Come ho imparato a lottare contro l'ansia? Con la regola del 333

Aggiornato il da Giada Paoli

Voglio essere completamente onesta con te. L’ansia ha totalmente dominato la mia vita negli ultimi 5 anni ed è stata alla base di ormai innumerevoli attacchi di panico e picchi di stress elevatissimi. Come puoi immaginare, l’impatto sulla mia salute mentale è stato devastante e ha quasi cambiato la mia vita in peggio. Ovviamente non ne parlo solo per essere compatita, vorrei piuttosto dimenticare gli aspetti negativi di questa situazione e condividere le migliori dritte per superare questi momenti. Quindi… bando alle ciance, scopriamo insieme la regola del 3-3-3.

Come ho imparato a lottare contro l'ansia? Con la regola del 333

Come servirsi della regola del 333?

Questa tecnica consiste nel reagire ad un attacco di panico: guardati intorno e concentrati nel nominare 3 cose che vedi vicino a te. Poi identifica e nomina 3 suoni che senti. Infine, muovi tre parti del corpo ovvero caviglie, braccia e dita. Questo metodo è stato per me molto efficace, soprattutto se accompagnato da respiri profondi. Ha avuto un’azione davvero calmante sull’ansia e lo stress che provavo. Quindi ora ogni volta che il mio cervello comincia a percepire il panico e si allontana per vie sconosciute, questo processo mi riporta al presente e mi aiuta a riprendere possesso della mia mente.


Triste ma vero:

L’ansia è uno dei disturbi mentali più comuni che colpisce oggi più di 3 italiani su 10. Ogni giorno è una lotta, ma esistono diverse tecniche per stare meglio


Chiunque soffra di un disturbo d’ansia generalizzato (GAD) sa che non ne sarà mai totalmente libero. Fortunatamente, seguire dei consigli e delle tecniche di gestione si rileva davvero molto utile.  I disturbi da panico sono imprevedibili e onnipresenti, quindi quando la preoccupazione del momento prende il sopravvento la nostra mente non è mai davvero al sicuro. Nel mio caso cose che sembrano irrilevanti per la maggior parte delle persone, come guidare non conoscendo la strada o conoscere una persona nuova, complicano la mia mente e mi fanno sprofondare in un turbine di stress in cui riesco a sentire solo una fortissima ansia. Nel corso degli anni ho imparato a convivere con la mia condizione, anche se mi capita ancora di abbassare la guardia di tanto in tanto, soprattutto quando devo fare qualcosa di nuovo.

La redazione ti consiglia: Ansia anticipatoria: perché penso sempre al peggio?

Essere costretta ad uscire dalla mia comfort zone è ciò che maggiormente tormenta i miei pensieri e il mio stomaco. Per esempio, poco tempo fa mi è stato chiesto di formare un mio collega su un particolare progetto e sono stata incapace di dormire per circa la metà della notte precedente. So che non sembra un grande risultato, ma quando mi guardo indietro e mi ricordo la mia incapacità di accettare questo disturbo, non avrei dormito nemmeno un minuto. Se la mia battaglia, o come mi piace chiamarlo “il mio viaggio” con GAD, mi ha insegnato qualcosa è proprio essere meno dura con me stessa. Prima, all’inizio del mio viaggio, non appena sentivo arrivare un attacco ero molto impreparata e me la prendevo con me stessa e contro la mia incapacità di gestire la situazione.

Come la regola del 3-3-3 mi ha aiutato nel corso del tempo

Con il tempo, ho imparato che il disturbo d’ansia generalizzato (GAD) convive con me e che non se ne andrà tanto presto. Accettare questa realtà era la spinta che mi serviva per capire che non dovevo biasimarmi e che non meritavo di soffrire o di sentirmi prigioniera nel mio stesso corpo e mente. Se volevo avere almeno la parvenza di una vita normale, dovevo cercare un modo per gestire le mie emozioni negative e delle tecniche per alleviare i sintomi dell’ansia. Ho provato con tecniche di respirazione e tecniche di distrazione della mente, ma niente sembrava funzionare su di me. Poi un giorno un’amica mi ha parlato di una soluzione rivoluzionaria che combinava sia esercizi di respirazione che meccanismi di distrazione; in altre parole, la regola del 333 che mi ha portato dove sono oggi; una persona felice e soddisfatta nonostante il disturbo d’ansia generalizzato (GAD).


Il consiglio della redazione: spicca il volo anche tu!

Questa regola ha cambiato la mia vita e modificato la percezione della mia condizione. Sapere che questo metodo funziona su di me significa che la mia malattia è andata dietro le quinte e non può stare al centro di tutto quello che faccio. Le ho permesso di controllarmi per troppo tempo, è tempo di riprendere le redini e vivere la mia vita al 100%!

