Introspezione, come fare un’analisi di sé efficace?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Ho sempre pensato di sapermi ascoltare e di conoscermi a fondo. O meglio, la pensavo così fino a qualche settimana fa quando mi sono resa conto che non mi stavo ascoltando per niente! La mia autoanalisi non è ancora terminata ma la definirei piuttosto costante. I vantaggi dell’introspezione esistono eccome… quindi oggi ti spiego di cosa si tratta e soprattutto ti darò qualche dritta per autoanalizzarti.

Introspezione, come fare un’analisi di sé efficace?
 
 Sommario

Perché fare un’introspezione?

Fare un’introspezione significa guardare dentro di sé. Indica il fatto di essere attenti a ciò che succede dentro di noi: sensazioni, pensieri, chi siamo ecc. La parola “introspezione” raggruppa anche tutti i metodi per rivolgersi al proprio mondo interiore. In psicologia, è un metodo di osservazione e di analisi volto a studiare se stessi. Grazie all’introspezione si riesce a conoscersi a fondo 😄.

I vantaggi dell’introspezione

Conosci te stesso” – Per lo psicoterapeuta Paul Diel questo esercizio di analisi di sé assicura la regolazione della “vita interiore”. È necessaria alla nostra felicità poiché permette di conoscere i propri bisogni, di imparare ad amarsi e di accettare chi siamo.

🧠 Inoltre, analizzarsi aiuta a vivere meglio con gli altri. Effettivamente essere ben collegati a ciò che sentiamo ci dà la possibilità di gestire meglio le nostre emozioni negative e reazioni di fronte agli altri.  Edgar Morin, filosofo francese, spiega che l’autoesame favorisce la comprensione delle nostre debolezze, cosa che aiuta a capire anche quelle degli altri. Questo permette quindi di sviluppare una maggiore empatia e di essere maggiormente all’ascolto di sé e di chi ci sta intorno. Allora, come fare introspezione?

Come fare un’autoanalisi? 6 esercizi di introspezione

Esistono diverse tecniche di introspezione come per esempio la meditazione consapevole. Ci si concentra sui propri pensieri e si cerca di interpretare meglio la nostra vita. Si diventa testimoni dei nostri stati emotivi e mentali. In ogni caso non è l’unica soluzione. Ecco 6 esercizi per sapere come effettuare un’autoanalisi:

1) Fare attenzione ai propri pensieri

Questo esercizio somiglia enormemente alla meditazione, essere coscienti dei propri pensieri permette di descriverli meglio. Bisogna ammettere il contenuto dei propri pensieri, si tratta talvolta di un esercizio difficile da fare ma che ci permette di imparare e identificare i pensieri negativi, l’ansia ecc.

Bisogna prendersi qualche minuto tutti i giorni per mettere il cervello in pausa e osservare i nostri pensieri. Non è necessario raggiungere uno stato meditativo, basta sedersi 5 minuti a riflettere su tutto ciò.

2) Tenere un diario

Sì, un diario! Come quando eri piccola e ci scrivevi tutti i pensieri più intimi. Si tratta di un ottimo esercizio poiché permette di mettere nero su bianco tutti i nostri pensieri e problemi. Puoi anche scrivere i tuoi obiettivi o i tuoi sogni, come accade nel bullet journal. Vedrai che ti aiuterà a renderti conto di un sacco di cose: sei in un vicolo cieco? Riesci a realizzare i tuoi sogni?

👉 È possibile avere anche un diario della gratitudine per segnare gli aspetti positivi della giornata e sbarazzarsi di quelli negativi.

3) Rimettere in discussione la percezione di se stessi

A volte interpretiamo le cose senza rifletterci approfonditamente, cosa che spesso ci induce ad arrivare a conclusioni affrettate. Fare un’introspezione permette di ascoltare di più te stessa e gli altri.

Per esempio, se esci con un’amica per un caffè e la trovi stranamente silenziosa potresti pensare di aver fatto qualcosa di male. Ma non è detto che sia così! 😉 Magari è contrariata perché ha ricevuto una brutta notizia poco prima di incontrarti. Bisogna sempre chiedersi se ci sono diverse spiegazioni possibili.

4) Ascoltare le proprie emozioni

Ciò che sentiamo può aiutarci a capire chi siamo e come funzioniamo. Perché ci siamo sentiti così dopo un determinato avvenimento? Grazie all’ascolto e all’interpretazione riusciamo a capire meglio le nostre reazioni. Per esempio, se ti si rivolta lo stomaco quando vedi il tuo compagno parlare con un’altra ragazza significa che c’è di fondo un forte stress. Perché? Potrebbe essere sintomo di gelosia o della paura dell’abbandono. Hai semplicemente paura che quest’altra persona sia meglio di te. Parliamo quindi in questo caso di una mancanza di autostima sulla quale lavorare.

🙃 Perché sì, chi ci circonda non è responsabile delle nostre emozioni, sta a noi lavorarci su. È proprio questo che ci permette di non essere una persona tossica per gli altri.

5) Identificare i propri valori

Autoanalizzarsi significa anche concentrarsi sui valori che contano per noi: la gentilezza, l’onestà, l’ottimismo, la sicurezza, l’amicizia, il successo, la fede, l’educazione, il senso della giustizia ecc. Bisogna identificarli per sapere come raggiungerli. Se si va incontro a uno di questi valori, soprattutto uno del quale non abbiamo consapevolezza, potrebbe verificarsi una dissonanza cognitiva 🤯.

Per esempio, se ci si preoccupa del benessere animale ma si mangia la carne si potrebbero sviluppare dei disturbi alimentari a causa del senso di colpa. In questo caso meglio diventare vegetariana per allinearsi con i propri valori. Funziona per un sacco di cose! Inoltre, i nostri valori cambiano con il passare del tempo, ecco perché bisogna farci attenzione.

6) Seguire i propri sogni

Ci sono sogni che coincidono con i nostri obbiettivi nella vita, ma ci sono anche i sogni che facciamo di notte. L’interpretazione dei sogni può essere una soluzione per scoprire i propri desideri inconsci. Infatti, spesso si tratta di un messaggio della nostra mente su qualcosa che non siamo stati capaci di cogliere da svegli. Interpretare i sogni permette da ascoltare l’inconscio, l’unico alleato che non mente mai!


Il consiglio della redazione: un esercizio non sempre facile

L’avrai ormai capito, l’introspezione è la capacità di connettersi al proprio mondo interno. Permette di aumentare il nostro livello di coscienza e quindi di capire meglio chi siamo e cosa vogliamo, premessa indispensabile per chiunque sia alla ricerca della felicità. Ti consiglio di praticare questi esercizi regolarmente. Le prime volte potrà sembrarti un po’ strano ma con il tempo e la pratica tutto diventerà più fluido. A volte questo esercizio è troppo difficile poiché la mente è “bloccata” da certi freni, blocchi o paure inconsce. 👉 Meglio rivolgersi a un professionista per capire cosa succede dentro di te ed essere finalmente felice.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!

#BornToBeMe

Fonte: serenis.it

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!