Cos’è l’agorafobia? Definizione, cause, sintomi e trattamenti

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Me lo ricordo perfettamente. Due giorni prima del primo lockdown. Ero al supermercato come altre centinaia di persone che correvano qua e là con l’aria angosciata, gridando a partner o figli di prendere più zucchero, altra pasta o altre scatolette di tonno. D’un tratto un’immagine ha attraversato i miei pensieri. E se ci fosse uno spostamento di massa? Se mi fossi ritrovata circondata dalla folla senza via di fuga? È in quel periodo che ho cominciato a informarmi sull’agorafobia, la paura di non poter scappare.

Cos’è l’agorafobia? Definizione, cause, sintomi e trattamenti
 Sommario

Agorafobia: la fuga impossibile

Definizione dell'agorafobia: non solo la paura della folla

Quando si pensa all’agorafobia si pensa immediatamente alla paura della folla. Più precisamente, si tratta della paura di non poter scappare facilmente da un posto o di non poter essere soccorsi. L’ansia e il panico sono accentuati fuori casa e facilitati da certe situazioni. Gli agorafobici per esempio hanno paura si ritrovarsi nella folla, in una fila d’attesa, nei trasporti pubblici, su un ponte, sull’autostrada ecc.

Insomma, tutti i posti in cui si ha l’impressione di essere bloccati, chiusi. Certi agorafobici sentono anche la paura crescere quando si trovano all’esterno ma in un grandissimo spazio vuoto. Hanno la sensazione di perdere i punti di riferimento. Ti assicuro che si tratta di una fobia molto invalidante, con pesanti conseguenze sulla vita di tutti i giorni. Effettivamente, se le situazioni di angoscia sono troppo frequenti, l’agorafobico tende a evitare diverse situazioni, fino a non uscire più di casa. Può avere difficoltà ad andare al lavoro, a fare la spesa, ad andare dal medico o anche a prendere la macchina.

Le cause: ansia e traumi

L’agorafobia può colpire persone di tutte le età anche se non manifesteranno tutte gli stessi sintomi, né le stesse paure. Questa fobia si sviluppa principalmente tra le persone ansiose di natura, già colpite da altre fobie, dalla depressione o dai DOC (disturbi ossessivo compulsivi). L’agorafobia appare anche in seguito a un trauma psichico (incidente, lutto, aggressione, disoccupazione ecc.). In Italia, dal 2 al 5% della popolazione soffre di questa fobia.

Nota bene: l’agorafobia non è la demofobia (la paura della folla).

Le manifestazioni dell’agorafobia: quali sono i sintomi?

Tra ansia che si accentua e crisi di angoscia: l’agorafobia si manifesta quindi in certe circostanze propizie alla paura, a seconda del paziente:

  • Senso di vertigine e malessere
  • Palpitazioni
  • Tachicardia
  • Dolore al torace o addominale come per una crisi cardiaca
  • Nausea o vomiti
  • Tremolii
  • Sensazione di difficoltà a respirare o soffocamento

Questi sintomi sono molto simili a quelli degli attacchi di panico. Anche se non rappresentano nessun pericolo reale per la salute o la vita della persona, quest’ultima ha comunque l’impressione di morire e teme sopra ogni cosa di svenire e che non si riesca a soccorrerla.

Come trattare l’agorafobia?

Se hai paura quando esci di casa, se ti spaventa la folla, le situazioni che ti “bloccano” o quelle in cui hai l’impressione di essere incastrata, non aspettare oltre per consultare un professionista. Potresti arrivare al punto da non riuscire a svolgere nemmeno le attività della vita di tutti i giorni!

Come curarsi e uscire dall’agorafobia?

Prima ti rivolgi a un professionista e più chance ci sono di riprendersi completamente. Spesso il consulto di uno psicoterapeuta e l’assunzione di medicinali (come gli ansiolitici) può aiutare a controllare le situazioni critiche e continuare a vivere sereni. I medicinali comunque sono sconsigliati poiché il paziente dovrebbe imparare a vincere la propria fobia senza il loro aiuto. Spesso si preferisce la TCC (terapia cognitivo-comportamentale) che presenta ottimi risultati sull’agorafobia con un’efficacia all’80%.