🤗Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e adesso! 
#BornToBeMe
Contatta uno psicologo

Altri articoli che potrebbero interessarti:


Fonte: healthline

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Come superare i nostri complessi inutili?

Gambe troppo larghe, labbra troppo sottili, cicatrici, timidezza… che si tratti di complessi fisici o mentali, questi sono spesso inutili e capaci di rovinarci la vita e renderci infelici. Ma non bisogna permettergli di sovrastarci! Siamo meglio di così!

Di cosa si occupa la sofrologia? Ecco i suoi numerosi benefici!

Ho riscontrato diversi problemi nel gestire la mia ansia nel corso di questi ultimi anni. Ho deciso dunque di iniziare un percorso con una psicologa, ma una cara amica mi ha consigliato di provare anche qualche seduta con un sofrologo. Secondo la sua opinione, il sofrologo aiuta a rilassarti e ti insegna a gestire meglio lo stress. Dopo diverse sedute, ho iniziato a sentire gli effetti positivi di questa pratica. Il mio corpo non è più un fascio di nervi! La sofrologia fa parte delle pratiche della “medicina dolce”, che hanno tantissimi benefici per il corpo e per lo spirito. Vediamo più da vicino questo metodo di crescita personale che mira a farci riconnettere con la nostra psiche.

Il metodo SMART per raggiungere degli obbiettivi intelligenti e realizzabili!

Per riuscire a concludere un progetto spesso e volentieri ci fissiamo degli obbiettivi, e questo è del tutto nella norma. Ma per ottimizzare le probabilità di successo e stabilire degli obbiettivi chiari, motivanti e realistici, ecco che entra in scena il metodo SMART! Vediamo insieme di che cosa si tratta.

Lavorare meno… per salvare il pianeta!

Il lavoro ha un grande valore per tutti noi, eppure potremmo essere tutti d’accordo sul fatto che non sia per forza sinonimo di benessere, né per noi né per il pianeta! Infatti, alcuni studi affermano che è necessario ridurre il prima possibile il nostro orario di lavoro, per poter ridurre le emissioni di gas serra che noi stessi generiamo. La situazione sta precipitando!

Come destabilizzare e far innervosire un narcisista perverso?

Vivi con un narcisista perverso o ne conosci uno e vorresti destabilizzarlo? Vuoi farlo arrabbiare perché ti mette in ridicolo, a volte in pubblico, ti fa soffrire, ti fa perdere la pazienza e vuoi vendicarti. Ma è difficile far arrabbiare una persona brava a manipolare gli altri, ama vittimizzare se stessa e gioca con le proprie emozioni. Farlo innervosire è l’unico modo per fare in modo che mostri la sua vera natura, per smascherarlo...

Ipocondriaci: 5 sintomi e caratteristiche per riconoscerli

Ti preoccupi spesso per la tua salute? Al minimo sintomo ti convinci di avere una malattia grave? Passi le giornate sui forum medici online? 😨 E se l’unica malattia di cui realmente soffri fosse l’ipocondria? Ecco i 5 sintomi tipici che toccano le persone ipocondriache.

Ansia sociale, sintomi e come superarla

Parlare in pubblico è un vero e proprio incubo e la fiducia in se stessi un sogno ancora troppo lontano. Si diventa paonazzi e non si riesce a nascondere il tremolio, la paura di essere ridicolizzati o umiliati fa perdere letteralmente il controllo. Se la timidezza può essere la causa di questo inconveniente, l’ansia potrebbe nascondere un malessere molto più profondo: l’ansia sociale, altrimenti nota come fobia sociale. Di cosa si tratta? Come si supera?

4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all’insicurezza!

“Faccio schifo”, “sono brutto”, “sono inutile” … difficile avere sempre una buona autostima. Eppure, è la chiave del nostro successo e del nostro equilibrio psicofisico. Sentirsi bene con sé stessi e con il proprio corpo, imparare ad amare sé stessi, è la cosa migliore che possiamo fare.

Come calmare e gestire gli attacchi di rabbia?

La rabbia, un sentimento che proviamo spesso. Ci spinge a reagire d’istinto, senza riflettere, portando a volte a situazioni sgradevoli. Qual è il segreto per controllare la propria rabbia e fare in modo che non prenda il sopravvento sulla ragione?

Non sopporto le persone! È una cosa seria, dottore?

Mi lamento al volante quando c'è un ingorgo, mi lamento alle casse quando c'è la fila, mi lamento il sabato quando tutti hanno deciso di andare in centro città. Non credo di riuscire più a sopportare le persone. La ragazza di città che sono sempre stata ha persino iniziato a sognare la campagna e una casa isolata per avere meno contatti sociali possibili. È una cosa seria, dottore? Beh, non proprio. Spiegazione.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!