Quali sono le 5 principali cause del malessere al lavoro?

Aggiornato il da Giada Paoli

Il lavoro è una priorità per la maggior parte di noi, tanto che a volte siamo pronti ad accettare qualsiasi cosa. Ci aggrappiamo a un lavoro per paura di perderlo, siamo disposti a subire mille torti piuttosto che restare disoccupati. Sia nelle piccole che nelle grandi aziende, la vita in ufficio può essere difficile per alcuni dipendenti e può addirittura essere all'origine di una vera e propria depressione. Ma quali sono i campanelli d’allarme per prevenire questo malessere?

Quali sono le 5 principali cause del malessere al lavoro?

 Sommario

Oggi, sono molte le ragioni che possono trasformare la vita lavorativa in un inferno. Non è sempre facile riconoscere le cause di un malessere professionale così profondo, ecco quali sono, a parer nostro, le principali.

Quali sono le 5 ragioni principali dell'infelicità sul lavoro?

Ingratitudine, orari di lavoro eccessivi, clima teso e scontri continui con il proprio capo, ecc... La vita in ufficio può essere a volte vissuta molto male dai dipendenti. Questo malessere sul lavoro può causare gravi sintomi che vanno dallo stress al burnout o addirittura alla depressione. Per questo motivo, per meglio identificare le situazioni di rischio al lavoro, è importante conoscere le cause del malessere sul lavoro. Ecco le 5 principali.

1) Burn-out

Oggi, circa 2 dipendenti su 10 sono sull'orlo del burn-out, e si sente sempre più parlare di bore-out. Sovraffaticato o messo in secondo piano, il burn-out può assumere molte forme. Ed è tanto più dannoso perché può diventare una vera e propria ossessione.

2) Infantilizzare i dipendenti

Infantilizzare i propri sottoposti permette a un manager di ottenere maggiore controllo. Tuttavia per un dipendente questo si trasforma in frustrazione e negatività. Lo schema si ripete tale e quale: poca considerazione, mansioni ripetitive, continue osservazioni e critiche. In queste condizioni, è difficile mantenere il sorriso e il buonumore. Si finisce presto a odiare il proprio lavoro, a essere meno produttivi e coinvolti. In questo caso ci troviamo di fronte a un vero e proprio manager tossico. 

Malessere al lavoro

Dall'innocua inciviltà a tutti i tipi d'inquinamento (acustico, olfattivo…). Al lavoro si fa in fretta stufarsi del proprio collega o vicino di scrivania. Soprattutto se condividete gli stessi spazi durante tutta la giornata!

4) Ingratitudine e poca riconoscenza

7 dipendenti su 10 non si sentono valorizzati sul posto di lavoro. Molti sono troppo qualificati per il loro lavoro, ma al di là di questa frustrazione, hanno spesso la sensazione di non essere ascoltati da un manager distante e sempre pronto a biasimarlo.

5) Problemi di comunicazione

Incomprensioni, una svista, o semplicemente una comunicazione verbale tesa o inesistente tra i dipendenti. La comunicazione sul posto di lavoro può diventare un campo minato se non le si dà la giusta importanza e valore. Il segreto è imparare ad ascolta e adottare una di comunicazione non violenta

Come reagire all'infelicità sul posto di lavoro?

Nonostante si conoscano le cause del malessere, non è sempre facile capire come agire in questi casi.

Per cominciare, puoi chiedere consiglio al tuo medico di famiglia, che è abituato ad affrontare questo tipo di situazioni. Non esitare a contattare il tuo medico del lavoro. L’obbligo del segreto professionale impedisce una qualsiasi fuga di notizie e il medico può giudicare il tuo stato di salute e menzionarlo in un fascicolo che potrebbe servire come prova.

Infine, chiedi una consulenza legale, in modo da conoscere i tuoi diritti, per capire meglio la situazione e per essere pronto ad agire se necessario.


 Il consiglio della redazione: Se non stai bene, cambia!

Se non ti senti a tuo agio al lavoro, non fare finta di nulla, ignorando il problema. Parlane con le persone che ti vogliono bene, ascolta i loro consigli e le loro opinioni. Chiedi aiuto a un’analista o a uno psicologo in modo da accompagnarti in questo difficile percorso.

Qualunque sia la tua situazione, ascolta il tuo corpo, ascolta i suoi messaggi e comunica il più possibile con i tuoi colleghi.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Fonte: www.repubblica.it/

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Non so come delegare, perché? 4 cose su cui riflettere!

Ho un problema. Non un problema grave, ma che spesso mi ha messo in ginocchio. Sì, per molto tempo non ho saputo delegare, sia che si trattasse di lavoro che di faccende domestiche. Fortunatamente mi sto prendendo cura di me stesso e sono riuscito a migliorare. Ma perché ci sono persone come me che non sanno delegare? Ho pensato di dare un'occhiata più da vicino ed ecco alcune risposte.

