E se fosse un burn-out? Attenzione allo stress sul lavoro

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Stanchezza, mancanza di motivazione, svalutazione delle proprie capacità, la lista dei sintomi da burn-out è lunga, ma cosa rappresenta? Il bisogno di cambiamento? Una depressione passeggera? E se si trattasse di burn-out? Non è sempre semplice identificare i sintomi, visto che variano da persona a persona. Abbiamo stilato per te una lista dei più frequenti prima che sia troppo tardi.

E se fosse un burn-out? Attenzione allo stress sul lavoro
 Sommario

Il Treccani ci dice che il burn-out è “una sensazione di esaurimento, estraneità o sentimenti cinici o negativi nei confronti del proprio lavoro”. Ma anche se lo sappiamo, sono sempre difficili da identificare! Ecco perché abbiamo preparato qualche dritta per riconoscere il burn-out e proteggerti.

Burn-out: 10 sintomi da non sottovalutare

  • Tendenza a sminuirsi: "Sono inutile, non servo a niente, sento di non essere all'altezza, sono inutile". La persona si svaluta, sente di non essere brava nel suo lavoro e quindi perde ogni senso di realizzazione nel suo lavoro.
  • Calo della concentrazione e problemi di memoria: la persona non riesce più a concentrarsi, inizia un compito, poi un altro, a volte senza nemmeno finire il primo. Durante le riunioni, non riesce più a concentrarsi e ad ascoltare ciò che viene detto.
  • Scarsa motivazione: svegliarsi diventa sempre più difficile, non si ha più voglia. Non c'è più la motivazione a svolgere un compito che prima entusiasmava la persona.
  • Stress e ansia: ansia anticipatoria, attacchi di panico...la persona è sotto pressione in ogni momento. Questo livello di stress non si attenua o si attenua solo leggermente.
  • Irritabilità: al limite della sopportazione, la persona può scoppiare in lacrime, scoppiare a ridere, urlare o lanciare qualsiasi cosa le capiti a tiro. Un pensiero apparentemente insignificante può scatenare una reazione molto forte da parte della persona.
  • Disturbi del sonno: insonnia, incubi, terrori notturni... le notti sono brevi e poco riposanti. La persona entra quindi in una spirale negativa di stanchezza e stress.
  • Dolori fisici: (emicrania, crampi, rigidità, mal di stomaco, mal di schiena, mascella serrata, ecc.) Il corpo parla, esprime ciò che il cervello si rifiuta di ammettere e chiede alla persona di sollevare il piede dall'acceleratore in un modo o nell'altro.
  • Stanchezza: la persona è esausta, sia fisicamente che mentalmente. Stanchezza fisica, stanchezza emotiva, si è allo stremo delle forze e non si riesce a riposare come si dovrebbe 👋 Stanchezza, ma di cosa? Quali sono le diverse forme di affaticamento?.
  • Senso di sovraccarico: "non ce la faccio, non ho tempo", "c'è troppo lavoro per una sola persona", "non so come fare".
  • Senso di inganno: la persona dubita della propria competenza, sente di non valere nulla e talvolta non sa più come svolgere il proprio lavoro. Si insinua quindi una sensazione di impostura.

Questi sintomi possono presentarsi da soli, anche se non soffri di burn-out, e solo raramente. È la forza e la durata nel tempo di questi sintomi che li rendono nocivi per la salute. Se fanno ormai parte integrante della tua vita, della coppia, della famiglia o se la tua vita sociale ne soffre, è bene pensarci su. L’ideale sarebbe consultare un medico in via preventiva.

La redazione ti consiglia:  Mi annoio in ufficio… Sarà la sindrome da bore-out?

📌
Un burn-out non è una cosa da nulla: il corpo ci comunica qualcosa. Esausto, è il suo modo di farci sapere che siamo andati oltre il limite. Suona il campanello d'allarme e non rimane altra scelta che ascoltarlo. Se state vivendo un burn-out, o se questo è il caso di una persona a voi cara, tenete presente che c'è un dopo e che questo dopo è meraviglioso. Questo shock permette, quando è ben compreso, di vivere più in linea con i propri valori.

Esiste un trattamento per il burn-out?

Il burn-out può essere curato. L’obiettivo è trovare un modo di lavorare in maniera soddisfacente e senza stressarsi.

In un primo tempo, sarà necessario fare una pausa dal lavoro. La durata può essere variabile e sarà il vostro medico a stabilirla. La pausa deve essere utilizzate per il riposo. Si deve cercare di fare un passo indietro e riprendere il controllo della propria vita. Un aiuto prezioso arriva anche da psicologi e psicoterapeuti che ci aiutano a ritrovare l’equilibrio e soprattutto le cause che ci hanno spinto fino al burn-out.

Qual è la causa del burnout?

Il problema nasce sempre da un deterioramento della situazione lavorativa, che spesso si è protratto nel tempo. Le persone che danno molta importanza al proprio lavoro e alla propria missione sono più inclini a questo fenomeno. Un coinvolgimento eccessivo e un carattere perfezionista sono fattori di rischio. Si riscontrano spesso le stesse situazioni: senso di insicurezza, conflitto con i propri valori, obiettivi irraggiungibili, sovraccarico di lavoro, troppa pressione da parte del manager, mancanza di riconoscimento o richieste contraddittorie.

Burn-out o depressione?

Certi sintomi sono comuni sia al burn-out che alla depressione. Come distinguerli? La depressione è più generale, si manifesta in diversi aspetti della nostra vita. Il burn-out, al contrario, si manifesta principalmente in ambito professionale. Ovviamente il burn-out può influenzarci in maniera più ampia, ma non in maniera molto radicata. Quindi, la depressione è un disturbo che riguarda la vita in generale e che agisce molto rapidamente, il burn-out riguardo l’ambito lavorativo e solitamente si manifesta lentamente.

Il consiglio della redazione

Capita che un burn-out molto intenso possa provocare i sintomi della depressione. Se pensi di essere vittima di un burn-out non esitare a consultare un medico. Ricordati che per uscirne è necessario vedere uno psicoterapeuta e quindi evitare ricadute o l’ergofobia (la fobia del lavoro).

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Vi potrebbe interessare:

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!