Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

 
 Sommario

Non parlo, io sento, io penso

Ho sempre pensato, immaginato e sognato molto. Ero la tipica bambina con la testa tra le nuvole. Essendo una persona introversa, non riuscivo ad approcciarmi con facilità alle altre persone e, ancora oggi, riscontro delle difficoltà. Preferisco di gran lunga osservarle, ascoltarle e pensare. Fatto sta che, ogni volta che cerco di parlare di qualcosa di un po' più profondo, come i miei sentimenti, l'importanza dell'amicizia, le mie ambizioni, la sensazione di vuoto che sento, ecc. tutti restano a bocca aperta, non sanno cosa dire, quindi o passano ad altro o mi prendono in giro. Per esempio: un giorno, durante una chiacchierata con le mie amiche, stavo parlando del mio ragazzo e dei sentimenti che provavo per lui. Una delle mie amiche mi ha chiesto se sentivo davvero queste cose o se stavo solo parafrasando un libro. Chiaramente, la mia capacità di sentire, analizzare ed esprimere i sentimenti non rientra nella sfera della normalità più comune.

Vedi anche - 10 caratteristiche che dimostrano che sei una persona introversa!

Le emozioni sono alla base della diversità

Non mi reputo una persona ipersensibile, ma probabilmente piuttosto iperemotiva: penso sia proprio questa iperemotività che mi porta a sentirmi diversa. Sento e reagisco alle emozioni in modo estremo e non riesco a nasconderlo. Questo mi distingue da quelli che hanno imparato a controllare la loro rabbia o a non piangere davanti a tutti. Sono queste forti emozioni che rendono la mia vita intensa e che, allo stesso tempo, la complicano. Inoltre, sono una persona molto empatica e fare del bene agli altri mi rende incredibilmente felice. C’è da dire, però, che esagero sempre: se ho ospiti in casa, io accendo candele, cucino tutto il giorno e non faccio mancare assolutamente nulla. Nessuna delle persone che conosco si fa così tanti problemi, e questo non mi fa sentire bene. La percepisco come una mancanza d'amore, come se nessuno volesse davvero conoscermi.

Accettare di essere unici e smetterla di sentirsi diversi

Non sono sicura che un giorno riusciremo a sentirci meno diversi. Siamo tutti unici e alle volte basta sentire questo senso di inadeguatezza, di diversità, del sentirsi incompresi, affinché questa sensazione ci resti appiccicata addosso. Questo non significa che dobbiamo allontanarci da tutto e tutti o costringerci ad adattarci, mettendo da parte la nostra vera natura. Il segreto è imparare a capire noi stessi, ad accettarci e soprattutto a non temere più lo sguardo degli altri. È una sfida enorme, ma una volta che abbiamo capito chi siamo, di cosa abbiamo bisogno e come esprimerlo, tutto sarà più semplice. Può anche essere un'opportunità per cercare di capire meglio gli altri. Le differenze ci saranno sempre, ma non siamo gli unici a essere eccezionali e a sentirci diversi. Ognuno di noi ha un'unicità che lo distingue. Avendo il coraggio di essere noi stessi, spingiamo anche gli altri ad essere più naturali, e in questo modo creiamo relazioni più autentiche, profonde e appaganti.

La redazione ti consiglia - Blemmofobia: la paura dello sguardo degli altri

Ipersensibilità, alto potenziale, sindrome di Asperger…

Avere un talento sconosciuto, essere ipersensibili o avere la sindrome di Asperger sono tutti fattori che possono essere la causa della sensazione del sentirsi diversi, fuori posto. Alcuni test e dei professionisti possono aiutarti e accompagnarti se pensi che la tua diversità sia legata a un potenziale fuori dal comune, alla sindrome di Asperger o a un disturbo "dis" (dislessia, discalculia, disortografia) o, ancora, a un deficit dell'attenzione. La sensazione di essere diversi, di essere un'eccezione, può rafforzarci, ma può anche causare sofferenza e portare alla depressione

Potrebbe interessarti - E se ci chiedessimo per davvero "come va"?


Il consiglio della redazione - Fai della tua diversità una forza

Sentendosi costantemente inadatti, alcune persone possono arrivare a decidere di vivere in disparte, di non lavorare, di non avere amici, di non creare una famiglia, di non viaggiare, ecc. Per questo la sensazione di essere unici e diversi, se non è ben vissuta, ci deve portare a chiederci "chi sono veramente?". Insomma, non esitare a chiedere aiuto a uno specialista, un terapeuta e uno psicologo, per affrontare insieme questo percorso.

Articolo suggerito da
Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma... Continua a leggere

Gli articoli appena pubblicati

Il cervello rettiliano è responsabile dei nostri comportamenti primari?

“Avrei voglia di qualcosa di dolce, di zucchero… il cervello rettiliano mi sta mandan...

Leggi

Perché ci piace avere paura? È colpa degli ormoni!

Inventare storie di fantasmi, ascoltare orribili leggende, cercare di parlare con gli...

Leggi

Come evitare di trasformare la rabbia in violenza?

Il confine tra rabbia e violenza è sottile e a volte basta davvero poco perché la rab...

Leggi

La logoterapia: dare un senso alla propria vita

La fine di una storia d’amore, un lutto, un licenziamento… A volte la vita ci mette a...

Leggi

Quali sono le 6 emozioni primarie? Paura, gioia e…

Le emozioni, che universo misterioso! Insegniamo ai bambini a riconoscerle, agli adul...

Leggi

Mi annoio in ufficio… Soffro di sindrome da bore-out?

Più passano i giorni, più cerco di ammazzare il tempo al lavoro. Per alcuni potrebbe ...

Leggi

5 buone ragioni di ascoltare le proprie emozioni sul lavoro

Le emozioni non sono un freno al successo. Al contrario, possono essere un incredibil...

Leggi

I benefici della noia, o l’arte del dolce far niente

“L’ozio è il padre di tutti i vizi”, sei d’accordo? In ogni caso, il mondo corre a mi...

Leggi

La mitomania: mentire per valorizzarsi

Se pensi che Pinocchio gli fa un baffo, sei di fronte ad un mitomane! Non hai mai dub...

Leggi

Perché mentiamo? Siamo tutte un po’ bugiarde!

Parliamoci chiaro, siamo tutte un po’ bugiarde! Chi non hai mai mentito scagli la pri...

Leggi

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!