Ergofobia: quando la paura del lavoro ti consuma

Aggiornato il da Ginevra Bodano

La paura del lavoro, purtroppo, la conosco bene. Ne ho sofferto a lungo, ma sono felice di dire che oggi sono guarita. È un disagio che può far sorridere gli altri, che pensano che sia una che non ha voglia di fare niente. Ma al contrario, la pigrizia non ha niente a che vedere con le persone che soffrono di ergofobia altrimenti detta la paura del lavoro. Da cosa deriva questa paura? Come curarla? Scopriamolo insieme.

Ergofobia: quando la paura del lavoro ti consuma

Cos’è l’ergofobia?

L’ergofobia si identifica con la paura irrazionale ed esagerata del lavoro. Impedisce alle persone di andare al lavoro o le obbliga a smettere di lavorare e rientrare a casa. Quando si soffre di ergofobia, si è coscienti che si tratta di qualcosa di irrazionale, ma si è comunque incapaci di affrontarla. Proprio come per la talassofobia o la la zoofobia, è impossibile controllare gli attacchi di panico legati al lavoro. Soffrire di questa fobia ci spinge alla fuga e la paura ci paralizza 😰.

È indubbiamente difficile far conoscere questa fobia visto che il lavoro ha un ruolo chiave nella nostra società. Si tratta di un vero e proprio malessere che non si può curare rapidamente, anche se proviamo a cambiare azienda o mestiere.

Perché abbiamo paura del lavoro?

Come per le altre fobie, l’origine della paura del lavoro è legato alla storia di ognuno di noi. Una scarsa considerazione di sé, un evento negativo sul lavoro, un fallimento professionale, un burn-out, degli strascichi dall’infanzia ecc.

Nel mio caso, questa paura è nata durante l’adolescenza. Crescendo, ho capito che dovevo trovare il mio posto nella società. Sapevo che avrei avuto delle responsabilità e che dovevo essere efficace ma la paura di commettere degli errori e di non saper trovare la mia strada mi ha terrorizzato. È stato un mix di cose: mancanza di fiducia in me stessa, paura delle responsabilità e rifiuto degli obblighi imposti dalla società.

😥 Questa paura si manifesta in modo diverso da persona a persona. Potrebbe derivare anche da un trauma o da uno shock emotivo.

Il test dell’ergofobia

Si ha l’impressione di essere sempre sbagliati, anche quando abbiamo paura. Ma ci sono dei sintomi che ci tradiscono, anche se non sono uguali per tutti. Possono manifestarsi in qualsiasi momento della giornata, ma solitamente è la mattina il momento critico. Quando suona la sveglia per andare al lavoro, ecco arrivare il magone accompagnato dalla tachicardia.

È proprio questo il test della paura del lavoro. Bisogna passare in rassegna tutti i sintomi dell’ansia. Oltre i precedenti, si potrebbero manifestare nausea, vertigini, vampate di calore, pianti e così via. E non dimentichiamo i disturbi del sonno o disturbi alimentari, gli attacchi di panico, di irritabilità… Insomma, un biglietto prioritario per la strada verso la depressione.

🙍‍♀️ Risultato? Applicare una strategia per evitare le situazioni ansiogene, ovvero, andare in ufficio.

Come superare la paura del lavoro?

La paura del lavoro può diventare molto problematica se non curata. Può allontanarci dalla società e dagli altri se non troviamo una soluzione. Il problema è che alla paura si mescola un sentimento di vergogna. Spesso le persone non riescono a lavorare perché stanno inconsciamente evitando il lavoro e purtroppo, chi guarda dall’esterno giudica pensando semplicemente che siamo pigri. In questo caso, che si fa 😞?

Questo articolo potrebbe interessarti >>> 4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all'insicurezza

Cominciare una TCC

Non è difficile capire che si soffre di una vera e propria paura di lavorare. La presa di coscienza è però il primo passo verso la guarigione. Una volta capito, ci si deve rivolgere a uno psicologo per cominciare una terapia cognitivo-comportamentale. Si tratta del migliore tipo di terapia per trattare le fobie. Si imparano tecniche di relax e il terapeuta ci espone poco a poco all’oggetto della paura.

➜ È così che ho curato la mia paura del lavoro, esponendomici poco a poco. I miei studi mi hanno permesso di maturare delle esperienze in azienda, inizialmente minime, poi sempre più lunghe. Questo mi ha permesso di avanzare passo dopo passo!

La psicanalisi e la cura

La psicanalisi è un modo altrettanto efficace di trattare questa fobia. Al contrario della TTC che lavora sulla paura di per sé, la psicanalisi è un modo di volgere uno sguardo al passato. Identificare le cause è un ottimo metodo per guarire dalla paura. Inoltre, consultando uno psichiatra, è possibile ottenere dei farmaci.

