Sindrome di Calimero: cos'è, quali sono i sintomi?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

"Come al solito, tutti mi trascurano!", "Comunque, il peggio capita sempre a me", "Ha avuto una promozione, ma solo perché è amica del direttore", "Mi fa di nuovo male la schiena, secondo me stavolta non mi passa più!"... Probabilmente tutti abbiamo incontrato almeno una volta un Calimero. È possibile che riguardi anche noi? Non vi nascondo che ci sono dei periodi in cui mi lamento tutto il giorno…Ma da cosa deriva questo comportamento? Che cosa si cela dietro questo atteggiamento?

Sindrome di Calimero: cos'è, quali sono i sintomi?
 
 Sommario

Che cos’è la sindrome di Calimero?

"È un’ingiustizia però"! Questa frase, che è diventata un cult, è la battuta preferita di Calimero. Questo piccolo pulcino nero, con un guscio d'uovo in testa, è l'eroe di un cartone animato degli anni 70. Si lamenta sempre, ed è per questo che ha dato il suo nome a questa sindrome: quella degli eterni lamentosi che passano il loro tempo a vedere tutto negativo, quelli che non riescono mai a vedere il lato positivo

🤷 Tendenzialmente, le persone cercano di scappare da chi è affetto da questa sindrome, perché può essere davvero estenuante sentire qualcuno lamentarsi per tutto il giorno. Tuttavia, queste lamentele non devono essere trascurate, perché spesso sono giustificate e reali.

Chi si sente sempre vittima? Perché si lamenta?

Quando ci lamentiamo, lo facciamo per liberarci di un peso. Buttare fuori tutto ciò che ci turba ci permette di tenere lontano il rischio di sviluppare delle malattie psicosomatiche. Pertanto, lamentarsi ha degli effetti molto positivi! Inoltre, lo psicologo e autore del libro "La sindrome di Calimero", Saverio Tomasella, spiega che in passato le persone evitavano di lamentarsi perché era un’abitudine mal vista dagli altri. In passato, bisognava tenersi tutto per sé, anche se questo significava ammalarsi (per il fastidio, l'ansia, la tristezza, che derivano dalle frustrazioni trattenute). Diciamocelo, lamentarsi è bello!

🎭 In effetti, lo facciamo tutti ogni tanto… Ma le persone che soffrono della sindrome di Calimero tendono ad abusare della situazione: lamentarsi per loro è un vero e proprio modo di vivere e di essere!

Quali sono le origini della Sindrome di Calimero?

Quando una persona si lamenta in continuazione, molto probabilmente vuol dire che nasconde una ferita profonda. Per esempio, si può trattare di una ferita d'infanzia che non è stata guarita in passato. Inoltre, se spesso sentiamo i nostri cari lamentarsi molto, è normale anche che sentire le loro lamentele in continuazione diventi per noi un'abitudine. Naturalmente, nessuno vuole ripetere gli errori dei propri genitori, ma a volte non ci rendiamo conto che la finiamo a fare esattamente la stessa cosa. Ripetiamo ciò che abbiamo subito quando eravamo più piccoli.

A volte le lamentele nascondono un malessere più profondo che la persona non riesce a verbalizzare o problemi che cerca di nascondere. Lamentarsi di tutto e di tutti distoglie la mente dai problemi reali: è un modo di attirare l'attenzione su se stessi per ottenere aiuto.

Due tipologie di Calimero

Lo psicologo ci parla di due tipologie di Calimero:

  • 1° gruppo: la lamentela si concentrerà su tutto ciò che intacca la persona
  • 2° gruppo: la lamentela riguarderà le ingiustizie, vissute o meno, dalla persona

Esprimere le proprie emozioni…lamentandosi!

I Calimero non si rendono conto che quando brontolano, stanno esprimendo un'emozione. Tuttavia, questa emozione non è una rappresentazione della realtà: il Calimero prova una determinata emozione negativa legata ad uno specifico evento, anche nei casi in cui la negatività è infondata.

💳 Per esempio, il bancomat si mangia la nostra carta di credito. Chi ha la sindrome di Calimero reagisce autocommiserandosi: "è ingiusto, me ne capitano di tutti i colori, come farò adesso?" Invece di fare un collegamento negativo con questo evento, è meglio esporre i fatti e le emozioni legate ad esso senza lamentarti: "La mia carta di credito è stata mangiata dal bancomat, sono in ansia perché non ho contanti".

Devono essere esposti i fatti ma soprattutto le emozioni. Parlare in questo modo ci permette di gestire meglio le nostre emozioni e di non stressare chi ci circonda, che generalmente non sa come reagire a una lamentela di questo tipo. Se ci esprimiamo bene, le persone potrebbero essere in grado più facilmente di offrirci soluzioni per aiutarci. Pensare positivo attira sempre il positivo!

Come uscire dalla sindrome di Calimero?

Per sbarazzarsi della sindrome di Calimero, ci sono tre passi da fare. Sia che tu abbia un Calimero nella tua vita o che tu lo sia, queste soluzioni possono davvero aiutarti:  

😩 Accettare di vedersi come si è: non è facile ammettere di essere delle persone che si lamentano spesso. Ma mettersi a confronto con il proprio comportamento ci permette di aprire gli occhi.

🧐 Capire l'origine delle lamentele: è necessario determinare da cosa derivano le lamentele. Capirne l'origine (shock emotivo, preoccupazione per la salute, grande stanchezza…) permette di risolvere il vero problema, anche se si tratta di un'abitudine.

😌 Esprimere le proprie emozioni: lamentarsi è un'azione, dev’essere sostituita da qualcos'altro che ti consenta di esprimere i tuoi sentimenti. Puoi pensare di scrivere un diario, tenere un blog, o anche fare qualcosa che ci rilassa, come un’attività meditativa.

