Lavorare meno… per salvare il pianeta!

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Il lavoro ha un grande valore per tutti noi, eppure potremmo essere tutti d’accordo sul fatto che non sia per forza sinonimo di benessere, né per noi né per il pianeta! Infatti, alcuni studi affermano che è necessario ridurre il prima possibile il nostro orario di lavoro, per poter ridurre le emissioni di gas serra che noi stessi generiamo. La situazione sta precipitando!

Lavorare meno… per salvare il pianeta!
 
 Sommario

La festa del lavoro è il 1 maggio e il suo scopo è quello di rendere omaggio a tutte le lotte per i diritti dei lavoratori, che hanno portato, tra le altre cose, ad una riduzione della giornata lavorativa. Oggi però, è necessario spingersi oltre. Molti paesi stanno già puntando ad una riduzione del volume orario della giornata lavorativa, per motivi che trovano la loro origine principalmente in cause ambientali.

Lavorare 5 ore e mezza alla settimana per salvare il pianeta

Ebbene si ! Prima di pensare a noi stessi, bisogna prendere in considerazione il nostro caro pianeta Terra. L’inquinamento sempre maggiore, computer perennemente accesi che producono calore, climatizzatori che servono a contrastare il calore prodotto dai computer. Ci si ritrova incastrati in un circolo vizioso e il risultato è che consumiamo sempre più energia. Ridurre le emissioni di gas a effetto serra che i nostri lavori producono sarebbe una grande mano d’aiuto per il pianeta. La diminuzione delle ore di lavoro sembrerebbe dunque essere una soluzione efficace.

lavoro

Secondo i ricercatori, nella maggior parte dei paesi bisognerebbe lavorare 5 ore e mezza alla settimana per rallentare il riscaldamento climatico. Il tasso orario varia sensibilmente in base a quanto l’economia del paese è più o meno inquinante: 6 ore di lavoro settimanali per i tedeschi, 9 ore per gli inglesi e 12 per gli svedesi. Il Car Sharing tra colleghi sembra non essere più sufficiente!

Philippe Frey, dottorando all’Istituto di Tecnologia di Karlsruhe (Germania) ha preso parte ad alcune ricerche a riguardo e afferma:

"Penso che la crisi climatica ci richieda di diminuire, in un modo che non ha precedenti, l’attività economica(…) Se l'ecosostenibilità necessita di una diminuzione generale del consumo, allora l’aumento del nostro tempo libero non è tanto un lusso quanto più un urgenza”.

In effetti, dato che sappiamo che il riscaldamento climatico sarà a +2° nel 2100, dovremmo iniziare a rifletterci seriamente! Bisognerà anche rimpiazzare alcuni mestieri del settore industriale con altri del settore terziario; l’estrazione di combustibili fossili deve essere sostituita da azioni rispettose per il pianeta,  ed è necessario portare avanzi campagne di riforestazione.

« Il lavoro è dignità? » Si, ma ci sono anche dei contro…

Secondo uno studio pubblicato di recente nella rivista Social Science & Medicine, non bisognerebbe lavorare più di otto ore a settimana per preservare la nostra salute mentale. Con il nostro sistema attuale, siamo ben lontani da questo orario! Attualmente, l’orario legale per un dipendente pubblico è di 36 ore alla settimana, mentre per un privato si può arrivare ad un massimo di 40 ore alla settimana. Il dipendente ha diritto ad una pausa che non sia inferiore ai 10 minuti nelle giornate di lavoro che abbiano una durata maggiore di 6 ore.

Le lotte fatte nel corso degli anni per migliorare le nostre condizioni di lavoro purtroppo non hanno modificato il quantitativo di stress e di malessere che i lavoratori provano ogni giorno sul posto di lavoro. Uno studio condotto dalla società Stimulus, nel 2017, mostra che il 52% dei lavoratori soffre di ansia sul posto di lavoro e che il 29% presenta un livello alto di depressione. Dall’inizio della crisi sanitaria, la salute mentale del 75% dei lavoratori europei ha vissuto un peggioramento. 

Dunque, per il benessere dei lavoratori e del pianeta, bisogna agire con urgenza verso la riduzione del quantitativo di ore di lavoro. Aumentare la durata dei congedi, passare alla settimana lavorativa di 4 giorni o limitare il numero di ore settimanali sono tutte azioni che ci farebbero più che bene, è sicuro!

La redazione ti consiglia - Malessere al lavoro: le 5 cause principali

Lavorare meno per una vita e un avvenire migliori

È un dato di fatto: le persone precedentemente disoccupate o che avevo preso il congedo maternità/paternità e che riprendono un’attività di 8 o meno ore alla settimana, vedono il loro rischio di sviluppare una malattia mentale diminuire del 30%. Ridurre il tempo di lavoro sarebbe dunque una soluzione volta a preservare il nostro benessere! Inoltre, un minore quantitativo di ore di lavoro, oltre che preservare la nostra salute, stimolerebbe anche la nostra produttività. Saremmo più motivati perché più riposati e quindi energici, dunque i nostri risultati sarebbero potenzialmente migliori.

Avere più tempo da dedicare a se stessi permetterebbe infatti di ritrovare il proprio equilibrio personale. Sarebbe l’occasione per dire addio alla routine “metro, lavoro, riposo” che tanto ci affanna, dando spazio ad un lavoro svolto in un tempo stabilito da noi e per noi! Infine, sarebbe un’occasione per imparare a godere maggiormente della vita, prenderci cura di noi stessi e dedicarci al nostro benessere. È qualcosa che ci renderà certamente più felici. Il tempo libero è una ricchezza inestimabile che troppo spesso sottovalutiamo o dimentichiamo.

A proposito di ricchezza, alcuni affermano che preferirebbero lavorare meno e, di conseguenza, anche guadagnare meno per concentrarsi sui veri valori della vita: la famiglia, il contatto con la natura, etc. Cercare di essere meno superficiali dà più soddisfazione di uno stipendio (si, anche di uno bello alto), che spesso e volentieri viene ben presto sperperato. Per lottare efficacemente contro il riscaldamento climatico, è assolutamente raccomandato un cambiamento nei nostri modi di consumo. Purtroppo, la sola riduzione del tempo di lavoro non basta. Insomma, non è mai troppo tardi per cambiare abitudini!

Vedi anche - Possiamo piangere al lavoro? La chiave per gestire le proprie emozioni


Il consiglio della redazione – Lo smart-working non è poi così ecologico

Meno mezzi di trasporto = meno emissioni di CO². Sembra un calcolo elementare e quindi si tende a pensare che lo smart-working sia più ecologico, ma non è così scontato. Infatti, lo smart-working comporta un aumento dei rifiuti informatici causati dal cambiamento delle attrezzature, e anche un aumento del traffico internet che, si sa, consuma grandi quantità di energia. Forse è arrivato il momento di informarsi sull’ecologia digitale e di ridurre i propri consumi… e anche le ore di lavoro, per il nostro bene!

Che sia in smart-working o in ufficio, il benessere al lavoro è di fondamentale importanza. Se non ti senti a tuo agio e hai difficoltà a trovare il tuo equilibrio, non esitare a contattare uno specialista.

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!