La mia relazione non mi rende felice, come fare?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

La magia dell’inizio di una relazione e le farfalle nello stomaco sono volate via. Stare insieme significa avere un partner per la vita, qualcuno che ti sta accanto, ma alle volte ci si sente infelici e incomprese. Quando la tua metà ti fa più piangere che ridere, è assolutamente legittimo mettere in dubbio la relazione stessa. Ma prima di lasciar perdere del tutto, sappi che esistono delle soluzioni. Non sono felice nella mia relazione, come fare? Vediamolo insieme.

 
 Sommario

Citazione

È difficile abbandonare di colpo un lungo amore.

Catullo


Ho una relazione ma sono infelice, come fare?

È l’inizio della fine?

1) Ammettere che c’è un problema

Prima di fare le valigie e chiudere la relazione, bisogna essere sicuri della propria scelta. Tutte le coppie vivono degli alti e bassi, bisogna riuscire a distinguere un brutto momento passeggero da una relazione che non funziona più. 

Non bisogna chiudere la porta seguendo solo e soltanto il proprio istinto, agire senza riflettere non è mai una buona idea. Anche la crisi più terribile può rendere una coppia più forte piuttosto che spezzarla, e in questo caso una rottura brutale può rivelarsi un terribile errore. 

Quando una relazione si dirige verso la fine ci sono dei segnali inconfondibili. Se fai un paragone tra il presente e il passato, quando il tuo partner ti faceva più ridere che piangere, allora c’è un problema. La totale assenza di connessione fisica e mentale è anch’essa un brutto segno. Se ci si rende conto che si passa tutto il tempo a infastidirsi a vicenda, e quindi ad evitarsi… allora è arrivato il momento di guardare in faccia la realtà.


Per avere le idee chiare

amiche

  • Se necessario, può essere utile mettere tutto nero su bianco facendo una lista dei pro e dei contro. La colonna più lunga aiuterà a capire come stanno concretamente le cose.
  • È sempre molto utile parlare di queste difficoltà con le persone che abbiamo vicino, perché sono cose che succedono a tutti. Essere compresi e consigliati ci farà sentire rassicurati.

La redazione ti consiglia - Single ma in due: ecco perché funziona


2) Parlare onestamente e apertamente

Si sa, comunicazione fa rima con soluzione. Esprimere i propri sentimenti non è sempre facile ma si tratta di una relazione tra due adulti del tutto capaci di esprimersi. Una coppia è composta da due persone che meritano di essere rispettate e da due punti di vista che meritano di essere ascoltati.

È il momento di dire tutto ciò che porti dentro. Per evitare che lo scambio non si trasformi in un incontro di wrestling è necessario ricorrere alla comunicazione non violenta parlando in modo franco e onesto. Senza minimizzare i sentimenti al fine di proteggere il partner o per paura di fargli pena. Deve capire i tuoi bisogni e quello che ti da fastidio. La tua onestà lo aiuterà a capire che è necessario un profondo cambiamento affinché la vostra storia continui.

➡ In cambio, devi essere pronta ad ascoltare il tuo partner per poter capire come riaccendere la fiamma della passione. Per una nuova ripartenza è importante che siate tutti e due sulla stessa lunghezza d’onda. Se bisogna lottare, lo dovete fare insieme!

Vedi anche: 10 consigli per una relazione di successo

3) Prendere le distanze

Che sia in modo temporaneo o definitivo, solo il tempo potrà dirlo. Se dopo diversi tentativi non è cambiato nulla, l’allontanamento sarà l’unica soluzione. Lontani dalla pesantezza della relazione, si ha la possibilità di prendere le distanze e rendersi conto di ciò che si vuole veramente.

Chissà, può darsi che sarà l’occasione per renderti conto che il tuo partner e le sue fastidiose abitudini ti mancano, che ti butteresti subito tra le sue braccia guardandolo con occhi diversi; insomma, potresti ricavarne un’attitudine più positiva e una voglia maggiore di concentrarti sugli aspetti positivi.

coppia


Un solo essere vi manca e tutto è spopolato

Alphonse de Lamartine


Come diceva il saggio Alphonse, creare una mancanza può essere positivo in una relazione. Se ti rendi conto di quanto la persona che ami sia fondamentale per te, ritrovarsi sarà sicuramente più intenso e le condizioni verso un miglioramento saranno più promettenti.

Può avvenire anche il contrario, ovvero sentirsi bene in questa nuova solitudine. Potrebbe essere l’occasione per scoprire dei nuovi hobby, iniziare nuovi progetti, occuparti solo e soltanto di te stessa o, semplicemente, renderti conto che puoi essere single, forte e felice. Meglio soli che male accompagnati, no?

Potrebbe interessarti: Burn-out in amore? Ecco quali sono i sintomi!


Il consiglio dello psicologo – Prendi carta e penna!

Se non ti senti felice nella tua relazione senza capire da cosa deriva questo malessere, la psicologa francese Élizabeth Couzon consiglia di scrivere tutto nero su bianco. “Prendi un foglio e scrivi tutti i tuoi bisogni rimasti insoddisfatti, tutte quelle piccole cose che ti mancano nella relazione: il bisogno di affetto, di ridere, di uscire…” 

Una volta fatto ciò, rifletti su ciò su cui puoi lavorare da solo o con l’aiuto di chi ti sta vicino, perché il tuo partner non è una medicina e bisogna mettere da parte l’idea secondo la quale la vita di coppia serva a soddisfare tutti i nostri bisogni. Se il problema è chiaramente legato alla vita di coppia, fate questo esercizio insieme. 

"Quello che uccide una coppia è la mancanza di comunicazione", afferma l'esperta. Quindi, ritaglia del tempo almeno una volta a settimana in cui dedicarvi allo scambio per parlare anche delle più piccole cose che non ti sono andate bene durante la settimana. Le aggressioni involontarie, le parole poco cortesi, la carenza di attenzione… L’altro dovrà rimanere ad ascoltare in silenzio e poi toccherà a lui esprimersi. Ben presto vedrete come la totale chiarezza porterà benessere alla vostra relazione.


Fonte: I segnali per capire che non sei più felice nel tuo rapporto di coppia - greenme



Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Love bombing: il corteggiamento del narcisista manipolatore

Mi è già capitato che un uomo mi promettesse la luna. Sin da subito è partito in quinta e io ho creduto alla sua sincerità. Alla fine però mi ha mollata di punto in bianco solo qualche settimana dall’inizio della nostra relazione. Per me è stato un shock. Al tempo non sapevo che si tratta di una vera e propria tecnica di seduzione per molte persone! Facciamo il punto della situazione su questa nuova tendenza amorosa che miete numerose vittime…

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!