Quali sono le 5 principali cause del malessere al lavoro?

Aggiornato il da Giada Paoli

Il lavoro è una priorità per la maggior parte di noi, tanto che a volte siamo pronti ad accettare qualsiasi cosa. Ci aggrappiamo a un lavoro per paura di perderlo, siamo disposti a subire mille torti piuttosto che restare disoccupati. Sia nelle piccole che nelle grandi aziende, la vita in ufficio può essere difficile per alcuni dipendenti e può addirittura essere all'origine di una vera e propria depressione. Ma quali sono i campanelli d’allarme per prevenire questo malessere?

Quali sono le 5 principali cause del malessere al lavoro?

 Sommario

Oggi, sono molte le ragioni che possono trasformare la vita lavorativa in un inferno. Non è sempre facile riconoscere le cause di un malessere professionale così profondo, ecco quali sono, a parer nostro, le principali.

Quali sono le 5 ragioni principali dell'infelicità sul lavoro?

Ingratitudine, orari di lavoro eccessivi, clima teso e scontri continui con il proprio capo, ecc... La vita in ufficio può essere a volte vissuta molto male dai dipendenti. Questo malessere sul lavoro può causare gravi sintomi che vanno dallo stress al burnout o addirittura alla depressione. Per questo motivo, per meglio identificare le situazioni di rischio al lavoro, è importante conoscere le cause del malessere sul lavoro. Ecco le 5 principali.

1) Burn-out

Oggi, circa 2 dipendenti su 10 sono sull'orlo del burn-out, e si sente sempre più parlare di bore-out. Sovraffaticato o messo in secondo piano, il burn-out può assumere molte forme. Ed è tanto più dannoso perché può diventare una vera e propria ossessione.

2) Infantilizzare i dipendenti

Infantilizzare i propri sottoposti permette a un manager di ottenere maggiore controllo. Tuttavia per un dipendente questo si trasforma in frustrazione e negatività. Lo schema si ripete tale e quale: poca considerazione, mansioni ripetitive, continue osservazioni e critiche. In queste condizioni, è difficile mantenere il sorriso e il buonumore. Si finisce presto a odiare il proprio lavoro, a essere meno produttivi e coinvolti. In questo caso ci troviamo di fronte a un vero e proprio manager tossico. 

Malessere al lavoro

Dall'innocua inciviltà a tutti i tipi d'inquinamento (acustico, olfattivo…). Al lavoro si fa in fretta stufarsi del proprio collega o vicino di scrivania. Soprattutto se condividete gli stessi spazi durante tutta la giornata!

4) Ingratitudine e poca riconoscenza

7 dipendenti su 10 non si sentono valorizzati sul posto di lavoro. Molti sono troppo qualificati per il loro lavoro, ma al di là di questa frustrazione, hanno spesso la sensazione di non essere ascoltati da un manager distante e sempre pronto a biasimarlo.

5) Problemi di comunicazione

Incomprensioni, una svista, o semplicemente una comunicazione verbale tesa o inesistente tra i dipendenti. La comunicazione sul posto di lavoro può diventare un campo minato se non le si dà la giusta importanza e valore. Il segreto è imparare ad ascolta e adottare una di comunicazione non violenta

Come reagire all'infelicità sul posto di lavoro?

Nonostante si conoscano le cause del malessere, non è sempre facile capire come agire in questi casi.

Per cominciare, puoi chiedere consiglio al tuo medico di famiglia, che è abituato ad affrontare questo tipo di situazioni. Non esitare a contattare il tuo medico del lavoro. L’obbligo del segreto professionale impedisce una qualsiasi fuga di notizie e il medico può giudicare il tuo stato di salute e menzionarlo in un fascicolo che potrebbe servire come prova.

Infine, chiedi una consulenza legale, in modo da conoscere i tuoi diritti, per capire meglio la situazione e per essere pronto ad agire se necessario.


 Il consiglio della redazione: Se non stai bene, cambia!

Se non ti senti a tuo agio al lavoro, non fare finta di nulla, ignorando il problema. Parlane con le persone che ti vogliono bene, ascolta i loro consigli e le loro opinioni. Chiedi aiuto a un’analista o a uno psicologo in modo da accompagnarti in questo difficile percorso.

