Maschi alfa: come riconoscere un maschilista narcisista?

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Scommetto di non essere l’unica ad aver visto su internet dei “corsi di seduzione per maschi alfa”, come se noi donne aspettassimo solo di essere dominate da un uomo virile. Da femminista, una cosa del genere mi esaspera e mi dà la nausea. Non si fa altro che perpetuare cliché sessisti e la mascolinità degli uomini che pensano di essere “alfa”. Fortunatamente, credo che oggi a nessuno piaccia più l’idea del maschio alfa. Approfondiamo l’argomento.

Maschi alfa: come riconoscere un maschilista narcisista?
 
 Sommario

Cosa vuol dire essere maschio alfa?

Cominciamo dal principio, cos’è un “maschio alfa”? Questo termine è apparso negli anni 40 per indicare un gruppo sociale di animali, nel quale gli individui di sesso maschile dominavano. Tra loro, ce n’è uno che si distingue e che esercita un ascendente sugli altri maschi del gruppo. Inoltre, il maschio alfa ha anche un accesso privilegiato alle “risorse” come lo spazio, il cibo... e le donne (che sorpresa! 🙄)

Questo termine è stato quindi ripreso da gruppi di uomini cisgender, ovvero che si identificano nel genere maschile per provare la loro virilità. Solo che questo termine è estremamente contestato in zoologia, poiché si rivela un falso mito sul funzionamento animale! Senza contare poi che è un termine che riflette una mascolinità molto tossica 😥...

La virilità che si perpetua

Solitamente è l’educazione che perpetua questa idea del maschio alfa attraverso la virilità. Bisogna mostrare che siamo uomini, che abbiamo gli attributi fisici e sessuali. Insomma, è un modo di mostrare la propria potenza. Siamo all’opposto dell’educazione positiva. I bambini che subiscono questa mentalità rifiutano le loro emozioni per allinearsi a un ideale di forza e violenza.

Uomo che fuma un sigaro

👉 Boys will be boys (I ragazzi resteranno ragazzi). Questa espressione illustra perfettamente la problematica di questa virilità. La frase indica che gli uomini non cambiano, e invece no! È solo una questione di educazione. Se continuiamo a trasmettere questo messaggio, continueremo a crescere uomini sessisti, aggressivi e che insistono per avere ciò che desiderano, senza mai mettersi in discussione.

Qual è l'identikit del maschio alfa e della sua mascolinità tossica?

Il problema dei “maschi alfa” (come loro stessi amano definirsi), è che perpetuano violenze psicologiche sugli altri, in particolare sulle donne. Non ci sorprende quindi, a forza di vivere nello stereotipo dell’uomo dominante, che diventino misogini. Per loro la donna non è alla pari e di conseguenza non lo sono nemmeno le persone delle comunità LGBTQIA+ (sì, aggiungiamo anche l’omofobia). Ai loro occhi dobbiamo essere solo belle, un accessorio e un trofeo da sfoggiare. E se non ci pieghiamo alle loro volontà, potrebbero iniziare gli episodi di violenza, compresa quella sessuale e domestica.


📌  “La mascolonità tossica è un modello specifico della virilità, orientato verso la dominazione e il controllo. È una virilità che percepisce le donne e le persone LGBT come inferiori, che percepisce il sesso come un atto non di affetto ma di dominazione e che valorizza la violenza come unico modo d'imporsi sul mondo”. Amanda Marcotte


Un senso di superiorità che eclissa tutto il resto

Capiamo quindi che i maschi alfa sono un veleno per le donne (e non solo). Queste persone considerano che esistono anche degli uomini “beta”, anche loro considerati inferiori poiché si piegano alle nostre esigenze 🙄. Ai loro occhi, gli uomini beta sono troppo deboli poiché ascoltano i loro sentimenti oltre che essere carini con noi. Per loro, un uomo virile non deve avere emozioni per non apparire debole. Le lacrime non fanno parte del loro quotidiano, si tengono tutto dentro. Solo il sentimento di superiorità trova spazio, il resto è totalmente eclissato, lasciato ai deboli 🤦‍♀️.

Il bisogno di essere al centro dell’attenzione

La conseguenza diretta di questa cattiva gestione delle emozioni negative è che spesso si trasforma nella svalutazione dei problemi degli altri. Il maschio alfa ha un ego enorme e non si prende la briga di ascoltare gli altri. Ovviamente solo lui ha dei veri problemi... è dura portarsi dietro questo peso tossico e questa continua negazione 😩. Magari esagero un po’, ma è sicuramente un modo di mettersi al centro dell’attenzione. Questo tipo di uomini non si rende conto della quantità di privilegi che ha (sopratutto se bianchi), paragonato a una donna o ad una persona con un handicap...

Un prodotto della cultura patriarcale

Siamo di fronte a un perfetto prodotto della società patriarcale in cui la tolleranza e l’apertura mentale non hanno spazio, e in cui solo il bisogno di schiacciare gli altri regna sovrano. Questo ritratto ricorda il narcisista perverso, un’altra figura puramente mascolina. La tossicità è estremamente diffusa, tanto che uno studio dell’ONU ha rivelato che il 35% delle donne è già stato vittima di una forma di violenza da parte di un uomo. Scommetto che la percentuale è anche più alta, visto che per la maggior parte di noi è difficile parlare di traumi causati dalla mascolinità tossica 💔.

Un carico mentale troppo pesante

I maschi alfa non meritano il tempo di nessuno. Al posto di voler provare la loro virilità, farebbero meglio a curare le loro ferite emotive. La mascolinità tossica è distruttrice per tutti, anche per loro. Gli uomini che reprimono le loro emozioni e manifestano questi tratti mascolini stereotipati sono molto più soggetti alla depressione, allo stress e all’abuso di sostanze. Ma noi donne non possiamo farci carico anche di questo, visto che il carico mentale che dobbiamo già sopportare 😑.

Qual è la soluzione?

Il solo modo di agire è non riprodurre questo schema e questo sistema di pensiero con i nostri figli. Agnès Pargade, pedopsichiatra, spiega che educare i bambini senza tenere conto del genere è fondamentale e sopratutto limiterebbe al massimo i danni della mascolinità tossica.

Con gli uomini adulti, non resta altro che fare una lista delle red flags per riconoscerli e correre a gambe levate! E se ci sentiamo coraggiose, è bene comunicare, deconstruire, insegnare o vedere uno psicologo (per alleviare il carico).


Il consiglio della redazione: né alfa né beta

L’essenza mascolina è ricca di falsi miti: un uomo è forte, non piange mai, non mostra le sue emozioni ecc. È tempo di liberarsene e di educare diversamente i nostri ragazzi. Un uomo, né alfa né beta, è un essere complesso come noi tutti, un mix di gentilezza, bontà, affermazione di sé e tanto altro. Se il tuo rapporto è complicato, se il tuo rapporto con la mascolinità è fonte di sofferenza, è bene interrogarsi sulla tua situazione attuale e passata. Non esitare a prendere appuntamento con uno psicologo per lavorarci su.

Sei amante del naturismo? Parlaci della tua esperienza nei commenti.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: www.elle.com

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!