuto sempre di più e diventa portavoce dell’idea che non esistono forme giuste o sbagliate!

La pressione sul corpo delle donne

La pressione dell’apparenza resta al centro delle preoccupazioni di tantissime donne a causa della società patriarcale in cui viviamo. I nostri corpi devono rispondere al “male gaze” ovvero lo sguardo degli uomini con le loro voglie e i loro desideri. Questa è una delle prime cose che si pretendono dalle donne, insieme a quella di dover costantemente sorridere. Solo che in questo caso, la pretesa di avere un corpo perfetto altera l’immagine che abbiamo di noi, un’immagine che può essere anche facilmente distrutta da disturbi alimentari come anoressia, bulimia e iperfagia

Fortunatamente, sempre più aziende e personalità cominciano a interessarsi al problema reagendo con diverse iniziative. Marche come Dove o H&M optano per morfologie ormai tutte diverse e tutte estremamente belle mentre varie modelle sfilano per strada per promuovere l’accettazione di sé… Ci sono oggi anche tanti libri sull’argomento, due esempi italiani sono Forme” di Rossella Migliaccio o ancora Noi siamo luce” di Laura Brioschi.

10 consigli per applicare il body positive su di te

1) L’esercizio dello specchio

Mettiti nuda di fronte allo specchio. Guarda il tuo corpo come se non fosse il tuo ma quello della tua migliore amica. Ti aiuterà ad avere uno sguardo più indulgente e ad addolcire lo spirito critico verso te stessa.

2) L’auto-convincimento

"Fake it until you make it" dicono gli Americani, ovvero “fai finta fino a farlo davvero!” Quindi ogni giorno bisogna alzarsi dal letto, pensare di essere Beyoncé e cominciare a credere in te stessa. Amarsi è soprattutto una questione di atteggiamento!

3) La capacità di lasciar correre

Molte cose cambiano positivamente se smettiamo di concentrarci solo sul nostro fisico. È fondamentale fare un passo indietro e imparare a lasciar correre. La vita è troppo corta, quindi smetti di pensare solo al tuo aspetto.

4) Accettare i complimenti

Quando non si ha fiducia in se stessi, difficilmente si riesce ad accettare un complimento. Se le persone ti fanno un complimento significa che è quello che pensano sinceramente. Quindi allontana i pensieri negativi e ringraziale!

5) Accettare che la perfezione non esiste

Nella vita nulla è perfetto. La perfezione è una struttura inumana e idealizzata, quindi dimentichiamocela! Ci aiuterà a capire che, di conseguenza, neanche il corpo è perfetto, o a dirci che sono proprio le imperfezioni a renderci “perfette”.

La redazione ti consiglia: Come accettare il proprio corpo dopo il parto?

6) Dirsi che siamo molto di più di un semplice corpo

Il nostro corpo invecchia e cambia varie volte nell’arco della vita mentre il nostro intelletto cresce e le nostre azioni restano. Quando avrai 80 anni ti guarderai indietro ripensando a ciò che hai fatto, non a come apparivi agli altri.

7) Abbandonare i propri pensieri

I pensieri negativi sono un vero e proprio freno. Ecco perché bisogna imparare a liberarsene. Un’ottima soluzione è quella di praticare la meditazione o ancora tenere un diario della gratitudine per ricordarsi solo delle cose positive.

8) Farsi i complimenti

Farsi i complimenti da sola fa molto bene. Se hai difficoltà con il tuo corpo, in un primo tempo puoi provare a farti i complimenti per il tuo comportamento o i piccoli sforzi che hai fatto. Vedrai che piacere per le tue orecchie!

9) Prendersi cura di sé

Una giornata alla SPA, un giro in bici, guardare la serie TV preferita, mangiare il tuo piatto preferito… Le piccole attenzioni sono il miglior modo per aiutarti a sentirti bene con te stessa.

10) Farsi accompagnare

Come dicevo prima, a volte capita di avere un comportamento distruttivo con il nostro corpo perché non si riesce ad amarlo. Ecco perché è bene farsi accompagnare da uno psicologo in caso di grosse difficoltà.


Il consiglio della redazione: trova l’equilibrio

Amare il proprio corpo, essere gentili nei propri confronti non è semplice, soprattutto se sono anni che ci sminuiamo. È ancora più difficile poi se parliamo di un corpo lontano dagli standard di bellezza. Rischia di diventare una lotta nella vita di tutti i giorni e fino a che qualcuno non ce lo insegna, è difficile comportarsi diversamente. Quando i complessi ci divorano, bisogna reagire. Consultare un coach di benessere è un toccasana per cambiare il rapporto e la visione di se stessi.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe



Fonte: psicologospinelli.it  - autogeno.net

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!