Perché l’horror ci affascina così tanto?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Serial killer, crimini sanguinosi e trame complicate di cui davvero non riusciamo a stancarci. L’horror e più in generale il terrore e la paura sembrano eccitare il nostro cervello tanto da darci la pelle d’oca. Anche se può metterci a disagio o farci stare male, molti di noi ne sono letteralmente ossessionati. Questo oscuro universo piace a tutti, anche ai più dolci e i più innocenti. Ma perché ha così tanta presa su di noi? Perché ciò che ci fa paura allo stesso tempo ci affascina? Scopriamolo insieme.

 
 Sommario

Per secoli le persone erano terrificate da orchi, lupi che mangiano i bambini, vampiri e più recentemente da film come ad esempio “L’esorcista”. Non sono da meno le tonnellate di serie su omicidi e mostri: The Walking Dead, Dexter, Mindhunter, American Horror Story, etc. Insomma, perché l’horror ci affascina così tanto? Come si spiega?

Perché siamo cosi affascinati da ciò che fa paura? 

Cosa succede nel nostro cervello quando abbiamo davanti qualcosa di horror? I ricercatori hanno scoperto che quando ci troviamo di fronte a storie macabre proviamo sia sofferenza che piacere. Effettivamente nel nostro cervello il piacere e il dolore lavorano insieme ed è impossibile separarli.

Il senso di dolore ci permette di simpatizzare e immedesimarci nelle vittime. Allo stesso tempo, il senso di piacere si attiva. Questo spiega il sentimento confuso di fascino e repulsione.

La paura è un piacere catartico

Perché rallentiamo in macchina quando passiamo vicino a un incidente per cercare di vedere le vittime? Perché leggiamo per passare il tempo i libri di Stephen King o guardiamo Hannibal Lecter?

Prima di tutto, l’attrazione verso il macabro è un segno della nostra empatia: sentiamo la sofferenza di qualcun altro mentre ci sentiamo al sicuro. Guardando le vittime allontaniamo la paura. Amiamo vedere la morte per sentirci più vivi.

Essere testimone di un evento speciale ci permette creare una catarsi nel senso psicologico del termine, ovvero esteriorizzare un trauma. Al cinema, a teatro, in letteratura spesso sperimentiamo la paura su noi stessi: nodo allo stomaco, bocca asciutta, brividi, pelle d’oca, balzi di paura…tutto mentre sappiamo benissimo di poter mettere fine a questa situazione in qualsiasi momento. Cerchiamo di tenere i nervi saldi, qualunque cosa accada, non è reale ma pura finzione.

Saw L'enigmista

Secondo gli specialisti è il senso di impotenza di fronte a una tragedia nella vita reale che ci spinge verso il macabro, che possiamo controllare e dal quale possiamo scappare.

Perché ci piacciono così tanto i serial killer?

Mostri della vita reale e eroi fittizi, i serial killer sono una delle ragioni principale per la quale siamo attratti dal macabro. Tra fascino e condanna, sostituiscono i lupi mannari e i vampiri. Rappresentano un pericolo per la comunità ma allo stesso tempo rafforzano quella comunità.

La loro anormalità ci rassicura della nostra normalità. In ogni caso, il fatto che sembra che siano ovunque ci spinge a guardare dentro di noi. Saremmo capaci di commettere questi crimini? I serial killer rappresentano quindi i limiti che non siamo capaci di superare per paura di perdere la nostra umanità.

Cos’è l’ibristofilia?

L’ibristofilia si manifesta quando il fascino verso un serial killer si trasforma in attrazione romantica o sessuale.

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Qual è il segreto di una vacanza di coppia perfetta?

Chi di noi non vede l’ora di partire in vacanza? Eppure quando si tratta di un viaggio di coppia, magari il primo, le ansie e le preoccupazioni sono tante. Le aspettative sono alte e la paura che un litigio possa rovinare tutto lo è altrettanto. Quali sono i segreti per una vacanza di coppia felice?

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!