9 consigli per credere in sé: l’autostima va allenata!

Aggiornato il da Ginevra Bodano

"Non credo in me", "Non penso di farcela…", "Non sono abbastanza…", "Sono troppo questo, non sono abbastanza quell’altro".... STOP! Come ben sai, affinché qualcosa vada per il verso giusto, bisogna crederci! Quindi, abbi fiducia e osa credere in te! E siccome non è sempre facile credere in se stessi, ecco 9 consigli semplici ed efficaci per riuscirci alla grande!

9 consigli per credere in sé: l’autostima va allenata!
 
 Sommario


🎤 “ I believe I can fly ,I believe i can touch the sky… If I can see it, then I can do it... ” Queste frasi riassumono perfettamente l’idea!

Insomma, la fiducia in se stessi non è sempre qualcosa di ovvio, e nemmeno qualcosa di evidente, ed è per questo che siamo qui! Infatti, se credere in se stessi non è poi così facile, è una cosa che si può imparare e allenare: ed ecco come!

9 consigli per imparare a credere in se stessi

Quanti di noi hanno avuto paura di farcela, di avere successo, di mettersi in gioco e provare a ottenere ciò che desideravano. Ecco 9 semplici consigli per imparare ad avere maggiore fiducia nelle proprie capacità

1) Focalizzarsi sui propri punti forti

Identifica le cose di te che ti danno sicurezza. Da un lato, questo ti permetterà di trovare un po’ di concretezza, e dall'altro, potrai alimentare un po’ il tuo ego ribadendo che, per diversi aspetti, non sei affatto male!

2) Visualizzare il proprio obbiettivo

Visualizza il tuo obiettivo e soprattutto pensa in modo positivo! Qualsiasi altra idea che potrebbe essere dannosa per il tuo successo è da allontanare.

3) Trovare delle immagini che siano una fonte positiva

Per far fronte ai piccoli crolli, costruisci un album mentale dei tuoi successi, dei momenti di benessere, delle risate, dei tuoi momenti di gioia… E lo richiami alla mente non appena hai bisogno di una spinta!

4) Lavorare su se stessi

Facciamo delle promesse a noi stessi e manteniamole! Una promessa mantenuta, che sia per noi o per qualcun altro, è un bonus di fiducia guadagnato. Insomma, ci promettiamo qualcosa di bello, ci riusciamo =  fantastico! Oltre a ciò, così facendo aumentiamo la nostra autostima!

5) Uscire dalla tua comfort zone

Sì, all'inizio si può provare una sensazione non molto piacevole, si ha paura del minimo errore, della minima sciocchezza … Poi, ci si rende conto che non c’è nulla da temere, perché più piccole vittorie otteniamo, più riusciamo a credere in noi stessi!

6) Affermarsi

L'autoaffermazione, anche se può sembrare un po' contraddittorio, significa saper dire "no". Così d'ora in poi, quando non abbiamo voglia di fare qualcosa o di fare un favore a qualcuno, rifiutiamo educatamente. Questo ci farà sentire sollevati per il fatto di non essere gravati da un peso ulteriore e ci fa sentire bene perché siamo stati abbastanza forti da dire "no".

7) Amarsi

Cerchiamo di incoraggiare noi stessi e crediamo nelle nostre capacità, proprio come facciamo per i nostri amici o familiari! Impariamo ad amarci, con i nostri pregi e soprattutto con le nostre debolezze. 

8) Circondarsi di persone positive

Quelli che ci conoscono, che sanno valorizzare le nostre qualità e soprattutto che vogliono la nostra felicità. Diciamo basta alle persone tossiche. "Meglio soli che male accompagnati!"

9) Contattare un life coach

Abbiamo più risorse di quanto pensiamo. Quindi, se necessario, non esitare a contattare un life coach che ti aiuti a far emergere tutti i tuoi talenti nascosti.


Il consiglio della redazione – Se necessario, chiedi aiuto!

A volte, le nostre esperienze passate e le nostre convinzioni limitanti ci impediscono di credere in noi stessi e nelle nostre capacità. Liberarsene richiede tempo e molto lavoro, per trovare un nuovo modo di pensare. Se non riesci a credere in te e nelle tue possibilità, non esitare a prendere un appuntamento con uno psicologo. Insieme, troverete la causa scatenante di questo comportamento e identificherete le soluzioni per migliorare la situazione.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Fonte: studiofarrace.it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Cerchi sempre di migliorarti? Scopri il metodo Kaizen!

