Parto traumatico: l’importanza di parlarne

Aggiornato il da Paola Ferraro

Il mio parto è andato liscio come l’olio e lo ricordo sempre con piacere. Ma ricordo anche una mia amica che non è riuscita a venire a vedere il mio bambino in maternità. Il suo parto l’aveva talmente segnata e traumatizzata che non riusciva più a mettere piede nel reparto maternità in cui era nata sua figlia poco più di anno prima. Mi ricordo che mi aveva chiamato dal parcheggio, con la voce rotta dal pianto e tremolante: “Non posso entrare, è troppo dura... scusami”. Sapevo che il suo parto era andato male ma non avevo capito fino a che punto fosse stato traumatizzante.

Parto traumatico: l’importanza di parlarne

1 donna su 3 vive un parto traumatico

Il parto in sè è un evento marcante, ricco di emozioni, ma troppo spesso idealizzato. Quando niente va come deve andare regna la delusione, ma quando si ha timore per la propria vita o quella del bambino, quando ci si sente impotenti, il parto diventa un vero e proprio trauma. Secondo i dati del PATTCH (Prevention and Treatmente of Traumatic Childbirth, un’organizzazione australiana che lavora sulla questione dei traumi perinatali) dal 24 al 35% dei parti sono traumatici. Non si tratta quindi solo di storie orribili, pronte a spaventare le donne che non hanno avuto figli. Sono storie di donne che soffrono profondamente. Che soffrono sin dall’inizio della maternità, che dubitano della loro femminilità, di loro stesse, delle loro capacità a essere delle buone madri, a creare un legame solido con i loro figli. 

Un parto traumatizzante ha un forte impatto sul futuro del rapporto madre-figlio ed è per questo che è fondamentale parlarne. Molte soffrono in silenzio, altre sono costrette al silenzio e altre ancora minimizzano il trauma perché “è solo un parto”, solo una tappa nella vita di tante donne. Oggi ho capito che la gravidanza, il parto e in generale la maternità sono eventi banali ma personalmente eccezionali. In tanti lo vivono, ma ognuno lo vive a modo suo. Ecco perché un parto traumatico non deve mai essere nascosto nel silenzio.

Parto e sensazioni: tutto conta!

Un bambino che non vuole uscire. Ventosa e forcipe. Sangue. Svenimento. Risveglio in sala operatoria. La vista annebbiata, la gola secca e la pancia ormai vuota. L’angoscia, il panico. Dov’è il mio bambino? Cos’è successo? A volte si perde il controllo e si ha l’impressione di non essere ascoltati perché l’equipe medica, indaffarata, dimentica di dirci cosa succede e arriva la sensazione che tutto succeda senza di noi quando siamo comunque noi le protagoniste.

Subito dopo, anche la relazione con il bambino sembra falsata. Perdersi il primo sguardo, il primo contatto con la sua pelle, il suo odore. Come riprendersi? Come entrare nel ruolo di madre quando non si è stata capace di essere presente nella prime ore di vita del proprio figlio? Come cancellare questa frustrazione? Tanti psicologi riconosco anche che il legame tra madre e figlio a volte fa fatica ad instaurarsi quando il parto è stato traumatico o particolarmente complicato. Ma ciò che conta più di tutto sono i tuoi sentimenti. Il trauma di una non sarà necessariamente quello di un’altra. 

Una donna che decide di partorire senza peridurale ha avuto l’impressione che il suo corpo sia stato spaccato in due e che sia stata squarciata nel momento in cui il bambino usciva, vivendolo in maniera traumatica. Tutti i traumi legati al parto devono essere raccontati e ascoltati, indipendentemente dalla loro natura, non bisogna vivere nel silenzio.

Il mio parto, la mia guerra: il SSPT postnatale

Il trauma legato a una gravidanza scatena certi sintomi della sindrome da stress post-traumatico (SSPT). Parliamo di disturbi dell’ansia: risvegli notturni, incubi, flash-back, pensieri e ricorsi ricorrenti, crisi di panico, angoscia. Questi disturbi sono spesso legati ad un evento stressante, spaventoso, doloroso: per esempio una guerra, un parto.

Nel 2018, a diversi Congressi di ginecologia, si è annunciato l’allarme ai suicidi post-partum. Nel 2018 infatti il suicidio è stato la seconda casa di mortalità materna dopo i problemi cardiaci. Di fatto il 9% delle morti materne erano infatti causate dal suicidio entro un anno dal parto.

Chiedere una mano d'aiuto

Un baby-blues che non finisce mai o che addirittura si trasforma in depressione, un discorso ruminante sul parto, varie difficoltà a godersi il proprio bambino, disturbi del sonno, dell’alimentazione sono solo alcuni dei vari segnali che mostrano che una donna ha vissuto un parto traumatico. Sin dall'inizio in maternità, puoi rivolgerti a uno psicologo o psichiatra. Appena tornata a casa, non esitare a confidarti con l’ostetrica che verrà a visitarti. Potresti anche rivolgerti al medico di base, l’ipnosi funziona benissimo sui traumi, ma la cosa migliore resta la terapia, che ti permetterà di verbalizzare l’accaduto, i tuoi sentimenti e ti aiuterà a eliminare il senso di colpa per ritrovare te stessa, il tuo corpo e il bambino. In ogni caso la cosa più importante è parlarne il prima possibile. 

