Tripofobia: che cos’è la paura dei buchi?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Esistono diverse fobie e si sa che alcune di queste sono davvero strane e singolari. La cosa incredibile delle fobie è che spesso sembrano essere ingiustificate ovvero che, pur non avendo vissuto particolari traumi, si prova una repulsione o un terrore verso qualcosa, arrivando addirittura ad avere dei veri e propri attacchi di panico. Tra le fobie più singolari troviamo la tripofobia, ovvero la fobia dei buchi: scopriamo insieme di cosa si tratta.

Tripofobia: che cos’è la paura dei buchi?
 
 Sommario

La tripofobia non è sicuramente tra le fobie più famose e solo di recente si iniziano a vedere articoli e foto a riguardo. Insomma, potrebbe sembrare una fobia “nuova” ma in realtà sono diverse le persone che sembrano soffrirne. Di che cosa si tratta?

Quali sono le caratteristiche della tripofobia?

Il termine tripofobia deriva dal greco τρύπα, trýpa, che significa "buco" e φόβος, phóbos, che significa “paura”, indica cioè la paura dei buchi irregolari, dei fori o delle forme geometriche ravvicinate tra loro. Questa fobia non è stata riconosciuta come disturbo mentale, ma è stata inserita nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali. In ambito scientifico si è iniziato a parlare di tripofobia soltanto nel 2013 e, pur non essendo una fobia molto conosciuta, con l’andare del tempo si è scoperto che sono molte le persone che sembrano esserne affette, cosa che ha spinto la comunità scientifica a svolgere delle ricerche a riguardo.

Chi soffre di tripofobia, dunque, non sopporta la vista o ha paura di buchi più o meno vicini tra loro. Gli stimoli fobici che provocano una reazione di paura, fastidio o addirittura panico in chi soffre di tripofobia sono:

  • Bolle
  • Spugne
  • Fori dei mattoni
  • Tubi
  • Pori della pelle
  • Baccello di un fiore di loto
  • Alveari
  • Coralli
  • Fragole e Melagrane

Potrebbe interessarti: Cos'è la dismorfofobia? Quali sono i sintomi?

spugna

Quali sono i sintomi?

Le persone affette da tripofobia possono presentare sintomi sia alla vista di contesti innocui come per esempio spugne o bolle, ma anche alla vista di contesti legati al pericolo, come le fosse degli insetti o le cavità presenti nei tessuti malati o nelle ferite. Alla vista di questi elementi, le persone che soffrono di tripofobia provano:

  • Brividi e pelle d’oca
  • Sudore freddo
  • Palpitazioni
  • Formicolio e prurito
  • Disturbi visivi, come affaticamento degli occhi, distorsioni o illusioni ottiche
  • Respirazione affannosa
  • Tremori
  • Intorpidimento

Nei casi più gravi il soggetto può provare questi sintomi anche solo all’idea di un’immagine correlata alla fobia; inoltre, quando questi sintomi si aggravano, possono portare anche ad un attacco di panico.

Quali sono le cause?

Tra le particolarità di questa fobia si sottolinea il fatto che, tendenzialmente, non deriva da traumi del passato né da un’oggettivo livello di pericolosità ma, anzi, sembra essere provocata provocata da stimoli prevalentemente innocui, ma che rimandano inconsciamente ad un’associazione delle forme tripofobiche al pericolo o alla malattia e, quindi, ad elementi effettivamente dannosi. Tale associazione risale al corso dell’evoluzione dell’uomo, ed è per questo che alcuni scienziati suppongono che questa fobia abbia basi evoluzionistiche.

I primi a intraprendere degli studi a riguardo sono stati gli scienziati dell’Università di Essex, guidati da Geoff Cole e Arnold Wilkins. In un articolo pubblicato nel Psychological Science in cui esponevano i risultati delle ricerche svolte, gli scienziati hanno affermato che questa fobia sembrerebbe avere origine non da disturbi psichici, ma piuttosto da una parte “primitiva del cervello” legata all’istinto di sopravvivenza, che associa queste forme a determinate fonti di pericolo quali per esempio animali pericolosi o insetti. Così facendo, si crea una reazione inconscia che porta dunque alla repulsione e alla paura

Come combattere questa fobia?

Esistono delle terapie specifiche per combattere le fobie. Come per tutte le altre fobie, il trattamento può affievolire i sintomi sopracitati ma non per forza riuscirà ad eliminare completamente la sensazione di paura o di fastidio. In ogni caso, esistono varie opzioni: per le fobie più gravi si ricorre anche a cure farmacologiche, ma di norma si fa ricorso alle tecniche di esposizione e sensibilizzazione, nonché alle terapie cognitivo-comportamentali (TCC).

La redazione ti consiglia: E se avessi paura di farcela? Di avere successo?


Il consiglio della redazione – Non provare vergogna

Parlare delle nostre paure può essere imbarazzante, ancor più se si tratta di fobie che potrebbero essere definite bizzarre come la tripofobia. Tuttavia, una fobia non deve mai essere presa sottogamba. Bisogna ricordarsi che è assolutamente normale soffrire di una qualsiasi fobia e che ognuno di noi ha le sue stranezze che, se necessario, vanno affrontate a testa alta. Se soffri di una fobia che alle volte rende la tua vita un inferno, non esitare a contattare uno psicologo o un terapeuta, che saprà aiutarti a iniziare il percorso per sconfiggere la tua paura, senza mai giudicarti.


*Fonte:

Wikipedia, Tripofobia

Nurse24.it, Tripofobia

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!