Educazione positiva: 7 principi da tenere a mente!

Aggiornato il da Giada Paoli

“Non fare questo, non fare quello”, con l’educazione positiva dimentichiamo tutte le lezioni di vita che tutti, almeno una volta, abbiamo dovuto subire. Incoraggiare piuttosto che punire, vietare o imporre è il pilastro di questo tipo di educazione. Troppo controversa per coloro che la giudicano esageratamente permissiva, si presenta oggi come un modo di educare i nostri figli con gentilezza. Se essere genitori non è proprio una passeggiata, cerchiamo almeno di fare in modo che sia un’esperienza “pacata” per tutti. Ecco quindi i 7 comandamenti dell’educazione positiva per far sì che i nostri figli siano felici, e noi con loro!

Educazione positiva: 7 principi da tenere a mente!

Quali sono i 7 principi dell’educazione positiva?

1) Imparare a “lasciar perdere”

Per mettere in pratica l’educazione positiva, bisogna dirsi prima di tutto che i genitori perfetti non esistono. Non bisogna aggrapparsi a tutti i costi ai principi educativi classici ma soprattutto si deve osservare il proprio figlio, cercare di comprenderne i bisogni e non farsi intrappolare da rigide regole che non gli gioverebbero. Quindi le frasi come “è indispensabile che”, “un bambino si deve comportare così”, “questo non si fa” ecc. sono da dimenticare! Al loro posto arrivano “di cosa ha bisogno mio figlio?”, “cosa scelgo di fare?”

“Prima avevo dei principi, adesso ho dei figli”: ecco la frase che riassume tutto alla perfezione!

2) Mettere la comunicazione non violenta al primo posto

La comunicazione non violenta (CNV) è il pilastro fondamentale dell’educazione positiva. Si tratta di indurre i propri figli a capire e non ad agire per paura di una punizione. Li si deve quindi ascoltare, argomentare e non imporre regole rigide. Bisogna “connettersi” cuore a cuore con il proprio figlio, decifrando i suoi bisogni e formulando una domanda precisa. E questo non vuol dire permettere tutto ma solo cambiare il proprio punto di vista e il proprio comportamento per essere una persona buona! 

  È necessario infatti uscire dalla logica del rapporto di forza per avere un rapporto sano con i propri figli.

3) Dare il buon esempio

Véronique Maciejak, autrice del libro "Rester zen avec la parentalité positive" (Restare zen con la genitorialità positiva), spiega: “il miglior modo di trasmettere ai nostri figli i valori in cui crediamo è metterli in pratica quotidianamente”. In effetti, è difficile chiedere ai nostri figli di fare cose che noi stessi non facciamo! I bambini sono dei grandissimi osservatori, ci guardano evolvere tutti i giorni e imitano il nostro modo di fare. Quando i genitori chiedono troppo, i bambini lo notano e si rendono conto che non è il nostro comportamento naturale.

  Per esempio, non bisogna pretendere delle scuse da un bambino. Dovremmo spontaneamente chiedergli scusa quando reputiamo di essere stati ingiusti e lui farà lo stesso quando sarà necessario!

4) Dimenticare i sensi di colpa

Così come dobbiamo mollare la presa, dovremmo smettere di avere i sensi di colpa. Anche se tutto non va alla perfezione, facciamo del nostro meglio in qualità di genitori. Non serve a niente rivangare il passato e rimuginare su ciò che avremmo potuto fare meglio. L’importante è riconoscere dove abbiamo fatto un errore, per poterne poi trarne una lezione. Questo ci aiuterà a non ripeterci in futuro e quindi a migliorarci. Bisogna sempre guardare avanti!

5) Curare le ferite della nostra infanzia

Senza dubbio il modo migliore per comprendere il nostro comportamento di fronte ai bambini. Sembra infatti che sia necessario interrogarci sulla nostra infanzia per comprendere le nostre reazioni come genitori. Ancora una volta, i genitori ideali non esistono, ma abbiamo tutti dentro di noi delle crepe che non dovremmo proiettare sui nostri figli. Altrimenti, sarebbe il modo migliore per trasmettergli delle esperienze tossiche.

6) Stare bene

Sulla stessa lunghezza d’onda del principio precedente, è importante curare il proprio benessere in quanto essere umano. Solo se stiamo bene con noi stessi eviteremo di essere dei genitori tossici. Certo, essere genitore richiede un’energia incommensurabile! Bisogna sempre essere in ascolto e comprendere i bisogni del bambino, ecco perché ci si deve ritagliare del tempo per sé. Solo così si eviterà lo sfinimento!

7) Godersi il presente e relativizzare

Essere sempre di corsa per seguire una tabella di marcia non serve a niente, non ci permette di goderci i nostri figli e la nostra vita. Quando ci fanno le coccole bisogna godercele senza pensare che siamo in ritardo sull’ora della nanna. Relativizzare è fondamentale per vivere al meglio la genitorialità. La piena coscienza permette di riconnetterci con noi stessi, con i nostri desideri e con i nostri figli.  

Il consiglio della redazione: no ai sensi di colpa

Essere sempre di corsa per seguire una tabella di marcia non serve a niente, non ci permette di goderci i nostri figli e la nostra vita. Quando ci fanno le coccole bisogna godercele senza pensare che siamo in ritardo sull’ora della nanna. Relativizzare è fondamentale per vivere al meglio la genitorialità. La piena coscienza permette di riconnetterci con noi stessi, con i nostri desideri e con i nostri figli.  
Se riscontrate difficoltà con i vostri figli, non esitate a rivolgervi a uno specialista:
 
🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Come annunciare una brutta notizia al proprio capo?

Ci stai pensando da giorni, da settimane, ma non riesci a venirne a capo, non riesci a trovare un modo carino per dire che il progetto su cui stai lavorando avrà bisogno di più di due mesi di ritardo per essere completato. Ora non resta altro da fare che comunicarlo al tuo capo...

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

Perché l’horror ci affascina così tanto?

Serial killer, crimini sanguinosi e trame complicate di cui davvero non riusciamo a stancarci. L’horror e più in generale il terrore e la paura sembrano eccitare il nostro cervello tanto da darci la pelle d’oca. Anche se può metterci a disagio o farci stare male, molti di noi ne sono letteralmente ossessionati. Questo oscuro universo piace a tutti, anche ai più dolci e i più innocenti. Ma perché ha così tanta presa su di noi? Perché ciò che ci fa paura allo stesso tempo ci affascina? Scopriamolo insieme.

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!