Esiste un trattamento naturale?

I trattamenti omeopatici non hanno dato grandi risultati nella cura dell’agorafobia. In ogni caso, possono essere d’aiuto in complemento a una terapia con uno psichiatra. Questa fobia tocca persone molto ansiose di natura, passare per l’ipnosi, la sofrologia, l’agopuntura, lo yoga e la meditazione è ottimale per rilassarsi e calmare l’ansia.


Il consiglio della redazione – agorafobia, covid e lockdown

La crisi sanitaria che abbiamo vissuto e viviamo tutt’ora (nonché i vari lockdown) hanno fatto scaturire in alcune persone nuove paure del mondo esterno. Quando è finito il lockdown, alcuni di noi hanno sofferto della sindrome della capanna. Per altri il male è stato più profondo: diffidenza verso gli altri, paura del contatto fisico, stress quando si esce, disagio in pubblico. Questo disturbo è senza dubbio passeggero e legato al contesto ma non esitare a parlarne con uno psicologo o uno psichiatra. Non si tratta sempre di agorafobia, meglio esprimere il disagio il prima possibile.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Fonte: Agorafobia

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Da piccola giocavo molto con i Lego e con i videogiochi. Per me sono passioni come tutte le altre e a 33 anni gioco ancora ai videogiochi. Tuttavia, ciò che non è normale è che quando ero più giovane venivo descritta come un "maschiaccio". In realtà, ho sempre odiato questo termine e credo sia ora di smettere di usarlo. È sessista e attribuisce un'etichetta alle ragazze che non rientrano nei cliché del loro genere, quindi non pronunciarlo mai più!

Detesto i complimenti, perché mi mettono così a disagio?

“Hai un talento naturale per la fotografia, sei bravissima!”. Improvvisamente divento rossa come un peperone e non so più come comportarmi. I complimenti mi mettono terribilmente a disagio, ma so che dovrei viverli in tutt’altra maniera. La maggior parte delle persone infatti amano i complimenti! Io non riesco ad accettarli. Perché? Cosa mi mette così a disagio?

Sono una di quelle persone che non mettono il lavoro al centro della propria vita. D'altra parte, ho un'amica che lo fa, al punto che il suo corpo cede regolarmente. È chiaro che il suo lavoro è la sua ragion d'essere e dà il massimo. Forse un po' troppo. Ecco perché ho voluto scrivere questo articolo, per ricordarle di fare attenzione! Forse sarà utile anche a te, soprattutto se senti che la tua carriera sta occupando tutto lo spazio della tua vita.

Basta con la pressione per avere una vita sessuale folle, anche il missionario va bene!

"Haaa cosa non hai mai provato la posizione della carriola moldava?". No Ginetta, non ho mai provato questa posizione sessuale, ma il tuo sguardo stupito mi mette sotto pressione... Onestamente, a chi non è mai capitato durante una discussione tra amiche? A me è successo e anche se la carriola moldava non esiste, avevo il diritto di essere giudicata per altre pratiche sessuali che non pratico. Sembra che tu debba fare di tutto a letto per dimostrare di avere una vita sessuale pazzesca... Basta!

La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Non riesco a credere di essere nata sotto una cattiva stella solo a causa della mia famiglia che, ammettiamolo, è lungi dall’essere perfetta. Quando mia madre non mi fa sentire in colpa, ci pensa mio padre a sminuirmi ed a paragonarmi alla sorella che non ho mai avuto. Per essere felice e sfuggire a questa relazione "tossica", ho dovuto prendere delle misure, poi le distanze. Ti racconto come ho imparato a stare alla larga dai miei genitori nocivi.

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Viviamo gli uni accanto agli altri, senza vederci veramente. In coppia, in società, in senso generale, spesso ci si sente soli. E ancora di più in periodo Covid. Trasparenti, incompresi…questa solitudine è pesante e ci fa isolare ogni giorno un po' di più. Prima di finirla da sole con 10 gatti (anche se questi ultimi sanno essere di grande conforto!), ecco 8 trucchetti per colmare definitivamente questa sensazione di vuoto e non sentirci mai più messe da parte.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!