10 segnali che sei una persona introversa e va bene così!

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Cara, carissima solitudine, quando stiamo insieme, ritrovo il sorriso! Ricordo la vita che facevamo prima della pandemia con feste e una vita sempre in mezzo agli altri. Non dico che non ero felice, ma c’era sempre un momento in cui mi trovavo da sola, in bagno o in cucina, per ritrovare un po’ di forza. Quante volte avrò detto: “la gente mi sfinisce… letteralmente!” Io introversa?? Forse sì!

10 segnali che sei una persona introversa e va bene così!
 
 Sommario

Prima di tutto, chi sono gli introversi?

Introversione non è timidezza. La timidezza è la paura dello sguardo altrui, la paura di essere giudicati. Si può essere timidi e introversi, ma non è d’obbligo. L’introversione è un tratto del carattere. Quindi, al contrario della timidezza, non hai altra scelta che conviverci. Una persona introversa tende a passare la maggior parte del suo tempo in un mondo interno, mentre una estroversa tenderà ad aprirsi verso gli altri.

👉 Un punto importante che permette di vedere se sei introversa o meno è chiedersi se la compagnia degli altri è una perdita o un aumento di energia. Vuoi scoprire altre 10 attitudini segno di introversione?

Come riconoscere una persona introversa? 10 segni inequivocabili

L’introversione non è sempre ben vista. Anzi, spesso è considerata come una debolezza, un difetto, un capriccio. Restare spesso soli, in disparte o essere sempre i più discreti in un gruppo più facilmente essere scambiato per arroganza. Conoscersi meglio significa anche accettarsi per come si è, amarsi di più e imparare a fregarsene di quello che pensano gli altri. Ecco perché riconoscersi come introversa è il primo passo verso la tranquillità! Sei introversa se:

1) Preferisci le discussioni profondo alle chiacchiere

Chiacchierare del più e del meno, che orrore 😱! Sentirsi obbligata a parlare della pioggia, del bel tempo, dell’ultima serie vista su Netflix a me pesa! Per una persona introversa le discussioni devono avere un senso. È questa la ragione per la quale l’idea di crearsi una rete professionale è stressante. Gli introversi hanno delle conversazioni, ma preferiscono che siano profonde e autentiche. Quindi le chiacchiere giornaliere o quelle che hanno per finalità la carriera mancano di sincerità per gli introversi.

2) Preferisci la calma

Torniamo al punto fondamentale che differenzia gli introversi dagli estroversi. Se le persone estroverse hanno bisogno di contatto per sentirsi felici e in forma, gli introversi ricaricano le batterie nella solitudine e nella calma. Niente è più stressante per una persona introversa che dover passare un venerdì sera a festeggiare con decine di persone. È importante capirlo ed evitare di mettere loro pressione. Le feste, le serate vanno bene qualche volta, ma preferiscono di gran lunga i piccoli gruppi o la solitudine per sentirsi a proprio agio.

3) Ti distrai facilmente

Più l’ambiente circostante è stimolante, più una persona introversa farà fatica a restare concentrata. Ecco perché un open-space per un’introversa è un disastro. Al minimo bisbiglio o risata è finita. La calma è la sola soluzione perché gli introverti restino concentrati e si consacrino ai loro compiti o passatempi.

4) Non ti annoi

Da introversa quale sono, conosco perfettamente i benefici della noia, o meglio ancora, non mi annoio mai 😊. Passare le giornate da sola a casa non è assolutamente una fonte di angoscia, al contrario! I tempi morti sono necessari per le persone introverse, direi che sono fondamentali per potersi rigenerare.

5) Il tuo partner è estroverso

Non è raro notare una coppia formata da introversi ed estroversi. I primi amano essere coinvolti dal benessere e il divertimento che i secondi trovano all’esterno. In una coppia, capita spesso che introversi ed estroversi facciano fatica a comunicare, a capirsi, ma in fondo, a seconda della situazione, l’uno è la stampella dell’altro.

6) Non sempre rispondi alle chiamate dei tuoi amici

Sono lì tranquilla, sul divano, dopo una lunga giornata di lavoro quando improvvisamente squilla il telefono. Mi chiama una mia amica. Inutile dire che spesso non rispondo nemmeno. La vivo come un’intrusione improvvisa nel mio universo e sono incapace di passare dal mio momento di tranquillità a una discussione tra amiche. Chi mi conosce lo sa, ecco perché non mi chiamano mai senza avvisarmi.

7) Ti prepari mentalmente agli incontri

Impossibile, e sottolineo impossibile decidere di uscire all'ultimo minuto. Qualsiasi situazione che implica un incontro con il mondo esterno e/o sconosciuti richiede una preparazione. Questo dettaglio invalidante implica di avere amici concilianti che avvisano in tempo, altrimenti non ci vado!

8) Hai una grande capacità di introspezione

Conosco perfettamente il mio mondo interno come la maggior parte degli introversi. Mi analizzo spesso e so osservare cosa succede dentro di me. È la base del mio equilibrio.

9) Ami scrivere

Scrivere è molto più semplice che prendere la parola in pubblico ed è anche un’attività creativa e solitaria. Essere sola di fronte ai propri pensieri, niente di meglio per una persona introversa.

10) Ti hanno detto più di una volta che dovevi fare uno sforzo

Molti bambini introversi sono incitati ad unirsi più spesso agli altri, a partecipare in classe, a non restare nel loro angolino. Gli adulti introversi si sono spesso sentiti dire che sono troppo timidi, asociali, che dovevano fare uno sforzo per integrarsi. Forse c’è uno sforzo da fare, ma essere estroversi non è l’obiettivo ultimo della vita di tutti noi, né una garanzia di felicità. Si tratta semplicemente di capire che le persone introverse hanno bisogni di momenti per loro, di stare un po’ nella loro bolla.


Il consiglio della redazione: il mondo appartiene agli introversi!

Nella nostra società che tende a glorificare l’estroversione, gli introversi hanno una brutta reputazione e gli si rimprovera spesso di non stare al gioco, di essere deboli o di non farsi sentire abbastanza. Eppure, gli introversi possiedono grandi qualità, come quella di pensare prima di agire, di interessarsi alla propria interiorità e a quella degli altri, ascoltare attivamente ecc…

💪 Se sei introversa, accetta la tua natura perché la tua interiorità è una forza. Prendine consapevolezza ed esponi al mondo la tua sensibilità con orgoglio. Questo lavoro su di sé non è sempre semplice, ti consiglio di prendere appuntamento con uno psicologo.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!

#BornToBeMe



Fonte: psicosocial.it 

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!