Non sopporto le persone! È una cosa seria, dottore?

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Mi lamento al volante quando c'è un ingorgo, mi lamento alle casse quando c'è la fila, mi lamento il sabato quando tutti hanno deciso di andare in centro città. Non credo di riuscire più a sopportare le persone. La ragazza di città che sono sempre stata ha persino iniziato a sognare la campagna e una casa isolata per avere meno contatti sociali possibili. È una cosa seria, dottore? Beh, non proprio. Spiegazione.

Non sopporto le persone! È una cosa seria, dottore?

Perché non sopporto più le persone?

Sono sempre stata un'introversa. In altre parole, mi sono sempre sentita più a mio agio nel fare le mie cose, come seguire le mie passioni, piuttosto che uscire con le persone 😅. Mi ricarico stando da sola e poiché la solitudine non mi pesa, non vedo passare il tempo. Quindi, quando esco e mi trovo in mezzo alla folla, la mia ansia sociale è al massimo: ci sono troppe persone, troppo rumore, troppi stimoli 🤯.


"La solitudine è pericolosa. Crea dipendenza. Una volta che vedi quanto è pacifica, non vuoi più affrontare le persone".

Carl Jung.


Trovo questa citazione del famoso psichiatra Carl Jung molto vera! Ci abituiamo alla pace e alla tranquillità e questo ci spinge a ripiegarci sui noi stessi. A maggior ragione quando le persone ci disturbano. In fondo, non possiamo prevedere il comportamento degli altri, ci troviamo di fronte a loro e dobbiamo interpretare il loro comportamento. Infatti, lo psicologo Albert Ellis ci ricorda che è proprio questa interpretazione ad allontanarci dagli altri.

Insoddisfazione mascherata?

"Non vediamo le cose come sono, le vediamo come siamo". - Anaïs Nin

Ancora una volta, con questa citazione torniamo all'interpretazione. Il modo in cui vediamo gli altri riflette un sentimento che abbiamo dentro di noi. Quindi, se ci sentiamo insoddisfatti o frustrati, questo può influenzare le nostre emozioni nei confronti degli altri.

Personalmente, non mi sento così. Beh, tranne quando sono al volante e sono infastidito da un comportamento pericoloso 😠. Credo che sia soprattutto il mio lato asociale, che preferisce essere lasciato in pace 😬. Fondamentalmente è nella mia natura, quindi non mi allarmo, ma potrebbe nascondere qualcos'altro?

👋 Potrebbe interessarti anche questo articolo: Mi sento diverso dagli altri: una benedizione sotto mentite spoglie?

È grave non piacere agli altri?

Non c'è nulla di male nell'essere antipatici. Almeno, se riesci a mantenere la giusta prospettiva e a non escluderti dalla società, non c'è nulla di cui preoccuparsi. Sì, è normale provare emozioni negative di tanto in tanto, ma se sono costanti, indicano un problema più profondo 🧐.

Il fondatore della psicologia individuale, Alfred Adler, spiega che un individuo che non si interessa ai suoi simili è un pericolo per la comunità. Se mi definisco asociale, faccio una netta distinzione con la personalità antisociale, descritta da Adler. Si tratta di una vera e propria malattia psichiatrica con una crudele mancanza di empatia 😔.

Tuttavia, senza arrivare a tanto, è anche possibile che la depressione o un disturbo d'ansia possano disturbare la nostra visione degli altri. So di essere affetta da quest'ultimo disturbo, quindi credo che questo rafforzi la mia avversione per le folle e gli estranei. Mi associo a quest'ultima affermazione, perché anche se sono un solitario per natura e soffro di un disturbo, questo non mi impedisce di circondarmi 👀.

👋 Potrebbe interessarti anche questo articolo: Agorafobia: definizione, cause, sintomi e trattamento

Non isolarti completamente

"L'uomo è un animale sociale" diceva Aristotele. Per stare bene, abbiamo bisogno di interazione sociale ed è per questo che ho ancora la mia famiglia e un gruppo di amici che mi sono cari. A volte ho il coraggio di uscire dalla mia zona di comfort e conoscere nuove persone. Almeno quando mi sento a mio agio, cioè quando non c'è troppa gente. È fondamentale non isolarsi completamente e non rimanere bloccati in un sentimento di esclusione.

