Come combattere lo stress in modo naturale? Ecco 3 metodi efficaci

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Chi non ha mai conosciuto un periodo senza stress? Quest’ultimo è ormai divenuto il nostro miglior amico e ci accompagna dappertutto: è giunto però il momento di chiudere i rapporti! Scopri come fare seguendo i nostri 3 metodi efficaci e naturali.

Sommario 

Combatti facilmente lo stress con questi 3 metodi naturali

È lunedì mattina, arrivi a lavoro e non appena varchi la porta dell’ufficio trovi la montagna di pratiche da sbrigare rimasta nello stesso identico punto dove l’avevi lasciata prima del week end, immobile e silenziosa, sul punto di travolgerti come una valanga. Per non parlare delle e-mail minatorie del tuo superiore che ti ricordano insistentemente gli obiettivi non ancora raggiunti e del promemoria sul cellulare che ti ricorda invece il compleanno di tua suocera. Ed è proprio in questo preciso istante che, con un nodo alla gola, la frequenza del tuo battito comincia ad aumentare, alterando così la tua coerenza cardiaca.  

È giunto il momento di dire basta a questo circolo vizioso! Prima di buttarti a capofitto su questa mole di cose da fare ad un ritmo forsennato, inizia a respirare.

1) Come gestire lo stress attraverso la respirazione?

In un periodo di stress, la respirazione può giocare un ruolo cruciale ed è quindi indispensabile imparare a controllarla. In piedi o seduto/a, chiudi gli occhi e pensa ad un posto in cui vorresti essere e ad una persona che ami. Immagina di essere in quel posto con quella persona e poi rallenta il respiro.  Inspira profondamente e lentamente dal naso e impara a gestire lo stress controllando e rallentando il ritmo della tua respirazione.

2) Vivi il presente!

Se non hai il tempo di gestire la respirazione o semplicemente questo metodo non è ti è troppo d’aiuto, imparare a vivere il momento. Spesso il problema dello stress è legato alla necessità di dover anticipare tutto ad ogni costo o all’insorgenza di pensieri ossessivi. Sì, è vero, la nostra mente è straordinaria ma sa essere anche straordinariamente infida! Se non riusciamo a smettere di avere continuamente dei pensieri, è proprio lei, la nostra perfida mente, che comincia ad usarci invertendo così i ruoli! Una piccola voce che giudica, commenta, si lamenta e immagina come le cose si metteranno (male). Spesso sono le nostre esperienze passate e soprattutto i nostri fallimenti che ispirano automaticamente questo flusso di pensieri che gioca sia sul passato che sul futuro. Si alimenta del primo per determinare il secondo instaurando una concatenazione di eventi pessimistici non reali. Ad esempio: se non raggiungo i miei obiettivi non avrò nessun bonus, senza questi bonus non avrò i soldi previsti per fare la revisione della macchina che mi spingerà a prendere un finanziamento, che metterà il mio conto in rosso, ciò causerà tensioni nella mia coppia e finirò per ritrovarmi solo/a! Un vero e proprio circolo vizioso da cui è difficile uscire…

3) La meditazione cosciente per liberarsi dal pensiero compulsivo

Come avrai capito, i pensieri ossessivi sono un inferno! Con questo flusso ininterrotto di pensieri, non riesci a concentrarti sul presente, a vivere a pieno il momento o a cogliere ogni attimo che la vita ti presenta. Ed è qui che entra in gioco il nostro secondo metodo efficace contro lo stress: la meditazione consapevole. E perché ti chiederai? Beh, semplicemente perché insegna a rimanere ancorati al presente senza proiettarsi in un futuro angosciante. La meditazione consapevole aiuta a prestare attenzione ad ogni minimo dettaglio e a godere a pieno di ogni singola azione compiuta. Per esempio, vuoi prepararti un caffè? Bene, concentrati su tutte le sensazioni che ne derivano: il rumore della macchinetta, l'odore del caffè, il calore della tazzina, ecc. Durante questo momento vedrai che i pensieri che avevi non ti prenderanno più d’assalto. Così facendo, potrai contare pienamente sulla tua mente ed ingegnare con lei un piano per tirarti fuori da una situazione stressante.


Il consiglio della redazione - Non minimizzare gli effetti nocivi dello stress 

Lo stress è un senso di malessere legato ad una reazione biologica. Si manifesta quando l'amigdala, la parte primitiva del nostro cervello, riprende il sopravvento. Lo stress, di solito, si divide in tre fasi: una fase di shock, una di resistenza e infine una di esaurimento. Se il tuo stress persiste da ormai troppo tempo, facendoti arrivare a quest’ultima fase, diventerai estremamente sensibile alle aggressioni esterne. Stanchezza, rabbia e depressione potrebbero presto insorgere: una ragione in più per ribellarti contro lo stress, e contattare un esperto di benessere prima che la situazione si aggravi.



Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!