Riconoscere e affrontare un grande ego: come fare?

Aggiornato il da Giada Paoli

Se c'è un tipo di persona che non mi piace avere accanto è un quella con un grande ego. Eppure... sono stata per diversi anni con un ex che pensava di essere superiore agli altri. Non mi sono resa conto di quanto fosse distorta la sua immagine di sé e di come mi manipolasse. Ora sto facendo tutto il possibile per allontanarmi dalle persone con un ego sproporzionato. Ma come faccio a riconoscerle? E se ti trovi in una situazione in cui non puoi scappare da lui, come lo affronti? Ti spiego come.

Riconoscere e affrontare un grande ego: come fare?

Come riconoscere una persona con un grande ego?

Tutti noi abbiamo bisogno di avere un minimo di ego. Quando abbiamo un deficit, possiamo soffrire di una scarsa fiducia in noi stessi e della sindrome dell'impostore. Siamo ostacolati dai nostri pensieri limitanti e non possiamo crescere. Ecco perché l'ego è essenziale per un buon equilibrio psicologico 🤗.

D'altro canto, però, un ego eccessivo porta ad essere una persona tossica, poiché il desiderio di dominare gli altri è più importante di qualsiasi altra cosa. L'ego non deve andare a scapito degli altri: schiacciare gli altri significa trascurare le loro emozioni. Se non hai mai avuto a che fare con questo tipo di persone, non riconosci le red flags* che possono aiutarti a identificarle. Per non parlare del fatto che alcuni hanno un certo talento per la manipolazione 😓 ...                                                      *segnali tossici

📌 Curiosità : 
Lo psicologo olandese Roos Vonk spiega che le persone con un grande ego sono convinte di essere nel giusto e che ai loro occhi gli altri sanno che sono persone importanti. Si tratta di una visione totalmente distorta della realtà 😱 ...

Il test del super ego

Come si fa a riconoscere una persona con un ego un po' troppo tossico 🧐? Ci sono alcuni comportamenti da individuare: si tratta di una forma di test del super ego:

  • ✅ Non riconosce i suoi torti
  • ✅ Non riesce a risperrare una figura autoritaria
  • ✅  È impaziente quando non ottiene subito ciò che vuole
  • ✅ Sa come vendersi o, al contrario, si svaluta continuamente per cercare l'adulazione (è sempre agli estremi),
  • ✅ Parla sempre di sé
  • ✅ Dà la colpa agli altri quando fallisce
  • ✅ È eccessivamente esigente nei confronti degli altri
  • ✅ Trova la modestia sbagliata

Se queste caratteristiche corrispondono alla persona in questione , è possibile che abbiate di fronte a voi qualcuno con un vero problema di ego. Come nel caso del megalomane, un ego gonfiato tenderà a dettare tutte le scelte, poiché tutto ruota intorno a lui. È una crudele mancanza di empatia che può lasciare ferire quando si frequenta questo tipo di persona. Inoltre, i narcisisti perversihanno spesso un ego enorme, poiché provano piacere nel ferire gli altri per i propri interessi 😥. La manipolazione e la menzogna sono al centro della relazione, indipendentemente dal tipo di rapporto.

 Piccole sottigliezze e sfumature ⚠️
Non sono solo i manipolatori ad avere un ego sproporzionato. Può trattarsi di una persona timida, introversa e discreta a causa di un problema di autostima. Nel momento in cui si considerano migliori, è segno che il problema dell'ego è eccessivo rispetto agli altri.

Come si comporta una persona con un grande ego?

