Perché non riesco a scusarmi?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Perché non riesco a scusarmi?
 
 Sommario

Letteralmente, non si tratta di scusarsi con se stessi ma piuttosto di chiedere a un’altra persona di perdonarci per qualcosa che abbiamo fatto. Se il tuo interlocutore è già innervosito a causa del tuo comportamento e inoltre ti vede auto-scusarti piuttosto che rivolgere le scuse verso di lui, allora la situazione diventa ancora più delicata. Mettere da parte il proprio orgoglio, trovare le parole giuste, è un processo che può risultare davvero complicato. Niente panico, vediamo insieme come fare!

Scusa, una parola di 5 lettere difficile da dire

“Scusa”, “Mi dispiace”, perché è così difficile pronunciare queste parole? La prima ragione è anche quella più evidente: non vogliamo chiedere scusa a causa di un insaziabile orgoglio, che ci impedisce di scusarci, provocando gravi danni.

Chiedere scusa è un segno di debolezza?

Questo ego presuntuoso ci fa credere che chiedere scusa sia un segno di debolezza, che pone l’altra persona in una posizione di superiorità. Come se ci si mettesse a nudo davanti a quest’ultima e le si desse il diritto di decidere la nostra sorte. E invece, c’è da dire che chiedere scusa a qualcuno richiede del coraggio e questo mostra semplicemente che abbiamo un buon cuore e siamo empatici. Dunque, sorry or not sorry?

scusarsi

«Chiedere scusa, significa riconoscere il proprio errore» spiega Maryse Vaillant, celebre psicologo. In altre parole «chi si scusa s’accusa».

Diciamoci la verità, preferiamo mille volte avere ragione e dare la colpa all’altra persona piuttosto che essere messi alle strette e guardare in faccia la realtà. Ecco perché i bambini (ma anche gli adulti!) dicono spesso “ha cominciato lui!”. Discolparsi è una tattica che ci fa guadagnare tempo e ci permette di rimandare all’infinito le scuse!

Può darsi anche che, (pur essendo difficile da ammettere), nel profondo temiamo la reazione dell’altra persona alle nostre scuse. Dopo tutto, se abbiamo fatto del male a qualcuno, questa persona potrebbe servirsi delle nostre scuse per sminuirci e farci passare per le persone più terribili sulla faccia della terra, rischiando anche di portarci verso un malsano meccanismo di ricatto emotivo. Sicuramente è una reazione che può essere considerata estrema, ma tutto sommato è normale credere che sia più facile nascondere la testa sotto la sabbia e fare finta di niente, aspettando che la tempesta passi.

Scusarsi, dimostrazione di grande saggezza

Sicuramente lo scopo non è quello di tirare fuori delle scuse non sentite, anche perché siamo tutti esseri umani, tutti sbagliamo ma non è sempre e comunque colpa nostra, per esempio non è necessario e nemmeno giusto scusarsi per un periodo in cui si è stressati o stanchi. È una questione diversa però quando hai agito in un certo modo, che sia o no con consapevolezza, e le conseguenze delle tue azioni hanno fatto del male a qualcuno a te vicino.

Farsi perdonare consiste prima di tutto nel riconoscere la propria colpa, riflettere sul proprio comportamento, mettersi in discussione. Rifiutarsi di chiedere scusa significa comportarsi come se si pensasse di essere perfetti: peccato che nessuno lo sia! I nostri errori vanno considerati tali solo se non ne traiamo alcun insegnamento, dunque ammettere che il nostro comportamento non era corretto ci permette di non commettere più gli stessi errori e di migliorarci.

Negare i propri errori impedisce di avere uno scambio con l’altra persona, perché chiedere scusa è un segno di pace e di rispetto. Se la persona a cui hai fatto un torto non si sente né compresa né considerata, allora rischia di reagire male e di chiudersi in se stessa, e questo equivale alla fine del dialogo tra di voi.

A lungo andare, se il tuo torto è stato davvero grave e la persona in questione è rancorosa, la vostra relazione potrebbe finire. Prima ti scusi, prima i cattivi ricordi verranno messi da parte per lasciare spazio al perdono, agli scambi positivi e ai bei momenti! E se non lo fai per l’altra persona, fallo almeno per te, perché scusarsi è prova di grande saggezza e coraggio e ci permette di ritrovare la pace interiore. Non è meglio vivere con la coscienza pulita?

Vedi anche - Meditazione consapevole: uno strumento per una vita migliore?

Trova le parole giuste

Dopo aver ferito qualcuno, chiedere perdono alle volte può essere davvero complicato, perché si tratta di un processo razionale. In altre parole, non siamo da soli faccia a faccia con i nostri errori, ma piuttosto in compagnia di un’altra persona che si trova di fronte a noi, che è stata più o meno ferita, e che reagirà alle nostre parole.

Ognuno interpreta le parole a modo suo, ed è possibile che il tuo interlocutore interpreti nel modo sbagliato le tue parole. Dunque, è molto importante trovare le parole giuste, che non possano essere fraintese. Quando ti scusi, fai attenzione a non girare il coltello nella piaga, perché l’altra persona, che è già stata ferita, potrebbe essere particolarmente sensibile alla cosa. Il buon vecchio “scusa” rischia di essere un po’ troppo banale, quindi fatti coraggio e non avere paura di esprimerti!

Le parole giuste sono necessarie, e dirla al momento giusto sarebbe proprio l’ideale! Alcuni preferiscono che le scuse arrivino subito perché reputano che dopo sia troppo tardi, ai loro occhi la spontaneità è sinonimo di sincerità, ma c’è da dire che tutto dipende anche dal torto subito. Alle volte è meglio aspettare e far calmare un po' le acque, cosa che ti consentirà anche di riflettere bene a ciò che dirai in modo che le tue scuse non siano arrangiate all’ultimo minuto, ma ponderate e studiate a puntino.

Potrebbe interessarti - 10 consigli per una relazione di successo

Scusarsi: 4 consigli per riuscirci

Se malgrado tutto queste parole non riescono proprio a uscire dalla tua bocca, puoi sempre rimpiazzare le parole con i fatti. Ecco alcuni consigli:

  • Fai una faccia timida e mortificata all’altro
  • Se avete confidenza, proponi un abbraccio riparatore
  • Scrivi qualche parola dolce o una bella lettera, così da poter scegliere le giuste parole con intelligenza senza dover affrontare il temibile faccia a faccia
  • Fai un regalino: dei fiori, un dolcetto, o semplicemente offri un bel caffè!

La redazione ti consiglia - 5 consigli per farsi dei nuovi amici


Il consiglio dello psicologo – Sì alle scuse, purché siano sincere!

Il fatto di non scusarti mai ti porterà poco a poco a isolarti. Attenzione però, quando ti scusi fallo con sincerità, altrimenti non farai altro che peggiorare le cose. Per Maïté Tranzer, psicologa: "Se non si è sinceri, allora non serve a niente. La persona a cui ci rivolgiamo se ne renderà conto subito e questo la ferirà ancora di più, danneggiando il legame”.

È possibile che tu non sia una persona empatica? Hai mai pensato che negare le tue scuse equivalga a non riconoscere il male che hai causato? Riflettici su…

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!