Dipendenza affettiva: quando l’altro diventa una droga

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Sicuramente hai già sentito parlare della dipendenza affettiva. Pensi di esserne affetta o che un tuo caro lo sia? Come distinguere l’amore e la dipendenza affettiva? Come uscirne? Scopriamolo insieme!

Dipendenza affettiva: quando l’altro diventa una droga

Il termine "dipendenza affettiva" è comunemente utilizzato per parlare del disturbo dipendente di personalità. Questo disturbo si caratterizza per il bisogno eccessivo di essere sostenuti e amati. Questo porta a dei comportamenti di sottomissione e di attaccamento esagerati, che si possono riscontrare nella vita di coppia così come in famiglia, con gli amici o in ambito professionale.

L’attaccamento è un processo sano, normale e naturale. Tuttavia, nel caso della dipendenza affettiva, la propria autostima è riposta totalmente sullo sguardo dell’altro. La persona dipendente a livello affettivo può arrivare a considerarsi incapace e incompetente, cosa che la spinge a cercare l’aiuto e il sostegno degli altri. Allo stesso modo, può avere l’impressione di non essere amata, e ciò scatena un sentimento di insicurezza affettiva. L’altro diventa dunque uno strumento per sentirsi rassicurati, portando alla dipendenza e al disequilibrio nella relazione.😧

Come distinguere l’amore dalla dipendenza affettiva?

In una relazione amorosa, i due partner condividono affetto e attenzioni e sono di supporto l’uno per l’altro in maniera equilibrata. Possono contare l’uno sull’altro, condividere dei progetti di vita e dei valori comuni. La loro relazione li soddisfa, ed è per loro fonte di emozioni positive. È possibile per i due partner esprimere le proprie opinioni, i bisogni e i desideri. Entrambi dispongono di tempo personale al di fuori della coppia.

cuore incatenato

La dipendenza affettiva: avere BISOGNO dell’altro

In una relazione intaccata dalla dipendenza affettiva, la persona dipendente è incapace di realizzarsi da sola. È difficile per lei fare delle attività da sola o prendere decisioni senza il parere del partner. Cerca sempre la sua approvazione e di essere al centro della sua attenzione. Inoltre, la paura dell’abbandono è molto forte, cosa che può portare ad avere dei comportamenti compulsivi (frugare il telefono, chiedere costantemente rassicurazioni, inviare SMS, etc…) La relazione è disequilibrata e non c’è più spazio per l’individualità. Spesso si rileva una scarsa affermazione di se, che spinge la persona dipendente a livello affettivo a conformarsi all’opinione dell’altro.😓

cuore in gabbia

La redazione ti consiglia - Sindrome dell'abbandono: come affrontarla e superarla

Come si guarisce da una dipendenza affettiva?

Per superare la dipendenza affettiva, spesso è necessario un accompagnamento psicologico. La terapia cognitivo comportamentale è adatta a questa problematica, così come la Schema therapy o ancora la psicoterapia interpersonale.

Ecco alcuni consigli per diminuire la dipendenza affettiva:💪

1) Porsi delle sfide per trovare l’indipendenza 

Prendi delle iniziative senza chiedere consiglio o approvazione. Comincia dalle piccole cose, come:

  • Scegliere il ristorante per conto tuo
  • Decidere cosa guardare su Netflix
  • Organizzare un’uscita senza il partner
  • Comprare qualcosa per la casa senza chiedere la sua opinione
  • …etc.

2) Conoscere le proprie risorse

Fai una lista di tutti i risultati ottenuti nella tua vita senza l’aiuto di nessuno nel tuo taccuino dei successi personali. Per esempio:

  • Il diploma
  • Il lavoro
  • Lo sport
  • …etc.

3) Prendere del tempo per sé

Ritaglia del "tempo personale" durante il quale fai solo quello che ti piace, senza rendere conto a nessuno:

  • Giardinaggio
  • Attività che alimentino la tua creatività
  • Musica
  • Camminata
  • Lettura
  • …etc.

👉Si per te è difficile capire che cosa ti può piacere, puoi cercare una lista di attività, lasciarti attirare da quella che ti ispira di più e provarla.

4) Accettare il dubbio

Per fare ciò, diminuisci progressivamente le domande rassicuranti. Per esempio:

  • Chiedi al tuo partner “mi ami?” massimo 6 volte alla settimana, poi 4 volte, poi 2 volte…

5) Essere meno protettivi

Cerca di non prevedere le richieste dell’altro, ma aspetta che vengano formulate esplicitamente. Poi, chiediti veramente se hai voglia di assecondarle oppure no.

6) Prendere nota dei propri miglioramenti

Tieni un diario e scrivici i tuoi obbiettivi e i risultati raggiunti. In questo modo potrai avere un quadro generale del lavoro svolto.

Come si riconosce una persona con dipendenza affettiva?

All’inizio, la relazione con persone dipendenti a livello affettivo può essere percepita come gratificante poiché quest’ultima crea una sorta di fusione, un amore passionale molto forte. Ma a lungo termine, i rapporti si complicano, creano una chiusura e portano alla privazione della libertà, rischiando di sfociare in un esaurimento nervoso.

È importante parlare dei tuoi sentimenti con la persona dipendente e, piano piano, devi sforzarti di non rispondere più alle domande che ti pone per sentirsi rassicurata. Allo stesso modo, puoi dare valore a tutte le piccole scelte che fa da sola e incitarla a fare delle cose per se stessa.

Potrebbe interessarti: 10 consigli per una relazione di successo

Quali sono le caratteristiche del disturbo dipendente di personalità?

Secondo il DSM 5, questo disturbo è il bisogno generale ed eccessivo di essere accuditi, che conduce ad un comportamento sottomesso e appiccicoso e alla paura della separazione. Si manifesta all’inizio dell’età adulta ed è presente in diversi contesti, come si evince dalle cinque manifestazioni seguenti:

  • Il soggetto ha difficoltà a prendere decisioni nella sua vita senza essere rassicurato o consigliato in maniera eccessiva dall’altro.
  • Ha bisogno che l’altro si assuma le responsabilità nella maggior parte degli ambiti importanti della sua vita.
  • Ha difficoltà a esprimere disaccordo con l’altro per paura di perdere il suo sostegno o la sua approvazione.
  • Ha difficoltà a iniziare dei progetti o a fare delle cose da solo (per mancanza di fiducia nelle proprie opinioni o nelle proprie capacità piuttosto che per mancanza di motivazione o di energia).
  • Cerca a oltranza di ottenere il sostegno e l’appoggio dell’altro, al punto da fare volontariamente delle cose spiacevoli.
  • Si sente a disagio o impotente quando è solo per la paura esagerata di non essere in grado di cavarsela.
  • Quando una relazione seria finisce, cerca repentinamente un’altra relazione che possa assicurargli le cure e il sostegno di cui ha bisogno.
  • Vive nella paura costante e infondata di essere abbandonato e di doversela cavare da solo.

Vedi anche: Perché consultare uno psicologo?


Il consiglio della redazione: abbiamo tutti bisogno di consigli


Mi raccomando, se senti che qualcosa non va e che hai bisogno di una mano, non esitare a contattare un professionista.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe

Consulta uno psicologo

Fonte: istitutobeck

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!