Parto traumatico: l’importanza di parlarne

Aggiornato il da Paola Ferraro

Il mio parto è andato liscio come l’olio e lo ricordo sempre con piacere. Ma ricordo anche una mia amica che non è riuscita a venire a vedere il mio bambino in maternità. Il suo parto l’aveva talmente segnata e traumatizzata che non riusciva più a mettere piede nel reparto maternità in cui era nata sua figlia poco più di anno prima. Mi ricordo che mi aveva chiamato dal parcheggio, con la voce rotta dal pianto e tremolante: “Non posso entrare, è troppo dura... scusami”. Sapevo che il suo parto era andato male ma non avevo capito fino a che punto fosse stato traumatizzante.

Parto traumatico: l’importanza di parlarne
 
 Sommario

1 donna su 3 vive un parto traumatico

Il parto in sè è un evento marcante, ricco di emozioni, ma troppo spesso idealizzato. Quando niente va come deve andare regna la delusione, ma quando si ha timore per la propria vita o quella del bambino, quando ci si sente impotenti, il parto diventa un vero e proprio trauma. Secondo i dati del PATTCH (Prevention and Treatmente of Traumatic Childbirth, un’organizzazione australiana che lavora sulla questione dei traumi perinatali) dal 24 al 35% dei parti sono traumatici. Non si tratta quindi solo di storie orribili, pronte a spaventare le donne che non hanno avuto figli. Sono storie di donne che soffrono profondamente. Che soffrono sin dall’inizio della maternità, che dubitano della loro femminilità, di loro stesse, delle loro capacità a essere delle buone madri, a creare un legame solido con i loro figli. 

Un parto traumatizzante ha un forte impatto sul futuro del rapporto madre-figlio ed è per questo che è fondamentale parlarne. Molte soffrono in silenzio, altre sono costrette al silenzio e altre ancora minimizzano il trauma perché “è solo un parto”, solo una tappa nella vita di tante donne. Oggi ho capito che la gravidanza, il parto e in generale la maternità sono eventi banali ma personalmente eccezionali. In tanti lo vivono, ma ognuno lo vive a modo suo. Ecco perché un parto traumatico non deve mai essere nascosto nel silenzio.

Parto e sensazioni: tutto conta!

Un bambino che non vuole uscire. Ventosa e forcipe. Sangue. Svenimento. Risveglio in sala operatoria. La vista annebbiata, la gola secca e la pancia ormai vuota. L’angoscia, il panico. Dov’è il mio bambino? Cos’è successo? A volte si perde il controllo e si ha l’impressione di non essere ascoltati perché l’equipe medica, indaffarata, dimentica di dirci cosa succede e arriva la sensazione che tutto succeda senza di noi quando siamo comunque noi le protagoniste.

Subito dopo, anche la relazione con il bambino sembra falsata. Perdersi il primo sguardo, il primo contatto con la sua pelle, il suo odore. Come riprendersi? Come entrare nel ruolo di madre quando non si è stata capace di essere presente nella prime ore di vita del proprio figlio? Come cancellare questa frustrazione? Tanti psicologi riconosco anche che il legame tra madre e figlio a volte fa fatica ad instaurarsi quando il parto è stato traumatico o particolarmente complicato. Ma ciò che conta più di tutto sono i tuoi sentimenti. Il trauma di una non sarà necessariamente quello di un’altra. 

Una donna che decide di partorire senza peridurale ha avuto l’impressione che il suo corpo sia stato spaccato in due e che sia stata squarciata nel momento in cui il bambino usciva, vivendolo in maniera traumatica. Tutti i traumi legati al parto devono essere raccontati e ascoltati, indipendentemente dalla loro natura, non bisogna vivere nel silenzio.

Il mio parto, la mia guerra: il SSPT postnatale

Il trauma legato a una gravidanza scatena certi sintomi della sindrome da stress post-traumatico (SSPT). Parliamo di disturbi dell’ansia: risvegli notturni, incubi, flash-back, pensieri e ricorsi ricorrenti, crisi di panico, angoscia. Questi disturbi sono spesso legati ad un evento stressante, spaventoso, doloroso: per esempio una guerra, un parto.

Nel 2018, a diversi Congressi di ginecologia, si è annunciato l’allarme ai suicidi post-partum. Nel 2018 infatti il suicidio è stato la seconda casa di mortalità materna dopo i problemi cardiaci. Di fatto il 9% delle morti materne erano infatti causate dal suicidio entro un anno dal parto.

Chiedere una mano d'aiuto

Un baby-blues che non finisce mai o che addirittura si trasforma in depressione, un discorso ruminante sul parto, varie difficoltà a godersi il proprio bambino, disturbi del sonno, dell’alimentazione sono solo alcuni dei vari segnali che mostrano che una donna ha vissuto un parto traumatico. Sin dall'inizio in maternità, puoi rivolgerti a uno psicologo o psichiatra. Appena tornata a casa, non esitare a confidarti con l’ostetrica che verrà a visitarti. Potresti anche rivolgerti al medico di base, l’ipnosi funziona benissimo sui traumi, ma la cosa migliore resta la terapia, che ti permetterà di verbalizzare l’accaduto, i tuoi sentimenti e ti aiuterà a eliminare il senso di colpa per ritrovare te stessa, il tuo corpo e il bambino. In ogni caso la cosa più importante è parlarne il prima possibile. 

È anche la ragione per il quale in alcuni Paesi, tra cui la Francia, dal 1 luglio 2022 è diventato obbligatorio un colloquio postnatale con un medico o un’ostetrica tra la quarta e l’ottava settimana che segue il parto al fine di identificare eventuali sintomi di depressione. In quest’occasione non esitare e fare tutte le domande possibile. Ovviamente accetta anche i tuoi sentimenti, senza vergogna e senza paura di chiedere aiuto se necessario.

Il consiglio della redazione – L’importante è che il bambino sia in salute

No! O meglio... certo, è importante che il bambino sia in salute. Ma se questa è l’unica risposta che siamo capaci di dare a una mamma che ha vissuto un parto, la stiamo costringendo al silenzio. Le stiamo indirettamente dicendo di stare zitta e di farsi bastare il fatto che lei e il bimbo siano in vita e in salute. I suoi sentimenti quindi diventano automaticamente inappropriati. È sbagliato! Per rimettersi da un trauma perinatale, bisogna riconoscere e accettare i propri sentimenti. È normale avere paura e sentirsi male dopo un’esperienza simile, anche se il bambino sta bene. La salute della madre conta tanto quanto quella del bambino.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Altri articoli che potrebbero interessarti: 


Fonte: marcellacicerchia.it

Articolo suggerito da Paola Ferraro

La scrittura è sempre stata la mia terapia, da quando ho memoria ho sempre usato la carta come sacco da boxe. Impara a conoscermi, sono Paola Ferraro.

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!