Devi trovare il giusto equilibrio. Questo mi ricorda il tatuaggio minimalista di un'amica che ha "adore et endure" sul braccio. Significa che adora gli altri tanto quanto li sopporta. Torniamo alla citazione di Aristotele 🧐 ! Avere un entourage e delle persone che ami è fondamentale, ed è su questa base che puoi permetterti di non sopportare più gli altri 😜.


Il consiglio della redazione: un impatto sulla tua vita quotidiana

Avere l'impressione di non sopportare più il mondo che ti circonda non è una cosa negativa, purché non ti ostacoli nella vita di tutti i giorni e non sia fonte di sofferenza. Può anche essere una fase, un periodo di depressione o molte altre cose. Se pensi di non riuscire più a sopportare le persone del tuo genere e che questo ti complichi la vita quotidiana, ostacolando la tua realizzazione e i tuoi successi, non esitare a prendere un appuntamento con uno psicologo per fare il punto della situazione.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Ti potrebbero interessare:

Fonte: "Quiet: The Power of Introverts in a World That Can't Stop Talking" par Susan Cain // "Feeling Good: The New Mood Therapy" di David D. Burns

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Da piccola giocavo molto con i Lego e con i videogiochi. Per me sono passioni come tutte le altre e a 33 anni gioco ancora ai videogiochi. Tuttavia, ciò che non è normale è che quando ero più giovane venivo descritta come un "maschiaccio". In realtà, ho sempre odiato questo termine e credo sia ora di smettere di usarlo. È sessista e attribuisce un'etichetta alle ragazze che non rientrano nei cliché del loro genere, quindi non pronunciarlo mai più!

Detesto i complimenti, perché mi mettono così a disagio?

“Hai un talento naturale per la fotografia, sei bravissima!”. Improvvisamente divento rossa come un peperone e non so più come comportarmi. I complimenti mi mettono terribilmente a disagio, ma so che dovrei viverli in tutt’altra maniera. La maggior parte delle persone infatti amano i complimenti! Io non riesco ad accettarli. Perché? Cosa mi mette così a disagio?

Sono una di quelle persone che non mettono il lavoro al centro della propria vita. D'altra parte, ho un'amica che lo fa, al punto che il suo corpo cede regolarmente. È chiaro che il suo lavoro è la sua ragion d'essere e dà il massimo. Forse un po' troppo. Ecco perché ho voluto scrivere questo articolo, per ricordarle di fare attenzione! Forse sarà utile anche a te, soprattutto se senti che la tua carriera sta occupando tutto lo spazio della tua vita.

Basta con la pressione per avere una vita sessuale folle, anche il missionario va bene!

"Haaa cosa non hai mai provato la posizione della carriola moldava?". No Ginetta, non ho mai provato questa posizione sessuale, ma il tuo sguardo stupito mi mette sotto pressione... Onestamente, a chi non è mai capitato durante una discussione tra amiche? A me è successo e anche se la carriola moldava non esiste, avevo il diritto di essere giudicata per altre pratiche sessuali che non pratico. Sembra che tu debba fare di tutto a letto per dimostrare di avere una vita sessuale pazzesca... Basta!

La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Non riesco a credere di essere nata sotto una cattiva stella solo a causa della mia famiglia che, ammettiamolo, è lungi dall’essere perfetta. Quando mia madre non mi fa sentire in colpa, ci pensa mio padre a sminuirmi ed a paragonarmi alla sorella che non ho mai avuto. Per essere felice e sfuggire a questa relazione "tossica", ho dovuto prendere delle misure, poi le distanze. Ti racconto come ho imparato a stare alla larga dai miei genitori nocivi.

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Viviamo gli uni accanto agli altri, senza vederci veramente. In coppia, in società, in senso generale, spesso ci si sente soli. E ancora di più in periodo Covid. Trasparenti, incompresi…questa solitudine è pesante e ci fa isolare ogni giorno un po' di più. Prima di finirla da sole con 10 gatti (anche se questi ultimi sanno essere di grande conforto!), ecco 8 trucchetti per colmare definitivamente questa sensazione di vuoto e non sentirci mai più messe da parte.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!