Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Aggiornato il da Paola Ferraro

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Lo scambismo, la pratica che infiamma…
Sommario :

Cos’è lo scambismo?

Alla fine del lockdown sono successe due cose: per prima cosa ho scoperto cosa fosse il candaulesimo e secondo, mi sono interessata alle relazioni libere. Ho dovuto aspettare però la terza stagione di YOU per rendermi conto che avevo una visione totalmente sbagliata dello scambismo. Non lo vedevo come un tabù, non andava contro i miei principi, ma immaginavo principalmente cinquantenni e sessantenni appartati negli angoli più bui di una discoteca ad hoc, che mettevano le mani da tutte le parti su donne della stessa età “ricoperte” di calze a rete e abiti in pelle. Nella mia testa quindi l’immagine era molto poco eccitante.

Ma nella pratica, cos’è lo scambismo?

Tutto sta nel nome! Si tratta semplicemente di scambiare, ovviamente in maniera consenziente, il proprio partner con un altro per uno o più atti sessuali. È quindi una pratica in cui la nozione di coppia resta primordiale. I partner sono tutti attori, non c’è nessuno spettatore, a differenza del candaulesimo che consiste nel guardare il proprio partner fare l’amore con un’altra persona.

Dall’immaginazione all’azione: come procedere per non sbagliare?

Le coppie che praticano lo scambismo parlano spesso di una complicità ancora più forte, di avere l’impressione di conoscersi meglio, di una libido sempre attiva, della longevità della coppia, della mancanza totale di infedeltà, di equilibrio. Se ci pensi, è anche un ottimo modo per evitare la routine, la noia e la frustrazione sessuale. Insomma, ci sono tanti aspetti allettanti 😏.

Ma attenzione, meglio non fare il passo senza essere preparati. Se anche tu hai guardato la terza stagione di YOU, sai bene che il desiderio e l’immaginazione sono spesso ben lontani dalla realtà. Se lasciamo da parte il lato psicopatico dei personaggi, vedere il proprio partner provare piacere con un’altra persona non è facile. Effettivamente, anche se non piace a tutti e perde sempre più piede, la monogamia resta ancora importante in termini di coppia. Ne è un chiaro esempio la gelosia o la paura dell’infedeltà del partner, due paure spesso molto frequenti nelle coppie. Lo scambismo quindi non è una pratica in cui lanciarsi ad occhi chiusi, o si rischia di dare di matto mentre un’altra persona cavalca il nostro partner.

You, 3 stagione – Credits: Netflix

Tra l’altro, non dimentichiamo che praticare lo scambismo non significa tradire.  È semplicemente una pratica sessuale: una coppia si ama e va a letto con un’altra coppia che non ama. È sostanzialmente uno scambio di corpi, non di sentimenti, e soprattutto lo si fa con la propria metà, in totale trasparenza e con il piacere di entrambi. Siamo quindi lontani anni luce dall’infedeltà nascosta e dolorosa.

>>> La redazione ti consiglia: È necessario confessare anche una (piccola) infedeltà?

Testato e non approvato

L’apertura mentale è una nozione fondamentale in questo tipo di pratica. Come dicevo prima, la coppia può essere molto eccitata all’idea di provare lo scambismo, ma poi magari nella realtà uno dei due non sopporta quelli immagini, non è eccitato, non prova piacere. È bene sapersi ascoltare in questi momenti. Magari si potrà riprovare più avanti, in modo diverso, in un altro luogo, con altre persone, o magari no. La cosa più importante è poterne parlare e soprattutto non forzarsi!

Come si diventa scambisti?

Se vuoi provare per la prima volta lo scambismo, non farti cogliere impreparata. Comincia a parlarne chiaramente. Comunica i tuoi desideri, dubbi ed eventuali limiti. Cerca anche di mostrarti rassicurante. Bisognerà poter parlare liberamente dei propri desideri, ma anche saper rispondere a un partner agitato o stressato. Evita di mettere fretta all’altro, di provocarlo o arrabbiarti.

