Genitori troppo esigenti: quando si pretende troppo dai figli

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Essere genitori è qualcosa di eccezionale, ma è anche tanto difficile. In quanto genitori, siamo consapevoli di poter commettere degli errori, perché anche se cerchiamo di fare sempre del nostro meglio, siamo esseri umani. È cosi, non c’è niente da fare. Nonostante i nostri sforzi, alle volte andiamo oltre ogni limite, ci lamentiamo, esageriamo o chiediamo troppo ai nostri figli. Questo non significa però che non possiamo migliorarci, anzi!

Genitori troppo esigenti: quando si pretende troppo dai figli

:

Ipereducazione: tra aspettative ed esigenze

Da circa trent’anni fino ad oggi, il bambino ricompre un ruolo centrale all’interno del nucleo familiare. Essere un buon genitore implica dunque impegnarsi al 100% nell’educazione dei propri figli. Inimmaginabile pensare di lasciarli liberi di vivere la loro vita a scuola in tutta tranquillità, ancor più adesso che il futuro sembra sempre più incerto. Se vogliamo il meglio per loro, se vogliamo assicurare loro un futuro radioso e renderli degli adulti responsabili, è impossibile abbandonarli a loro stessi.

😙L’ipereducazione è dunque l’eccessiva attenzione che i genitori hanno nei confronti dell’educazione dei loro figli. Il problema è infatti che, mentre le aspettative sono alte, il risultato è spesso deludente. Tra l’esigenza e l’abbandono c’è una via di mezzo, un equilibrio che va necessariamente trovato e attuato.

Perché pretendiamo troppo?

Spesso è il frutto di un meccanismo inconscio, ma quando diventiamo genitori, cerchiamo sempre di correggere i nostri difetti proiettandoci sui nostri figli, di dare loro ciò che noi non abbiamo avuto o di ritrovare la nostra infanzia perduta. Insomma, abbiamo tutti delle ragioni che ci spingono a pretendere dai nostri figli sempre di più:

  • Non ero una buona studentessa e voglio che mio figlio sia più bravo di me
  • Al contrario, ero una buona studentessa o campionessa di tennis e non accetto che mio figlio sia da meno
  • Penso che, per trovare un buon lavoro in futuro, debba prendere voti alti, studiare tanti anni e fare diverse attività
  • Penso che i miei genitori non mi abbiano spinta abbastanza quando ero bambina e ora me ne dispiaccio, avrei potuto essere migliore di quanto lo sia ora
  • Penso che si debba puntare sempre in alto e essere la migliore sempre e comunque

La redazione ti consiglia - Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

Benvenuti in un mondo competitivo

Non è una novità, più gli anni passano più la disoccupazione aumenta, e per trovare lavoro bisogna farsi strada a muso duro: la competizione regna sovrana. In tutti i settori, sin dalla più giovane età, a scuola, i bambini sono immersi in un ambiente competitivo: voti, gare, perché dovrebbe sembrarci strano volerli spingere a dare sempre il massimo?

Sono molti quelli che si aspettano dai propri figli il meglio, che siano performativi e sempre pronti a superarsi, e dunque li mettono sotto pressione allo scopo di assicurare loro un futuro migliore. Meglio dunque un figlio producente piuttosto che un figlio sereno. Peccato però che questa eccessiva pressione da parte dei genitori la maggior parte delle volte non venga ricompensata…anzi!

Esigere troppo dai propri figli, le conseguenze nefaste

Esigere troppo dai propri figli, imporre loro di dover raggiungere sempre i migliori risultati, sono dinamiche che spesso portano a conseguenze pericolose, alle volte anche gravi.

1) La stanchezza

Non è raro ora come ora trovare molti bambini che praticano tantissime attività. Dopo la scuola c’è il nuoto, poi il karate, il pianoforte e i corsi di inglese extracurricolari. Quand’è che questi bambini trovano il tempo di respirare, di giocare con altri bambini, di vedere gli amichetti? Se tuo figlio ti sembra agitato o molto stanco, attenzione, perché può darsi che svolga troppe attività. Bambini e adolescenti hanno bisogno di molto sonno e anche e soprattutto di fare delle pause per poter godere della loro infanzia.

2) La paura di deludere

Il fatto di non riuscire a soddisfare le aspettative dei propri genitori viene vissuto con terribile angoscia da parte di un bambino. Alle volte, questa paura è così intensa che può essere la fonte di alcuni sintomi fisici, come mal di testa, di stomaco, voglia di rimettere, che insorgono prima di una competizione o magari di una verifica. La paura di deludere i propri genitori è un sentimento profondo che può lasciare delle ferite indelebili, che continuano anche nell’età adulta, come la mancanza di autostima o l'autoderisione. I commenti negativi, se non umilianti, e i paragoni con gli altri, rinforzano questa paura di deludere e sono quindi causa di tristezza e rovinano, alla lunga, il rapporto con i genitori o con i futuri figli.

Potrebbe interessarti - 4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all'insicurezza!

3) Il fallimento scolastico

I voti bassi, il fallimento a scuola, sono alle volte l’unica soluzione che il bambino immagina per poter opporre resistenza, per potersi ribellare alle aspettative dei suoi genitori. È il suo modo di esistere per se stesso.

4) Lo stress

Spingere il proprio figlio a fare sempre di più, a superarsi sempre, è fonte di grande stress per lui e alle volte può portarlo verso l’esaurimento nervoso. Infatti, la pressione, la stanchezza, l’accumulo di attività, la mancanza di un senso a ciò che fa (spesso i bambini fanno quello che i genitori gli dicono senza per forza chiedersene lo scopo o il motivo), sono fattori che possono condurre verso un burn-out o verso altri disturbi psicologici: instabilità emotiva, ansia, depressione.

5) La mancanza di affetto

Tutti, e i bambini ancor di più, abbiamo bisogno di affetto. L’ipereducazione ha spesso un impatto molto grave sulla relazione affettiva tra i genitori e i figli. Anche a casa, il bambino tende a perdere la sua identità di bambino, mentre resta intatta quella di alunno, di concorrente. Nella relazione genitore/figlio, l’affetto e la fiducia sono indispensabili: aiutiamo i nostri bambini a trovare la loro strada, in modo da permettere lo sviluppo della loro personalità, piuttosto che farli stare muti di fronte ad una strada scelta e imposta da altri e che pensiamo sia la migliore per loro.

Vedi anche - Genitori allo stremo, attenzione al burn-out materno


Il consiglio della redazione: è questione di equilibrio

Essere troppo esigenti. Non esserlo abbastanza. Nell’educazione come nella vita, tutto è questione di equilibrio. Non stiamo lì a sperare che nostro figlio sia il migliore, non aspettiamoci che sia perfetto: è inverosimile. Noi non siamo genitori perfetti, quindi non idealizziamo i nostri figli. Permettiamogli di commettere i loro errori e diamogli i migliori consigli affinché trovino la loro strada. Il regalo più bello che gli possiamo fare è quello di insegnargli ad avere fiducia in loro stessi. Proteggendoli, aiutandoli a prendere delle iniziative e dando loro la nostra approvazione, gli diamo le basi per una buona autostima.

 
🤗 Capirsi, accettarsi, essere felice… Qui e ora! 
#BornToBeMe




 Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fonte: Psicoadvisor

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!