Digital detox: l’estate giusta per la disintossicazione digitale!

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Ogni lunedì, ecco che scopro la verità: in media, passo circa 7 ore attaccata al telefono. Tramite un’app posso vedere la quantità di tempo che passo davanti allo schermo e ogni volta resto incredula. Una cosa è certa, sono diventata dipendente dal mio smartphone e soprattutto dai social network! Dunque ho deciso: quest'estate ci darò un taglio e farò la così detta “detox digitale” (detta anche disintossicazione digitale)! Purtroppo, è più facile a dirsi che a farsi. Quindi, come fare?

Digital detox: l’estate giusta per la disintossicazione digitale!

Perché fare un digital detox?

La dipendenza da smartphone è ormai oggetto di diversi studi. I risultati sono terrificanti: gli italiani consultano il cellulare in media 85 volte al giorno con delle variazioni verso l’alto o verso il basso a seconda della fascia d’età.

Di fronte a questo comportamento chiaramente dipendente, i ricercatori e i medici lanciano il segnale di allarme. Utilizzare troppo il cellulare comporta effetti nefasti come ad esempio disturbi della concentrazione, difficoltà di memorizzazione, disturbi del sonno come la paralisi del sonno. Ancora più grave, l’eccessivo utilizzo del telefono può indurre a una perdita di fiducia in noi stessi, nonché sviluppare il disturbo di ansia generalizzata o la depressione…

📴 Ecco perché è importante disconnettersi di tanto in tanto e avere un utilizzo ragionevole del telefono. Tutto ciò può avere effetti nefasti sulla nostra salute mentale.

Disintossicarsi dai social

Non è un segreto, i social sono un freno alla nostra felicità. Perché? Le app come Instagram, TikTok, Twitter e tante altre ci rendono dipendenti. Di base, sono state create per condividere foto, video e avvicinarci agli altri. Comunque, i social hanno creato una forma di dipendenza a causa del sistema di ricompensa tramite like, visualizzazioni e commenti. Quando riceviamo una di queste ricompense, il nostro cervello produce dopamina.

🤳 Utilizzare i social network diventa pericoloso se ne siamo troppo dipendenti. Ecco perché bisogna imparare a liberarsi dalla propria dipendenza.

L’estate: il periodo ideale per staccare la spina

Staccare da tutto? Sembra utopico nel mondo di oggi costantemente connesso. L’ideale è evitare di aprire Instagram per puro riflesso, ma come riuscirci? C’è un periodo più propizio per realizzare un taglio netto su un periodo breve: l’estate! È il momento ideale! Se ci fai caso, tra il 15 luglio e il 15 agosto non ci sono tantissime pubblicazioni. Le persone partono in vacanza, si godono il bel tempo, sorseggiano cocktail al sole, si abbronzano in spiaggia. Perché non fai la stessa? Senza il telefono in mano però!

☀️L’estate è il periodo dell’anno in cui approfittare di ogni singolo istante e ricaricare le pile. Stare lontano dai social non sarà una perdita di tempo! Inoltre, tutti fanno la stessa cosa. Ma come fare per smettere di utilizzare compulsivamente il telefono?

Come fare un detox digitale?

L’ideale è godersi le vacanze per staccare la spina. Perché non approfittare di questi 15 giorni per farlo? Ammetto che non è semplice… ecco qualche consiglio per disintossicarsi serenamente:

1) Disattiva le notifiche

Qual è la ragione principale per la quale controlliamo continuamente il telefono? Le notifiche! Quindi togli tutto! È il modo migliore di sentirsi meglio.

2) Cancella le app che creano dipendenza

A volte apri Instagram senza nemmeno pensarci. Il dito clicca automaticamente sull’app senza rendersene conto. Per evitarlo, è fondamentale cancellare i social durante il tuo digital detox. Nessuna applicazione, nessun controllo compulsivo!

3) Scegli un alloggio senza Wi-Fi

Anche scegliere un luogo sperduto in cui non funziona il 4G è un’ottima idea! Se il cellulare prende male e non hai il Wi-Fi la tentazione è poca: detox assicurato!

4) Trova nuove occupazioni

A volte ci sentiamo un po’ persi senza il telefono. La noia ha i suoi benefici… ma 15 giorni sono un po’ lunghi! Non esitare a portare con te dei libri, programmare visite o uscite con gli amici, ecc. Magari è anche il momento di testare delle attività meditative per rilassarsi?

5) Chiedi aiuto

Se vedi che il tuo detox digitale non funziona e senti il bisogno di usare il telefono sarebbe bene interrogarsi sull’utilizzo dello smartphone. Se ci si rende conto che è troppo difficile non usarlo, consulta un professionista (per esempio uno psicologo), perché ti aiuti a sbarazzarti di questa dipendenza.

😎 È estate, approfittane e fai il digital detox! Perché non provi l’avventura del viaggio in solitaria senza i social?


Il consiglio della redazione: ritrovare la libertà

La dipendenza da telefono è una dipendenza come un’altra e va quindi curata. Se non riesci da sola a sbarazzarti del tuo smartphone nemmeno per qualche ora, è tempo di consultare un professionista.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fonte: insidemarketing

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Come annunciare una brutta notizia al proprio capo?

Ci stai pensando da giorni, da settimane, ma non riesci a venirne a capo, non riesci a trovare un modo carino per dire che il progetto su cui stai lavorando avrà bisogno di più di due mesi di ritardo per essere completato. Ora non resta altro da fare che comunicarlo al tuo capo...

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

Perché l’horror ci affascina così tanto?

Serial killer, crimini sanguinosi e trame complicate di cui davvero non riusciamo a stancarci. L’horror e più in generale il terrore e la paura sembrano eccitare il nostro cervello tanto da darci la pelle d’oca. Anche se può metterci a disagio o farci stare male, molti di noi ne sono letteralmente ossessionati. Questo oscuro universo piace a tutti, anche ai più dolci e i più innocenti. Ma perché ha così tanta presa su di noi? Perché ciò che ci fa paura allo stesso tempo ci affascina? Scopriamolo insieme.

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!