Cerco costantemente nuovi modi per diventare una persona migliore. Prima di tutto per me, poi anche per gli altri. C’è un campo in cui però faccio fatica a migliorare: il lavoro. Come fare per migliorare nella carriera? Da qualche tempo ho scoperto il metodo “Kaizen”. Si tratta di un metodo giapponese che permette di realizzare grandi cose grazie a piccoli cambiamenti nel quotidiano. Direttamente dalle aziende giapponesi, ci aiuta a raggiungere i nostri obbiettivi. Vediamo come applicarla nella nostra vita professionale.

Come imparare a stabilire le priorità sul lavoro?

La mia scrivania è una distesa di post-it, sono spesso oberata e a volte un po’ troppo di corsa con le deadline! So che la chiave del problema sarebbe riuscire a stabilire delle priorità, ma come fare quando si ha l’impressione che tutto sia di fondamentale importanza? Ci sono vari modi per riuscirci, prima di tutto cerca di tenere a mente che si può sempre imparare a stabilire le priorità! Vediamo insieme come!

Ho degli scatti d’ira, come controllarli?

Chi non è mai stato sopraffatto dalla rabbia chiuda quest’articolo! A tutte capita, prima o poi, di provare quest’emozione forte e incontrollabile. Non è né buona, né cattiva ma è giusto che esista. È sano provare rabbia quando ci sentiamo tradite o vittime di un’ingiustizia. Al contrario, quando gli scatti d’ira sono ricorrenti, è bene imparare a controllarli. Soprattutto quando la rabbia ferisce noi o chi ci sta intorno diventa problematica.

Quando la paura del conflitto mi impedisce di dire la mia

Non appena percepisco tensione, scappo a gambe levate. Non amo i conflitti, anche se non sono d’accordo con il mio interlocutore. Di conseguenza mi tengo tutto dentro e questo mi non mi fa di certo bene. Senza farci consumare dall’interno, dovremmo imparare a superare la paura dei conflitti e far sentire la nostra voce. Perché si temono i conflitti? Come superare questa paura? Scopriamolo insieme.

Perché mentiamo? Siamo tutte un po’ bugiarde!

Parliamoci chiaro, siamo tutte un po’ bugiarde! Chi non hai mai mentito scagli la prima pietra! Ebbene sì, pare che siamo tutti e tutte incapaci di passare una giornata intera senza mentire (strano ma vero!). Ma la vera domanda è “cosa ci spinge a mentire (senza sosta)”?

Ergofobia: quando la paura del lavoro ti consuma

La paura del lavoro, purtroppo, la conosco bene. Ne ho sofferto a lungo, ma sono felice di dire che oggi sono guarita. È un disagio che può far sorridere gli altri, che pensano che sia una che non ha voglia di fare niente. Ma al contrario, la pigrizia non ha niente a che vedere con le persone che soffrono di ergofobia altrimenti detta la paura del lavoro. Da cosa deriva questa paura? Come curarla? Scopriamolo insieme.

Ripiegarsi su se stessi: quando l'isolamento sociale è un malessere profondo

Ad un certo punto ho cominciato a ripiegarmi su me stessa, quando è venuta a mancare mia madre. Avevo appena terminato gli studi e quando mi è stato offerto un lavoro a tempo indeterminato, ho preferito rifiutare. Sono rimasta a casa da sola per diversi mesi, con pochissimi contatti con gli altri. Fortunatamente, i miei amici più cari mi hanno aiutato a superare questo episodio molto complicato. Ripigerarsi su se stessi non è solo una questione di solitudine, ma anche un segno di profondo malessere. Come si può definire? Quali sono le cause? Come uscirne? Ve ne parlo in questo articolo.

Non mi sento più desiderata, come far salire la temperatura?

Finalmente è estate e le temperature salgono… all’esterno! Perché dentro casa, purtroppo, non è più così. Anni di relazione hanno un po’ raffreddato il desiderio. Un bacio per abitudine, di tanto in tanto una carezza e l’amore solo quando capita. Per chi dice che esistono delle meravigliose relazioni platoniche e appaganti, buon per loro! Io non voglio saperne nulla. Al contrario, è il momento di far salire la temperatura e risvegliare la libido.

Come evitare di trasformare la rabbia in violenza?

Il confine tra rabbia e violenza è sottile e a volte basta davvero poco perché la rabbia sfoci in violenza. La famosa goccia che fa traboccare il vaso… hai presente? Oggi ci siamo chiesti come riuscire a evitarla. Esiste una rabbia “sana”? Come evitare che la rabbia diventi violenza? Scopriamolo insieme.

Sindrome di Peter Pan: l’eterno bambino che ha paura di crescere

Impossibilità di esprimere le proprie emozioni, procrastinazione, solitudine… Tutti sintomi che possono far pensare che soffri della sindrome di Peter Pan. Prigioniero/a dell’infanzia, non accetti di affrontare le responsabilità della vita adulta. Oggi ti racconto il complesso di Peter Pan.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!