Non riesco a meditare, come fare?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Non riesco a meditare, come fare?
 
 Sommario

Stress e meditazione non vanno d’accordo

Abbiamo diverse idee sulla meditazione quando incominciamo. Abbiamo l’impressione che sia necessario meditare per un’ora con la tenuta da monaco buddista. Beh, forse questa è un’esagerazione, ma personalmente avevo l’impressione che la meditazione fosse riservata solo ad un gruppo privilegiato. Dal momento che soffro di anisa generalizzata, il fatto di potere dedicare del tempo al totale rilassamento era un vero e proprio obbiettivo pe me. Dunque, mi sono intestardita e mi ripetevo in continuazione di rilassarmi. Di conseguenza, più mi sentivo sotto pressione e più mi bloccavo! E tutto questo è totalmente contrario al principio della meditazione, perché lo scopo è quello di raggiungere uno stato di pace interiore.

Potrebbe interessarti - Ansia anticipatoria: perché penso sempre al peggio?

Come meditare in modo efficace?

1) Un supporto audio per accompagnare la seduta

Essere guidati è essenziale quando si comincia a meditare. Io ho fatto l’errore di cominciare da sola, ma mi sono ben presto resa conto che non riuscivo in niente. Come per moltre altre cose, anche nella meditazione all’inizio è necessario essere guidati. Esistono numerose applicazioni come Petit Bambou o 7mind (che però non è ancora disponibile in italiano). Questi corsi gratuiti permettono d'iniziare e comprendere il meccanismo della meditazione.

🧘 In seguito, si può scegliere o di sottoscrivere un abbonamento se si sente il bisogno di essere guidati, oppure praticarla per conto proprio! Un po’ di musica per creare l’atmosfera giusta e si parte! Per essere ancora più precisi, puoi pensare di mettere anche un piccolo gong per sapere quando la meditazione comincia e quando finisce.

Vedi anche - Meditazione consapevole: il segreto per una vita migliore

2) Trovare la giusta posizione

Inizialmente mi mettevo seduta con le gambe incrociate e il busto dritto. Tuttavia, dato che soffro di mal di schiena e non sono molto muscolosa, in men che non si dica iniziavo a sentire dolore. Già dopo 2 o 3 minuti, percepivo dei dolori fastidiosi all’altezza delle scapole. Alla fine dei conti, mi concentravo più su questi dolori e non facevo altro che contrarre i muscoli ancor di più. D’altronde, non è obbligatorio mettersi a gambe incrociate...buona a sapersi!

Bisogna trovare la posizione più comoda per noi e che ci consente al meglio di rilassarci per incominciare la pratica della meditazione. Per quanto mi riguarda, ho optato per due soluzioni. Una delle due consiste nel sedermi in una sedia classica tenendo la schiena dritta il più possibile, perché questo sostegno dà sollievo alla mia schiena. La seconda invece prevede che mi sdrai sul letto. È vero che non è raccomandato sdraiarsi durante la meditazioe, ma personalmente mi aiuta molto a rilassarmi; e alle volte uso la meditazione per addormentarmi più velocemente!

3) Sedute corte ma efficaci

Inutile buttarsi a capofitto in un programma della durata di 45 minuti quando si cominica a meditare. Anche io ho commesso questo errore all’inizio, volevo assolutamente fare delle sedute lunghe e dedicarmici a fondo. Pensavo che valesse lo stesso principio dell’allenamento fisico, e invece bisogna andarci piano, gradualmente. Quindi, meglio iniziare dedicandocisi per 5/10 minuti: questa è la base della meditazione, bisogna fare delle sedute brevi! Se il nostro spirito riesce a “disconnettersi” anche solo per qualche minuto, è già una grande conquista! Inoltre, ridurre il tempo aiuta a godere di più del piacere della meditazione.

Il segreto della meditazione: essere regolari

La cosa più importante è proprio questa: essere regolari! Meglio meditare 5 minuti al giorno tutti i giorni piuttosto che un’ora alla settimana. Durante le prime sedute di meditazione, i nostri pensieri scorrono più velocemente. Perché è proprio vero, la nostra mente non è abituata a godere di pausa da dedicare solo a se stessa. Ecco perché è necessario fare qualche minuto sogni giorno per imparare a mollare la presa.

➡ Più si prende l’abitudine di dedicare qualche minuto della giornata alla pausa meditativa, più riusciremo a meditare! Non bisogna rinunciarci nemmeno durante una giornata piena di impegni, perché è l’unico modo che abbiamo per allontanarci concretamente dallo stress e dal malessere al lavoro e, di conseguenza, di essere anche più efficienti e riposati. Una volta trovata l’abitudine, rinunciare alla meditazione ci porta a sentirci ancora più sotto pressione, quindi è meglio non metterla mai da parte. Inoltre, la meditazione significa apertura e ascolto di sé, quindi bisogna seguire il proprio ritmo e le proprie esigenze!

La redazione ti consiglia - Coronavirus e crisi economica: il periodo giusto per mollare la presa


Il consiglio della redazione - Allenati!

All’inizio, non è facile svuotare la mente e meditare, ma, proprio come tutto il resto, è una cosa che si impara! Allenati con costanza ogni giorno e vedrai, diventerà una bellissima abitudine!

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Fonte: meditazionezen.it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!