Sessualità, 7 semplici consigli per rilassarsi e abbandonarsi

Aggiornato il da La Redazione Wengood

“Non riesco a lasciarmi andare con il mio ragazzo, sento anche dolori vaginali da quanto sono rigida”. Ho sentito questa frase da un’amica e ho capito perfettamente la situazione perché è capitato anche a me. Ho sofferto di vaginismo, cosa che ha drasticamente influenzato la mia sessualità e di conseguenza il mio rapporto. Sono riuscita a sopportare il dolore e a lasciarmi andare completamente per abbandonarmi al piacere. Quindi ti darò gli stessi consigli che ho dato a lei. La sessualità non deve mai essere vissuta come un momento spiacevole, al contrario dev’essere un’intimità bella e forte tra due persone!

Sessualità, 7 semplici consigli per rilassarsi e abbandonarsi
 
 Sommario

Come lasciarsi andare a letto? 7 consigli utili!

1) Comunicare è la chiave!

Sì, per lasciarsi andare bisogna sentirsi in totale armonia con il partner. È la base di una relazione amorosa e sessuale serena. Non bisogna avere vergogna di nulla e parlare con il cuore. Se il partner tende a giudicare, dovremmo cercare di fargli capire che non è sano. È lui a doversi rimettere in discussione in questo caso, non tu! Comunicare permette di raccontare i propri fantasmi e i propri desideri e ricorda che anche parlare durante il rapporto sessuale è un bene se necessario. Racconta quello che ti va di raccontare... E sopratutto, se senti dolore, non esitare a manifestarlo!

2) Accarezzatevi

Lo sai che non esiste solo la penetrazione, vero? Anzi, diciamo pure che è proprio la penetrazione a creare dolore e impedirci di lasciarci andare. Ecco perché il dialogo è fondamentale. Il partner dovrebbe ascoltarti e non costringerti a fare cose che non ti va di fare. Il consenso è un altro pilastro di una relazione sessuale sana! Quindi... comincia con delle semplici carezze: percorri la schiena con la punta delle dita, continua con i baci sul collo, abbraccialo... Le carezze o i messaggi sono ottime soluzioni per rilassarsi e lasciarsi andare.

3) Concentrati sulle sensazioni

Nathalie Giraud-Desforges, esperta di sessoterapia, spiega che concentrarsi sulle nostre sensazioni e quelle del partner permette di lasciarsi andare e vivere il piacere a 360°. Effettivamente, come durante le sessioni di meditazione in piena coscienza dovremmo mettere da parte i pensieri.

🤯 Il vero problema è qui, se non è possibile abbandonarsi è perché ci poniamo domande come: “cosa pensa del mio corpo?”, “cosa facciamo dopo?”, “sono tutta in ordine?” STOP! Il modo migliore per calmare questo genere di pensieri  è concentrarsi sulle sensazioni.

4) Non cercare di strafare

Voler strafare durante il rapporto sessuale non ha alcun senso. Lo si dovrebbe vivere come un momento di intimità forte con un’altra persona. La pornografia può fornire un’immagine falsata del sesso e influenzarci negativamente. Non dimenticare che si tratta pur sempre di un’industria cinematografica e non riflette quindi la vera sessualità. Non serve a nulla fare 10 posizioni del Kamasutra tanto per farle se non provocano piacere! Proprio come la convinzione che la frequenza dei rapporti sessuali debba essere elevata... dimenticalo! Anche in questo caso, la frequenza non è indice di una buona vita sessuale. Ognuno ha il proprio ritmo, l’importante è provare piacere in due!

5) Non ci sono regole

Se c’è qualcosa di poco eccitante, è la routine! Ha un impatto negativo sulla coppia ma anche sulla vita sessuale. Quindi di tanto in tanto prova a uscire dalla stanza e dal rapporto classico sul letto! Potrebbe ravvivare la libido dopo diversi anni di vita comune. Sii innovativa, fai l’amore sotto la doccia, in macchina, sulla spiaggia... Non ci sono regole, l’importante è vivere un momento di connessione con la persona che ami! Se la scintilla nasce mentre uno dei due lava i piatti, via i guanti e cercate di vivere un momento intimo tra i fornelli!

La redazione ti consiglia: Perché è così difficile parlare di sesso?

6) Esplora il tuo corpo

Un’altra soluzione efficace per lasciarsi andare è conoscere bene il proprio corpo. Potrebbe sembrare contraddittorio, ma non lo è! Più conosci il tuo corpo, più sarai a tuo agio e riuscirai a lasciarti andare facilmente. La masturbazione è un ottimo modo per rilassarsi esplorando il proprio corpo, senza paura del giudizio altrui. Vuol dire amarsi così tanto da volersi regalare piacere ed è fondamentale avere questa sicurezza di sé ancora prima di voler fare l’amore con qualcuno. Apprezzare il proprio corpo permette di rilassarsi più facilmente e, anche in questo caso, senza regole. Non è vietato solo perché hai un partner. Al contrario, stimoli il tuo piacere per aver voglia di esplorare insieme a lui!

7) Capire le cause del blocco

A volte, nonostante tutti gli sforzi per lasciarci andare, creiamo un vero e proprio muro. L’introspezione aiuta a capire le cause di questo blocco. È l’immagine che ho del mio corpo a bloccarmi? Sono meno attratta dal mio partner rispetto a prima? Ci sono dei problemi gravi che mi riempiono la testa? Nel mio caso, quando soffrivo di vaginismo, ho capito che era perché non ero più innamorata del mio compagno. Non volevo mettere fine alla nostra relazione ma non sono riuscita ad affrontarlo subito. Ecco perché bisogna ascoltarsi e, se non riesci a farlo, puoi rivolgerti a un professionista.


Il consiglio della redazione: non esitare ad ascoltare un esperto

Concentrarsi sul presente, sulle sensazioni, sugli odori e i fremiti del corpo... tutti modi per lasciarsi andare e provare piacere. Un problema di fiducia in se stessi, nel proprio corpo o nelle proprie capacità sotto le lenzuola potrebbero impedirci di lasciarci andare. Convinzioni limitanti, esperienze spiacevoli, traumi... ci sono diverse ragioni che possono impedirci di lasciarci andare.

👉 Consultare un sessuologo ti permetterà di fare il punto della situazione e trovare, insieme, una soluzione per una sessualità perfetta.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Fonte: https://drvalerio.com/

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!