Nomadi digitali: lavorare viaggiando, è possibile?

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Il mio sogno nella vita è sicuramente diventare un Nomade digitale. È un progetto che ho a cuore da tanto e che comincio a preparare poco a poco. Poter viaggiare mentre si lavora è magnifico! Ma ovviamente non tutti possono essere digital nomad, e per chi può, è bene tenere a mente anche gli aspetti negativi. Come diventare nomade digitale? Cosa c’è da sapere prima di lanciarsi in questa avventura?

Nomadi digitali: lavorare viaggiando, è possibile?

Cosa significa essere digital nomad?

Si tratta di combinare viaggi e lavoro. Di base è un’espressione inglese che potremmo tradurre letteralmente con “nomade digitale”. In parole povere, si tratta di una persona che non ha un luogo di lavoro fisso e che si sposta regolarmente. Qualcosa del tutto impensabile fino a qualche anno fa, resa possibile grazie allo strumento che ha rivoluzionato le nostre vite negli ultimi anni: il pc portatile.

✈️ Basta una connessione a internet e possiamo lavorare ovunque nel mondo. Questa tendenza a non lavorare più in azienda si è accentuata sempre di più ultimamente…

La pandemia ha normalizzato lo smart working

Durante la pandemia, lo smart working è diventato obbligatorio durante i vari lockdown. Anche le aziende più reticenti hanno dovuto lasciare i dipendenti a casa e dar loro fiducia. Per quanto mi riguarda, ho iniziato un nuovo lavoro in smart working! Con la digitalizzazione dei mestieri, oggi è finalmente possibile lavorare 100% online.

👩‍💻 I nomadi digitali prima erano dei freelancer o degli imprenditori, oggi lo possono diventare anche i lavoratori dipendenti!

I mestieri che permettono di essere nomadi digitali

Diventare nomade digitale diventa quindi sempre più accessibile. Una vera e propria gioia per la generazione Y che è più triste al lavoro. Questa novità permette di combinare il piacere con la ragione. Ma è una formula davvero adatta a tutti e a tutti i mestieri? Ovviamente no. Non vedremo mai un panettiere viaggiare in giro per il mondo a fare croissant ovunque si trovi 🥐.

Bisogna privilegiare mestieri che possono essere svolti a distanza e che necessitano solo di un computer. Diciamo che questa è l’unico sine qua non per diventare digital nomad. In generale, i mestieri della comunicazione sono abbastanza flessibili:

  • Redattore web/Copywriter: redigere articoli, testi vari, newsletter
  • Sviluppatore web: creare siti internet o applicazioni mobili
  • Grafici: creare illustrazioni, loghi, stampe o anche identità visive.
  • Community manager/social media manager: gestire la comunicazione online di una marca o di un’azienda creando contenuti.

E tanti altri mestieri! Se si è imprenditori, si può essere blogger o influencer e cominciare il proprio business online. Anche se si è fotografi, traduttori, insegnanti online o anche coach in sviluppo personale.

🖥️ La cosa fondamentale è riuscire a gestire le proprie missioni solo con un computer e una connessione internet! Diventare digital nomad significa reinventare il proprio lavoro. Per non parlare del fatto che è un ottimo modo per sfuggire al bore-out.

Una vita non per tutti

Ovviamente, non tutti sono interessati a questo stile di vita, soprattutto in seguito al periodo lavorativo molto incerto che viviamo dopo la pandemia. Certe persone odiano viaggiare e preferiscono restare a casa con una routine ben definita. A volte quindi dipende semplicemente dal carattere, altre volte ci sono aspetti che ci impediscono di spostarci a destra e a sinistra.

Effettivamente, per una mamma single di 3 bambini risulta complicato immaginare di viaggiare. Bisogna anche accettare di lasciarsi tutto alle spalle, comprese famiglia e amici! Dobbiamo dire addio a tutti i comfort.

🏠 Ammetto che è l’unico punto che mi blocca e mi stressa un pochino. Ho tanto ricordi legati al luogo in cui vivo e soffro della sindrome della capanna. Ci sono quindi aspetti da tenere a mente prima di lanciarsi.

6 cose da tenere a mente per diventare digital nomad

Certo, ci sono tanti aspetti che ci fanno sognare del diventare digital nomad, come il senso profondo di libertà. Allo stesso tempo bisogna essere consapevoli di alcune cose:

  • Non sarai una turista tutto l’anno: e sì, vivere all’estero in questo caso non significa essere in vacanza! Non dimenticare che bisogna lavorare, non sarà sempre relax e riposo.
  • Riadattarsi continuamente: il comfort non è lo stesso che abbiamo in una casa fissa. Bisogna essere molto flessibili e adattarsi ad ogni nuovo ambiente.
  • Mantenere uno spazio di lavoro: bisogna trovare luoghi calmi e comodi per lavorare in buone condizioni, e a volte potrebbe essere difficile se ci si sposta costantemente.
  • Gestire budget e stipendio: si ha l’impressione che non serva tanto per vivere se non si hanno spese fisse come un affitto. Eppure, ci sono comunque varie spese, in particolare se ci si sposta in aereo. Lo stipendio tra l’altro non è sempre uguale se si è imprenditori ed è quindi da monitorare da vicino.
  • Prendersi il proprio tempo: non bisogna precipitarsi ma, al contrario, riflettere bene a questo progetto. Non si tratta di fare il giro del mondo il più in fretta possibile, bisogna vedere quale stile di vita e quali Paesi sono più adatti a noi.
  • Viaggiare leggeri: è fondamentale sapersi separare da tante cose e diventare minimalisti. Lo stesso vale per l’attrezzatura da lavoro, porta con te solo l’essenziale.

Anche se ci sono tanti ostacoli e non si deve idealizzare questo stile di vita, è un’avventura che vorrei tentare da molto. Dopotutto abbiamo solo una vita e non ha senso vivere di rimpianti. È fondamentale mollare la presa e vivere i propri sogni quando siamo ancora in tempo.

Quindi ci rivediamo tra un anno per vedere se sono uscita dalla mia comfort zone e sono diventata una digital nomad?


Il consiglio della redazione: cosa ti trattiene?

Lavorare dalle Seychelles o Veracruz ti fa sognare? Pensaci bene e poi buttati! A volte nonostante il desiderio, sentiamo qualcosa che ci blocca, convinzioni limitanti, paura dell’ignoto, scarsa fiducia in sé stessi. Non esitare a contattare un coach per preparare insieme questo progetto.

 
🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fonte: aranzulla

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!