8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

Aggiornato il da Giada Paoli

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

Non ho ancora figli, ma quando succederà, imparerò ad applicare in famiglia l’arte del più puro dei menefreghismi. Insegnerò loro ad infischiarsene di tutto ciò che ci impedisce di essere felici. Possediamo tutti una quantità limitata di energia, quindi capite bene che è meglio dedicarsi alle cose che contano davvero nella nostra vita. Il resto non conta!


Citazione

"Infischiarsene non significa essere indifferenti. Significa sentirsi a proprio agio con l'idea di essere diversi" 

Mark Manson


1) Il giudizio degli altri? Me ne sbatto, io vivo la mia vita!

Qualsiasi cosa tu dica o faccia, ci sarà sempre qualcuno pronto a criticarti o giudicarti. Per non sprecare il mio tempo e soprattutto le mie energie nel voler controllare tutto, rimango semplicemente me stessa. Se non è la società che ci impone dei canoni, sono i nostri cari che criticano le nostre scelte... La domanda da farsi è: ma quando viviamo?

Da adolescente, un capello fuori posto mi faceva stare male, terrorizzata dall'idea di diventare lo zimbello del liceo. Oggi vado a fare la spesa senza trucco, in tuta e non SUCCEDE NULLA, STO BENE LO STESSO.

2) La perfezione esiste?

Partiamo dal concetto che è umanamente irraggiungibile per la semplice ragione che non sono né un robot, né una foto Instagram. Morale a terra? Un senso di tristezza improvviso? Sono delle normalissime reazioni che fanno parte della vita reale. Nessuno di noi è al top della forma 24 ore su 24, sia mentalmente che fisicamente, come la mia bella pancetta tonda e carina potrà confermarti. Pertanto, impara ad amarti!

3) Pensa di più a te

Voler accontentare ad ogni costo gli amici, essere i suoi colleghi, aiutare in famiglia... Vorrei tanto sapere la tecnica di quelli che riescono a fare tutto senza stancarsi! Imparare a dire no evita ogni sovraccarico emotivo. Ho smesso di salvare capre e cavoli ad ogni costo, anche perché non è mai sinonimo di unire l’utile al dilettevole.  Pensare a sé stessi è invece sinonimo di rispetto nei confronti della propria persona, dei propri valori e delle proprie priorità.

4) Il passato? Preferisco lasciarlo lì dov'è!

È chiaro che mi riferisco al mio o a quello del mio compagno di vita. Il primo alimenta l'odio e i rancori, l'altro genera la gelosia, perché al 99,99 % il mio ragazzo non era di certo vergine, come insinuava orgogliosamente, quando ci siamo conosciuti. Ripercorrendo questi brutti ricordi, rischiamo di mettere da parte il momento presente ma soprattutto di non migliorare il nostro futuro insieme. Non una prospettiva incoraggiante.

La redazione ti consiglia: Coppia: niente in comune, e allora?

5) Sono diverso/a? Tanto meglio!

Una mia amica ha appena postato la sua sessione di ginnastica sui social? Mentre io sono in compagnia del mio barattolo di gelato e del mio romanzo rosa? Che problema c’è! Smetti di paragonarti agli altri, di sentirti in colpa, perché ognuno di noi è libero di essere sé stesso. Se dovesse infastidire qualcuno, beh tanto peggio per loro! Essendo me stesso/a, intrattengo dei rapporti veri con gli altri che mi conoscono per quello/a che sono. In altre parole, dei legami sinceri e solidi, senza improvvisare nel proprio ruolo di attore/attrice.
Ragazze che sorridono

"Infischiarsene non significa essere indifferenti. Significa sentirsi a proprio agio con l'idea di essere diversi" diceva Mark Manson.

6) Sbagliare? Una lezione di vita!

Nella vita sbagliare non è solo inevitabile, ma soprattutto indispensabile: dobbiamo agli errori il nostro percorso di crescita. Se non imparo a sbagliare, finisco per non imparare mai la lezione. Da quando ho capito questo, mando giù i fallimenti a cuor più leggero.

7) Incidenti di percorso? Succede anche ai migliori!

Sono abituato/a ad avere delle giornate no. Quante volte sei arrivato/a arrabbiata (e in ritardo) al lavoro a causa di una macchia di dentifricio sulla la tua bella camicetta? Dopo aver riflettuto, ho capito che la mia reazione era sproporzionata tanto quanto gli stessi motivi del mio nervosismo. Adesso invece, re-la-ti-viz-zooooooooo!

8) Di chi è la colpa? Bisogna davvero saperlo?

«Sei tu che hai cominciato!»

A meno che non sia rimasto mentalmente ai tempi dell'asilo, questo tipo di frase non deve uscire dalla tua bocca. È l'anima del bambino che siamo stati che bisogna conservare, non la mentalità. Ora che sono un'adulta riflessiva, non perdo più tempo nel cercare chi ha ragione e chi ha torto. Trovare soluzioni ai problemi richiede meno energia rispetto all’identificazione del colpevole, ed è tra l’altro un compito più produttivo.


Il consiglio della redazione: e se mollassimo un po’ la presa?

La vita è già sufficientemente complicata per stressarsi ancora di più con cose per cui non vale neanche pena lottare, anche se è sempre più facile a dirsi che a farsi. Non è indispensabile realizzare per forza un’impresa temeraria per essere felici, allora impara a mollare un po’ la presa! Tuttavia, tieni ben presente che:
  • Infischiarsene non significa essere indifferenti, ma è piuttosto l’arte di sentirsi a proprio agio con le tue particolarità per poterti affermare per quello che sei realmente.
  • Quando decidi di infischiartene di qualcosa, devi imparare a dare importanza a qualcosa di più importante – prenditi tutto il tempo di identificare cosa è importante per te e cosa no.
🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe



Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: La sottile arte di fare quello che c***o ti pare, Mark Manson, Eyrolles, 2017

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Commenti

si é bello "sognare ad occhi aperti" che tradotto concretamente significa avere (fare é un discorso più complicato) dei progetti in...mente.Se no cosa significa ...sognare ad occhi aperti? Ditemelo voi. Quando si sogna, quando dormiamo..a volte capita (almeno a me) di trovarsi di fronte ad un burrone, bé essendo coscente che si tratta di un sogno io mi butto e . volo...questo mi é successo molte volte.In questo caso signo ad occhi chiusi e inconsciamente, visto che parliamo di sogni!Cercate anche voi allora di ..."concretizzare" i sogni.Questo se proprio non vi porta alla vera felicità vi permette magari di vivere con più fiducia e perché no ..speranza!

Molto d'accordo con quelli che avete scritto , un articolo stupendo. Ma un Po difficile da attuare..

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!