Fobia d’impulso: tutto ciò che c’è da sapere per capirla e guarirne

Aggiornato il da La Redazione Wengood

“Se all’improvviso giro il volante, avremmo tutti un incidente mortale”… Ammettilo, tutti abbiamo già pensato qualcosa di simile alla guida o in altre situazioni. Immaginare situazioni cupe è molto comune. Per alcuni, però, questi pensieri diventano delle vere e proprio angosce invivibili. Parliamo della fobia d’impulso, che spesso si traduce con la paura di uccidere qualcuno. Come sbarazzarsene? Scopriamolo insieme.

 
 Sommario

Cos’è la fobia d’impulso?

Quando si soffre di questa fobia, si è costantemente sommersi da pensieri invadenti sul commettere un’azione violenta: insultare un professore, baciare uno sconosciuto, saltare nel vuoto. Potrebbero essere anche pensieri di cui vergognarsi: strangolare il proprio figlio, investire un passante, uccidere il partner con un coltello da cucina e così via.

Un disturbo ossessivo

Gli psichiatri considerano queste persone come vittime di un Disturbo Ossessivo Compulsivo. Effettivamente, il dottore Sauteraud spiega che la fobia presuppone che ci sia un oggetto fobico (per esempio i ragni), mentre la fobia d’impulso è una sofferenza permanente.

😥 Pietrificata dall’ansia, la persona si isola per paura di fare del male a chi le sta intorno o di commettere atti irreparabili.

Da cosa deriva la fobia d’impulso?

Natalia Koszegi, psicologa ricercatrice al Centro di ricerca dell’Istituto universitario di salute mentale di Montréal ha osservato un caso esemplare attraverso i suoi studi. Tra il 50 e il 60% dei malati soffrono di un altro disturbo psicologico legato per esempio all’umore (63%) o di un disturbo dell’ansia generalizzata (76%). Questa malattia si trova quindi spesso in un insieme che nuoce al benessere psichico della persona malata.

I fattori scatenanti

Non ci sono delle cause chiaramente identificabili della fobia d’impulso, poiché ogni caso varia a seconda del paziente. Uno shock emotivo, un cambiamento nella vita, una situazione particolare come un eccessivo stress sul lavoro, vivere a stretto contatto con una persona psicorigida… Tutti fattori che possono scatenare la fobia d’impulso.

La comparsa di questo disturbo ossessivo compulsivo è stata riscontrata in particolar modo tra le donne dopo il parto. Nell’impossibilità di vivere un post-partum sereno, le giovani mamme sono sottoposte a un torrente emotivo combinato a un crollo degli ormoni e hanno quindi paura di fare del male al bambino.

Quali sono i sintomi della fobia di impulso?

  • Ci sono tre tipi di manifestazioni della fobia di impulso:
  • La paura di commettere un atto violento per inavvertenza;
  • La paura di avere un raptus o una pulsione aggressiva e di passare all’azione;
  • La paura di farsi del male.

Non è quindi strano avere questi pensieri in testa. Quando si soffre di questo disturbo, si è invasi da un panico che genera diversi sintomi corporei:

  • tremolii,
  • palpitazioni,
  • sudore freddo,
  • vertigini,
  • nausea,
  • pianti,
  • crisi d’ansia,
  • isolamento e fuga per paura di passare all’azione.

La difficoltà di vivere con la fobia d’impulso

Soffrire di questo disturbo è un vero e proprio inferno per le persone malate. Hanno sempre pensieri intrusivi che possono concretizzarsi in aggressioni fisiche o sessuali. A forza di avere questo tipo di pensieri, certi malati pensano di essere pazzi e che passeranno effettivamente all’azione, quando dovrebbero invece tranquillizzarsi.

Si tratta di una situazione molto ansiogena in cui è difficile avere una vita normale 😣 : cucinare, lavorare, viaggiare, guidare ecc. I dubbi sono costanti e ritmano la vita del malato.

Come guarire da questo disturbo psicologico?

I pensieri invadenti sono fonte di vergogna per il paziente poiché si tratta di atti violenti e punibili. Questo sentimento di vergogna li spinge a chiudersi nel silenzio e nella solitudine. Il dottor Sauteraud spiega che una persona afflitta da questo disturbo ha il 50% di possibilità in più di sviluppare sintomi depressivi.

Una terapia per guarire

È importante non isolarsi quando si soffre della fobia d’impulso nonché contattare un professionista (ad esempio, uno psicologo) per poter prendere coscienza che si tratta solo di una paura e non della realtà. Inoltre, uno psichiatra potrà prescrivere degli antidepressivi (se l’ansia diventa incontrollabile) che aiuteranno il paziente a gestire meglio le proprie emozioni.

Ricorda, la terapia cognitivo-comportamentale (TCC) resta la più adatta per questo disturbo ossessivo compulsivo perché mette il malato di fronte ai suoi pensieri ossessivi. I medicinali possono aiutare, ma è necessario fare un lavoro più profondo di accompagnamento per guarire totalmente.


Il consiglio della redazione: non aspettare

L’avrai capito, la fobia d’impulso è molto invalidante nella vita di tutti i giorni ma fortunatamente esistono delle terapie molto efficaci. Non bisogna aspettare e rivolgersi ad un professionista rapidamente per essere curati.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Love bombing: il corteggiamento del narcisista manipolatore

Mi è già capitato che un uomo mi promettesse la luna. Sin da subito è partito in quinta e io ho creduto alla sua sincerità. Alla fine però mi ha mollata di punto in bianco solo qualche settimana dall’inizio della nostra relazione. Per me è stato un shock. Al tempo non sapevo che si tratta di una vera e propria tecnica di seduzione per molte persone! Facciamo il punto della situazione su questa nuova tendenza amorosa che miete numerose vittime…

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!