Come annunciare una brutta notizia al proprio capo?

Ci stai pensando da giorni, da settimane, ma non riesci a venirne a capo, non riesci a trovare un modo carino per dire che il progetto su cui stai lavorando avrà bisogno di più di due mesi di ritardo per essere completato. Ora non resta altro da fare che comunicarlo al tuo capo...

Sommario:

4 consigli per annunciare una brutta notizia

Quattro semplici consigli per assumersi le proprie responsabilità, affrontare la realtà e dare la cattiva notizia nel modo più professionale possibile.

1) Basta indugiare!

Non nascondere la testa sotto la sabbia, continuando a rimandare. Anche se preferiresti scappare e sparire, non farlo, non faresti che peggiorare la situazione. Cerca invece di anticipare i tempi, parlane subito con il tuo capo, alla prima sensazione che qualcosa non stia andando nel verso giusto. Dimostrerai così di avere la situazione sotto controllo.

2) Fissa un appuntamento formale

Fissa un appuntamento in agenda, chiedi di vedere il tuo capo e annunciali la notizia dentro una sala di riunione e non in corridoio tra una pausa caffè e l’altra. Anticipagli che dovrai parlargli di un problema delicato, che ti preoccupa.

La redazione ti consiglia: Come affrontare gli stro*zi al lavoro

3) Rimani obiettivo

Esponi la situazione con precisione, senza dimenticare dettagli importanti. Sono quelle situazioni in cui le emozioni giocano a tuo sfavore, facendoti parlare a sproposito o dando più informazioni di quanto non dovresti. Sii sincero, transparente e riconosci quali sono le tue responsabilità. Con un po’ di fortuna e intelligenza, il tuo capo si renderà conto che sei una persona seria, sulla quale poter fare affidamento

4) “Ho pensato che...

Per dimostrare di essere pronto a prenderti anche le conseguenze dei tuoi errori, provare a trovare delle soluzioni è essenziale. Proponi al tuo capo delle alternative concrete, sulle quali hai ragionato. Dimostrerai così di essere una persona determinata che non si lascia abbattere dalle difficoltà.


Il consiglio della redazione: E se fosse il mio capo ad annunciarmi una brutta notizia?


Al lavoro, le brutte notizie sono spesso all'ordine del giorno. Quando capita abbiamo voglia di scappare, piangere, andarcene via sbattendo dietro la porta... E invece dobbiamo stare calmi, incassare e ragionare con lucidità. Meglio prendersi qualche ora per elaborare la notizia prima di reagire, perché spesso le reazioni impulsive sono quelle più sbagliate.


Articolo suggerito da
La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il cervello rettiliano è responsabile dei nostri comportamenti primari?

“Avrei voglia di qualcosa di dolce, di zucchero… il cervello rettiliano mi sta mandan...

Leggi

Perché ci piace avere paura? È colpa degli ormoni!

Inventare storie di fantasmi, ascoltare orribili leggende, cercare di parlare con gli...

Leggi

Come evitare di trasformare la rabbia in violenza?

Il confine tra rabbia e violenza è sottile e a volte basta davvero poco perché la rab...

Leggi

La logoterapia: dare un senso alla propria vita

La fine di una storia d’amore, un lutto, un licenziamento… A volte la vita ci mette a...

Leggi

Quali sono le 6 emozioni primarie? Paura, gioia e…

Le emozioni, che universo misterioso! Insegniamo ai bambini a riconoscerle, agli adul...

Leggi

Mi annoio in ufficio… Soffro di sindrome da bore-out?

Più passano i giorni, più cerco di ammazzare il tempo al lavoro. Per alcuni potrebbe ...

Leggi

5 buone ragioni di ascoltare le proprie emozioni sul lavoro

Le emozioni non sono un freno al successo. Al contrario, possono essere un incredibil...

Leggi

I benefici della noia, o l’arte del dolce far niente

“L’ozio è il padre di tutti i vizi”, sei d’accordo? In ogni caso, il mondo corre a mi...

Leggi

La mitomania: mentire per valorizzarsi

Se pensi che Pinocchio gli fa un baffo, sei di fronte ad un mitomane! Non hai mai dub...

Leggi

Perché mentiamo? Siamo tutte un po’ bugiarde!

Parliamoci chiaro, siamo tutte un po’ bugiarde! Chi non hai mai mentito scagli la pri...

Leggi

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!