Introspezione, come fare un’analisi di sé efficace?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Ho sempre pensato di sapermi ascoltare e di conoscermi a fondo. O meglio, la pensavo così fino a qualche settimana fa quando mi sono resa conto che non mi stavo ascoltando per niente! La mia autoanalisi non è ancora terminata ma la definirei piuttosto costante. I vantaggi dell’introspezione esistono eccome… quindi oggi ti spiego di cosa si tratta e soprattutto ti darò qualche dritta per autoanalizzarti.

 
 Sommario

Perché fare un’introspezione?

Fare un’introspezione significa guardare dentro di sé. Indica il fatto di essere attenti a ciò che succede dentro di noi: sensazioni, pensieri, chi siamo ecc. La parola “introspezione” raggruppa anche tutti i metodi per rivolgersi al proprio mondo interiore. In psicologia, è un metodo di osservazione e di analisi volto a studiare se stessi. Grazie all’introspezione si riesce a conoscersi a fondo 😄.

I vantaggi dell’introspezione

Conosci te stesso” – Per lo psicoterapeuta Paul Diel questo esercizio di analisi di sé assicura la regolazione della “vita interiore”. È necessaria alla nostra felicità poiché permette di conoscere i propri bisogni, di imparare ad amarsi e di accettare chi siamo.

🧠 Inoltre, analizzarsi aiuta a vivere meglio con gli altri. Effettivamente essere ben collegati a ciò che sentiamo ci dà la possibilità di gestire meglio le nostre emozioni negative e reazioni di fronte agli altri.  Edgar Morin, filosofo francese, spiega che l’autoesame favorisce la comprensione delle nostre debolezze, cosa che aiuta a capire anche quelle degli altri. Questo permette quindi di sviluppare una maggiore empatia e di essere maggiormente all’ascolto di sé e di chi ci sta intorno. Allora, come fare introspezione?

Come fare un’autoanalisi? 6 esercizi di introspezione

Esistono diverse tecniche di introspezione come per esempio la meditazione consapevole. Ci si concentra sui propri pensieri e si cerca di interpretare meglio la nostra vita. Si diventa testimoni dei nostri stati emotivi e mentali. In ogni caso non è l’unica soluzione. Ecco 6 esercizi per sapere come effettuare un’autoanalisi:

1) Fare attenzione ai propri pensieri

Questo esercizio somiglia enormemente alla meditazione, essere coscienti dei propri pensieri permette di descriverli meglio. Bisogna ammettere il contenuto dei propri pensieri, si tratta talvolta di un esercizio difficile da fare ma che ci permette di imparare e identificare i pensieri negativi, l’ansia ecc.

Bisogna prendersi qualche minuto tutti i giorni per mettere il cervello in pausa e osservare i nostri pensieri. Non è necessario raggiungere uno stato meditativo, basta sedersi 5 minuti a riflettere su tutto ciò.

2) Tenere un diario

Sì, un diario! Come quando eri piccola e ci scrivevi tutti i pensieri più intimi. Si tratta di un ottimo esercizio poiché permette di mettere nero su bianco tutti i nostri pensieri e problemi. Puoi anche scrivere i tuoi obiettivi o i tuoi sogni, come accade nel bullet journal. Vedrai che ti aiuterà a renderti conto di un sacco di cose: sei in un vicolo cieco? Riesci a realizzare i tuoi sogni?

👉 È possibile avere anche un diario della gratitudine per segnare gli aspetti positivi della giornata e sbarazzarsi di quelli negativi.

3) Rimettere in discussione la percezione di se stessi

A volte interpretiamo le cose senza rifletterci approfonditamente, cosa che spesso ci induce ad arrivare a conclusioni affrettate. Fare un’introspezione permette di ascoltare di più te stessa e gli altri.

Per esempio, se esci con un’amica per un caffè e la trovi stranamente silenziosa potresti pensare di aver fatto qualcosa di male. Ma non è detto che sia così! 😉 Magari è contrariata perché ha ricevuto una brutta notizia poco prima di incontrarti. Bisogna sempre chiedersi se ci sono diverse spiegazioni possibili.

4) Ascoltare le proprie emozioni

Ciò che sentiamo può aiutarci a capire chi siamo e come funzioniamo. Perché ci siamo sentiti così dopo un determinato avvenimento? Grazie all’ascolto e all’interpretazione riusciamo a capire meglio le nostre reazioni. Per esempio, se ti si rivolta lo stomaco quando vedi il tuo compagno parlare con un’altra ragazza significa che c’è di fondo un forte stress. Perché? Potrebbe essere sintomo di gelosia o della paura dell’abbandono. Hai semplicemente paura che quest’altra persona sia meglio di te. Parliamo quindi in questo caso di una mancanza di autostima sulla quale lavorare.

🙃 Perché sì, chi ci circonda non è responsabile delle nostre emozioni, sta a noi lavorarci su. È proprio questo che ci permette di non essere una persona tossica per gli altri.

