Paura e sindrome dell'abbandono: come affrontarla e superarla

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Se fai tutto per i tuoi cari, anche le cose più folli, perché hai paura di deluderli, di perderli e di finire da solo, allora è probabile che tu soffra di sindrome dell'abbandono, cioè la paura e l’ansia di essere abbandonato. Ecco come individuarla e liberarsene.


 Sommario

Una persona che soffre di sindrome o nevrosi da abbandono, vive nel costante timore di essere abbandonata, di perdere una persona. Questa fobia la spinge a prendere delle decisioni a volte sbagliate perché dettate da emozioni negative e da situazioni tossiche. Da dove viene questa paura? Qual è la sua origine?

Cosa si intende per paura dell'abbandono?

La paura dell'abbandono trova, nella maggior parte dei casi, le sue origini nell'infanzia. A un certo punto il bambino ha vissuto l'abbandono, la trascuratezza o la mancanza d'amore. L'abbandono è quindi uno stato psicologico di insicurezza permanente; la persona che ne soffre ha un costante bisogno di affetto per compensare una forte mancanza.

Anche se spesso è difficile identificare questa paura in prima persona perché implica un grande distacco e consapevolezza di sé, questi due modelli possono aiutarti a determinare se hai paura o meno di essere abbandonato:

1) Il modello delle dipendenze affettive

Per paura di restare da soli, ci si dà completamente agli altri, mettendoli prima anche delle nostre stesse esigenze. Non riesci mai a dire di no o a mettere dei paletti, per paura di ferire l’altro. Questa eccessiva generosità nasconde un insaziabile bisogno di essere amati. Odi la solitudine e fai di tutto per attirare la attenzione dei tuoi cari e quindi il loro affetto.

2) Il modello del lontano

Cerchi di essere freddo e razionale, in modo da proteggerti da tutte quelle emozioni che potrebbero ferirti. Risolvi il problema alla radice, non ami nessuno, non ti fai voler bene, in modo tale da non aver paura di sentirsi abbandonato, perché di fatto non c’è nessuno che potrebbe abbandonarti. Per riempire questo vuoto, ci si rifugia spesso in dipendenze come l'alcol o il fumo. Questa tipologia di persone manifestano le loro frustrazioni con comportamenti quali: aggressività, insicurezza, depressione, ansia profonda, scontrosità...


Donna pensierosa

 " Scappare dalla felicità per paura di viverla... " 

La paura dell'abbandono è difficile da sopportare sia per te che per i tuoi cari. Vivere con la costante paura di essere abbandonati porta a comportamenti tossici, che tendono a degradare i rapporti sociali e i legami affettivi.


Quali sono i sintomi più comuni?

Ecco quali sono i quattro sintomi più comuni se si soffre di nevrosi da abbandono:

  • Fai fatica a restare da solo, preferisci circondarti di persone, nonostante spesso non ti senta a tuo agio
  • L'intimità è un argomento delicato per te
  • Trovi difficile fare progetti per il futuro e gli impegni ti rendono ansioso.
  • Non riesci ad avere una relazione sana, preferisci dare priorità all'amicizia

Come superare l'ansia da separazione?

Ecco quali sono i quattro rimedi ideati dai nostri psicologi, scopri come trovare la luce alla fine del tunnel.

1) Cerca di capire l'origine di questa paura

L'origine della sindrome di solito è legata ad un dolore che da bambino non hai vissuto bene o da una difficile separazione. Prova a parlarne, con un amico o uno psicologo, riuscirai così ad esorcizzare la paura. Se invece, l'origine è inconscia, le terapie come la psicoanalisi o l’ipnoterapia possono aiutare a identificare l’origine del problema .

2) Proiettati nel futuro

Poniti degli obiettivi semplici, e via via sempre più complessi. Invece di chiuderti in te stesso e rimuginare su ciò che ti tormenta, parlane, fai quelle domande che solitamente non hai il coraggio di fare.

3) Impara ad amare te stesso

Fai una lista delle tue qualità e ciò che ti piace del tuo carattere, pensa a quali sono stati i successi della tua vita, riacquista fiducia nelle tue capacità. Vinci la paura e, guardandoti allo specchio, ripeti cosa ami di te e del tuo carattere.

4) Dai il giusto peso ai problemi

Impara a dare la giusta importanza ai problemi e smettila di piangerti addosso e fare un dramma anche per la più piccola stupidaggine. Fatti delle domande, riflettici, ma non avere fretta di trovare una risposta, datti il tempo di cui hai bisogno.


Il consiglio dello psicologo – Una paura che ti logora dentro

La paura dell'abbandono è un peso troppo grande, che può complicare le nostre relazioni, amichevoli e sentimentali, e condizionare profondamente la nostra vita, rendendola, nel peggiore dei casi, un inferno. Come spiega Daniel Dufour, autore della ferita dell'abbandono: "Questa sofferenza ha due facce. Da un lato, la sensazione di non corrispondere a ciò che il nostro partner si aspetta, dall'altro la certezza che la rottura sia inevitabile. E questo, quando succede, appare come una nuova prova che siamo noi il problema e che non ci meritiamo l’amore altrui."

Essere accompagnati da un terapeuta, permette di agire alla radice del problema, di perdonarsi e di pensare di meritarci l’amore altrui, come spiega la psicologa clinica Andréa Filia.

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Qual è il segreto di una vacanza di coppia perfetta?

Chi di noi non vede l’ora di partire in vacanza? Eppure quando si tratta di un viaggio di coppia, magari il primo, le ansie e le preoccupazioni sono tante. Le aspettative sono alte e la paura che un litigio possa rovinare tutto lo è altrettanto. Quali sono i segreti per una vacanza di coppia felice?

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!