Digital detox: l’estate giusta per la disintossicazione digitale!

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Ogni lunedì, ecco che scopro la verità: in media, passo circa 7 ore attaccata al telefono. Tramite un’app posso vedere la quantità di tempo che passo davanti allo schermo e ogni volta resto incredula. Una cosa è certa, sono diventata dipendente dal mio smartphone e soprattutto dai social network! Dunque ho deciso: quest'estate ci darò un taglio e farò la così detta “detox digitale” (detta anche disintossicazione digitale)! Purtroppo, è più facile a dirsi che a farsi. Quindi, come fare?

Digital detox: l’estate giusta per la disintossicazione digitale!
 
 Sommario

Perché fare un digital detox?

La dipendenza da smartphone è ormai oggetto di diversi studi. I risultati sono terrificanti: gli italiani consultano il cellulare in media 85 volte al giorno con delle variazioni verso l’alto o verso il basso a seconda della fascia d’età.

Di fronte a questo comportamento chiaramente dipendente, i ricercatori e i medici lanciano il segnale di allarme. Utilizzare troppo il cellulare comporta effetti nefasti come ad esempio disturbi della concentrazione, difficoltà di memorizzazione, disturbi del sonno come la paralisi del sonno. Ancora più grave, l’eccessivo utilizzo del telefono può indurre a una perdita di fiducia in noi stessi, nonché sviluppare il disturbo di ansia generalizzata o la depressione…

📴 Ecco perché è importante disconnettersi di tanto in tanto e avere un utilizzo ragionevole del telefono. Tutto ciò può avere effetti nefasti sulla nostra salute mentale.

Disintossicarsi dai social

Non è un segreto, i social sono un freno alla nostra felicità. Perché? Le app come Instagram, TikTok, Twitter e tante altre ci rendono dipendenti. Di base, sono state create per condividere foto, video e avvicinarci agli altri. Comunque, i social hanno creato una forma di dipendenza a causa del sistema di ricompensa tramite like, visualizzazioni e commenti. Quando riceviamo una di queste ricompense, il nostro cervello produce dopamina.

🤳 Utilizzare i social network diventa pericoloso se ne siamo troppo dipendenti. Ecco perché bisogna imparare a liberarsi dalla propria dipendenza.

L’estate: il periodo ideale per staccare la spina

Staccare da tutto? Sembra utopico nel mondo di oggi costantemente connesso. L’ideale è evitare di aprire Instagram per puro riflesso, ma come riuscirci? C’è un periodo più propizio per realizzare un taglio netto su un periodo breve: l’estate! È il momento ideale! Se ci fai caso, tra il 15 luglio e il 15 agosto non ci sono tantissime pubblicazioni. Le persone partono in vacanza, si godono il bel tempo, sorseggiano cocktail al sole, si abbronzano in spiaggia. Perché non fai la stessa? Senza il telefono in mano però!

☀️L’estate è il periodo dell’anno in cui approfittare di ogni singolo istante e ricaricare le pile. Stare lontano dai social non sarà una perdita di tempo! Inoltre, tutti fanno la stessa cosa. Ma come fare per smettere di utilizzare compulsivamente il telefono?

Come fare un detox digitale?

L’ideale è godersi le vacanze per staccare la spina. Perché non approfittare di questi 15 giorni per farlo? Ammetto che non è semplice… ecco qualche consiglio per disintossicarsi serenamente:

1) Disattiva le notifiche

Qual è la ragione principale per la quale controlliamo continuamente il telefono? Le notifiche! Quindi togli tutto! È il modo migliore di sentirsi meglio.

2) Cancella le app che creano dipendenza

A volte apri Instagram senza nemmeno pensarci. Il dito clicca automaticamente sull’app senza rendersene conto. Per evitarlo, è fondamentale cancellare i social durante il tuo digital detox. Nessuna applicazione, nessun controllo compulsivo!

3) Scegli un alloggio senza Wi-Fi

Anche scegliere un luogo sperduto in cui non funziona il 4G è un’ottima idea! Se il cellulare prende male e non hai il Wi-Fi la tentazione è poca: detox assicurato!

4) Trova nuove occupazioni

A volte ci sentiamo un po’ persi senza il telefono. La noia ha i suoi benefici… ma 15 giorni sono un po’ lunghi! Non esitare a portare con te dei libri, programmare visite o uscite con gli amici, ecc. Magari è anche il momento di testare delle attività meditative per rilassarsi?

5) Chiedi aiuto

Se vedi che il tuo detox digitale non funziona e senti il bisogno di usare il telefono sarebbe bene interrogarsi sull’utilizzo dello smartphone. Se ci si rende conto che è troppo difficile non usarlo, consulta un professionista (per esempio uno psicologo), perché ti aiuti a sbarazzarti di questa dipendenza.

😎 È estate, approfittane e fai il digital detox! Perché non provi l’avventura del viaggio in solitaria senza i social?


Il consiglio della redazione – Ritrovare la libertà

La dipendenza da telefono è una dipendenza come un’altra e va quindi curata. Se non riesci da sola a sbarazzarti del tuo smartphone nemmeno per qualche ora, è tempo di consultare un professionista.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: insidemarketing.it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!