Quali sono i sintomi della depressione? Ecco come riconoscerla

Rabbia, tristezza, malinconia… Tutti viviamo sensazioni negative, ma quando siamo depressi le percepiamo ancora più intensamente. Una sofferenza crescente invade l’animo di una persona depressa; arrivata a questo punto, la depressione diventa difficile da gestire, impedendo alla persona in questione di vivere serenamente e compiere le sue obbligazioni sociali, familiari e, alle volte, anche professionali. Come riconoscere la depressione? Quali sono i sintomi che dovrebbero allarmarci? Scopriamolo!

 
 Sommario

Come riconoscere la depressione? 7 sintomi premonitori

All’inizio della depressione, si possono riscontrare alcuni sintomi premonitori che iniziano generalmente dalle 3 alle 6 settimane prima della depressione cronica. Ecco perché è importante essere all’ascolto di se stessi per impedire alla depressione di diventare cronica. Questi sintomi ci permettono anche di riconoscere una persona depressa:

  • Cambiamenti d’umore e disturbi del carattere (impulsività, irritabilità, ecc.)
  • Perdita di interesse per attività di norma reputate piacevoli
  • Insonnia e disturbi del sonno
  • Ansia anche in casi di situazioni abituali
  • Stanchezza importante, perdita di tono
  • Diminuzione della libido
  • Somatizzazione (dolori fisici legati ad una sofferenza psicologica inespressa)

Vedi anche - Piango molto spesso, è normale?

Una malattia psichica dai molteplici fattori

La depressione può colpire chiunque, senza distinzione di età, sesso, stato sociale, livello d’istruzione, nazionalità o origine etnica. Tuttavia, non scaturisce sempre e solo da un’unica causa. I sintomi possono essere molteplici, la depressione per esempio può essere ereditaria. Se una persona della nostra famiglia ne ha già sofferto, avremo più possibilità di riscontrare dei sintomi. Inoltre, la presenza di altre malattie può portare all’insorgere della depressione. Si tratta di malattie quali:

  • Disturbo d’ansia generalizzata
  • Malattie cardiovascolari,
  • Cancro,
  • Il morbo di Parkinson,
  • L’ artrite,
  • Malattie polmonari,
  • Altre malattie croniche che possono infliggere sulla salute mentale.

Anche i fattori sociali hanno un forte impatto sulla malattia, per esempio se si soffre di stress causato dal lavoro o se si vive uno choc emotivo dovuto alla perdita di qualcuno di caro, ma anche della perdita del lavoro, ecc. Anche il consumo di alcol e di droghe o di altre sostanze stupefacenti può portare all’emergere della depressione.

Potrebbe interessarti - Quali sono le 5 principali cause del malessere al lavoro?

Come curare la depressione?

Recarsi il prima possibile da uno specialista

Non bisogna aspettare troppo a lungo prima di consultare uno specialista. Se senti l’insorgere di alcuni dei sintomi nominati precedentemente, puoi iniziare a parlarne con il tuo medico di fiducia, che ti consiglierà come procedere. In alternativa, puoi direttamente chiamare uno psichiatra, che deciderà quale trattamento utilizzare e se sarà necessaria l’assunzione di farmaci. Ricorda che consultare uno psicologo gratuitamente è possibile, per esempio grazie ad organismi pubblici come il consultorio o la ASL.

Cambiare le proprie abitudini

Anche se la priorità è quella di farsi accompagnare da uno psicologo, è possibile anche attuare qualche piccolo cambiamento nella propria vita per attenuare i sintomi. Dedicarsi al rilassamento attraverso pratiche come la meditazione consapevole o lo yoga, per esempio, permette di diminuire l’impatto della depressione. Anche praticare dello sport, scrivere un diario, uscire con i propri amici, sono tutte attività che permettono di sentirsi meglio e accelerare il percorso verso la guarigione.


Il consiglio della redazione – Bisogna prendersi cura della propria salute mentale

Non bisogna restare con le mani in mano nel momento in cui notiamo l’insorgenza di sintomi legati alla depressione. Anche la salute mentale deve essere curata, esattamente come quella fisica, e non va presa sottogamba. Se senti che qualcosa non va, non esitare a contattare uno psicologo per parlargli della tua sofferenza e iniziare insieme un percorso verso il benessere e la serenità.


Articolo suggerito da
Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma... Continua a leggere

Gli articoli appena pubblicati

Il cervello rettiliano è responsabile dei nostri comportamenti primari?

“Avrei voglia di qualcosa di dolce, di zucchero… il cervello rettiliano mi sta mandan...

Leggi

Perché ci piace avere paura? È colpa degli ormoni!

Inventare storie di fantasmi, ascoltare orribili leggende, cercare di parlare con gli...

Leggi

Come evitare di trasformare la rabbia in violenza?

Il confine tra rabbia e violenza è sottile e a volte basta davvero poco perché la rab...

Leggi

La logoterapia: dare un senso alla propria vita

La fine di una storia d’amore, un lutto, un licenziamento… A volte la vita ci mette a...

Leggi

Quali sono le 6 emozioni primarie? Paura, gioia e…

Le emozioni, che universo misterioso! Insegniamo ai bambini a riconoscerle, agli adul...

Leggi

Mi annoio in ufficio… Soffro di sindrome da bore-out?

Più passano i giorni, più cerco di ammazzare il tempo al lavoro. Per alcuni potrebbe ...

Leggi

5 buone ragioni di ascoltare le proprie emozioni sul lavoro

Le emozioni non sono un freno al successo. Al contrario, possono essere un incredibil...

Leggi

I benefici della noia, o l’arte del dolce far niente

“L’ozio è il padre di tutti i vizi”, sei d’accordo? In ogni caso, il mondo corre a mi...

Leggi

La mitomania: mentire per valorizzarsi

Se pensi che Pinocchio gli fa un baffo, sei di fronte ad un mitomane! Non hai mai dub...

Leggi

Perché mentiamo? Siamo tutte un po’ bugiarde!

Parliamoci chiaro, siamo tutte un po’ bugiarde! Chi non hai mai mentito scagli la pri...

Leggi

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!