5) Identificare i propri valori

Autoanalizzarsi significa anche concentrarsi sui valori che contano per noi: la gentilezza, l’onestà, l’ottimismo, la sicurezza, l’amicizia, il successo, la fede, l’educazione, il senso della giustizia ecc. Bisogna identificarli per sapere come raggiungerli. Se si va incontro a uno di questi valori, soprattutto uno del quale non abbiamo consapevolezza, potrebbe verificarsi una dissonanza cognitiva 🤯.

Per esempio, se ci si preoccupa del benessere animale ma si mangia la carne si potrebbero sviluppare dei disturbi alimentari a causa del senso di colpa. In questo caso meglio diventare vegetariana per allinearsi con i propri valori. Funziona per un sacco di cose! Inoltre, i nostri valori cambiano con il passare del tempo, ecco perché bisogna farci attenzione.

6) Seguire i propri sogni

Ci sono sogni che coincidono con i nostri obbiettivi nella vita, ma ci sono anche i sogni che facciamo di notte. L’interpretazione dei sogni può essere una soluzione per scoprire i propri desideri inconsci. Infatti, spesso si tratta di un messaggio della nostra mente su qualcosa che non siamo stati capaci di cogliere da svegli. Interpretare i sogni permette da ascoltare l’inconscio, l’unico alleato che non mente mai!


Il consiglio della redazione: un esercizio non sempre facile

L’avrai ormai capito, l’introspezione è la capacità di connettersi al proprio mondo interno. Permette di aumentare il nostro livello di coscienza e quindi di capire meglio chi siamo e cosa vogliamo, premessa indispensabile per chiunque sia alla ricerca della felicità. Ti consiglio di praticare questi esercizi regolarmente. Le prime volte potrà sembrarti un po’ strano ma con il tempo e la pratica tutto diventerà più fluido. A volte questo esercizio è troppo difficile poiché la mente è “bloccata” da certi freni, blocchi o paure inconsce. 👉 Meglio rivolgersi a un professionista per capire cosa succede dentro di te ed essere finalmente felice.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!

#BornToBeMe

Fonte: serenis.it

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Paralisi del sonno: sintomi, cause e rimedi

Mi sveglio ma non riesco a muovermi… mi sono ritrovata in questa situazione angosciante già diverse volte! Ho la sensazione di essere paralizzata e di avere una presenza orribile che si avvicina e mi terrorizza. In realtà si tratta della paralisi del sonno! Ora che ho identificato le cause di questo problema riesco ad evitarle. Ma come capire cosa si cela dietro queste paralisi? Cosa provoca una paralisi del sonno?

Chi siamo?

Sei curioso di sapere chi c'è dietro Wengood? C’è semplicemente un gruppo di persone appassionate alla ricerca del benessere. Condividiamo con te le nostre storie, le nostre difficoltà e i nostri consigli per aiutarti ad andare avanti sulla strada della serenità.

Psicologo, psichiatra, coach… a chi rivolgersi?

Se riscontri difficoltà, noi di Wengood consigliamo spesso di rivolgersi a uno psicologo o ad un life coach, ma qual è la differenza? Perché consultare uno piuttosto che l’altro? Ognuno di loro risponde a esigenze diverse, per le quali è bene contattarli. Con questo articolo intendiamo spiegarti le differenze per aiutarti a capire a chi rivolgersi. Scopriamolo!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Alimentazione intuitiva, di' addio alla dieta!

Più di 15 anni di dieta, con il peso che fa su e giù, i disturbi alimentari… Non se ne può più! Ho bisogno di fare pace con il mio corpo, ma ho l’impressione che se mi lascio andare non farò altro che ingrassare ancora di più. Malgrado ciò, mi sono resa conto che la dieta mi faceva più male di qualsiasi altra cosa. Esiste una soluzione? Ebbene si: l’alimentazione intuitiva. Dovrebbe essere al centro delle nostre vite, eppure sono davvero poche le persone che ne hanno sentito parlare.

Sindrome di Stoccolma: perché amiamo il nostro carnefice?

Sembra davvero incredibile che alcune persone possano provare simpatia nei confronti del loro aggressore. In realtà, si tratta di un meccanismo psicologico per superare il trauma. Il termine "Sindrome di Stoccolma" è apparso per la prima volta nel corso degli anni 70 e indica una particolare reazione del cervello ad un evento traumatico subito. Le vittime assumono il punto di vista del loro carnefice, arrivando talvolta addirittura a difenderlo!

Qual è il segreto di una vacanza di coppia perfetta?

Chi di noi non vede l’ora di partire in vacanza? Eppure quando si tratta di un viaggio di coppia, magari il primo, le ansie e le preoccupazioni sono tante. Le aspettative sono alte e la paura che un litigio possa rovinare tutto lo è altrettanto. Quali sono i segreti per una vacanza di coppia felice?

Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

Chi non si ritaglierebbe 15 minuti al giorno per rimanere giovane, sano ed eliminare lo stress? La coerenza cardiaca è un metodo semplice che puoi adottare dove e quando vuoi. Il ritmo del tuo cuore riflette il tuo stato emotivo e psicologico. Quindi, sia fisicamente che emotivamente, è importante prendersi cura del proprio corpo. Ecco quali sono i motivi.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!