Megalomane: 6 consigli per riconoscerlo subito

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Un megalomane lo si può riconoscere da diversi fattori, come il petto in fuori e lo sguardo eccessivamente fiero dopo che ha decantato smisuratamente i suoi pregi. Se, inoltre, ti rendi conto che questa persona cerca costantemente di valutarti, ti sminuisce e non è lontanamente predisposta a mettersi in discussione, allora non ci sono più dubbi! Scopri i nostri 6 consigli per riconoscere un megalomane!

Megalomane: 6 consigli per riconoscerlo subito

6 consigli per riconoscere una persona megalomane

O come un narcisista cerca di farsi passare per modesto…

1)Il megalomane è molto pretenzioso

Una riunione di lavoro senza di lui? Una serata alla quale non è stato invitato? Impensabile! Secondo il megalomane, la sua presenza è indispensabile sempre e comunque. Proprio come un narcisista perverso, sovrastimarsi è una delle cose che sa fare meglio. E perché non dovrebbe farlo? Del resto è interessante, simpatico, intelligente… e modesto sopra ogni cosa.


Citazione

“Mi sembra difficile dire se ci sia qualcosa di più immorale che parlare senza interruzioni di se stessi, o di più raro di un uomo libero di tale difetto.”

Giacomo Leopardi

2)È invincibile

La persona più dotata e competente o il problema più complicato del mondo non spaventano il megalomane. Lui è capace di tutto, anche di ricorrere alla manipolazione pur di ottenere ciò che desidera. In una conversazione, lui è sempre al di sopra di tutti gli altri.

Lo sapevi che la storia conta un grande numero di personaggi megalomani?

napoleone

Il megalomane non è certo nato ieri, e alcuni personaggi storici ne sono la prova. Si tratta di persone che hanno cercato di conquistare il mondo, sempre considerando loro stessi come degli eroi. Napoleone Bonaparte, Hitler, Stalin o Mao Zedong erano dei megalomani a tutti gli effetti.

La redazione ti consiglia - Gaslighter: a confronto, un narcisista è un principiante

3)Adora metterti alla prova

Una persona megalomane ama mettere in discussione le capacità altrui al solo scopo di poter brillare, in modo da sottolineare il fatto che le sue, al contrario degli altri, sono 10 volte più sviluppate e consolidate. Impossibile per lui smetterla di paragonarsi agli altri, la sua sete insaziabile di orgoglio lo rende assolutamente insopportabile. Quando si tratta di decantare le proprie capacità non esita a farlo davanti ad una marea di persone, ma quando si tratta di doverle dimostrare ecco che non lo si trova da nessuna parte.

4)Non impara mai dai suoi errori

La maggior parte delle persone impara dai propri errori e ne esce migliore e più consapevole. Il megalomane, invece, non conosce né il fallimento né il miglioramento che ne deriva. Le esperienze che ha dovuto vivere e affrontare non gli hanno mai permesso di correggere i propri difetti. Il megalomane a 30 anni sarà uguale a quando ne aveva 20. Alla faccia della teoria dell’evoluzione!

5)Dà sempre la colpa agli altri

Quando parli con un megalomane, anche la tua più piccola reazione viene analizzata nei minimi dettagli. Non ha senso fare attenzione a ciò che dici o ai gesti che compi, perché si infastidisce per ogni cosa e, ciliegina sulla torta, pensa che il problema sia tu se lui si sente respinto.

Potrebbe interessarti: Perché mi sento sempre in colpa?

6) È un misto quasi impercettibile di vanità, egocentrismo smisurato e complesso di superiorità

Per questo motivo, disprezza tutto ciò che non lo riguarda.

Vedi anche: Come destabilizzare e far innervosire un narcisista perverso?


Il consiglio dello psicologo: “Se si crede Dio, meglio lasciarlo perdere”

Il sogno di un megalomane, spiega la psicanalista francese Denise Lachaud, è “di porsi al di sopra dei comuni mortali, dimenticare di essere umano”. Se ti trovi di fronte ad una persona del genere, non aspettare, scappa senza esitare. Perché una persona che soffre di questo disturbo sa bene come presentarsi alle sue vittime. “Se si crede dio, meglio lasciarlo perdere”, continua l’esperta. Questo modo di comportarsi spesso trova origine in un trauma come l’umiliazione o l’abbandono.

La soluzione non è vivere al suo fianco mettendo da parte il senso di colpa. Perché saremo tentati di pensare: “Non essere cattivo. Bisogna aiutarlo, sostenerlo”. Ma possiamo davvero essergli d’aiuto mettendoci al suo servizio? No, perché così facendo alimentiamo la sua megalomania. Per porre fine a questo disturbo, il megalomane dovrebbe accettare di essere aiutato da uno specialista, poiché la megalomania deve essere gestita individualmente, caso per caso, in funzione delle motivazioni intime e personali che l’hanno scatenata.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso!
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

*Fonte: Megalomania - mypersonaltrainer.it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

😂😂😂😂😂😂😂

Elena 3 anni fa

Gli articoli appena pubblicati

Come annunciare una brutta notizia al proprio capo?

Ci stai pensando da giorni, da settimane, ma non riesci a venirne a capo, non riesci a trovare un modo carino per dire che il progetto su cui stai lavorando avrà bisogno di più di due mesi di ritardo per essere completato. Ora non resta altro da fare che comunicarlo al tuo capo...

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

Perché l’horror ci affascina così tanto?

Serial killer, crimini sanguinosi e trame complicate di cui davvero non riusciamo a stancarci. L’horror e più in generale il terrore e la paura sembrano eccitare il nostro cervello tanto da darci la pelle d’oca. Anche se può metterci a disagio o farci stare male, molti di noi ne sono letteralmente ossessionati. Questo oscuro universo piace a tutti, anche ai più dolci e i più innocenti. Ma perché ha così tanta presa su di noi? Perché ciò che ci fa paura allo stesso tempo ci affascina? Scopriamolo insieme.

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!