Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?
 
 Sommario

Cos'è la Sindrome di Stoccolma?

Nel 1973 ci fu una rapina alla banca di Stoccolma. Alcune persone vennero prese in ostaggio per diversi giorni e svilupparono  dell’empatia nei confronti dei loro sequestratori. Arrivarono perfino a difenderli durante il processo e far loro visita in carcere. 

Ecco una definizione semplice alla sindrome di Stoccolma: quella di comprendere il proprio aggressore, perché quest’ultimo è in grado di spiegare le motivazioni alla base delle sue azioni. Quando si è vittime, ci si mette nei panni del carnefice.

🧠 Nelle situazioni più gravi in cui è presente un forte stress psicologico, le vittime temono per la loro vita. Quando, una volta cessato il pericolo, non muoiono, queste sentono una sorta di riconoscenza e si sentono debitrici per il fatto di essere ancora in vita. È quello che succede nei casi in cui si viene presi in ostaggio, come la rapina a Stoccolma del 1973.

Perché si arriva ad amare il proprio aggressore?

La sindrome di Stoccolma è un meccanismo di sopravvivenza. Spesso, in seguito ad uno shock emotivo, il nostro cervello si adatta automaticamente alla situazione e innesca un sistema di autodifesa. Si tratta di un fenomeno psicologico che permette di "sopportare l’insopportabile". La nostra mente mette in atto questo meccanismo di difesa per adattarsi a situazioni che non sappiamo come affrontare.

Il nostro comportamento si adatta nel momento in cui la nostra vita è in pericolo, come per esempio quando si viene presi in ostaggio, ma reagiamo allo stesso modo anche quando qualcuno tenta di farci del male. La sindrome di Stoccolma nella vita quotidiana può rivelarsi ancora più perversa. Non si tratta più di essere presi in ostaggio, si tratta di violenze ripetute che distruggono a poco a poco la salute mentale della vittima e la sua autostima.

Potrebbe interessarti - 4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all'insicurezza!

Essere vittima della Sindrome di Stoccolma in famiglia

La sindrome di Stoccolma è un meccanismo che si può riscontrare in situazioni di maltrattamento all’interno della vita privata. È un fenomeno ancora più marcato nel momento in cui si parla di persecuzioni che durano da molto tempo. Quando si viene maltrattati da qualcuno appartenente alla nostra sfera intima, vuol dire che esiste un legame molto forte che unisce la vittima all'aggressore, complicando ulteriormente il rapporto. A lungo andare, ci si abitua alla violenza e ci si sente addirittura riconoscenti per il fatto che la persona violenta non si spinga oltre.

La Sindrome di Stoccolma nella vita di coppia assume forme diverse: intimidazioni, umiliazioni, persecuzioni, violenze fisiche e sessuali. D’altronde, i carnefici sono spesso dei narcisisti perversi. Edmundo Oliveira, ricercatore in criminologia, spiega che nel caso della violenza coniugale, le donne denunciano raramente i loro aggressori e continuano a vivere sotto lo stesso tetto. Le donne vittime di violenza rimangono in silenzio perché si innesca questo sentimento paradossale di affetto e paura. Alcune si sentono sollevate per il fatto di essere ancora in vita e credono che rimanere in silenzio sia l’unico modo per salvarsi.

⚠️ Associazione contro la violenza sulle donne: https://www.telefonorosa.it/

La sindrome di Stoccolma al lavoro

La sindrome di Stoccolma può avere luogo anche all’interno dell’ambito professionale. Per esempio, può manifestarsi con un superiore gerarchico o un collega che ci perseguita, intimidisce o molesta. Quando succede per la prima volta ci si sente generalmente sorpresi, ma una volta che questa prima reazione è passata, non reagiamo. C’è una scala gerarchica e quindi si tende a minimizzare la cosa: “è normale, è il mio superiore, ha paura che faccia qualche errore grave”.

Lavoratrice stressata

Secondo la Havard Business Rewiew, la sindrome di Stoccolma all’interno dell’ambiente professionale è più presente ora rispetto al passato. Il fatto che trovare un lavoro sia più difficile rispetto a prima contribuisce all’aumento di questo fenomeno. Il dipendente vittima di violenza teme di perdere il suo lavoro e di non trovarne un altro in seguito. Fuggire dal proprio lavoro e dal proprio capo è dunque fuori questione, e il dipendente si ritrova così intrappolato in una situazione tossica.

Qual è la via di fuga alla Sindrome di Stoccolma?

A prescindere dalla situazione e dal rapporto che si stabilisce con il proprio aggressore, bisogna riuscire a rendersi conto del fatto di essere vittime della Sindrome di Stoccolma. Perché quando si è sotto la morsa di qualcuno, si ha tendenza ad accettare un comportamento che normalmente non è accettabile. Ascolta attentamente le reazioni delle persone che ti stanno vicine, perché questo è un ottimo modo per prendere consapevolezza della situazione. Non bisogna mai considerare come normale o banale il fatto di essere umiliati, sminuiti, maltrattati o che venga compromessa la nostra integrità fisica. 

Una volta presa consapevolezza di ciò, bisogna mettere da parte le esitazioni e fare il primo passo. Parlarne con un amico, il medico curante o un terapeuta sono tutti ottimi modi per incominciare ad uscirne. Sentirsi dire da qualcun altro che ciò che si ha subito non è normale aiuta a farci comprendere la gravità della situazione.

Qual è la cura? Esiste una terapia?

Il modo migliore per trattare la sindrome di Stoccolma è consultare un terapeuta. Essere seguiti da uno specialista ci aiuterà a reagire e a mettere dei limiti al nostro carnefice. Per fare ciò bisogna esprimere i propri sentimenti e spiegare esattamente cosa si sta passando. Questo cambiamento nel comportamento avrà un impatto importante sull’aggressore. Nei casi più gravi, non bisogna esitare a chiedere aiuto o a denunciare, o addirittura a tutelare la propria sicurezza quando si teme per la propria vita.

La redazione ti consiglia: Come dimenticare un narcisista perverso?


Il consiglio della redazione: sei una vittima?

La Sindrome di Stoccolma può essere vissuta quotidianamente, che sia in ambito professionale o sentimentale. Se ti rendi conto di alcuni atteggiamenti che non andrebbero tollerati, non esitare a contattare un terapeuta per parlare della tua situazione. Esistono numerose terapie davvero efficaci per superare la Sindrome di Stoccolma.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Fonte: mypersonaltrainer.it

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!