Sono una persona tossica? 10 modi per scoprirlo

Aggiornato il da Paola Ferraro

In amore, in amicizia, sul lavoro, in famiglia… Credo che tutte prima o poi abbiamo avuto a che fare con una persona tossica. Ma a volte dovremmo porci a nostra volta la domanda: “sono una persona tossica?” o lo sono stata in qualche occasione con qualcuno? A volte capita di non rendersi conto del proprio comportamento! Ecco perché è importante fare un passo indietro in certe situazioni e farsi delle domande in modo tale da auto esaminarsi ed essere sempre la migliore versione di noi stessi. Solo per te un piccolo test per sapere se sei una persona tossica o no!

Sono una persona tossica? 10 modi per scoprirlo
 
 Sommario

Test: 10 segni per capire se sei una persona tossica

1) Giudichi tutto

Una persona tossica non smette mai di giudicare gli altri: scelte professionali, vita sentimentale, look, alimentazione e così via. Trascorre il tempo a criticare (e quindi a mettere in dubbio) le scelte altrui e a sminuire le persone che la circondano. La negatività è di casa per le persone tossiche: niente e nessuno sono mai abbastanza!

>>> Questo articolo potrebbe interessarti: Cos’è la Comunicazione Non Violenta? 

2) Non ascolti

Ascoltare gli altri è fondamentale. È il modo migliore per mostrare interesse verso gli altri. Però, se sei una persona tossica, te ne freghi! Le persone con un ego spropositato non ascoltano e aspettano solo di poter parlare di se stesse. Vogliono assolutamente essere al centro dell’attenzione per vantarsi delle loro “qualità”.

🙄 Una persona tossica annuisce, borbotta ma non è veramente coinvolta nella conversazione. Al contrario, se si tratta di parlare di se stessa, chi la ferma più!

3) Sei esigente

Esigere dagli altri ciò che noi stessi non diamo è pura ipocrisia: conosci il detto “predicare bene ma razzolare male”?! Solitamente le persone tossiche hanno delle aspettative molto elevate sugli altri ma non fanno neanche la metà di ciò che loro stesse chiedono.

💔 Esempio: una persona tossica pretenderà massima fedeltà dal proprio partner ma non ne sarà probabilmente un esempio…

4) Menti spesso

Mentire fa parte dell’essere umano, tutti possono mentire! A volte per non ferire qualcuno, ma spesso la persona tossica mente per organizzare le cose a suo modo. Cerca di valorizzarsi attraverso le sue bugie! Se qualcuno ha già scoperto una tua bugia e in tutta risposta hai cercato di dimostrare che si trattava della verità è un brutto segno…

5) Vuoi sempre avere ragione

Certo, non è una patologia voler avere sempre ragione. Ma quando tutti ci dicono che abbiamo torto bisogna saper ammettere i propri errori. E soprattutto, se ti accanisci e difendi la tua idea perché pensi che il tuo punto di vista sia l’unico degno di nota, non è sano per chi ti sta intorno. Una conversazione non è una sfida da vincere a tutti i costi, è uno scambio.

6) Non chiedi mai scusa

Se ti sei già chiesta “perché non riesco a chiedere scusa”? forse sei una persona tossica per gli altri. Effettivamente, questa difficoltà indica che pensi di avere sempre ragione o che non è mai colpa tua. È importante riconoscere i propri errori e saper fare un passo indietro.

➜ Certe persone hanno il riflesso di scusarsi anche se non è colpa loro. Il riflesso naturale delle persone tossiche invece è la bugia, non le scuse.

7) Sei troppo ironica

Fare doppi sensi, essere ironici, sminuire sottilmente gli altri… Ecco un condensato di comportamenti tossici che rendono gli altri tristi. Tutto ciò si concretizza tramite le battute pungenti, mezzo di comunicazione prediletto dalle persone tossiche.

🐶 Per esempio: qualcuno adotta un animale e tu, al posto di gioire con la persona, esordisci con “Che brutto il tuo cane, che razza di idea quella di prendere un carlino! In più i cani portano un sacco di rogne…” Tipico!

8) Sei passivo-aggressiva

Invece che diffondere amore intorno a te, diffondi odio. Quando si fa di tutto per trasmettere sensazioni negative agli altri evitando la responsabilità dei litigi vuol dire essere tossici! Anche la vendetta fa parte dei comportamenti passivo-aggressivi. Anziché dire a una persona che ci ha ferito, si cerca di vendicarsi per ferire a sua volta.  

➜ Le vere emozioni sono sempre nascoste in una persona tossica, non si riesce mai a capire cosa passa loro per la testa.

9) Sei estremamente egocentrica

Fare di se stessa la massima priorità e coltivare l’amor proprio è importante per migliorare l’autostima e imparare ad amarsi. Ma quando ci si fa passare davanti a qualsiasi cosa, senza mai aiutare o ascoltare, è tossico. Bisogna interessarsi agli altri per essere una brava persona: chiedere al nostro interlocutore come sta, proporgli il nostro aiuto ecc.

➜ I narcisisti perversi sono persone tossiche che vogliono essere sempre al centro dell’attenzione!

10) Però se leggi questo articolo…

… Ci sono buone probabilità che non sia una persona tossica o che stia cercando di cambiare. Infatti solitamente una persona tossica non è consapevole di esserlo e non cambia il proprio comportamento. Non cerca di migliorarsi per gli altri. Se stai leggendo questo articolo quindi ti fai qualche domanda, è un buon segno!

➜ Ovviamente ciò non significa che il problema sia risolto. Se senti che hai ancora strada da fare, magari hai bisogno di un supporto professionale per lavorare sul tuo comportamento.


Il consiglio della redazione: se ti fai la domanda, non sei una persona tossica!

Se ti fai questa domanda significa che non sei una persona tossica, significa che cerchi sempre di metterti in discussione! Questo genere di persone non si pongono proprio la domanda! Comunque, se pensi di avere fra le tue conoscenze una persona tossica, non esitare a contattare uno dei nostri professionisti per parlarne.

Se questa costante ansia anticipatoria ti inibisce e ti frena, non esitare a contattare un professionista, per identificare insieme le cause e trovare una soluzione.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Scopri anche 🔍


*Fonte: J. MacKenzie, 2016, “Questo amore fa male. Come salvarsi dalle relazioni distruttive e tornare a vivere”, Giunti Editore

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!