Come capire se sono transgender? #identità

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Qualche anno fa, parlavo con un amico che mi ha confidato di essersi posto diverse domande sulla propria identità. Di fatto, il genere che ha ricevuto alla nascita è quello di “uomo”, ma lui si sente invece più “donna”. Essere transgender significa sentire una differenza tra il genere che la natura ci ha dato e quello che percepiamo invece dentro di noi. Pensavo fosse qualcosa che sappiamo dentro di noi, ma in realtà, il mio amico mi ha fatto capire che la questione è molto più complessa di così. Quindi, come capire se siamo transgender? Te lo spiego io!

 
 Sommario

Cos’è la transidentità?

Come accennavo nell’introduzione, la transidentità è il fatto di non identificarsi con il genere che la natura ci ha dato alla nascita. Per esempio, sono nata donna e mi identifico nel genere femminile, sono quindi “cis-gender” (termine opposto a transgenere o al più diffuso transgender). Purtroppo questo discorso non vale per tutti. Ecco un approfondimento:

👉 Una donna trans: una persona nata uomo ma che si identifica come donna. In questo caso la persona vorrà utilizzare nomi femminili per parlare di sé.

👉 Un uomo trans: una persona nata donna ma che si identifica come uomo. In questo caso la persona vorrà utilizzare nomi maschili per parlare di sé.

👉 Le persone non binarie: essere trans significa non riconoscersi nel binarismo dei generi. Certe persone non si definiscono uomo o donna. Altre, al contrario, si identificano come entrambi o con una via di mezzo.

Notare una differenza

Il miglior modo di sapere se si è trans è identificare delle differenze tramite:

  • Il genere assegnatoci dalla natura alla nascita;
  • Il modo in cui si è percepiti dalla società;
  • Il modo in cui si percepisce se stessi.

Io ho un esempio di un amico che non si identificava come uomo ma come donna (qui d’ora in poi parlerò di lui al femminile). Può essere psicologicamente complicato arrivare a questa conclusione, soprattutto se prendiamo in considerazione il contesto sociale che ci circonda 😥. Riconoscere di essere transgender potrebbe anche causare la disforia.

La disforia di genere

Le differenze percepite provocano una dissociazione dell’immagine che abbiamo di noi stessi. Questo può trasformarsi nell’abbandono di sé fino all’odio per il proprio corpo, ovvero la disforia di genere. Quest’ultima può essere molto pericolosa, poiché può portare alla depressione o al suicidio… Se una persona prova una forte avversione verso il proprio corpo, potrebbe essere segno della transidentità.

⚠️ In ogni caso, non è una cosa che succede a tutti. Certe persone non arrivano a provare odio per i propri organi genitali e non capiscono di essere transgender. È difficile quindi per queste persone cominciare la transizione cambiando il proprio nome, i pronomi, il guardaroba, l’inizio di un trattamento ormonale o anche l’operazione.

Questo articolo potrebbe interessarti >>> Perché mi sento sempre in colpa?

Metti da parte i preconcetti e i pregiudizi

Al di là del senso di diversità e della disforia, bisogna anche stare attenti a disfarsi dei preconcetti sulla transidentità. Si può essere transgender e:

  • Amare le attività stereotipate del genere di assegnazione. Per esempio: un uomo trans a cui piace mettere lo smalto e truccarsi.
  • Essere omosessuale nel genere scelto. Per esempio un uomo trans che preferisce gli uomini è considerato un omosessuale. Il genere femminile assegnato alla nascita dell’uomo trans “non esiste più”, si fa riferimento solo al genere scelto dalla persona. Solo il 22% delle persone trans si dichiarano eterosessuali.
  • Capire di essere trans a qualsiasi età. Il 67% delle persone trans cominciano la loro transizione tra i 18 e i 34 anni.
  • Essere stato madre o padre cisgender: di conseguenza, avere avuto dei figli prima della transidentità.
  • Avere paura della transizione, o addirittura non volere/potere cominciare una transizione.

Il cliché del “lo sappiamo da sempre”

Una mia amica si è posta delle domande sulla sua identità per la prima volta a 25 anni. Ecco come sfatare uno dei cliché più consolidati su questo ambiente: no, non tutti le persone trans hanno sempre saputo di essere transgender. Lo si può capire a qualsiasi età per una infinità di ragioni, per esempio:

  • Un meccanismo di protezione del cervello,
  • Un contesto sociale in cui la transidentità è percepita negativamente o inaccessibile,
  • La paura dell’abbandono dopo il coming-out,
  • La mancanza di riflessione a questo proposito,
  • Un particolare piacere nel “recitare” il genere assegnato alla nascita.
  • Un rifiuto ignorato troppo a lungo ecc.

👥 Ci sono tantissime ragioni che possono celare a una persona la sua transidentità. È un percorso interno che richiede tempo e che ha bisogno di basarsi su un’introspezione regolare.

Proiettarsi nell’altro genere

Un buon metodo per sapere se si è transgender è cercare di proiettarsi ovvero, bisogna cercare di immaginare di essere nati nel corpo del genere opposto. Avresti voglia di restarci? Se la risposta è sì, vuol dire che magari sei transgender. In ogni caso, ci si può esercitare: “E se domani mi sveglio con un corpo dell’altro sesso, mi piacerebbe restare così?”. Ancora una volta, se la risposta è sì, potresti essere trans.

🧔👩 Ci si può proiettare anche socializzando. I social network permettono di crearsi un’altra identità online, tramite pseudonimi o altro. È un ottimo modo di vedere se ci piace socializzare in qualità di donna o uomo.

E il non binarismo?

In ogni caso, non dobbiamo dimenticare le identità non binarie. Si può avere voglia di essere considerati come uomo o donna, o anche entrambi. Bisogna anche immaginarsi di svegliarsi in un mondo in cui chiunque considera assolutamente normale non avere genere. Ti piacerebbe? Se sì, magari fai parte delle persone non binarie.

❤  ️Puoi essere tutto a partire dal momento in cui sei tu a deciderlo: donna trans, queer, ecc.

Farsi accompagnare per capirsi fino in fondo

Nessuno potrà mai darci la certezza della nostra transidentità. Sta a ognuno di noi intraprendere un percorso per capirlo. Ovviamente, abbiamo diritto di cambiare idea sul genere al quale vogliamo appartenere tutte le volte che lo reputiamo necessario. L’importante è essere in linea con se stessi. Non esiste un momento in cui non è possibile cambiare idea 🤗.

Per vivere meglio la propria transidentità, è altrettanto importante informarsi. Al giorno d’oggi ci sono tanti spunti per capire meglio la transidentità e tutti i dubbi che porta con sé. Inoltre, ci si può avvicinare ai gruppi LGBTQIA+ e/o alle associazioni, un’ottima soluzione per non restare da soli. Confrontarsi è fondamentale per capirsi 🙌!


Il consiglio della redazione: l’importanza di essere accompagnati

Quando iniziamo a farci domande sull’identità, il genere, su chi siamo veramente, la situazione può diventare subito difficile. Non sappiamo più chi siamo e qual è il nostro posto. Ecco perché è fondamentale farsi accompagnare da un buono psicologo durante questa fase. Non aspettare troppo per prendere appuntamento.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe



Maggio informazioni su: https://www.infotrans.it/ 

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!