Perché arrossisco? Imbarazzo e eritrofobia (o ereutofobia)

Aggiornato il da Paola Ferraro

Scena classica di vita quotidiana. Arrivo in palestra. L’istruttrice sta parlando con un ragazzo che non conosco ma trova comunque il tempo di salutarmi (ovviamente) e farmi i complimenti sul mio nuovo taglio (che carina!). Peccato che lo sconosciuto abbia rincarato la dose: “effettivamente, bel taglio!”. Ed ecco che divento un peperone e scappo imbarazzata.

Perché arrossisco? Imbarazzo e eritrofobia (o ereutofobia)
 
 Sommario

Per quale motivo arrossisco? 🚨

Io e le emozioni viviamo una relazione complicata. Spesso non riesco a controllarle e le mie guance esplodono in un succoso rosso pomodoro, sfido chiunque a mascherare un disagio simile. Effettivamente, di fronte a un’emozione troppo forte, allo stress, ai malintesi, all’imbarazzo… prendo letteralmente fuoco. Un complimento, una rimostranza… basta veramente poco per farmi arrossire. All’improvviso muoio di caldo, non mi sento bene e non riesco in alcun modo a fingere… quindi ho ancora più vergogna e arrossisco ancora di più. 😳 Insomma, un vero e proprio inferno!

Non guardatemi!

La cosa peggiore è che non capita mai quando sono sola. Non arrossisco mai perché do la risposta sbagliata guardando l’Eredità… ma se malauguratamente sbaglio risposto alla serata Quiz al bar, panico!

Eh sì, ovviamente, l’atto di arrossire è legato allo sguardo altrui. È la paura del giudizio degli altri che crea questa reazione. È una sorta di sistema di allarme: sento che sono al centro della tua attenzione, che mi stai giudicando e sono a disagio. Che le intenzioni del nostro interlocutore siano buone o cattive poco importa, motivo per il quale arrossisci sia davanti a un complimento che un rimprovero. È la nostra identità pubblica e la nostra immagine sociale che sono minacciate.

È davvero normale arrossire? 

Il fatto di arrossire può entrare nelle categorie dei segni espressivi dell’emozione. Parliamo quindi dell’espressione non verbale ma fisica delle emozioni, come il sorriso o le lacrime. Se sorrido, mostro agli altri che sono felice, se piango, che sono triste e se arrossisco, che sono in imbarazzo. Il fatto di arrossire deve quindi essere interpretato prima di tutto dagli altri. Da notare che comunque, nelle situazioni di imbarazzo, arrossire non è la prima cosa che facciamo.

👉 Quando ci troviamo in una situazione imbarazzante di solito prima abbassiamo gli occhi, ci irrigidiamo, balbettiamo o modifichiamo il nostro ritmo di parola. Mentre questi primi segni fanno la loro comparsa, impieghiamo tra i 15 e 20 secondi per arrossire!

La redazione ti consiglia: E perché piangere farebbe bene alla salute?

Quali sono gli aspetti positivi dell'arrossire?

Arrossire permette al nostro interlocutore di capire che ci preoccupiamo dello sguardo altrui, cosa che contribuisce a renderci più simpatici agli occhi degli altri. È ideale per esempio se arrossiamo dopo aver fatto un errore. Permette di mostrare che abbiamo un senso morale e che siamo adatti alla vita sociale. Se la persona di fronte a te ha un minimo di empatia, capirà il vostro imbarazzo e farà di tutto per metterti a tuo agio.

Donna che arrossisce

Aggiungiamo, tra l’altro, che il rossore delle guance indica imbarazzo in quasi tutte le culture. Proprio come le emozioni primarie, arrossire è quindi un segno unanimemente interpretato!



📌 Tutte scimmie? 

Arrossire dovrebbe equivalere per gli uomini ai segni di pacificazione osservati tra i primati. Strategie di sottomissione che dovrebbero calmare le tensioni. Allo stesso modo i baci o il fatto di buttarsi per terra sono segni di pacificazione come il fatto di arrossire.


Perché si diventa rossi in faccia?

Durante una situazione imbarazzante, è il nostro sistema nervoso che passa all’azione. Il sistema nervoso simpatico mette il nostro organismo in stato di allerta quando quello parasimpatico rallenta le sue funzioni dell’organismo per permetterci di calmarci. Effettivamente, si arrossisce quando il sistema nervoso simpatico invia un allarme talmente forte che il sistema parasimpatico non riesce a controllare. Il sistema nervoso simpatico si rivolge quindi ai vasi sanguigni che si dilatano creando il rossore.

Come fare per non arrossire? Addio all'eritrofobia!

Il vero problema quando arrossiamo è che la vergogna è così forte che rafforza il rossore. Più cercheremo di dissimulare il rossore, più si aggrava la situazione. Inoltre la vergogna è un sentimento così forte che lascia una traccia quasi traumatizzante nella nostra memoria emotiva!

La vergogna di arrossire

Quando si comincia ad arrossire regolarmente e a temere questo fenomeno si parla di ereutofobia. Questa fobia fa parte delle ansie sociali e può essere trattata tramite una TCC, ma tutto inizia con una fase di accettazione.

👉 La cosa migliore sarebbe ricordarsi che arrossire ha un interesse sociale. Bisogna quindi sdrammatizzare e non cercare di bloccare il rossore che resta inesorabilmente incontrollabile. Avere vergogna di arrossire non fa che peggiorare le cose quindi meglio stare bene con se stessi e concentrarsi su ciò che si ha da dire. Ovviamente puoi cercare di lavorare su di te per cercare di far calare la paura del giudizio altrui, uno psicologo potrà aiutarti a riconquistare fiducia in te stessa.


Il consiglio della redazione: una sensibilità da non sottovalutare!

Si arrossisce generalmente quando si percepisce troppa attenzione addosso. Come dicevo prima, il protagonista è quindi il rapporto con il giudizio altrui, l’autostima, la paura di mostrare le proprie debolezze o di perdere il controllo. Molta carne al fuoco insomma! Ricorda semplicemente che è normale arrossire, non c’è nulla di cui vergognarsi. Il migliore consiglio che ho da darti è accettare la tua sensibilità e farne un punto di forza. Il percorso a volte è lungo, ecco perché a volte può essere un bene prendere appuntamento con uno psicologo.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!

#BornToBeMe



Fonte: psicologi-italia.it 

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!