Vorrei dire che dovremmo allontanarci il più possibile da questo tipo di persone, non è nostro compito occuparci della tossicità di un ego sproporzionato. Tuttavia, ci sono situazioni in cui non è possibile evitarli, come ad esempio sul posto di lavoro o, peggio ancora, in una relazione. Devi imparare a gestirle: ecco come reagire 💬 :

👉 Il super ego sul lavoro 

Se c'è un posto in cui il complesso di superiorità può prendere piede, è il lavoro! Che si tratti di un collega che si appropria di tutto ciò che fai o di un manager tossico, non è bene lasciare che accada.
L'assertività, l'ascolto attivo e la comunicazione sono componenti essenziali per affrontare un ego eccessivo nella sfera professionale. Naturalmente, non bisogna trascurare nemmeno la benevolenza, anzi, è un modo sano per riaffermare se stessi tenendo conto delle emozioni e del carattere degli altri. A tal fine, il metodo DESC è un ottimo strumento per esprimere il proprio disaccordo! Se necessario, si può anche parlare con una persona di fiducia per vedere quali soluzioni relazionali possono essere messe in atto 🤗.

👉Il super ego nella copppia

Il super ego in amore è ancora più tossico che in altre situazioni. I sentimenti che proviamo per l'altra persona possono accecarci. Ecco perché è importante ascoltare le persone che ti circondano. Se ci dicono che stiamo vivendo una relazione disfunzionale, dobbiamo essere in grado di ascoltarli.

Da quel momento in poi, dobbiamo stare attenti a tutti i comportamenti problematici e capire cosa ci provocano. Una volta effettuata questa fase di analisi, dobbiamo impostare una comunicazione non violenta per esprimere tutti i danni che l'ego sproporzionato provoca alle nostre emozioni. Il problema è che questo tipo di persona non tiene conto degli altri, quindi se c'è aggressività e non c'è volontà di cambiare le cose, la cosa migliore è interrompere la relazione. Proteggere se stessi dovrebbe essere la priorità 🤕 ...

👉 E negli altri casi?

Che si tratti di amicizie o di famiglia, gli ego smisurati sono ovunque. La base rimane la comunicazione a prescindere, soprattutto se la persona ha un minimo di affetto nei nostri confronti. Tuttavia, come ho detto, alcuni ego non hanno empatia, quindi è necessario prendere le distanze se si vede che il dialogo non ha alcun risultato... Inoltre, possiamo aiutare la persona a guarire o a migliorarsi?

Si può curare un ego eccessivo?

Non sto dicendo che tutte le persone con un ego sproporzionato sono casi disperati e che è una perdita di tempo. No, perché pensare in questo modo significherebbe trascurare i loro traumi e questo sarebbe altrettanto tossico del loro modo di agire. Il cambiamento è possibile se la persona è disposta a mettersi in discussione.

Attraverso il dialogo e lo scambio, è possibile far sì che la persona faccia un passo indietro e migliori il suo comportamento. Tuttavia, la cosa migliore per la persona è entrare in terapia e sottoporsi a un follow-up psicologico a lungo termine.

Una ferita che ha occupato troppo spazio

Quando si ha troppa autostima a scapito di chi ci circonda, si è in presenza di una forma di patologia narcisistica. L'unico modo per "curare" un ego troppo gonfio è capire cosa c'è all'origine di questo comportamento. Potrebbe essere il risultato di un meccanismo di difesa a seguito di ferite emotive 🙁 . Ad esempio, un coniuge con un ego smisurato potrebbe essere stato maltrattato dai genitori da bambino o aver subito un'educazione esigente da parte dei genitori...

💪 Se una persona con un ego smisurato fa parte della sua cerchia ristretta, è bene accompagnarla verso il percorso terapeutico. In fondo, si tratta di un ego ferito che ha bisogno di ripararsi per capire a sua volta i propri errori e correggere i torti subiti.

Il consiglio della redazione: imparare a proteggersi da un ego ferito

Si potrebbe pensare che un ego sproporzionato si riferisca ad una persona spregevole. In realtà, può colpire molte persone una volta che c'è stato un cedimento narcisistico. Imparare a proteggersi è essenziale per evitare le difficoltà di un ego ferito. Non esitare a contattare uno psicologo se stai soffrendo. E se ti senti abbastanza forte mentalmente, puoi aiutarla accompagnandola nel percorso terapeutico.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso!
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Potrebbe interessarti:

Fonte : guida.psicologi

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!