Perché l’horror ci affascina così tanto?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Serial killer, crimini sanguinosi e trame complicate di cui davvero non riusciamo a stancarci. L’horror e più in generale il terrore e la paura sembrano eccitare il nostro cervello tanto da darci la pelle d’oca. Anche se può metterci a disagio o farci stare male, molti di noi ne sono letteralmente ossessionati. Questo oscuro universo piace a tutti, anche ai più dolci e i più innocenti. Ma perché ha così tanta presa su di noi? Perché ciò che ci fa paura allo stesso tempo ci affascina? Scopriamolo insieme.

 
 Sommario

Per secoli le persone erano terrificate da orchi, lupi che mangiano i bambini, vampiri e più recentemente da film come ad esempio “L’esorcista”. Non sono da meno le tonnellate di serie su omicidi e mostri: The Walking Dead, Dexter, Mindhunter, American Horror Story, etc. Insomma, perché l’horror ci affascina così tanto? Come si spiega?

Perché siamo cosi affascinati da ciò che fa paura? 

Cosa succede nel nostro cervello quando abbiamo davanti qualcosa di horror? I ricercatori hanno scoperto che quando ci troviamo di fronte a storie macabre proviamo sia sofferenza che piacere. Effettivamente nel nostro cervello il piacere e il dolore lavorano insieme ed è impossibile separarli.

Il senso di dolore ci permette di simpatizzare e immedesimarci nelle vittime. Allo stesso tempo, il senso di piacere si attiva. Questo spiega il sentimento confuso di fascino e repulsione.

La paura è un piacere catartico

Perché rallentiamo in macchina quando passiamo vicino a un incidente per cercare di vedere le vittime? Perché leggiamo per passare il tempo i libri di Stephen King o guardiamo Hannibal Lecter?

Prima di tutto, l’attrazione verso il macabro è un segno della nostra empatia: sentiamo la sofferenza di qualcun altro mentre ci sentiamo al sicuro. Guardando le vittime allontaniamo la paura. Amiamo vedere la morte per sentirci più vivi.

Essere testimone di un evento speciale ci permette creare una catarsi nel senso psicologico del termine, ovvero esteriorizzare un trauma. Al cinema, a teatro, in letteratura spesso sperimentiamo la paura su noi stessi: nodo allo stomaco, bocca asciutta, brividi, pelle d’oca, balzi di paura…tutto mentre sappiamo benissimo di poter mettere fine a questa situazione in qualsiasi momento. Cerchiamo di tenere i nervi saldi, qualunque cosa accada, non è reale ma pura finzione.

Saw L'enigmista

Secondo gli specialisti è il senso di impotenza di fronte a una tragedia nella vita reale che ci spinge verso il macabro, che possiamo controllare e dal quale possiamo scappare.

Perché ci piacciono così tanto i serial killer?

Mostri della vita reale e eroi fittizi, i serial killer sono una delle ragioni principale per la quale siamo attratti dal macabro. Tra fascino e condanna, sostituiscono i lupi mannari e i vampiri. Rappresentano un pericolo per la comunità ma allo stesso tempo rafforzano quella comunità.

La loro anormalità ci rassicura della nostra normalità. In ogni caso, il fatto che sembra che siano ovunque ci spinge a guardare dentro di noi. Saremmo capaci di commettere questi crimini? I serial killer rappresentano quindi i limiti che non siamo capaci di superare per paura di perdere la nostra umanità.

Cos’è l’ibristofilia?

L’ibristofilia si manifesta quando il fascino verso un serial killer si trasforma in attrazione romantica o sessuale.

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!