Come fare della propria ipersensibilità una forza?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

“Ma perché piangi?”. Quante volte le persone ipersensibili si sono sentiti dire questa frase! Per quanto mi riguarda, quando mi capitava mi sentivo sempre in colpa, come se non fosse normale essere così tanto sensibile. In effetti, per le persone ipersensibili le lacrime e il pianto fanno quasi parte del loro essere. È un modo per queste persone di evacuare le loro emozioni, che percepiscono come troppo forti. È una condizione che può scatenare imbarazzo in base alla situazione in cui si scatena, ma non bisogna viverla come una debolezza, anzi! L’ipersensibilità può trasformarsi in una forza se la si accetta e la si canalizza. Ecco come fare!

Come fare della propria ipersensibilità una forza?

8 consigli per trasformare la propria ipersensibilità in una forza

1) Imparare a conoscersi

Guardare dentro se stessi non è affatto facile. Ci sono delle parti nascoste di noi che probabilmente abbiamo paura di tirare fuori. Tuttavia, fare questo lavoro di introspezione è necessario per potersi accettare e capire. Perché solo imparando a conoscerci riusciremo a capire più facilmente le ragioni alla base di un’emozione troppo forte. Sapersi ascoltare è il modo migliore per trasformare la propria ipersensibilità in una forza perché più ci si capisce, meglio ci si rapporta con la propria percezione delle emozioni.

2) Sviluppare la propria autostima

Di solito le persone che riconoscono di essere ipersensibili non hanno una grande autostima. Il problema è che è proprio la nostra autostima che ci aiuterà a trasformare la sensibilità in una forza. Non c’è niente di più bello che sentirsi vivi attraverso le emozioni forti che si percepiscono. Dunque, è bene fare un lavoro di accettazione di sé per essere in pace con questo aspetto del proprio carattere e della propria personalità. Bisogna avere un buon livello di autostima e mostrare con fierezza le caratteristiche che ci rendono diversi!

3) Capire le proprie emozioni e accettarle

Quando siamo bambini, abbiamo l’impressione che gli adulti non possano piangere. Crescendo ci si rende subito conto che questa idea è un’assurdità. Infatti, forse piangiamo di più in età adulta che durante l’infanzia. Da adulti, bisogna normalizzare il fatto di piangere davanti agli altri. Mostrare le proprie emozioni è una cosa sana, e ci si può permettere di farlo apertamente in compagnia dei propri cari. Tuttavia, quando capita di avere voglia di piangere in presenza di persone sconosciute o poco empatiche, è bene allontanarsi per poter vivere le proprie emozioni in tranquilla solitudine.

❤️ Bisogna imparare ad affermarsi e cercare di far capire agli altri che non c’è nessun problema nell’essere ipersensibili, e pazienza se questo a loro non piace! Essere emotivi non è un difetto!

Vedi anche - E perché piangere farebbe bene alla salute?

4) Rilassarsi e meditare

La meditazione consapevole può essere un vero e proprio sostegno per le persone ipersensibili. Le nostre emozioni sono direttamente collegate ai nostri pensieri. Quando pratichiamo la meditazione, ci si esercita a distaccarsi dalle proprie emozioni. Meditare aiuta a prendere del distacco, a osservare il flusso delle emozioni da un punto di vista diverso, lontano, senza lasciarsi invadere. Questa tecnica di rilassamento permette anche di allentare le tensioni e l’ansia che influiscono sul benessere del nostro corpo. Ecco perché meditare può rivelarsi particolarmente utile per le persone ipersensibili! Alle volte il nostro corpo non accetta con serenità le emozioni del nostro stato psichico, quindi la meditazione lo aiuta a rilassarsi!

La redazione ti consiglia - Come combattere lo stress in modo naturale? Ecco 3 metodi efficaci

5) Canalizzare le proprie emozioni attraverso la creatività

Questo è forse il più grande rimedio contro l’ipersensibilità: trovare un’attività che permetta di vivere più serenamente la percezione delle proprie emozioni. Creare permette di concentrarsi e di prendere del distacco da emozioni violente come la rabbia o la tristezza. Sta a ognuno di noi scegliere l’attività che più gli corrisponde. Per alcuni potrebbe essere la fotografia, per altri la pittura, la scrittura, l’origami, etc. Bisogna trovare il proprio mezzo di espressione artistico per trasformare la propria ipersensibilità in una forza, o magari anche in un’opera d’arte, chi può dirlo!

6) Sperimentare la sofrologia

Si tratta di una tecnica di sviluppo personale, una via di mezzo tra lo yoga e la meditazione. Ma che cosa “cura” la sofrologia? Ebbene, questa pratica crea un legame tra il corpo e lo spirito; l'esperto ci fa fare degli esercizi di visualizzazione per raggiungere questo obbiettivo. La sofrologia caycediana può dunque aiutarci, permettendoci di comprendere meglio quello che accade dentro di noi. Infatti, il fatto di percepire costantemente le emozioni in modo forte ci disconnette dal nostro involucro, ovvero il corpo.

➜ Stare all’ascolto del proprio corpo e dei segnali che ci invia è necessario per comprendere al meglio se stessi.

7) Fare attività fisica

Per continuare il discorso dei due punti precedenti, ricordiamoci che il corpo è l'elemento più trascurato nella vita di una persona ipersensibile. Praticando dello sport, si crea un rapporto più sereno tra il proprio corpo e i propri sentimenti. Infatti, non è mica un segreto: fare sport è un ottimo modo per evacuare le tossine e per autoregolarsi.  L’endorfina, la serotonina e la dopamina liberate attraverso lo sforzo fisico favoriscono un acquietamento delle emozioni. Questo è uno dei punti chiave per riuscire a gestirle meglio. Questa sensazione di benessere che fa sentire distesi e rilassati ha effetto sia a breve termine, immediatamente dopo la seduta, sia a lungo termine, soprattutto quando l’attività sportiva viene praticata con una certa frequenza.

