Ho degli scatti d’ira, come controllare la rabbia?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Chi non è mai stato sopraffatto dalla rabbia chiuda quest’articolo! A tutte capita, prima o poi, di provare quest’emozione forte e incontrollabile. Non è né buona, né cattiva ma è giusto che esista. È sano provare rabbia quando ci sentiamo tradite o vittime di un’ingiustizia. Al contrario, quando gli scatti d’ira sono ricorrenti, è bene imparare a controllarli. Soprattutto quando la rabbia ferisce noi o chi ci sta intorno diventa problematica.

 
 Sommario


Perché dobbiamo imparare a controllare la rabbia?

Si sente spesso dire che non dovremmo reprimere la rabbia. Allo stesso tempo, farla uscire in maniera aggressiva non è proprio la soluzione ideale 🤬. Non è possibile “cancellare” quest’emozione come si cancella una sbavatura con la matita. E soprattutto, non sta agli altri gestire le nostre emozioni, dobbiamo essere emotivamente autosufficienti.

La rabbia ci divora

Lo constatiamo spesso, le emozioni forti come la rabbia sono faticose! Provare rabbia causa sintomi fisici capaci di causare malattie croniche gravi come le malattie cardiovascolari, il diabete, il crollo delle difese immunitarie… E la lista è ancora lunga 🤯!

➜ Se arrabbiarci ci costa fatica è perché consuma delle risorse psicologiche importanti. Se ricorrente, potrebbe provocare anche ansia generalizzata o addirittura la depressione o altre malattie mentali…

La rabbia ci isola

È fondamentale riflettere sugli effetti che la collera ha su di noi, ma non dimentichiamo anche la sofferenza di chi ci sta intorno. A volte diciamo a noi stessi che sono gli altri che provocano questa emozione ma in realtà è colpa del nostro passato che torna a galla. Inoltre, la rabbia ha il potere di allontanarci dalle persone che amiamo e farle soffrire 😥. Per evitare che tutto ciò accada, dobbiamo imparare a gestirla.

Questo articolo potrebbe interessarti >>> Come gestire la propria emotività?

Cosa si nasconde dietro la rabbia?

Bisogna sapere che la rabbia è un’emozione secondaria legata ad avvenimenti vissuti in passato. Nasconde in realtà un’altra emozione, quindi ci arrabbiamo a causa dell’emozione primaria. Cerchiamo di nasconderla ma questo crea un evitamento emozionale. Ecco perché bisogna imparare a gestire le emozioni, tutte sono legittime.

⚠️ Il peggio arriva quando siamo stati educati sin da piccoli a comunicare solo tramite la rabbia non appena c’è qualcosa che non va.

Di seguito alcune ragioni che possono spiegare la rabbia:

  • Difficoltà a scendere a compromessi: a volte si cresce in un modello dove la persona in collera ottiene sempre ciò che vuole e ci induce quindi a riprodurre lo stesso schema. Altrimenti, avremo l’impressione che scendere a compromessi voglia dire essere vulnerabile.
  • Un’emozione principale: indossiamo una maschera per nascondere le nostre vere emozioni.
  • Incapacità di ascolto delle opinioni altrui: ciò significa che non si riesce a mettersi in discussione.

Come imparare a gestire la collera?

La collera si manifesta tramite sintomi fisici come il nodo allo stomaco, la mascella contratta, un’eccessiva sudorazione ecc. Questi segnali possono aiutarci a sentire l’arrivo della collera e a comprendere cosa c’è all’origine di questa emozione forte.

Riparare le situazioni o persone che generano collera

I segnali inviati dal corpo possono permettere di decifrare la collera. A volte si tratta di situazioni o “patterns” che si riproducono e scatenano questa forte emozione. Ecco una lista non esaustiva:

  • Le situazioni stressanti e particolarmente ansiogene;
  • “È necessario” o “Devi” imposti dalle persone psicorigide;
  • L’accumulo di frustrazione;
  • Le conclusioni affrettate, quando si ha l’impressione di sapere cosa pensa l’altro;
  • La generalizzazione degli altri, per esempio “mi interrompi sempre”;
  • …E così via!

Imparare a calmarsi

Una volta identificata la situazione, è più facile imparare a calmarsi. Fare un passo indietro rispetto alle proprie emozioni permette di subirle meno e di osservarle per comprenderle meglio. A questo proposito, lo yoga o la meditazione possono essere dei solidi alleati per controllare meglio gli scatti d’ira 🧘‍♀️.

Ovviamente, si tratta di pratiche da consolidare con il tempo. Nel momento in cui siamo arrabbiati, ci possiamo concentrare sulle sensazioni fisiche. Spostiamo l’attenzione sul nostro corpo e le nostre emozioni. Utilissimi gli esercizi di respirazione, necessari per far calare la rabbia, che consigliano di inspirare ed espirare profondamente.

Relativizzare

Proprio come calmarsi, è un esercizio che prende tempo. Purtroppo è molto dura avere uno sguardo obiettivo quando stiamo fremendo. Ma più ci proviamo, più sarà facile riuscirci. Quando cominciamo a sentirci frustrate e contrariate, facciamoci le seguenti domande 🤔:

  • È una cosa davvero importante?
  • Vale la pena arrabbiarsi?
  • Vale la pena rovinarsi la giornata?
  • La mia risposta è appropriata alla situazione?
  • Posso fare qualcosa?
  • Vale la pena consacrare tempo a cercare una soluzione al problema o a essere arrabbiata?

Essere empatici

A questo punto, è possibile essere abbastanza forte per mettersi al posto della persona che ci ha contrariato, che si parli del fidanzato o dell’impiegata delle poste. Per riuscirci, dobbiamo esercitare l’ascolto attivo nei confronti dell’altro, senza male interpretare il suo discorso. Inoltre, è necessario imparare a distaccarci da qualcosa a cui teniamo terribilmente: avere ragione.

👩‍❤️‍👩 Se riusciamo a metterci al posto dell’altro sarà molto più semplice mollare la presa e non lasciarsi pervadere dalla rabbia.


Il consiglio della redazione: trovare cosa sta all’origine della rabbia

La rabbia è un’emozione forte, stancante a lungo termine. Esiste anche una rabbia sana, a condizione che ci serva da motore e ci permetta di avanzare nei nostri progetti. Quando invece si traduce solo in aggressività sfinisce e nuoce alle nostre relazioni. È quindi importante imparare a canalizzare le emozioni. Se soffri di numerosi scatti d’ira la prima cosa da fare è identificarne le cause. Contatta uno psicologo per risalire alle origini di questa aggressività e trovare insieme una soluzione.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!