I 5 linguaggi dell’amore secondo Gary Chapman

L’oggi ottantaduenne Gary Chapman è un consulente matrimoniale animatore di seminari al quale le coppie devono tanto. Il progetto della sua vita: salvare matrimoni. Considerando che l’amore può assumere mille e una forma, e che ognuno di noi è diverso, noi tutti, ad un certo punto, abbiamo fatto fatica a capire il nostro partner. Un bacio sulla fronte al risveglio, un tête-à-tête alla fine della giornata…si può dare e ricevere in 5 modi diversi, sempre di amore si tratta! Scopri i 5 linguaggi del cuore.

Single: non perdere tempo ad aspettare il tuo principe azzurro

In TV, nei film, nelle canzoni… il tema dell’amore ricorre in continuazione. Dappertutto, tranne nella tua vita. Sogni di trovare la persona giusta, che ti faccia battere il cuore e perdere la testa. Eppure, sembra che la tua anima gemella sia data per dispersa, introvabile! Prima di perdere la fiducia nell’umanità, dovresti smettere di cercare a tutti i costi un partner e concentrarti sulla tua vita, sul tuo benessere. Ecco tutto ciò che può fare un single invece che cercare l’amore.

Candaulismo: in cosa consiste questa pratica sessuale?

Candaulismo. Alcuni sanno perfettamente di cosa si tratta e per altri, invece, è un termine completamente nuovo. Eppure, il candaulismo è davvero semplice; in realtà, è una fantasia e una pratica vecchia come il mondo. Si tratta di guardare il proprio partner fare l'amore con un'altra persona. Ora che lo sai, scopriamo meglio di cosa si tratta!

Pansessualità: l’amore senza etichette

Pur essendo ancora poco conosciuto, il termine "pansessualità” non è tuttavia nuovo. Se ne sentiamo parlare sempre più spesso, senza in realtà sapere bene a che cosa si riferisca, è perché è oggetto di un crescente interesse mediatico. Alcuni artisti non esitano più a rispondere apertamente a domande indiscrete sulla loro sessualità, che non rientra nell’ambito dell’eterosessualità. Da Freud a Miley Cyrus, che cos’è la pansessualità e cosa significa?

Erotomania: un amore ossessivo non corrisposto

Quando ero più piccola, ho avuto varie cotte per delle persone famose. È durata fino all’adolescenza e speravo dentro di me di poter incontrare la persona di cui mi ero invaghita e vivere una bella storia d’amore. A differenza di quello che succede per una persona erotomane, mi rendevo conto che nulla era reale, che era tutto nella mia testa. Nota anche come sindrome di Clérambault, questa patologia indica gli “amori immaginari”. Cosa significa? Come si può diventare ossessionati da un amore non corrisposto? Cosa si nasconde dietro un comportamento erotomane? Scopriamolo insieme.

E se ci chiedessimo per davvero "come va?"

“Ciao, come va?” Aaaaah ! Quante volte al giorno facciamo o riceviamo questa domanda così banale e alla quale nessuno vuole dare o ricevere una risposta sincera. E se, in questo periodo così triste e buio, osassimo qualcosa di un po' rivoluzionario e ci chiedessimo per davvero “come va”?

Come accettare il proprio corpo dopo il parto?

Il piccolino è arrivato. È un bellissimo regalo che dà gioia alla tua vita… Ciò che è un po’ meno bello è il tuo nuovo corpo. Certo, è un corpo magnifico, che ha saputo donare la vita, ma non è quello a cui eri abituata. Meno tonico, a tratti un po’ molliccio, più largo, meno fluido… difficile sentirsi a proprio agio in questo involucro che non ci piace. Eppure credimi, hai vari motivi per smettere di farti complessi.

Qual è il segreto di una vacanza di coppia perfetta?

Chi di noi non vede l’ora di partire in vacanza? Eppure quando si tratta di un viaggio di coppia, magari il primo, le ansie e le preoccupazioni sono tante. Le aspettative sono alte e la paura che un litigio possa rovinare tutto lo è altrettanto. Quali sono i segreti per una vacanza di coppia felice?

Serotonina, 4 cose da sapere sull’ormone della felicità

La serotonina fa parte del gruppo dei cosiddetti “ormoni della felicità” insieme all’ossitocina, le endorfine e la dopamina. Se tutti noi siamo sempre alla ricerca della felicità, è vero anche che spesso e volentieri non siamo ben informati sui meccanismi psicologici che ci consentono di migliorare il nostro benessere. Infatti, il nostro corpo svolge una serie di meccanismi dedicati alla produzione della serotonina. Scopriamo insieme questo processo incredibile, il suo funzionamento e la sua composizione.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!