Come riconoscere un narcisista perverso? 10 utili consigli

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Il capo, un congiunto o un parente… Tutti quanti un giorno potremmo trovarci faccia a faccia con un narcisista perverso che cercherà di trascinarci in un vortice distruttivo. Ma cos’è un narcisista perverso? E soprattutto, come riconoscerlo? Ecco 10 consigli semplici ed efficaci per riconoscerlo. È importante saperlo identificare per potersi proteggere!

Come riconoscere un narcisista perverso? 10 utili consigli

Non ti senti a tuo agio o ti sembra di ricevere sguardi giudicanti? Hai l’impressione di non comportarti più come sempre? E se ti trovassi davanti ad un narcisista perverso? Anche se questa parola viene sempre più spesso utilizzato in modo improprio, circa una persona su 100 sembra essere un narcisista perverso, pronto a fare di tutto pur di far presa sulle sue vittime. Dunque, ti trovi davanti ad un manipolatore egocentrico, ad una persona passivo-aggressiva o ad un vero e proprio narcisista perverso? Ecco 10 suggerimenti per riconoscerlo.

10 suggerimenti per riconoscere un narcisista perverso

Come riconoscere un narcisista perverso ? Quali sono i comportamenti che dovrebbero allarmarci e farci prendere consapevolezza della situazione? Che tu abbia dei dubbi sul tuo partner, su un tuo collega o su un membro della tua famiglia, grazie a questi piccoli consigli sarai in grado di riconoscere un narcisista perverso!

Il narcisista perverso prova piacere nel torturare psicologicamente la sua vittima e le conseguenze che quest’ultima vive possono essere distruttive. Questi 10 tipici comportamenti ti permetteranno di identificarlo per poterti allontanare e proteggere.

Il pervertito narcisista prova piacere nel torturare psicologicamente la sua vittima e le conseguenze per lui possono essere davvero distruttive. Questi 10 atteggiamenti tipici vi aiuteranno a identificare un PN e a tenervi al sicuro.

1) È egocentrico

Questo è un aspetto profondo della sua personalità, adotta un comportamento puerile e tutto gira intorno a lui. Quando parli di qualcosa o racconti un aneddoto, lui porta sempre l’attenzione su di sé. Ha tutte le caratteristiche del megalomane, ha bisogno di essere adulato, secondo la sua ottica lui farà sempre meglio o più degli altri.

2) Non dimostra alcuna empatia

Dimostra una freddezza emotiva terrificante, ma cerca di far credere il contrario.🤨 Se la vittima esprime malessere causato da un suo comportamento, lui farà di tutto per dimostrare di non esserne il responsabile perché, a detta sua, è una persona amorevole. La mancanza di empatia è una delle caratteristiche più tipiche, non prova nulla davanti alle lacrime o alla disperazione delle sue vittime. In alcuni casi, tutto ciò può procurargli addirittura un pizzico di soddisfazione.

3) Bugie e confusione

Non esprime mai le sue opinioni, i suoi sentimenti o i suoi bisogni con chiarezza. Cerca di mantenere sempre l'ambiguità affinché la vittima cerchi continuamente di comprenderlo, ma anche per essere sempre al centro della sua attenzione. Anche le bugie sono sempre all'ordine del giorno con un narcisista perverso, che passa il suo tempo a mentire per apparire migliore, arrivando addirittura ad attribuirsi i meriti delle sue vittime. Ha un grande bisogno di apprezzamento ed è pronto a tutto pur di soddisfare il suo ego smisurato.

4) Critica e sminuisce

Sminuisce la sua vittima per poterla controllare meglio e potersi dare maggior valore. Vuole sempre apparire perfetto e migliore con frasi come “Non sai fare niente”, “È colpa tua”, “Mangi troppo (o troppo poco)”, “Sei troppo debole psicologicamente”, etc… Queste parole, ripetute quotidianamente, mettono la vittima in una posizione sfavorevole e la portano a perdere la sua autostima. 😢Umiliazioni, intimidazioni, violenze verbali e psicologiche sono all’ordine del giorno. Il narcisista perverso può alle volte arrivare anche alla violenza fisica quando sente di stare perdendo potere.

5) Esige la perfezione dagli altri

Pretende che si risponda immediatamente alle sue domande e ai suoi bisogni senza avere mai la minima esitazione. Con lui, non si ha il diritto di sbagliare. Mai. Si ricorda tutto e non esita a rinfacciarti una frase detta o un’azione fatta diverso tempo prima. Con lui, non sei mai abbastanza, mai all’altezza delle sue aspettative. Sei solo una delusione e non esiterà a ribadirtelo😖.

6) Dà la colpa alla vittima

Fa ricadere le sue responsabilità sulla vittima, come un effetto specchio. Vuole farle credere che è lei la sola responsabile della situazione e se ne sente soddisfatto. Poco a poco, isola la vittima allontanandola dalla sua famiglia o dai suoi amici, grazie ad una semplice strategia: dividere per poter avere più potere. L’isolamento con il tempo diventa totale, così è sicuro che la vittima avrà bisogno di lui, che sarà incapace di immaginare la sua esistenza senza di lui. Alle volte, può anche andare più lontano e mettere la vittima contro la sua stessa famiglia o i suoi amici.