Tuttavia, non dobbiamo dimenticare l'essenziale. Parlare con un professionista ed essere accompagnati da un terapeuta ci permette di capire il passato e la sua influenza sui nostri comportamenti. È quindi necessario essere in grado di fare un vero e proprio lavoro su se stessi per sbarazzarsi di questo tipo di lamentele inutili.

Se conosci un Calimero, puoi pensare di dargli qualche consiglio, parlandogli con molta sensibilità ed empatia.  Questo aiuterà veramente la persona a prendere coscienza di questo suo modo di essere.


Il consiglio della redazione – Troppo è troppo!

Come abbiamo visto, lamentarsi a piccole dosi va bene, ma troppo è troppo! E soprattutto, non è costruttivo! Se pensi che tu o qualcuno vicino a te abbia la sindrome di Calimero, prendi un appuntamento con uno psicologo. Insieme, capirete cosa c’è alle base di questo comportamento per comprenderlo meglio e sostituirlo con una nuova attitudine più positiva.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fonte: La sindrome di Calimero Condividi di Saverio Tomasella

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

La triade oscura: narcisista, machiavellico o psicopatico?

Mi è successo tante volte di rimanere stupita o senza parole ma in questo caso sono davvero in stato di shock. Facendo il test della triade oscura ho scoperto di avere una personalità per il 13% più oscura della media, con una netta tendenza al narcisismo. E se scoprissi anche tu di avere una personalità tossica? 😭 Quale test riesce a scoprire il tuo lato oscuro?

Come dimenticare un narcisista perverso?

È difficile vivere con un narcisista perverso, ma è ancora più difficile lasciarlo e dimenticarlo. Il narcisista perverso è disposto a fare qualsiasi cosa pur di tenerti vicino a sé. Se sei riuscito a lasciare un pervertito narcisista, non è detto che sia così semplice dimenticarlo. Come si supera questa rottura, che è spesso più dolorosa delle altre? Ecco i consigli dei nostri psicologi.

Disturbo narcisistico: cosa vuol dire e quali sono i sintomi?

Carismatici e sicuri di sé, i narcisisti sembrano capaci di fare tutto e invulnerabili, persone alle quali non può succedere nulla di male. Ma dietro questa apparenza si nasconde spesso una grande debolezza e la paura del fallimento: i primi sintomi del disturbo narcisistico. Come riconoscere una persona narcisista? E da cosa deriva questo disturbo? Ecco tutto ciò che c’è da sapere per gestire un disturbo narcisista.

Come riconoscere un narcisista perverso? 10 utili consigli

Il capo, un congiunto o un parente… Tutti quanti un giorno potremmo trovarci faccia a faccia con un narcisista perverso che cercherà di trascinarci in un vortice distruttivo. Ma cos’è un narcisista perverso? E soprattutto, come riconoscerlo? Ecco 10 consigli semplici ed efficaci per riconoscerlo. È importante saperlo identificare per potersi proteggere!

Quali sono le conseguenze psicologiche dell'infedeltà?

Esiste un tradimento peggiore rispetto a quello del proprio partner? Nel mio caso, avendolo vissuto, direi proprio di no. È un vero e proprio tsunami che ti sommerge e sconvolge il tuo mondo. Perché fa così male? Cosa fare per non soffrire dopo aver scoperto l’infedeltà della persona che ami? Le conseguenze psicologiche dell’infedeltà possono essere disastrose e possono volerci anni per riprendersi o addirittura esiste il rischio di portarsi dietro questa ferita per tutta la vita... Parliamone insieme!

Perchè ho sempre bisogno di controllare tutto?

Vacanze, vita quotidiana, lavoro: pianifichi tutto nei minimi dettagli. L'imprevisto ti rende nervosa e nella tua vita c'è poco spazio per gli imprevisti. Ma cosa si nasconde dietro questo esagerato bisogno di controllo? Come si può imparare a lasciar correre per non farsi prendere dal panico quando il programma cambia? Leggi per scoprirlo.

Vorrei che i miei genitori fossero fieri di me, perché ho così tanto bisogno della loro approvazione?

Ho più di 30 anni ma provo sempre la stessa felicità nell’annunciare un mio successo a mio padre. So che mi rende felice farlo, soprattutto da quando la mamma ci ha lasciati. Però, allo stesso tempo, mi chiedo sempre: perché ho bisogno di sapere che mio padre è fiero di me? Perché, in generale, abbiamo bisogno dell’approvazione dei nostri genitori? Renderli felici è una cosa, ma è bene farsi delle domande se la loro approvazione occupa un posto troppo importante nella nostra vita.

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Perché ho costantemente bisogno di attenzioni?

Anche tu hai la spiacevole tendenza a fare di tutto un dramma affinché gli altri si prendano cura di te? Non smetti mai di pretendere la loro attenzione, a qualunque costo? Se la risposta è si, fai sicuramente parte di quelle persone che vivono per attirare l’attenzione degli altri. A lavoro, tra amici o sui social, devi sempre essere il centro dell’universo. E nonostante questo comportamento eccessivo spesso e volentieri non ti faccia star bene, è più forte di te! Ma da cosa deriva? Come porvi rimedio prima che sia troppo tardi?

Essere proattivi: cosa vuol dire? Come diventarlo?

A volte mi sembra di essere totalmente proattivo, altre volte molto meno. So che è un comportamento che può apportarmi molto, soprattutto in ambito professionale. Ma cosa significa esattamente essere proattivi? Perché è un bene esserlo dal punto di vista professionale? Scopriamolo insieme!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!