Dipendenza affettiva: quando l’altro diventa una droga

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Sicuramente hai già sentito parlare della dipendenza affettiva. Pensi di esserne affetta o che un tuo caro lo sia? Come distinguere l’amore e la dipendenza affettiva? Come uscirne? Scopriamolo insieme!

Dipendenza affettiva: quando l’altro diventa una droga
 
 Sommario

Il termine "dipendenza affettiva" è comunemente utilizzato per parlare del disturbo dipendente di personalità. Questo disturbo si caratterizza per il bisogno eccessivo di essere sostenuti e amati. Questo porta a dei comportamenti di sottomissione e di attaccamento esagerati, che si possono riscontrare nella vita di coppia così come in famiglia, con gli amici o in ambito professionale.

L’attaccamento è un processo sano, normale e naturale. Tuttavia, nel caso della dipendenza affettiva, la propria autostima è riposta totalmente sullo sguardo dell’altro. La persona dipendente a livello affettivo può arrivare a considerarsi incapace e incompetente, cosa che la spinge a cercare l’aiuto e il sostegno degli altri. Allo stesso modo, può avere l’impressione di non essere amata, e ciò scatena un sentimento di insicurezza affettiva. L’altro diventa dunque uno strumento per sentirsi rassicurati, portando alla dipendenza e al disequilibrio nella relazione.

Come distinguere l’amore dalla dipendenza affettiva?

In una relazione amorosa, i due partner condividono affetto e attenzioni e sono di supporto l’uno per l’altro in maniera equilibrata. Possono contare l’uno sull’altro, condividere dei progetti di vita e dei valori comuni. La loro relazione li soddisfa, ed è per loro fonte di emozioni positive. È possibile per i due partner esprimere le proprie opinioni, i bisogni e i desideri. Entrambi dispongono di tempo personale al di fuori della coppia.

cuore incatenato

La dipendenza affettiva: avere BISOGNO dell’altro

In una relazione intaccata dalla dipendenza affettiva, la persona dipendente è incapace di realizzarsi da sola. È difficile per lei fare delle attività da sola o prendere decisioni senza il parere del partner. Cerca sempre la sua approvazione e di essere al centro della sua attenzione. Inoltre, la paura dell’abbandono è molto forte, cosa che può portare ad avere dei comportamenti compulsivi (frugare il telefono, chiedere costantemente rassicurazioni, inviare SMS, etc…) La relazione è disequilibrata e non c’è più spazio per l’individualità. Spesso si rileva una scarsa affermazione di se, che spinge la persona dipendente a livello affettivo a conformarsi all’opinione dell’altro.

cuore in gabbia

La redazione ti consiglia - Sindrome dell'abbandono: come affrontarla e superarla

Come si guarisce da una dipendenza affettiva?

Per superare la dipendenza affettiva, spesso è necessario un accompagnamento psicologico. La terapia cognitivo comportamentale è adatta a questa problematica, così come la Schema therapy o ancora la psicoterapia interpersonale.

Ecco alcuni consigli per diminuire la dipendenza affettiva:

1) Porsi delle sfide per trovare l’indipendenza

Prendi delle iniziative senza chiedere consiglio o approvazione. Comincia dalle piccole cose, come:

  • Scegliere il ristorante per conto tuo
  • Decidere cosa guardare su Netflix
  • Organizzare un’uscita senza il partner
  • Comprare qualcosa per la casa senza chiedere la sua opinione
  • …etc.

2) Conoscere le proprie risorse

Fai una lista di tutti i risultati ottenuti nella tua vita senza l’aiuto di nessuno nel tuo taccuino dei successi personali. Per esempio:

  • Il diploma
  • Il lavoro
  • Lo sport
  • …etc.

3) Prendere del tempo per sé

Ritaglia del "tempo personale" durante il quale fai solo quello che ti piace, senza rendere conto a nessuno:

  • Giardinaggio
  • Attività che alimentino la tua creatività
  • Musica
  • Camminata
  • Lettura
  • …etc.

Se per te è difficile capire che cosa ti può piacere, puoi cercare una lista di attività, lasciarti attirare da quella che ti ispira di più e provarla.

4) Accettare il dubbio

Per fare ciò, diminuisci progressivamente le domande rassicuranti. Per esempio:

  • Chiedi al tuo partner “mi ami?” massimo 6 volte alla settimana, poi 4 volte, poi 2 volte…

5) Essere meno protettivi

Cerca di non prevedere le richieste dell’altro, ma aspetta che vengano formulate esplicitamente. Poi, chiediti veramente se hai voglia di assecondarle oppure no.

6) Prendere nota dei propri miglioramenti

Tieni un diario e scrivici i tuoi obbiettivi e i risultati raggiunti. In questo modo potrai avere un quadro generale del lavoro svolto.

Come si riconosce una persona con dipendenza affettiva?

All’inizio, la relazione con persone dipendenti a livello affettivo può essere percepita come gratificante poiché quest’ultima crea una sorta di fusione, un amore passionale molto forte. Ma a lungo termine, i rapporti si complicano, creano una chiusura e portano alla privazione della libertà, rischiando di sfociare in un esaurimento nervoso.

È importante parlare dei tuoi sentimenti con la persona dipendente e, piano piano, devi sforzarti di non rispondere più alle domande che ti pone per sentirsi rassicurata. Allo stesso modo, puoi dare valore a tutte le piccole scelte che fa da sola e incitarla a fare delle cose per se stessa.

Potrebbe interessarti: 10 consigli per una relazione di successo

Quali sono le caratteristiche del disturbo dipendente di personalità?

Secondo il DSM 5, questo disturbo è il bisogno generale ed eccessivo di essere accuditi, che conduce ad un comportamento sottomesso e appiccicoso e alla paura della separazione. Si manifesta all’inizio dell’età adulta ed è presente in diversi contesti, come si evince dalle cinque manifestazioni seguenti:

  • Il soggetto ha difficoltà a prendere decisioni nella sua vita senza essere rassicurato o consigliato in maniera eccessiva dall’altro.
  • Ha bisogno che l’altro si assuma le responsabilità nella maggior parte degli ambiti importanti della sua vita.
  • Ha difficoltà a esprimere disaccordo con l’altro per paura di perdere il suo sostegno o la sua approvazione.
  • Ha difficoltà a iniziare dei progetti o a fare delle cose da solo (per mancanza di fiducia nelle proprie opinioni o nelle proprie capacità piuttosto che per mancanza di motivazione o di energia).
  • Cerca a oltranza di ottenere il sostegno e l’appoggio dell’altro, al punto da fare volontariamente delle cose spiacevoli.
  • Si sente a disagio o impotente quando è solo per la paura esagerata di non essere in grado di cavarsela.
  • Quando una relazione seria finisce, cerca repentinamente un’altra relazione che possa assicurargli le cure e il sostegno di cui ha bisogno.
  • Vive nella paura costante e infondata di essere abbandonato e di doversela cavare da solo.

Vedi anche: Perché consultare uno psicologo?


Fonte: istitutobeck.com

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!