È anche la ragione per il quale in alcuni Paesi, tra cui la Francia, dal 1 luglio 2022 è diventato obbligatorio un colloquio postnatale con un medico o un’ostetrica tra la quarta e l’ottava settimana che segue il parto al fine di identificare eventuali sintomi di depressione. In quest’occasione non esitare e fare tutte le domande possibile. Ovviamente accetta anche i tuoi sentimenti, senza vergogna e senza paura di chiedere aiuto se necessario.

Il consiglio della redazione – L’importante è che il bambino sia in salute

No! O meglio... certo, è importante che il bambino sia in salute. Ma se questa è l’unica risposta che siamo capaci di dare a una mamma che ha vissuto un parto, la stiamo costringendo al silenzio. Le stiamo indirettamente dicendo di stare zitta e di farsi bastare il fatto che lei e il bimbo siano in vita e in salute. I suoi sentimenti quindi diventano automaticamente inappropriati. È sbagliato! Per rimettersi da un trauma perinatale, bisogna riconoscere e accettare i propri sentimenti. È normale avere paura e sentirsi male dopo un’esperienza simile, anche se il bambino sta bene. La salute della madre conta tanto quanto quella del bambino.

 
🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Altri articoli che potrebbero interessarti: 

Fonte: marcellacicerchia

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

10 consigli per avere successo nelle relazioni

Le storie d’amore che durano tutta una vita non sembrano più possibili. Il problema non è innamorarsi, stare assieme i primi mesi, perfino i primi due anni. E quando il tempo passa che i problemi sorgono e indeboliscono la coppia. Qual è il segreto per far sì che un rapporto duri nel tempo?

Relazione amorosa tossica: 10 campanelli d’allarme 🚩

Quando è iniziata la mia nuova storia d’amore mi sono subito chiesta: ci sono campanelli d’allarme? La risposta è no, mi sembra la migliore relazione che abbia avuto finora! Ma purtroppo non è sempre stato così… Ecco perché ho fatto una lista dei campanelli d’allarme da tenere d’occhio per non imbarcarsi in una relazione tossica.

Come possiamo identificare gli schemi ripetitivi e uscirne?

Per molto tempo ho avuto la sensazione di ripetere gli stessi errori. Ad esempio, in più di un'occasione ho perso un'opportunità di carriera. Purtroppo, scommetto di non essere l'unico ad aver osservato questo tipo di schema ripetitivo. Questo tipo di loop è infernale, quindi come fare per identificarlo e uscirne? Ora che ho imparato a lavorare su questo aspetto, te lo spiego.

Attaccamento evitante: tu mi ami, io ti amo, ma adios!

Ho perso il conto del numero di volte in cui mi sono imbattuta in un ragazzo che non "voleva impegnarsi". All'epoca utilizzavo le app di incontri e ho avuto qualche appuntamento. Ogni volta sentivo la stessa frase, che diceva di volersi "godere la vita". Capisco questa argomentazione, ma nella maggior parte dei casi trovo che nasconda un attaccamento evitante e questo è piuttosto problematico, ecco perché.

Ho dei dubbi sulla mia relazione, è normale? Come reagire?

Succede spesso. La vita di coppia e l'amore non sono mai una passeggiata: succede, naturalmente, che alle volte sorgano dei dubbi. Non essere più sulla stessa lunghezza d'onda, avere l'impressione che l'erba sia più verde altrove, avere progetti diversi...Travolto dal peso dei dubbi, l'amore perde il suo splendore. È una situazione irrimediabile? No, l'importante è sapere come reagire.

La mia relazione non mi rende felice, come fare?

La magia dell’inizio di una relazione e le farfalle nello stomaco sono volate via. Stare insieme significa avere un partner per la vita, qualcuno che ti sta accanto, ma alle volte ci si sente infelici e incomprese. Quando la tua metà ti fa più piangere che ridere, è assolutamente legittimo mettere in dubbio la relazione stessa. Ma prima di lasciar perdere del tutto, sappi che esistono delle soluzioni. Non sono felice nella mia relazione, come fare? Vediamolo insieme.

La triade oscura: narcisista, machiavellico o psicopatico?

Mi è successo tante volte di rimanere stupita o senza parole ma in questo caso sono davvero in stato di shock. Facendo il test della triade oscura ho scoperto di avere una personalità per il 13% più oscura della media, con una netta tendenza al narcisismo. E se scoprissi anche tu di avere una personalità tossica? 😭 Quale test riesce a scoprire il tuo lato oscuro?

Tra bellezza e sofferenza: chi è la donna bambina?

Ma chi è veramente una donna bambina? Certo, la donna bambina è in realtà un'adulta ma non è "cresciuta". Quindi si mantiene la sua personalità-camaleonte: innocente e sexy, affettuosa e diffidente, oggetto di fantasia o di irritazione: chi è veramente?

Come riconoscere una persona psicorigida?

“Devi farlo tu”, “No, tu non metterci mano”, “non si può fare diversamente”. Non ne posso più di tutti questi ordini! Addio libertà, solo ansia continua… No, non è una malattia essere rigidi, ma diciamo che rovina l’atmosfera. Ormai ho imparato a riconoscere le persone psicorigide per adattarmi. Ebbene sì, esiste un buon modo per reagire di fronte a queste persone che vogliono dirci anche quando respirare.

Il test del cubo la dice lunga sulla nostra personalità... o forse no!

“Immagina di camminare nel deserto e di vedere un cubo...”, un amico mi ha fatto un test della personalità lo scorso Capodanno. Era il test del cubo! Esiste da diversi anni ma non lo conoscevo ancora! Alcuni dicono che abbia origini giapponesi ma non ne sono certa. In ogni caso, farlo è stato super divertente!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!