Non riesco più a lavorare: cosa mi succede?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Mi capitava di alzarmi la mattina ma non mi sentivo più in grado di lavorare. Mi sentivo esausta appena sveglia e non avevo più forze. Stare seduta in ufficio, collegarmi alla rete aziendale e leggere le mail, solo questo mi stancava. Purtroppo questo è uno dei segni del burnout e devi fare attenzione, altrimenti arrivi a un punto di non ritorno. A quel punto sarà troppo tardi, il burnout sarà già arrivato.

Non riesco più a lavorare: cosa mi succede?

Perché non mi sento più in grado di lavorare?

Capire le ragioni della nostra incapacità di lavorare è fondamentale. Questo ci permette di individuare il nostor problema e di agire di conseguenza in modo da non soffrire più 🤕. Sì, si tratta di un problema reale che riflette una forma di sfinimento, per questo è importante decifrare ciò che proviamo e fare un po' di introspezione.

👉 1. Un sovraccarico di lavoro

Troppi impegni e riunioni, troppi obiettivi, scadenze troppo ravvicinate... Iniziamo da uno dei principali motivi di malessere sul lavoro, ovvero quando ci si sente oberati di lavoro e non si riesce più a gestire tutto. Sarebbe anche inopportuno dire ai nostri superiori che abbiamo bisogno di lavorare di meno. Tuttavia, se siamo cronicamente stanchi e irritabili, questo è un segnale che dovrebbe farci suonare l'allarme. In caso contrario, significa che stiamo andando dritti verso il burn-out, se non è già un po' così 😥.

👉 2. Mancanza di fiducia in se stessi

Non sentirsi più in grado di lavorare può derivare dalla sindrome dell'impostore, che è dovuta alla mancanza di fiducia in se stessi 😫. Sentiamo di non essere abbastanza bravi per il lavoro e non crediamo più nelle nostre capacità. Ovviamente, è difficile riuscire a lavorare se si pensa di essere un fallimento... Si può anche andare oltre, fino all'ergofobia, che è la paura di lavorare. Le persone che ne soffrono non riescono a stare nel mondo professionale, tanto li terrorizza 😨.

👉 3. Mancanza di riconoscimento

Può capitare di non riuscire più a lavorare anche perché manca la gratificazione professionale. La sensazione di essere bloccati, di non evolvere professionalmente e di non essere apprezzati dai superiori non fa che contribuire a questa sensazione di non poter lavorare. Essere ben pagati è un buon inizio, ma non è sufficiente. Se non ricevi mai un feedback positivo sulla tua produttività, ti senti inutile. Questo non fa altro che generare risentimento e negatività che alimentano il burnout 😥.

👉 4. Il bisogno di vedere qualcos'altro

Un motivo a cui non sempre pensiamo è l'insoddisfazione che abbiamo nei confronti del nostro lavoro. Se i nostri valori non sono in linea con quelli dell'azienda, o se più in generale sono le nostre mansioni a non piacerci più, è forse arrivato il momento di intraprendere una riconversione professionale. Devi considerare il lavoro da un punto di vista diverso: ad esempio,  puoi provare a riprendere la tua passione e trasformarla in un'attività! Il lavoro non deve essere per forza un lavoro d'ufficio come quello di "The Office", puoi provare a esplorare altri settori.

The Office è una serie che fa la parodia del mondo professionale.

Possiamo decidere di fare il mestiere che preferiamo, l'importante è che ci piaccia e che facciamo di tutto per viverlo al meglio.

👉 5. Un ambiente di lavoro sgradevole

Spesso parliamo degli impegni che dobbiamo svolgere e del lavoro in sé, ma dimentichiamo che l'ambiente di lavoro è altrettanto importante. Io sono molto felice di lavorare da casa, ma so che per alcuni dipendenti lo smart-working è più faticoso e preferiscono recarsi sul posto di lavoro. È vero che permette un maggiore contatto umano! Sempre che tu vada d'accordo con i tuoi colleghi e riesca a lavorare in squadra... Perché sì, anche questo può influenzare la tua capacità di lavorare. L'ambiente conta!

📌
So che ad un certo punto ero esausta ma non sapevo a chi rivolgermi. In totale, ho 3 attività professionali che hanno finito per mettermi in ginocchio. Ad esempio, sono 10 anni che creo contenuti sui social network e a volte penso che un digital detox non mi farebbe male. Ho accumulato troppe cose, senza contare la mancanza di organizzazione che non ha fatto altro che peggiorare le cose. Così ho preso in mano la situazione per evitare che le cose mi sfuggissero di mano e ho dovuto togliere il piede dall'acceleratore per mettere fine a questa incapacità di lavorare...

Questo articolo potrebbe interessarti >>> Nomadi digitali: lavorare viaggiando, è possibile?

Cosa fare di fronte all'incapacità di lavorare?

Se ho parlato delle cause, è perché è la prima cosa da individuare. Capire da dove nasce la nostra infelicità sul lavoro può aiutarci a risolvere il problema e il nostro disagio. Dobbiamo prestare attenzione ai segnali che la nostra mente e il nostro corpo ci inviano ⚠️. Siamo più irritabili? Ci sentiamo insoddisfatti? Abbiamo problemi a dormire? Siamo ingrassati o dimagriti? Siamo sempre stanchi? Lo stress dovuto al lavoro si riflette in molti sintomi, ecco perché è importante ascoltarsi.

Parlare del nostro dolore

Quando il corpo inizia a cedere, è già tardi. Dobbiamo monitorare la nostra salute mentale per capire se siamo davvero soddisfatti dell'aspetto professionale della nostra vita. Se non è così, possiamo decidere di parlare con il nostro manager per trovare delle soluzioni. Ad esempio, ho espresso il mio desiderio di lavorare part-time, perché sapevo che non sarei stato in grado di fare tutto insieme. Ovviamente, se hai un manager tossico, non serve a nulla! In questo caso, la cosa migliore da fare è rivolgersi a un amico, un familiare o, meglio ancora, un terapeuta. Solo quest'ultimo potrà accompagnarci e tranquillizzarci 🤗.

L'opinione della redazione: un segnale forte che dobbiamo ascoltare

Quando non ti senti più in grado di lavorare, quando sei esausto, svuotato di ogni energia, è importante reagire: è un segnale forte del tuo corpo che devi ascoltare. La prima cosa da fare è contattare uno psicologo per individuare insieme la fonte del problema, le cui origini a volte sono più profonde di quanto immaginiamo. Poi, potrai decidere quali cambiamenti nelle abitudini o nella vita mettere in atto per ritrovare il buonumore e prosperare nella tua vita professionale e personale.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Ti potrebbero interessare:

Fonte:  PsicologItalia

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!