Come uscire dal triangolo di Karpman? 5 passi da conoscere

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Discutere, litigare, voler aiutare, brontolare... Le relazioni sociali non sono facili! Uno psicologo lo ha capito così bene che ha teorizzato un modello di relazione: il triangolo di Karpman. Ci chiudiamo inconsciamente in tre ruoli: carnefice, vittima o salvatore. Ma come possiamo uscire dal triangolo di Karpman? Come possiamo trovare una relazione più tranquilla? Ecco come fare.

Come uscire dal triangolo di Karpman? 5 passi da conoscere

5 passi per uscire dal triangolo di Karpman

👉 Ho spiegato il triangolo di Karpman in un precedente articolo. Se non hai familiarità con l'argomento, ti invito a leggerlo per avere una buona conoscenza di questo gioco psicologico.

1. Prendere coscienza del problema della relazione

La prima cosa da fare per uscire dal triangolo di Karpman è rendersi conto della sua esistenza. Il problema della relazione deve essere preso in considerazione, ma come si fa a prenderne coscienza 🤕? Una relazione disfunzionale si verifica quando nulla è naturale e ci sono continui conflitti. Ti renderai presto conto che c'è sempre una persona che critica e sminuisce (il tormentatore); una persona che si lamenta e non fa nulla per cambiare le cose (la vittima); e un'ultima persona che cerca costantemente di allentare le tensioni o di difendere la vittima (il salvatore).

👉 Nota che non è necessario che siate in tre per avere un triangolo di Karpman; può accadere anche in una coppia, ad esempio.

2. Identificare il ruolo di ogni persona

Una volta che sei a conoscenza di questo sistema, puoi identificare chi sta giocando quale ruolo 🧐. Per farlo, devi fare un passo indietro e assumere una visione neutrale della situazione e delle interazioni sociali (se non riesci a vedere chiaramente chi sta prendendo il posto del carnefice, del salvatore e della vittima). La parte più difficile di questo esercizio è anche sapere chi sei in questo triangolo e identificare il tuo comportamento. Per farlo, dobbiamo capire quali sono i fattori scatenanti che ci spingono in questo gioco.

3. Capire i fattori scatenanti

Molti di noi soffrono di distorsioni cognitive e non ne sono consapevoli 😔. I grandi colpevoli di questi pregiudizi sono le nostre emozioni negative. Certo, quando qualcuno fa un'osservazione sprezzante, è normale sentirsi arrabbiati. Tuttavia, i pregiudizi cognitivi ci bloccano nel ruolo che ricopriamo nel triangolo di Karpman. Questo ci porterà ad avere dei fattori scatenanti che generalmente sono frasi non innocue o comportamenti tossici senza che ce ne rendiamo conto 👇:



  • sempre colpa mia, sono stanco di lavorare per gli altri" (una frase da vittima con un'esagerazione).
  • "Ti lamenti sempre, smettila di lamentarti e alza le chiappe o non arriverai da nessuna parte" (frase di un vittimizzatore a una vittima).
  • "Smettila di saltargli alla gola, si vede che sta facendo tutto il possibile" (frase rivolta dal salvatore al vittimizzatore).

⚠️ Tuttavia, non si tratta necessariamente di frasi; anche la comunicazione non verbale può essere significativa. L'unico scopo di questi trigger è quello di accentuare ulteriormente i ruoli nel triangolo di Karpman. Una volta compresi i ruoli di ogni persona e i comportamenti che li accompagnano, questi ti saltano all'occhio!

4. Riconosci i tuoi difetti

Ovviamente, se fai parte di questo triangolo e occupi uno dei ruoli, allora sei in difetto. Ci troviamo in una delle posizioni perché vi siamo intrappolati. Per uscire dal triangolo di Karpman, devi rifiutarti di giocare e renderti conto di essere responsabile.

  • 👉 Se sei una vittima, forse soffri della sindrome di Calimero?
  • 👉 Se sei il vittimista, forse stai nascondendo una frustrazione irrisolta dietro la tua rabbia?
  • 👉 Se siamo eccessivamente empatici e vogliamo sempre difendere gli altri, siamo sicuramente affetti dalla sindrome del salvatore.

È una buona idea guardare con occhio lucido ai nostri difetti e alle ferite di cui soffriamo.

Questo articolo potrebbe interessarti >>> Le 5 ferite dell'anima: tutto quello che devi sapere per smettere di soffrire

5. Adotta una comunicazione trasparente e attenta

Invece di rimanere bloccato nel ruolo, puoi decidere di andare contro il ruolo. Per farlo, non devi comportarti nel modo in cui sei abituato. Questo implica l'identificazione dei nostri errori in modo da non commetterli di nuovo. Inoltre, per evitare di distorcere la relazione, dobbiamo adottare una comunicazione non violenta. La gentilezza aiuta a calmare i rapporti, ma non risolve tutto.

Se vediamo che gli altri continuano a giocare a questo gioco malsano, dobbiamo far sì che si assumano le loro responsabilità. Per farlo, dobbiamo far capire loro che hanno qualcosa da perdere: noi! Rimanere in una relazione tossica è fuori discussione, quindi devi porre dei limiti ✋.

L'pinione della redazione: per uscirne, devi solo smettere di giocare!

