Come smettere di desiderare continuamente l’approvazione altrui?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Da quando ero piccola, ho sempre avuto l’impressione di fare le cose in funzione degli altri. Il mio comportamento e, di conseguenza, le mie scelte sono state a lungo dettate dall’approvazione altrui. Crescendo, ho poi imparato ad affermarmi e soprattutto a dimenticare cosa gli altri potessero pensare di me. Perché cerchiamo sempre approvazione? Come liberarsi di questo desiderio che potrebbe diventare tossico? Visto che ci sono passata, ecco qualche consiglio.

 
 Sommario

Perché cerchiamo l’approvazione degli altri?

Scarsa autostima

Solitamente l’autostima si costruisce durante l’infanzia. Spesso vittime della “sindrome della buona allieva”, le donne sono le più coinvolte in questo bisogno di approvazione. Si impara, sin da piccole, a far passare la volontà degli altri davanti alla nostra. E con il tempo, si pensa che la condiscendenza sia la scelta giusta. È mentalmente faticoso voler sempre piacere agli altri e pretendere da se stessi la perfezione. La sensazione di dover sempre verificare che gli altri stiano bene e siano soddisfatti non dovrebbe essere una tua responsabilità!

Ovviamente, ci sono cause concrete per questo comportamento, eccone una lista non esaustiva:

  • Scarsa autostima,
  • Insicurezza,
  • Rifiuto da parte di un genitore (o, al contrario, una protezione eccessiva durante l’infanzia),
  • Vuoto interiore,
  • La paura della solitudine,
  • La dipendenza emotiva,
  • Un trauma.

👉 Pensare sempre a ciò che gli altri possano dire o pensare di noi può far nascere anche angosce più profonde. Certe persone soffrono al punto di diventare blemmofobi, ovvero, avere paura dello sguardo degli altri.


Il desiderio di essere amati

La psicologa Lysiane Panighini spiega che essere accettati dagli altri è come essere amati. Se chi ci circonda riconosce il nostro valore attraverso le nostre azioni, pensieri o lavoro, ci convinciamo di essere una persona di valore. È come se desse un senso alla nostra vita! Ecco perché certe persone, più di altre, hanno bisogno di riconoscenza. La terapeuta spiega che si tratta spesso di caratteri estremamente perfezionisti, addirittura persone psicorigide che hanno bisogno dell’accettazione altrui.



Come smettere di cercare l’accettazione altrui?

È necessario modificare poco a poco il nostro modo di pensare. Piuttosto che cercare accettazione dall’esterno bisogna cercare di trovare la felicità sviluppando una relazione stabile con se stessi. Avere fiducia in se stessi senza l’approvazione altrui significa amarsi e riconoscere il proprio valore. Ecco le regole d’oro per smettere di cercare l’approvazione altrui:

Impara ad amarti

Devi immaginarti di essere la tua migliore amica. Quando siamo con una persona che conta molto per noi, odiamo sentire cose negative su di lei. Bisogna quindi applicarlo su te stessa dicendoti le stesse parole gentili che rivolgeresti ad un’amica. Praticare l’autocompassione permette di imparare ad amarsi a poco a poco. Inoltre, bisogna tenere a mente che è impossibile piacere a tutti. L’essenziale è amare prima se stessi.

Accetta chi sei

Può essere difficile accettarsi in tutte le proprie sfaccettature. È proprio lì che comincia il lavoro di fiducia in se stessi. Bisogna fare attenzione ai minimi dettagli per capirli al meglio. È un vero e proprio esercizio di confronto con se stessi, ecco perché è utile farsi accompagnare da un terapeuta. Maggiori verità scopriremo su noi stessi, meno avremo bisogno del contributo degli altri.

Accetta e rispetta le tue scelte

È importante essere sicuri delle proprie scelte per potersi amare sul serio. La minima discrepanza potrebbe sabotarci. Ecco perché è fondamentale che tutte le scelte riflettano chi siamo. Così sarà molto più semplice accettare le proprie decisioni e le loro conseguenze. Poco a poco, bisogna cercare di esprimere la propria opinione e i propri sentimenti con gli altri. Più lo si fa, più aumenterà l’autostima.

Abbi coscienza di ciò che sei

Ascoltare i propri desideri, la fame, la stanchezza… significa ascoltare se stessi. Esistono tecniche come la meditazione consapevole per riconnettersi al proprio corpo e le proprie emozioni. Vivere il momento presente è un processo che permette di avere una migliore coscienza di sé. Inoltre, la meditazione aiuta a regolare il flusso di pensieri e di conseguenza ad allontanare le preoccupazioni relative al pensiero altrui. Osservare senza farsi invadere è la parola chiave.

🥰 La cosa più liberatrice che si possa dire è che solo tu puoi conoscere la vera “te”. Poco importa ciò che pensano gli altri o come scelgono di vederci. Solo tu ti conosci e nient’altro conta.

Non lasciare che il rumore delle opinioni altrui soffochi la tua voce interiore” Steve Jobs



Il consiglio della redazione

Il bisogno di approvazione è normale ma diventa invalidante quando gioca sulla nostra autostima, quando non si riesce più ad essere obiettivi. In questo caso, potrebbe perdersi nella sua ricerca di approvazione, rinnegare i propri valori e idee per allinearli con la persona da prendere come esempio.

E quando non si viene accettati può nascere una profonda tristezza, addirittura la depressione. È quindi importante consultare un medico se ti senti troppo dipendente dall’approvazione degli altri.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe



Fonte: milanopsicologo.it 

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!