La Finestra di Johari, uno strumento prezioso per conoscere meglio se stessi

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Quando conosciamo noi stessi, raramente rivolgiamo la nostra attenzione agli altri, ma piuttosto al nostro mondo interiore. Questo è un errore! Troppo spesso trascurata, l'opinione che gli altri hanno di noi è altrettanto importante per conoscere meglio noi stessi. Esiste uno strumento prezioso che possiamo utilizzare per scoprire come siamo percepiti dall'esterno: la Finestra di Johari. Ma cos'è? Come può aiutarci a conoscere meglio noi stessi? Te lo spieghiamo noi!

La Finestra di Johari, uno strumento prezioso per conoscere meglio se stessi

Cos'è la finestra di Johari?

La Finestra di Johari è stata creata da due psicologi americani, Joseph Luft (Jo) e Harry Ingham (Hari). Si sono ispirati alla programmazione neuro-linguistica (PNL) per sviluppare uno strumento di analisi. Lo definiscono come segue:

"Questo modello, diviso in quattro quadranti, rappresenta il grado di conoscenza dell'altro e di se stessi nelle relazioni tra individui. Riflette le diverse interazioni tra un individuo e il gruppo in cui si evolve".

La finestra di Johari è quindi utile per conoscere meglio se stessi e per comunicare con gli altri. Questo strumento permette di fornire un feedback costruttivo e facile da raccogliere. È molto interessante sapere quale immagine viene percepita da chi ci circonda per costruire solide relazioni interpersonali.

Le 4 categorie della finestra di Johari

La finestra di Johari si divide in 4 categorie: l'Io Aperto, l'Io cieco, l'Io nascosto e l'Io Sconosciuta. Lo scopo di questo strumento è quello di sviluppare l'Io Aperto, riducendo al contempo le altre 3 zone:

La finestra di Johari

L'Io Aperto 

Si tratta di informazioni su di noi che sono note agli altri. Include comportamenti, atteggiamenti, sentimenti, credenze, esperienze, ecc. In breve, è tutta la parte di noi stessi che diamo agli altri affinché ci conoscano un po' meglio 🤗.

L'Io Cieco

Stiamo entrando nella zona delle informazioni che inviamo agli altri. La zona cieca è un nome appropriato, perché non siamo consapevoli di cosa stiamo inviando come immagine. Inoltre, a volte possiamo comportarci o reagire in modi che gli altri interpretano senza che ce ne rendiamo conto. La comunicazione non verbale, i tic del linguaggio, i lapsus... sono tutte cose a cui non pensiamo. Se questa zona è molto ampia, potrebbe significare che c'è un eccesso di suscettibilità o psicorigidità 😕.

L'Io Nascosto

È ciò che non vogliamo mostrare e che si nasconde dietro una facciata. Conosciamo questa parte di noi stessi, ma non vogliamo rivelarla. Spesso si tratta di sentimenti profondi, paure, pensieri intimi, ricordi e così via. Così, ad esempio, possiamo soffrire di una grave sindrome dell'impostore e allo stesso tempo proiettare l'immagine di una persona molto sicura di sé, per essere sicuri di non mostrare questo aspetto di noi stessi 🤕.

L'Io Ignoto 

Questa è la parte totalmente sconosciuta di noi stessi che, ovviamente, è sconosciuta anche agli altri. Si tratta di aspetti della nostra personalità di cui non siamo consapevoli. Ad esempio, potrebbero esserci potenzialità non sfruttate o emozioni profondamente sepolte dentro di noi. Questa zona deve essere ridotta sempre di più attraverso l'introspezione, per conoscere meglio noi stessi.

Come utilizzare la finestra di Johari?

La Finestra di Johari serve proprio a conoscere meglio noi stessi e a comunicare più facilmente con gli altri per creare legami profondi e sinceri. Ma come si fa? Devi applicare queste soluzioni:

1 - Chiedi un feedback per ridurre il tuo punto cieco

Il feedback è essenziale per capire come sei percepito dagli altri. Tuttavia, è importante non solo chiedere un feedback, ma anche accogliere le critiche sia positive che negative. Naturalmente, le critiche devono essere costruttive per essere accettate. Devi essere in grado di mettere da parte il tuo ego e la tua suscettibilità per ascoltare ciò che gli altri hanno da dire e prendere coscienza di aspetti di te stesso che non sapevi esistessero.

2 - Condividere per ridurre la tua zona nascosta

Avere un guscio non aiuta, nel senso che non ci protegge davvero. Al contrario, ci allontana da tutto ciò che conta. Quindi dobbiamo aprirci ed esporre le nostre vulnerabilità con autenticità. Come 🤔? Esprimendo i nostri pensieri, le nostre emozioni e i nostri bisogni agli altri. Devi farlo utilizzando una comunicazione non violenta, per rispettare gli altri. Naturalmente è sempre possibile mantenere un giardino segreto, ma un'area nascosta troppo grande riflette un bisogno di controllo che ci taglia fuori dagli altri e da noi stessi.

3 - Lasciarsi andare per ridurre la propria zona sconosciuta

Questo è senza dubbio l'aspetto più complicato. Tuttavia, imparare a lasciarsi andare ti permette di andare oltre te stesso e di rivelare chi sei veramente. Quindi non esitare a fare cambiamenti, sperimentare cose nuove, abbracciare il nuovo e uscire dalla tua zona di comfort. E la cosa migliore di tutte? Otterrai una vera e propria realizzazione, con meno stress e maggiore fiducia in te stesso. Non è una motivazione sufficiente per provare la finestra di Johari?

L'opinione della redazione: come diventare una persona migliore

La Finestra di Johari è un modo eccellente per aumentare la tua autoconsapevolezza in modo da poter essere una persona migliore, sia per te stesso che per gli altri. Ci insegna a vivere in modo più appagante e a gestire meglio le nostre emozioni. Tuttavia, non è facile mettere in pratica questo tipo di strumenti, soprattutto se ti è difficile fare un passo indietro. Alcune sessioni di coaching possono essere un buon modo per fare progressi, quindi perché non provare? Fare progressi è così gratificante che fa la differenza!

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

La redazione di consiglia:

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!