8) Riposarsi

Quando si è ipersensibili, percepire costantemente le emozioni in modo molto forte può essere sfiancante. È necessario dunque un maggiore riposo e non è un aspetto da trascurare. Dormire almeno 8 ore a notte permette di avare un sonno ristoratore che ricarica le nostre batterie. In generale, è bene anche cercare di avere una buona qualità di vita, per esempio evitando tutti i prodotti eccitanti come il caffè o l’alcol, perché questi spingono verso uno stato mentale che diventa incontrollabile se accompagnato da emozioni particolarmente forti.

Potrebbe interessarti - Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

Come essere felici quando si è ipersensibili?

La felicità non dipende dalla nostra ipersensibilità. Tuttavia, il modo in cui viviamo e percepiamo questo aspetto del nostro carattere ha un’influenza sulla nostra felicità. Ecco perché è importante trasformare la propria sensibilità in una forza, cominciando col mettersi in testa che non si tratta di un difetto. Mostrare le proprie emozioni non è una debolezza, al contrario, richiede molto coraggio. Numerosi artisti, registi e scrittori sono persone ipersensibili, cosa che gli permette di farci sognare attraverso la loro arte.

Può essere davvero difficile cambiare il modo in cui percepiamo le cose quando lo si fa da soli. Ecco perché non bisogna esitare a farsi accompagnare da un professionista. L’ipersensibilità non è una patologia, è un aspetto del carattere. Tuttavia, questo non vuol dire che l’aiuto dello psicologo sia inutile, anzi: lo specialista potrà accompagnarti nel tuo percorso per capire meglio come gestirla.

“Conosci te stesso” diceva Socrate: il segreto per trasformare la propria ipersensibilità in una forza è comprendere le proprie emozioni e stare sempre all’ascolto di se stessi.


Il consiglio della redazione: un percorso che può essere lungo

Prendere consapevolezza della propria ipersensibilità è il primo passo. Accettarla, conviverci e trasformarla in una forza è un percorso lungo che potrebbe richiedere del tempo, più o meno lungo. Se questa ipersensibilità è difficile da gestire a livello quotidiano, ricorda di chiamare uno psicoterapeuta per trovare insieme le risposte che cerchi e le soluzioni più adatte.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Contatta uno psicologo


Non hai ancora visto tutto, scopri i nostri ultimi articoli: 

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Da piccola giocavo molto con i Lego e con i videogiochi. Per me sono passioni come tutte le altre e a 33 anni gioco ancora ai videogiochi. Tuttavia, ciò che non è normale è che quando ero più giovane venivo descritta come un "maschiaccio". In realtà, ho sempre odiato questo termine e credo sia ora di smettere di usarlo. È sessista e attribuisce un'etichetta alle ragazze che non rientrano nei cliché del loro genere, quindi non pronunciarlo mai più!

Detesto i complimenti, perché mi mettono così a disagio?

“Hai un talento naturale per la fotografia, sei bravissima!”. Improvvisamente divento rossa come un peperone e non so più come comportarmi. I complimenti mi mettono terribilmente a disagio, ma so che dovrei viverli in tutt’altra maniera. La maggior parte delle persone infatti amano i complimenti! Io non riesco ad accettarli. Perché? Cosa mi mette così a disagio?

Sono una di quelle persone che non mettono il lavoro al centro della propria vita. D'altra parte, ho un'amica che lo fa, al punto che il suo corpo cede regolarmente. È chiaro che il suo lavoro è la sua ragion d'essere e dà il massimo. Forse un po' troppo. Ecco perché ho voluto scrivere questo articolo, per ricordarle di fare attenzione! Forse sarà utile anche a te, soprattutto se senti che la tua carriera sta occupando tutto lo spazio della tua vita.

Basta con la pressione per avere una vita sessuale folle, anche il missionario va bene!

"Haaa cosa non hai mai provato la posizione della carriola moldava?". No Ginetta, non ho mai provato questa posizione sessuale, ma il tuo sguardo stupito mi mette sotto pressione... Onestamente, a chi non è mai capitato durante una discussione tra amiche? A me è successo e anche se la carriola moldava non esiste, avevo il diritto di essere giudicata per altre pratiche sessuali che non pratico. Sembra che tu debba fare di tutto a letto per dimostrare di avere una vita sessuale pazzesca... Basta!

La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Non riesco a credere di essere nata sotto una cattiva stella solo a causa della mia famiglia che, ammettiamolo, è lungi dall’essere perfetta. Quando mia madre non mi fa sentire in colpa, ci pensa mio padre a sminuirmi ed a paragonarmi alla sorella che non ho mai avuto. Per essere felice e sfuggire a questa relazione "tossica", ho dovuto prendere delle misure, poi le distanze. Ti racconto come ho imparato a stare alla larga dai miei genitori nocivi.

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Viviamo gli uni accanto agli altri, senza vederci veramente. In coppia, in società, in senso generale, spesso ci si sente soli. E ancora di più in periodo Covid. Trasparenti, incompresi…questa solitudine è pesante e ci fa isolare ogni giorno un po' di più. Prima di finirla da sole con 10 gatti (anche se questi ultimi sanno essere di grande conforto!), ecco 8 trucchetti per colmare definitivamente questa sensazione di vuoto e non sentirci mai più messe da parte.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!