Una volta capito come funziona il triangolo di Karpman e chi gioca quale ruolo, uscirne non è poi così complicato, perché per spezzare la catena basta smettere di "giocare". Il silenzio può essere un'opzione interessante perché spezza la catena se ci si aspetta che tu svolga un determinato ruolo, ad esempio. Ma perché questo accada, devi essere veramente consapevole del ruolo che stai giocando o di quello che gli altri vogliono che tu giochi, e questo non è facile senza una prospettiva esterna. Non esitare a contattare uno psicologo se ti senti intrappolato in questo triangolo o se le tue relazioni sono sgradevoli.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Come superare i nostri complessi inutili?

Gambe troppo larghe, labbra troppo sottili, cicatrici, timidezza… che si tratti di complessi fisici o mentali, questi sono spesso inutili e capaci di rovinarci la vita e renderci infelici. Ma non bisogna permettergli di sovrastarci! Siamo meglio di così!

Di cosa si occupa la sofrologia? Ecco i suoi numerosi benefici!

Ho riscontrato diversi problemi nel gestire la mia ansia nel corso di questi ultimi anni. Ho deciso dunque di iniziare un percorso con una psicologa, ma una cara amica mi ha consigliato di provare anche qualche seduta con un sofrologo. Secondo la sua opinione, il sofrologo aiuta a rilassarti e ti insegna a gestire meglio lo stress. Dopo diverse sedute, ho iniziato a sentire gli effetti positivi di questa pratica. Il mio corpo non è più un fascio di nervi! La sofrologia fa parte delle pratiche della “medicina dolce”, che hanno tantissimi benefici per il corpo e per lo spirito. Vediamo più da vicino questo metodo di crescita personale che mira a farci riconnettere con la nostra psiche.

Il metodo SMART per raggiungere degli obbiettivi intelligenti e realizzabili!

Per riuscire a concludere un progetto spesso e volentieri ci fissiamo degli obbiettivi, e questo è del tutto nella norma. Ma per ottimizzare le probabilità di successo e stabilire degli obbiettivi chiari, motivanti e realistici, ecco che entra in scena il metodo SMART! Vediamo insieme di che cosa si tratta.

Lavorare meno… per salvare il pianeta!

Il lavoro ha un grande valore per tutti noi, eppure potremmo essere tutti d’accordo sul fatto che non sia per forza sinonimo di benessere, né per noi né per il pianeta! Infatti, alcuni studi affermano che è necessario ridurre il prima possibile il nostro orario di lavoro, per poter ridurre le emissioni di gas serra che noi stessi generiamo. La situazione sta precipitando!

Come destabilizzare e far innervosire un narcisista perverso?

Vivi con un narcisista perverso o ne conosci uno e vorresti destabilizzarlo? Vuoi farlo arrabbiare perché ti mette in ridicolo, a volte in pubblico, ti fa soffrire, ti fa perdere la pazienza e vuoi vendicarti. Ma è difficile far arrabbiare una persona brava a manipolare gli altri, ama vittimizzare se stessa e gioca con le proprie emozioni. Farlo innervosire è l’unico modo per fare in modo che mostri la sua vera natura, per smascherarlo...

Ipocondriaci: 5 sintomi e caratteristiche per riconoscerli

Ti preoccupi spesso per la tua salute? Al minimo sintomo ti convinci di avere una malattia grave? Passi le giornate sui forum medici online? 😨 E se l’unica malattia di cui realmente soffri fosse l’ipocondria? Ecco i 5 sintomi tipici che toccano le persone ipocondriache.

Ansia sociale, sintomi e come superarla

Parlare in pubblico è un vero e proprio incubo e la fiducia in se stessi un sogno ancora troppo lontano. Si diventa paonazzi e non si riesce a nascondere il tremolio, la paura di essere ridicolizzati o umiliati fa perdere letteralmente il controllo. Se la timidezza può essere la causa di questo inconveniente, l’ansia potrebbe nascondere un malessere molto più profondo: l’ansia sociale, altrimenti nota come fobia sociale. Di cosa si tratta? Come si supera?

4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all’insicurezza!

“Faccio schifo”, “sono brutto”, “sono inutile” … difficile avere sempre una buona autostima. Eppure, è la chiave del nostro successo e del nostro equilibrio psicofisico. Sentirsi bene con sé stessi e con il proprio corpo, imparare ad amare sé stessi, è la cosa migliore che possiamo fare.

Come calmare e gestire gli attacchi di rabbia?

La rabbia, un sentimento che proviamo spesso. Ci spinge a reagire d’istinto, senza riflettere, portando a volte a situazioni sgradevoli. Qual è il segreto per controllare la propria rabbia e fare in modo che non prenda il sopravvento sulla ragione?

Non sopporto le persone! È una cosa seria, dottore?

Mi lamento al volante quando c'è un ingorgo, mi lamento alle casse quando c'è la fila, mi lamento il sabato quando tutti hanno deciso di andare in centro città. Non credo di riuscire più a sopportare le persone. La ragazza di città che sono sempre stata ha persino iniziato a sognare la campagna e una casa isolata per avere meno contatti sociali possibili. È una cosa seria, dottore? Beh, non proprio. Spiegazione.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!