Il triangolo di Karpman, un pericoloso gioco psicologico

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Oggi ti parlerò del triangolo drammatico di Karpman e dei 3 ruoli principali possibili: carnefice, salvatore e vittima. Io sono sempre stato la vittima in questo triangolo drammatico. Cosa significa? Come fai a sapere se ci sei dentro? Come si fa a uscirne? Ti racconto tutto.

Il triangolo di Karpman, un pericoloso gioco psicologico

Cos'è il triangolo di Karpman?

Negli anni '60, lo psicologo Stephen Karpman teorizzò uno strumento psicologico per spiegare alcuni problemi relazionali 🧐. Egli indicò tre ruoli principali rappresentati sotto forma di triangolo:

Triangolo di Karpman. Carnefice - Salvatore - Vittima, quale ruolo ricopri più spesso?

Questo triangolo drammatico può essere utilizzato per decifrare un problema di comunicazione o una manipolazione latente da parte di una persona nei confronti di un'altra. Non è necessario che siano tre persone, puoi avere un problema di relazione tra due persone che giocano alternativamente il ruolo di vittima, persecutore e salvatore 😅. La cosa importante da ricordare è che questo gioco psicologico è inconscio. Non siamo consapevoli di questo meccanismo mentale.

Come capire se ti trovi in un triangolo di Karpman?

Come abbiamo visto, il triangolo funziona con tre ruoli. Anche se il gioco psicologico può essere giocato tra due individui, nella maggior parte dei casi è giocato da persone diverse. In effetti, ognuno può trarne un interesse personale. Ma come facciamo a sapere se ci troviamo in questo drammatico triangolo? Dobbiamo identificare il nostro comportamento quando siamo in un contesto sociale (amici, famiglia, coppia, lavoro, ecc.):

  • Ci piace mettere le cose in ordine, anche sminuire senza volerlo. A volte vediamo le altre persone come inferiori a noi ➜ Ci poniamo nel ruolo di giustizieri 😈.
  • Vogliamo sempre aiutare, anche quando non ci viene chiesto. A volte peggioriamo la situazione nostro malgrado, ma le ingiustizie sono insopportabili per noi ➜ Ci poniamo nel ruolo di salvatore 🦸‍♂️.
  • Ci autocommiseriamo facilmente, facciamo fatica a essere positivi e spesso cerchiamo qualcuno che ascolti le nostre lamentele ➜ Ci poniamo nel ruolo di vittima 🥺.Comment sortir du rôle de bourreau ?

Poiché si tratta di un meccanismo inconscio, non ci rendiamo conto di essere una persona tossica per gli altri. Tuttavia, non è facile ammettere di aver sbagliato e prendere sottogamba quando vedi qualcuno che si lamenta, soprattutto se si tratta di una persona vicina a te. Inoltre, chi si lamenta è spesso frustrato dal comportamento della vittima. Ad esempio, un amico si è schiantato contro un'auto e ha riportato solo danni materiali:

  • Invece di dire: "Smettila di lamentarti e di comportarti come Calimero, sono solo lamiere, allora dovevi stare più attento!".
  • È meglio dire: "Capisco lo stress che hai subito, è sempre fastidioso questo tipo di preoccupazioni. L'importante è che tu stia bene! Hai bisogno di aiuto per le pratiche?".

L'ascolto e l'empatia sono alla base della relazione. Se il comportamento della vittima ci infastidisce, dobbiamo essere in grado di esprimerlo senza animosità e rimanendo sul concreto. Per farlo, devi imparare a gestire la tua rabbia in modo che non si riversi sugli altri 😡.

Come uscire dal ruolo di salvatore?

È difficile non voler aiutare qualcuno che soffre, soprattutto se sei ipersensibile e molto empatico! Essere un salvatore è il ruolo piuttosto particolare del triangolo drammatico. Vedi la vittima che si lamenta e il carnefice che si arrabbia: tu sei una via di mezzo! Quindi vuoi aiutare, ma aiutare non significa salvare. Per sapere se possiamo davvero aiutare, dobbiamo porci quattro domande 🤔:

  • "Ho qualche responsabilità in questo problema?".
  • "Rientra nelle mie competenze?".
  • "Voglio davvero aiutare questa persona?".
  • "Mi è stato chiaramente chiesto di aiutare?".

Se rispondiamo sì a tutte e quattro le domande, possiamo permetterci di aiutare. Se invece rispondi di no anche a una sola domanda, allora non stai aiutando 🙅‍♀️. L'ultima domanda, in particolare, è fondamentale per determinare se è giusto o meno aiutare. Se rispondi di no a una o più domande, ti stai mettendo nella posizione di salvatore.