🧠 Se casomai dovessi ricevere un rifiuto, la cosa migliore sarebbe cercare di capirne le ragioni. Tieni anche a mente che il semplice fatto di proporre lo scambismo al proprio partner potrebbe avere un impatto negativo sulla relazione. La tua dolce metà potrebbe preoccuparsi delle tue fantasie e soprattutto dubitare della propria capacità di darti piacere. Per praticare lo scambismo dovete essere necessariamente entrambi di larghe vedute!

Inoltre, cercate di concentrarvi insieme sulla cosa più importante: la scelta del vostro o dei vostri partner. Le aspettative della coppia devono coincidere perché nessuno si senta ferito. I candidati devono piacere a entrambi ovviamente.

Per entrare in punta di piedi nel mondo dello scambismo, puoi rivolgerti ai siti di incontri, o se vuoi fare diversamente, fatti un giro nei luoghi specializzati o nelle serate a tema. L’atmosfera è ipersensuale, l’erotismo è soft e si impara a conoscersi prima di andare oltre, e magari allontanarsi in un angolo un po’ più appartato. Nello scambismo quindi siamo molto lontani dai cliché e gli stereotipi dei film porno o dai racconti assurdi di amici di amici.

Si può salvare la coppia con lo scambismo?

La risposta a questa domanda non è semplice. Se si è caduti nella routine, se il desiderio è calato e la distanza tra voi diventa sempre più marcata e causa una frustrazione sessuale, lo scambismo potrebbe permettervi di ravvivare il rapporto di coppia. Allo stesso tempo però lo scambismo prevede di condividere la propria intimità sessuale e quella del proprio partner con altre persone, e questo potrebbe generare gelosia, tristezza e richiede quindi delle basi molto solide.

👉 Basi come une complicità solida, una fiducia naturale, ma anche una stabilità affettiva. È quindi difficile immaginare una coppia in crisi o che vive una situazione conflittuale, buttarsi nello scambismo per riavvicinarsi. Bisogna essere perfettamente d’accordo prima di cominciare, non avere segreti l’uno per l’altra ed essere entrambi pienamente consenzienti. Lo scambismo può essere oggetto di una futura separazione piuttosto che la soluzione per salvare la coppia. Però, se nella coppia mancano solo desiderio e libido, allora perché non ravvivare le cose con lo scambismo?!

>>> La redazione ti consiglia: 5 semplici idee per risvegliare la libido e il desiderio

Con lo scambismo le donne prendono il potere?

Scambismo nella nostra testa spesso rima con maschilismo. Dopotutto, non è soprattutto una fantasia maschile quella di possedere altri corpi? Forse sì, ma in realtà no, non sempre. È vero che ancora oggi sono spesso gli uomini che lanciano l’idea dello scambismo, ma siamo molto lontani dalla donna che segue “per accontentare”, “per preservare la coppia”, o qualsiasi altra idiozia.

Le donne hanno una sessualità, se ne interessano, sono curiose, parlano e anche loro soffrono a volte della routine sessuale nella coppia. Proprio come Love in YOU (per tornare al punto di partenza 📺), le donne possono essere a capo dell’iniziativa e prendere anche il potere durante le serate di scambismo. Passando dal ruolo della donna-oggetto affascinante a quella della dominatrice, lo scambismo è anche un esempio di uguaglianza di sessi e di rispetto. Per certe donne, lo scambismo è proprio una liberazione. In queste serate, dicono no, mettono dei limiti e vengono ascoltate. Sembrerebbe che nel mondo scambista non ci sono mai sguardi o gesti indiscreti o non desiderati. Le donne sono le regine!

Il consiglio della redazione: l’importanza di mettere in chiaro le regole

La libertà ha bisogno di comunicazione e di regole chiare senza le quali ci potrebbero essere conseguenze drammatiche come la rottura della coppia. Basta definire le pratiche sessuali autorizzate, quelle vietate, i limiti da non superare nonché il rispetto reciproco. Sicuramente si parla di sessualità libera, ma pur sempre rispettosa dell’altro e dei suoi limiti.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felice… Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!