10 segnali che sei una persona introversa e va bene così!

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Cara, carissima solitudine, quando stiamo insieme, ritrovo il sorriso! Ricordo la vita che facevamo prima della pandemia con feste e una vita sempre in mezzo agli altri. Non dico che non ero felice, ma c’era sempre un momento in cui mi trovavo da sola, in bagno o in cucina, per ritrovare un po’ di forza. Quante volte avrò detto: “la gente mi sfinisce… letteralmente!” Io introversa?? Forse sì!

 
 Sommario

Prima di tutto, chi sono gli introversi?

Introversione non è timidezza. La timidezza è la paura dello sguardo altrui, la paura di essere giudicati. Si può essere timidi e introversi, ma non è d’obbligo. L’introversione è un tratto del carattere. Quindi, al contrario della timidezza, non hai altra scelta che conviverci. Una persona introversa tende a passare la maggior parte del suo tempo in un mondo interno, mentre una estroversa tenderà ad aprirsi verso gli altri.

👉 Un punto importante che permette di vedere se sei introversa o meno è chiedersi se la compagnia degli altri è una perdita o un aumento di energia. Vuoi scoprire altre 10 attitudini segno di introversione?

Come riconoscere una persona introversa? 10 segni inequivocabili

L’introversione non è sempre ben vista. Anzi, spesso è considerata come una debolezza, un difetto, un capriccio. Restare spesso soli, in disparte o essere sempre i più discreti in un gruppo più facilmente essere scambiato per arroganza. Conoscersi meglio significa anche accettarsi per come si è, amarsi di più e imparare a fregarsene di quello che pensano gli altri. Ecco perché riconoscersi come introversa è il primo passo verso la tranquillità! Sei introversa se:

1) Preferisci le discussioni profondo alle chiacchiere

Chiacchierare del più e del meno, che orrore 😱! Sentirsi obbligata a parlare della pioggia, del bel tempo, dell’ultima serie vista su Netflix a me pesa! Per una persona introversa le discussioni devono avere un senso. È questa la ragione per la quale l’idea di crearsi una rete professionale è stressante. Gli introversi hanno delle conversazioni, ma preferiscono che siano profonde e autentiche. Quindi le chiacchiere giornaliere o quelle che hanno per finalità la carriera mancano di sincerità per gli introversi.

2) Preferisci la calma

Torniamo al punto fondamentale che differenzia gli introversi dagli estroversi. Se le persone estroverse hanno bisogno di contatto per sentirsi felici e in forma, gli introversi ricaricano le batterie nella solitudine e nella calma. Niente è più stressante per una persona introversa che dover passare un venerdì sera a festeggiare con decine di persone. È importante capirlo ed evitare di mettere loro pressione. Le feste, le serate vanno bene qualche volta, ma preferiscono di gran lunga i piccoli gruppi o la solitudine per sentirsi a proprio agio.

3) Ti distrai facilmente

Più l’ambiente circostante è stimolante, più una persona introversa farà fatica a restare concentrata. Ecco perché un open-space per un’introversa è un disastro. Al minimo bisbiglio o risata è finita. La calma è la sola soluzione perché gli introverti restino concentrati e si consacrino ai loro compiti o passatempi.

4) Non ti annoi

Da introversa quale sono, conosco perfettamente i benefici della noia, o meglio ancora, non mi annoio mai 😊. Passare le giornate da sola a casa non è assolutamente una fonte di angoscia, al contrario! I tempi morti sono necessari per le persone introverse, direi che sono fondamentali per potersi rigenerare.

5) Il tuo partner è estroverso

Non è raro notare una coppia formata da introversi ed estroversi. I primi amano essere coinvolti dal benessere e il divertimento che i secondi trovano all’esterno. In una coppia, capita spesso che introversi ed estroversi facciano fatica a comunicare, a capirsi, ma in fondo, a seconda della situazione, l’uno è la stampella dell’altro.

6) Non sempre rispondi alle chiamate dei tuoi amici

Sono lì tranquilla, sul divano, dopo una lunga giornata di lavoro quando improvvisamente squilla il telefono. Mi chiama una mia amica. Inutile dire che spesso non rispondo nemmeno. La vivo come un’intrusione improvvisa nel mio universo e sono incapace di passare dal mio momento di tranquillità a una discussione tra amiche. Chi mi conosce lo sa, ecco perché non mi chiamano mai senza avvisarmi.

7) Ti prepari mentalmente agli incontri

Impossibile, e sottolineo impossibile decidere di uscire all'ultimo minuto. Qualsiasi situazione che implica un incontro con il mondo esterno e/o sconosciuti richiede una preparazione. Questo dettaglio invalidante implica di avere amici concilianti che avvisano in tempo, altrimenti non ci vado!

8) Hai una grande capacità di introspezione

Conosco perfettamente il mio mondo interno come la maggior parte degli introversi. Mi analizzo spesso e so osservare cosa succede dentro di me. È la base del mio equilibrio.

9) Ami scrivere

Scrivere è molto più semplice che prendere la parola in pubblico ed è anche un’attività creativa e solitaria. Essere sola di fronte ai propri pensieri, niente di meglio per una persona introversa.

10) Ti hanno detto più di una volta che dovevi fare uno sforzo

Molti bambini introversi sono incitati ad unirsi più spesso agli altri, a partecipare in classe, a non restare nel loro angolino. Gli adulti introversi si sono spesso sentiti dire che sono troppo timidi, asociali, che dovevano fare uno sforzo per integrarsi. Forse c’è uno sforzo da fare, ma essere estroversi non è l’obiettivo ultimo della vita di tutti noi, né una garanzia di felicità. Si tratta semplicemente di capire che le persone introverse hanno bisogni di momenti per loro, di stare un po’ nella loro bolla.


Il consiglio della redazione: il mondo appartiene agli introversi!

Nella nostra società che tende a glorificare l’estroversione, gli introversi hanno una brutta reputazione e gli si rimprovera spesso di non stare al gioco, di essere deboli o di non farsi sentire abbastanza. Eppure, gli introversi possiedono grandi qualità, come quella di pensare prima di agire, di interessarsi alla propria interiorità e a quella degli altri, ascoltare attivamente ecc…

💪 Se sei introversa, accetta la tua natura perché la tua interiorità è una forza. Prendine consapevolezza ed esponi al mondo la tua sensibilità con orgoglio. Questo lavoro su di sé non è sempre semplice, ti consiglio di prendere appuntamento con uno psicologo.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!

#BornToBeMe



Fonte: psicosocial.it 

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Qual è il segreto di una vacanza di coppia perfetta?

Chi di noi non vede l’ora di partire in vacanza? Eppure quando si tratta di un viaggio di coppia, magari il primo, le ansie e le preoccupazioni sono tante. Le aspettative sono alte e la paura che un litigio possa rovinare tutto lo è altrettanto. Quali sono i segreti per una vacanza di coppia felice?

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!