Genitori troppo esigenti: quando si pretende troppo dai figli

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Essere genitori è qualcosa di eccezionale, ma è anche tanto difficile. In quanto genitori, siamo consapevoli di poter commettere degli errori, perché anche se cerchiamo di fare sempre del nostro meglio, siamo esseri umani. È cosi, non c’è niente da fare. Nonostante i nostri sforzi, alle volte andiamo oltre ogni limite, ci lamentiamo, esageriamo o chiediamo troppo ai nostri figli. Questo non significa però che non possiamo migliorarci, anzi!

Genitori troppo esigenti: quando si pretende troppo dai figli
 
 Sommario

Ipereducazione: tra aspettative ed esigenze

Da circa trent’anni fino ad oggi, il bambino ricompre un ruolo centrale all’interno del nucleo familiare. Essere un buon genitore implica dunque impegnarsi al 100% nell’educazione dei propri figli. Inimmaginabile pensare di lasciarli liberi di vivere la loro vita a scuola in tutta tranquillità, ancor più adesso che il futuro sembra sempre più incerto. Se vogliamo il meglio per loro, se vogliamo assicurare loro un futuro radioso e renderli degli adulti responsabili, è impossibile abbandonarli a loro stessi.

😙L’ipereducazione è dunque l’eccessiva attenzione che i genitori hanno nei confronti dell’educazione dei loro figli. Il problema è infatti che, mentre le aspettative sono alte, il risultato è spesso deludente. Tra l’esigenza e l’abbandono c’è una via di mezzo, un equilibrio che va necessariamente trovato e attuato.

Perché pretendiamo troppo?

Spesso è il frutto di un meccanismo inconscio, ma quando diventiamo genitori, cerchiamo sempre di correggere i nostri difetti proiettandoci sui nostri figli, di dare loro ciò che noi non abbiamo avuto o di ritrovare la nostra infanzia perduta. Insomma, abbiamo tutti delle ragioni che ci spingono a pretendere dai nostri figli sempre di più:

  • Non ero una buona studentessa e voglio che mio figlio sia più bravo di me
  • Al contrario, ero una buona studentessa o campionessa di tennis e non accetto che mio figlio sia da meno
  • Penso che, per trovare un buon lavoro in futuro, debba prendere voti alti, studiare tanti anni e fare diverse attività
  • Penso che i miei genitori non mi abbiano spinta abbastanza quando ero bambina e ora me ne dispiaccio, avrei potuto essere migliore di quanto lo sia ora
  • Penso che si debba puntare sempre in alto e essere la migliore sempre e comunque

La redazione ti consiglia - Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

Benvenuti in un mondo competitivo

Non è una novità, più gli anni passano più la disoccupazione aumenta, e per trovare lavoro bisogna farsi strada a muso duro: la competizione regna sovrana. In tutti i settori, sin dalla più giovane età, a scuola, i bambini sono immersi in un ambiente competitivo: voti, gare, perché dovrebbe sembrarci strano volerli spingere a dare sempre il massimo?

Sono molti quelli che si aspettano dai propri figli il meglio, che siano performativi e sempre pronti a superarsi, e dunque li mettono sotto pressione allo scopo di assicurare loro un futuro migliore. Meglio dunque un figlio producente piuttosto che un figlio sereno. Peccato però che questa eccessiva pressione da parte dei genitori la maggior parte delle volte non venga ricompensata…anzi!

Esigere troppo dai propri figli, le conseguenze nefaste

Esigere troppo dai propri figli, imporre loro di dover raggiungere sempre i migliori risultati, sono dinamiche che spesso portano a conseguenze pericolose, alle volte anche gravi.

1) La stanchezza

Non è raro ora come ora trovare molti bambini che praticano tantissime attività. Dopo la scuola c’è il nuoto, poi il karate, il pianoforte e i corsi di inglese extracurricolari. Quand’è che questi bambini trovano il tempo di respirare, di giocare con altri bambini, di vedere gli amichetti? Se tuo figlio ti sembra agitato o molto stanco, attenzione, perché può darsi che svolga troppe attività. Bambini e adolescenti hanno bisogno di molto sonno e anche e soprattutto di fare delle pause per poter godere della loro infanzia.

2) La paura di deludere

Il fatto di non riuscire a soddisfare le aspettative dei propri genitori viene vissuto con terribile angoscia da parte di un bambino. Alle volte, questa paura è così intensa che può essere la fonte di alcuni sintomi fisici, come mal di testa, di stomaco, voglia di rimettere, che insorgono prima di una competizione o magari di una verifica. La paura di deludere i propri genitori è un sentimento profondo che può lasciare delle ferite indelebili, che continuano anche nell’età adulta, come la mancanza di autostima o l'autoderisione. I commenti negativi, se non umilianti, e i paragoni con gli altri, rinforzano questa paura di deludere e sono quindi causa di tristezza e rovinano, alla lunga, il rapporto con i genitori o con i futuri figli.

Potrebbe interessarti - 4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all'insicurezza!

3) Il fallimento scolastico

I voti bassi, il fallimento a scuola, sono alle volte l’unica soluzione che il bambino immagina per poter opporre resistenza, per potersi ribellare alle aspettative dei suoi genitori. È il suo modo di esistere per se stesso.

4) Lo stress

Spingere il proprio figlio a fare sempre di più, a superarsi sempre, è fonte di grande stress per lui e alle volte può portarlo verso l’esaurimento nervoso. Infatti, la pressione, la stanchezza, l’accumulo di attività, la mancanza di un senso a ciò che fa (spesso i bambini fanno quello che i genitori gli dicono senza per forza chiedersene lo scopo o il motivo), sono fattori che possono condurre verso un burn-out o verso altri disturbi psicologici: instabilità emotiva, ansia, depressione.

5) La mancanza di affetto

Tutti, e i bambini ancor di più, abbiamo bisogno di affetto. L’ipereducazione ha spesso un impatto molto grave sulla relazione affettiva tra i genitori e i figli. Anche a casa, il bambino tende a perdere la sua identità di bambino, mentre resta intatta quella di alunno, di concorrente. Nella relazione genitore/figlio, l’affetto e la fiducia sono indispensabili: aiutiamo i nostri bambini a trovare la loro strada, in modo da permettere lo sviluppo della loro personalità, piuttosto che farli stare muti di fronte ad una strada scelta e imposta da altri e che pensiamo sia la migliore per loro.

Vedi anche - Genitori allo stremo, attenzione al burn-out materno


Il consiglio della redazione – è questione di equilibrio

Essere troppo esigenti. Non esserlo abbastanza. Nell’educazione come nella vita, tutto è questione di equilibrio. Non stiamo lì a sperare che nostro figlio sia il migliore, non aspettiamoci che sia perfetto: è inverosimile. Noi non siamo genitori perfetti, quindi non idealizziamo i nostri figli. Permettiamogli di commettere i loro errori e diamogli i migliori consigli affinché trovino la loro strada. Il regalo più bello che gli possiamo fare è quello di insegnargli ad avere fiducia in loro stessi. Proteggendoli, aiutandoli a prendere delle iniziative e dando loro la nostra approvazione, gli diamo le basi per una buona autostima.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe


Fonte: psicoadvisor.com

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!