7 trucchi per calmare efficacemente un attacco di panico

Aggiornato il da La Redazione Wengood

I battiti del cuore accelerano, il respiro diventa affannoso… assaliti da questo uragano di emozioni, si perde il controllo del proprio corpo. Rassicurarsi? È un tentativo vano, perché gli attacchi di panico non seguono la razionalità. Difficile avere un’influenza diretta sul cervello durante questi momenti di smarrimento, dunque bisogna agire direttamente su queste manifestazioni fisiche e psicologiche. Ecco 7 trucchi efficaci (testati e approvati) per calmare un attacco di panico.

7 trucchi per calmare efficacemente un attacco di panico
 
 Sommario



Citazione

"Ogni angoscia è immaginaria; la realtà è il suo antidoto."

André Comte-Sponville


Attacco di panico: 7 metodi efficaci per gestirlo

Anche se la nostra mente è nel panico, il nostro corpo è ricettivo…

1)Lavora sulla respirazione

L’attacco di panico si preannuncia con un’alterazione della respirazione. Ispirando ed espirando molta aria con rapidità, non facciamo altro che accumulare un grande quantitativo di anidride carbonica. In questo modo ci manca l’ossigeno, e inizia la sensazione di soffocamento. Poco a poco, si impara a gestire la cosa: la nostra tecnica per interrompere l’iperventilazione è composta da tre fasi che devono durare tra i 4 e i 6 secondi ciascuna.

  • Blocca il respiro
  • Inspira facendo attenzione a gonfiare il ventre
  • Butta fuori tutto lo stress espirando lentamente dalla bocca, come se tenessi una cannuccia tra le labbra


ragazza nel bus

Buono a sapersi: questa respirazione è una tecnica di rilassamento che puoi adoperare ovunque

2)Soffia in una busta di carta

Hai presente le buste che ti danno in pasticceria o al mercato di frutta e verdura? Sono un ottimo rimedio in caso di urgenza. Bisogna porle in modo da coprire naso e bocca e poi sforzarsi di respirare normalmente (ansimare o affannare aggrava i sintomi). Dopo qualche minuto, il tasso di diossido di carbonio risale: così, combatti lo stress in modo naturale.

3)Pensa a qualcos’altro

Certo, il corpo è in subbuglio, ma l’attacco di panico è nella testa. Fino a prova contraria, abbiamo il controllo di quello che succede nella nostra mente. Per smettere di alimentare la crisi, bisogna focalizzare l’attenzione su qualcos’altro e occupare la mente. Ascolta della musica, distraiti sul tuo smartphone; ci sono diversi modi per impedire al nostro cervello di concentrarsi sulla sensazione di panico.

4) Ritrova la serenità grazie a degli oli essenziali

Quello di lavanda è noto per le sue proprietà rilassanti; il neroli o la camomilla romana permettono di regolare il battito cardiaco e aumentare il tasso di dopamina per calmare e rilassare corpo e spirito. Si possono prendere in considerazione anche i fiori di Bach, che sono un concentrato di calma in gocce.

La redazione ti consiglia - Ipocondria: 5 sintomi che confermano le tue paure


Rassicurati

bambino

I sintomi di un attacco d'ansia o di panico possono simulare un serio problema fisico, ma non si può morire per questo.


5) Fai la "Posa di Potere" con le braccia a V

In piedi, dritta, con le gambe leggermente divaricate rispetto alle spalle, alza le braccia al cielo formando una V, tenendo lo sguardo fisso, leggermente sopra la linea dell’orizzonte, per circa tre minuti. Questa posizione modifica il livello di cortisolo, ovvero l’ormone il cui livello aumenta notevolmente di fronte a un notevole stress, abbassandolo. Al contempo, il tasso di testosterone, incaricato di regolare l’umore, aumenta.

6) L’esercizio di visualizzazione

Questo esercizio può essere fatto prima che la crisi sopraggiunga. Ci sono situazioni in cui riusciamo a sentirci totalmente rilassati o rasserenati: una spiaggia con il rumore delle onde in sottofondo, un pisolino all’ombra di un albero nel proprio giardino… Bisogna cercare di memorizzare questi momenti ricchi di serenità, per rievocarli al momento opportuno. Detto fatto: chiudiamo gli occhi e lasciamoci trasportare.

7) Pianta i piedi e tieni occupate le mani

Concentra l’attenzione sui piedi, perché sono loro che sostengono il tuo peso. Lo scopo dell’esercizio è di concentrarsi sul momento presente. Puoi anche tenere un oggetto tra le mani, stringerlo forte o giochicchiarci; magari un gadget antistress!



Il consiglio della redazione – Non avere paura, né vergogna

Gli attacchi di panico fanno paura e ci portano a provare vergogna. È per questo motivo che le persone che li hanno di frequente preferiscono evitare di parlarne e tentano di arginare i sintomi. Grave errore! In un primo momento, quando l’attacco sopraggiunge, è bene accettare i sintomi per poterli trattare uno ad uno. Allo stesso tempo, non esitare a compiere uno sforzo maggiore per ritrovare la tua pace interiore, in modo più permanente… La meditazione, lo yoga, lo sport, una terapia comportamentale; esistono diverse soluzioni!


Inoltre, se hai una predisposizione per questo genere di crisi, sei sicuramente in grado di riconoscerne le cause scatenanti. Dunque, quando noti che il panico comincia a farsi sentire, fuggi da questa situazione opprimente. Puoi ugualmente fare affidamento su chi ti sta vicino: parlare della tua condizione con gli altri ti permette di vedere la cosa da un’altra prospettiva e di minimizzare il problema. Ricordati, non sei sola!


Potrebbe interessarti: Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!