⚠️ Attenzione, l’assunzione di ansiolitici deve essere temporanea. Ci aiuta ad attraversare un periodo difficile ma non è una soluzione durevole e reale.

Aiutarsi con il rilassamento

Come in tutte le situazioni di ansia, il rilassamento è un ottimo modo per darci sollievo. L’ergofobia può effettivamente alleviarsi se impariamo ad allontanare i nostri pensieri attraverso la meditazione consapevole. Lo yoga e la sofrologia sono ottimi alleati per calmare le nostre angosce 🧘‍♀️.

Tuttavia, questo lavoro deve accompagnare una terapia, è molto difficile far sparire l’ergofobia da sola.


Il consiglio della redazione: l’importanza del monitoraggio psicologico

L’ergofobia, la paura del lavoro, è una fobia difficile da capire per chi ci sta intorno. Tutti tendono semplicemente a pensare che siamo pigri e non abbiamo voglia di lavorare, motivo per il quale questa fobia è capace di isolarci. Ecco perché è importante prendere appuntamento con uno psicologo. I TCC danno ottimi risultati.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

"Maschiaccio": non dire mai più una cosa del genere alle ragazze!

Da piccola giocavo molto con i Lego e con i videogiochi. Per me sono passioni come tutte le altre e a 33 anni gioco ancora ai videogiochi. Tuttavia, ciò che non è normale è che quando ero più giovane venivo descritta come un "maschiaccio". In realtà, ho sempre odiato questo termine e credo sia ora di smettere di usarlo. È sessista e attribuisce un'etichetta alle ragazze che non rientrano nei cliché del loro genere, quindi non pronunciarlo mai più!

Detesto i complimenti, perché mi mettono così a disagio?

“Hai un talento naturale per la fotografia, sei bravissima!”. Improvvisamente divento rossa come un peperone e non so più come comportarmi. I complimenti mi mettono terribilmente a disagio, ma so che dovrei viverli in tutt’altra maniera. La maggior parte delle persone infatti amano i complimenti! Io non riesco ad accettarli. Perché? Cosa mi mette così a disagio?

Sono una di quelle persone che non mettono il lavoro al centro della propria vita. D'altra parte, ho un'amica che lo fa, al punto che il suo corpo cede regolarmente. È chiaro che il suo lavoro è la sua ragion d'essere e dà il massimo. Forse un po' troppo. Ecco perché ho voluto scrivere questo articolo, per ricordarle di fare attenzione! Forse sarà utile anche a te, soprattutto se senti che la tua carriera sta occupando tutto lo spazio della tua vita.

Basta con la pressione per avere una vita sessuale folle, anche il missionario va bene!

"Haaa cosa non hai mai provato la posizione della carriola moldava?". No Ginetta, non ho mai provato questa posizione sessuale, ma il tuo sguardo stupito mi mette sotto pressione... Onestamente, a chi non è mai capitato durante una discussione tra amiche? A me è successo e anche se la carriola moldava non esiste, avevo il diritto di essere giudicata per altre pratiche sessuali che non pratico. Sembra che tu debba fare di tutto a letto per dimostrare di avere una vita sessuale pazzesca... Basta!

La mia famiglia è tossica: come riconoscerla? come fare?

Non riesco a credere di essere nata sotto una cattiva stella solo a causa della mia famiglia che, ammettiamolo, è lungi dall’essere perfetta. Quando mia madre non mi fa sentire in colpa, ci pensa mio padre a sminuirmi ed a paragonarmi alla sorella che non ho mai avuto. Per essere felice e sfuggire a questa relazione "tossica", ho dovuto prendere delle misure, poi le distanze. Ti racconto come ho imparato a stare alla larga dai miei genitori nocivi.

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Essere un bravo manager non è roba da tutti. Alcuni tirano un po' troppo la corda e vittimizzano i sottoposti senza scrupoli. Controllano le mail, sono incapaci di riconoscere il talento dei colleghi, e possono addirittura arrivare alle minacce, raggiungendo dei comportamenti malsani. Se hai dubbi sul tuo manager, ecco 9 indizi per capire se è tossico!

Mi sento sola: 8 modi per colmare quel grande vuoto in me

Viviamo gli uni accanto agli altri, senza vederci veramente. In coppia, in società, in senso generale, spesso ci si sente soli. E ancora di più in periodo Covid. Trasparenti, incompresi…questa solitudine è pesante e ci fa isolare ogni giorno un po' di più. Prima di finirla da sole con 10 gatti (anche se questi ultimi sanno essere di grande conforto!), ecco 8 trucchetti per colmare definitivamente questa sensazione di vuoto e non sentirci mai più messe da parte.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!