Qualunque sia la tua situazione, ascolta il tuo corpo, ascolta i suoi messaggi e comunica il più possibile con i tuoi colleghi.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Fonte: www.repubblica.it/

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

10 cose da fare quando si è annoiati

Appena mi fermo un attimo, mi annoio. Proprio io che mi lamento sempre di non avere tempo di fare nulla, quando ce l’ho, non so come sfruttarlo! Sistemare la casa, chiamare un’amica, magari coltivare nuove passioni! Ci sono tantissime cose da fare per tenersi occupati, sbircia nella nostra lista di attività!

Tanatofobia, la paura della morte: come affrontarla e superarla?

“Ho paura di morire”, “ho paura che muoiano le persone che amo”, “cosa c’è dopo?”: tutte frasi che ti ossessionano ma... fortunatamente non succede niente! La paura della morte ti perseguita, ancor di più dopo quello che abbiamo vissuto durante la pandemia in cui contavamo ogni giorno il numero di morti. Cosa fare per superarla? La morte fa parte della vita, lo sappiamo, ma come gestirla? Come evitare di averne paura? 😱

Amo la mia comfort zone e ho 9 buone ragioni per non abbandonarla

Iscrivermi a una semi maratona se non sono sportiva? Leggere a voce alta un discorso per gli sposi quando detesto parlare in pubblico? Anche no! Vado controcorrente e sono fiera di dire che “Amo la mia zona di comfort e non voglio uscirne”. Dopo che avrai letto le 9 ragioni che motivano la mia scelta, tu e la tua comfort zone sarete inseparabili!

10 citazioni per imparare ad approfittare del presente

Che vengano pubblicate sui social o stampate e appese in un angolo della casa, le citazioni e gli aforismi ci spingono a riflettere e hanno sempre un effetto positivo sul nostro umore. Queste frasi, brevi ma efficaci, ci aiutano a guardare la nostra vita da un punto di vista diverso e ridimensionare i nostri problemi. Approfitta del presente perché è la cosa migliore che potresti mai decidere di fare.

Come presentare il nuovo compagno ai propri figli?

Il fatto che ti sei separato/a non preclude minimamente la possibilità di rifarti una vita, ma i tuoi figli, come prenderanno la notizia? La paura che il tuo nuovo compagno non venga accettato è grande, ma noi siamo dalla tua parte!

Sneating, la nuova tendenza per avere una cena offerta

Non hai mai sentito parlare di sneating? Sei curioso di sapere in cosa consiste? È una tecnica per certi versi crudele, ma che ti permette di avere delle cene o dei pranzi in ristoranti gratis. Lo sneating consiste nell’accettare una cena o un pranzo, chattando con uno sconosciuto, con la scusa di volerlo conoscere.

Segreti di famiglia: svelarli o custodirli per sempre?

La verità fa male... ma il silenzio fa ancora più male. Nessuna famiglia è perfetta, e ogni famiglia ha i suoi segreti. Più si cercano di nasconderli, più sembrano grandi. È difficile proiettarsi nel futuro quando i fantasmi del passato ci perseguitano. Quindi, è giusto liberarsi di questo peso e rivelare i nostri segreti di famiglia?

Come superare le convinzioni limitanti e vivere sereni

“Non ci riuscirò mai”, “Non ho alcun talento”… BASTA! Cosa fanno questi pensieri nella mia testa? Chi ce li ha messi? Se si sono fatti spazio quando ero bambino, è tempo di liberarmene per stare bene e ritrovare un po’ di fiducia in me stessa. Queste frasi assassine non distruggeranno il mio potenziale o la mia felicità, ho intenzione di fare del mio meglio per sterminarle! Ecco 6 consigli per identificarle.

Disturbo narcisistico: cosa vuol dire e quali sono i sintomi?

Carismatici e sicuri di sé, i narcisisti sembrano capaci di fare tutto e invulnerabili, persone alle quali non può succedere nulla di male. Ma dietro questa apparenza si nasconde spesso una grande debolezza e la paura del fallimento: i primi sintomi del disturbo narcisistico. Come riconoscere una persona narcisista? E da cosa deriva questo disturbo? Ecco tutto ciò che c’è da sapere per gestire un disturbo narcisista.

Sono troppo pudica: perché è un problema?

In realtà sono una che parla di tutto: sentimenti, cose personali e nudità! Per me il pudore è una barriera inutile. Una mia amica però la pensa diversamente, dopo ben 10 anni di amicizia non riesce a spogliarsi davanti a me nemmeno in palestra. Mette sempre dei limiti. È una questione di rispetto? Forse. Pudore estremo? Sicuramente. Per lei esiste un solo credo: per vivere bene è meglio stare nascosti. Ma siamo davvero sicuri che si viva meglio?

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!