7) Doppia faccia

Il perverso narcisista è difficile da riconoscere perché fa la doppia faccia. Da una parte mostra una violenza psicologica incredibile nei confronti della sua vittima, dall’altra saprà essere la persona più affascinante del mondo davanti a degli estranei. Visto dall’esterno, non sembra ciò che è davvero, ed è difficile per le altre persone credere alle accuse della vittima. Quest’ultima può essere definita come pazza, mitomane o anche depressa. Inoltre, non è mai colpa sua. Avrà sempre un’ottima scusa per uscire dalle situazioni più scomode.

8) Il re della seduzione

Pensi di essere al riparo da una persona del genere? Non ti fidare, perché una volta che ha identificato la sua preda, sa molto bene come attirarla tra le sue grinfie. È un seduttore fuori dal comune, sono poche le persone che riescono a resistergli. Ti dirà quello che vuoi sentirti dire e giocherà il ruolo del principe innocente, l’uomo ideale che corrisponde a tutte le tue aspettative…finché non mostra il suo vero aspetto. Inoltre, bisogna che la vittima ceda ai suoi capricci e al suo ricatto emotivo, perché proprio come i bambini, è incapace di gestire le sue frustrazioni.

9) Nega l’evidenza e gioca con le parole

La parola è lo strumento principale di un manipolatore. È la malafede fatta a persona, capace di girare sempre le cose a suo favore. È un maestro della manipolazione e sa utilizzare il linguaggio come pochi altri. Inutile cercare di discuterci o protestare, in questo gioco vince sempre lui. Senza contare che lui adora accusare la vittima di essere paranoica.

10) Predica il falso per conoscere la verità

Questo gli permette di capire se può fidarsi della sua vittima e valutare il controllo che ha acquisito su di essa. Ha regolarmente bisogno di verificare di avere il controllo totale della sua vittima e che questa sia ben isolata. Sa seminare confusione nella sua mente. Meglio analizzare le loro azioni piuttosto che le loro paure, così vedrai davvero con chi hai a che fare.

Che cos’è un narcisista perverso?

Un narcisista perverso è un uomo o una donna che soffre di una brutta immagine di se e che ha sviluppato un disturbo della personalità. Il perverso narcisista è un manipolatore che sente il bisogno di valorizzare se stesso e di riflettere il suo egoismo abbassando l’autostima degli altri. Il perverso narcisista manipola consapevolmente attraverso la comunicazione orale. È assolutamente egocentrico e non considera i bisogni degli altri, che sono lì esclusivamente per assecondare i suoi capricci.

In breve, queste persone soffrono di un disturbo narcisistico della personalità. Hanno una pessima immagine di loro stesse e cercano di demolire gli altri. I narcisisti perversi rappresentano dal 2 al 3% della popolazione e sono molto più difficili da identificare di quanto si possa immaginare.

Potrebbe interessarti - Gaslighter: a confronto, un narcisista è un principiante

Come comportarsi con un narcisista perverso?

Non bisogna assolutamente provocarlo, perché capirebbe di stare perdendo il controllo e andrebbe nel panico. Con un narcisista perverso bisogna mostrare intelligenza e astuzia. Bisogna saper mettere le proprie debolezze da parte, non confidarsi e mostrare di avere una buona autostima, perché ti darà la stessa importanza che tu ti dai. Poni dei limiti e fatti rispettare. 💪

Il potere della manipolazione del narcisista perverso è spaventoso. Ma almeno una cosa può rassicurarti, e cioè che può riuscire a manipolare chiunque (anche un medico o uno psicologo). Tuttavia, in una relazione tossica con un perverso narcisista, il tempo gioca a suo favore, perché se ne serve per creare una dipendenza psicologica ed emotiva sempre più forte, ecco perché è importate intervenire subito.

Il consiglio del terapeuta Bill Eddy: ogni minuto conta

Bill Eddy è un terapeuta americano specializzato nella figura del perverso narcisista. Dopo anni di studi, ha messo a punto il suo personale metodo per identificarli, « The WEB Method ® » , che si basa su tre tappe:

1) Ascolta attentamente le sue parole.

2) Che cosa senti in sua presenza? Sei vittima del suo fascino, ti senti dubbiosa.

 3) Studia il suo comportamento: ha sempre un capro espiatorio, si tradisce con i suoi gesti.

È importate reagire velocemente quando ci troviamo di fronte ad un narcisista perverso, perché più i giorni passano più acquisirà potere. Se necessario, fatti accompagnare da uno specialista.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora ! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

La redazione ti consiglia: 


*Fonte: Come riconoscere un narcisista perverso - GuidaPsicologi

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!