Nomadi digitali: lavorare viaggiando, è possibile?

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Il mio sogno nella vita è sicuramente diventare un Nomade digitale. È un progetto che ho a cuore da tanto e che comincio a preparare poco a poco. Poter viaggiare mentre si lavora è magnifico! Ma ovviamente non tutti possono essere digital nomad, e per chi può, è bene tenere a mente anche gli aspetti negativi. Come diventare nomade digitale? Cosa c’è da sapere prima di lanciarsi in questa avventura?

Nomadi digitali: lavorare viaggiando, è possibile?
 
 Sommario

Cosa significa essere digital nomad?

Si tratta di combinare viaggi e lavoro. Di base è un’espressione inglese che potremmo tradurre letteralmente con “nomade digitale”. In parole povere, si tratta di una persona che non ha un luogo di lavoro fisso e che si sposta regolarmente. Qualcosa del tutto impensabile fino a qualche anno fa, resa possibile grazie allo strumento che ha rivoluzionato le nostre vite negli ultimi anni: il pc portatile.

✈️ Basta una connessione a internet e possiamo lavorare ovunque nel mondo. Questa tendenza a non lavorare più in azienda si è accentuata sempre di più ultimamente…

La pandemia ha normalizzato lo smart working

Durante la pandemia, lo smart working è diventato obbligatorio durante i vari lockdown. Anche le aziende più reticenti hanno dovuto lasciare i dipendenti a casa e dar loro fiducia. Per quanto mi riguarda, ho iniziato un nuovo lavoro in smart working! Con la digitalizzazione dei mestieri, oggi è finalmente possibile lavorare 100% online.

👩‍💻 I nomadi digitali prima erano dei freelancer o degli imprenditori, oggi lo possono diventare anche i lavoratori dipendenti!

I mestieri che permettono di essere nomadi digitali

Diventare nomade digitale diventa quindi sempre più accessibile. Una vera e propria gioia per la generazione Y che è più triste al lavoro. Questa novità permette di combinare il piacere con la ragione. Ma è una formula davvero adatta a tutti e a tutti i mestieri? Ovviamente no. Non vedremo mai un panettiere viaggiare in giro per il mondo a fare croissant ovunque si trovi 🥐.

Bisogna privilegiare mestieri che possono essere svolti a distanza e che necessitano solo di un computer. Diciamo che questa è l’unico sine qua non per diventare digital nomad. In generale, i mestieri della comunicazione sono abbastanza flessibili:

  • Redattore web/Copywriter: redigere articoli, testi vari, newsletter
  • Sviluppatore web: creare siti internet o applicazioni mobili
  • Grafici: creare illustrazioni, loghi, stampe o anche identità visive.
  • Community manager/social media manager: gestire la comunicazione online di una marca o di un’azienda creando contenuti.

E tanti altri mestieri! Se si è imprenditori, si può essere blogger o influencer e cominciare il proprio business online. Anche se si è fotografi, traduttori, insegnanti online o anche coach in sviluppo personale.

🖥️ La cosa fondamentale è riuscire a gestire le proprie missioni solo con un computer e una connessione internet! Diventare digital nomad significa reinventare il proprio lavoro. Per non parlare del fatto che è un ottimo modo per sfuggire al bore-out.

Una vita non per tutti

Ovviamente, non tutti sono interessati a questo stile di vita, soprattutto in seguito al periodo lavorativo molto incerto che viviamo dopo la pandemia. Certe persone odiano viaggiare e preferiscono restare a casa con una routine ben definita. A volte quindi dipende semplicemente dal carattere, altre volte ci sono aspetti che ci impediscono di spostarci a destra e a sinistra.

Effettivamente, per una mamma single di 3 bambini risulta complicato immaginare di viaggiare. Bisogna anche accettare di lasciarsi tutto alle spalle, comprese famiglia e amici! Dobbiamo dire addio a tutti i comfort.

🏠 Ammetto che è l’unico punto che mi blocca e mi stressa un pochino. Ho tanto ricordi legati al luogo in cui vivo e soffro della sindrome della capanna. Ci sono quindi aspetti da tenere a mente prima di lanciarsi.

6 cose da tenere a mente per diventare digital nomad

Certo, ci sono tanti aspetti che ci fanno sognare del diventare digital nomad, come il senso profondo di libertà. Allo stesso tempo bisogna essere consapevoli di alcune cose:

  • Non sarai una turista tutto l’anno: e sì, vivere all’estero in questo caso non significa essere in vacanza! Non dimenticare che bisogna lavorare, non sarà sempre relax e riposo.
  • Riadattarsi continuamente: il comfort non è lo stesso che abbiamo in una casa fissa. Bisogna essere molto flessibili e adattarsi ad ogni nuovo ambiente.
  • Mantenere uno spazio di lavoro: bisogna trovare luoghi calmi e comodi per lavorare in buone condizioni, e a volte potrebbe essere difficile se ci si sposta costantemente.
  • Gestire budget e stipendio: si ha l’impressione che non serva tanto per vivere se non si hanno spese fisse come un affitto. Eppure, ci sono comunque varie spese, in particolare se ci si sposta in aereo. Lo stipendio tra l’altro non è sempre uguale se si è imprenditori ed è quindi da monitorare da vicino.
  • Prendersi il proprio tempo: non bisogna precipitarsi ma, al contrario, riflettere bene a questo progetto. Non si tratta di fare il giro del mondo il più in fretta possibile, bisogna vedere quale stile di vita e quali Paesi sono più adatti a noi.
  • Viaggiare leggeri: è fondamentale sapersi separare da tante cose e diventare minimalisti. Lo stesso vale per l’attrezzatura da lavoro, porta con te solo l’essenziale.

Anche se ci sono tanti ostacoli e non si deve idealizzare questo stile di vita, è un’avventura che vorrei tentare da molto. Dopotutto abbiamo solo una vita e non ha senso vivere di rimpianti. È fondamentale mollare la presa e vivere i propri sogni quando siamo ancora in tempo.

Quindi ci rivediamo tra un anno per vedere se sono uscita dalla mia comfort zone e sono diventata una digital nomad?


Il consiglio della redazione: cosa ti trattiene?

Lavorare dalle Seychelles o Vera Cruz ti fa sognare? Pensaci bene e poi buttati! A volte nonostante il desiderio, sentiamo qualcosa che ci blocca, convinzioni limitanti, paura dell’ignoto, scarsa fiducia in sé stessi. Non esitare a contattare un coach per preparare insieme questo progetto.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fonte: aranzulla.it

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!