Come uscire dal ruolo di vittima?

Probabilmente tutti noi ci siamo trovati nel ruolo di vittima a un certo punto, perché ci si sente bene a trovare conforto nel salvatore. Ma più impariamo a fare affidamento sugli altri, più diventa impossibile uscire dal triangolo carnefice/salvatore/vittima. Quindi, per uscirne, devi:

  • 👉 Imparare a contare su te stesso. Ognuno guarda alla propria realtà, come descritto ne "Gli Accordi Toltechi", quindi dobbiamo liberarci degli altri per evolvere.Evita di generalizzare. Ad esempio, dimentica frasi come "succede sempre a me".
  • 👉 Esprimi un'emozione piuttosto che una lamentela. Soprattutto quando provi un'emozione negativa come la paura o la tristezza.
  • 👉 Riconosci i tuoi errori. È sempre più facile dare la colpa agli altri, soprattutto al tormentatore. Per uscire dal nostro ruolo, mettiamo da parte la nostra malafede e andiamo avanti!

Naturalmente, possiamo sperare che le persone che ci circondano ci sostengano. Ma non dobbiamo lasciare che questo sia un riflesso. Devi coltivare l'indipendenza e la fiducia in te stesso se vuoi smettere di essere una vittima 💪.

Perché non dovremmo entrare nel triangolo di Karpman?

Questo gioco psicologico inconscio ha effetti dannosi sulle nostre relazioni sociali. Ci troveremo sempre in una struttura traballante, indipendentemente dal ruolo che ricopriamo nel triangolo. Avremo relazioni tossiche, che siano romantiche, amichevoli o addirittura familiari. Inoltre, avendo questo tipo di relazioni, possiamo sviluppare problemi psicologici e interiorizzare paure, vergogna o addirittura sensi di colpa. Il nostro comportamento ne risentirà e ci caleremo nel ruolo di carnefice, salvatore o vittima.

Alcune persone possono persino sviluppare una fobia sociale, evitando a tutti i costi il contatto con gli altri... 😞 

📌

È più facile evitare di entrare in questo triangolo drammatico che uscirne. Questo perché è più facile correggere i comportamenti e le relazioni quando non sono ancora disfunzionali. Che tu sia un carnefice, un salvatore o una vittima, la comunicazione non violenta e l'espressione sincera delle tue emozioni sono chiavi essenziali per evitare di rimanere intrappolati nel triangolo di Karpman.

Punta sui valori positivi

Il modo migliore per evitare di entrare in questo gioco psicologico, con le altre persone, è affidarsi a valori positivi come l'empatia e la benevolenza. Mettendoli al centro delle nostre relazioni sociali, possiamo evitare le persone tossiche e i narcisisti perversi. Ma è importante trasmettere questi valori a te stesso se vuoi che ti vengano ricambiati 🤗 !

Il consiglio della redazione: !

Come avrai capito, questo triangolo drammatico può essere giocato da 2 o 3 persone, ma perché funzioni, ognuno deve fare la sua parte... E questa è una delle chiavi più efficaci per uscirne. Devi rompere questo triangolo per evitare che esista. Una volta identificato il ruolo che stai giocando o quello che l'altra persona vuole che tu giochi, sta a te rompere la catena. Osserva le situazioni e vedrai che lo scenario è sempre lo stesso, più e più volte. Per uscirne, rifiuta di recitare il tuo ruolo! Non lamentarti, non salvare nessuno e non essere aggressivo e la spirale si spezzerà. Un'altra tecnica è quella di giocare allo specchio. In altre parole, se la persona con cui stai parlando fa la parte del carnefice, fai lo stesso con il salvatore o la vittima, in modo che il triangolo non si formi. Tuttavia, individuare questo meccanismo psicologico non è sempre facile e rifiutare il proprio ruolo lo è ancora meno... Uno psicologo ti aiuterà a capire meglio cosa sta succedendo e come uscirne, quindi non aspettare a prendere un appuntamento.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Ti potrebbero interessare:

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Il tuo Oroscopo direttamente nella tua casella di posta elettronica

SCOPRI COSA TI RISERVA IL FUTURO - 📞 0694 802293

Stiamo vivendo un periodo incerto, i dubbi e le domande sul futuro sono all'ordine del giorno. E se parlassi con un nostro esperto per dare una risposta a tutti i tuoi interrogativi?

undefined Scopri i nostri fantastici esperti